English
Italiano

The Beginning Story of Medjugorje
Medjugorje is located in the former Yugoslavia. It is a small mountain village in the region of Bosnia, Herzegovina. This true story takes place in the Bijakovici section of Medjugorje. On the afternoon of June 24, 1981, two girls, Ivanka Ivankovic age 15, and Mirjana Dragicevic age 16, were returning home from a walk. Looking toward the hill called Crnica, Ivanka saw a bright silhouette of a woman. She said to Mirjana, "It is the Gospa!" (Our Lady) On June 25, the two girls returned to the hill with four others. Their names are, Vicka Ivankovic age 16, Ivan Dragivevic age 16, Maria Pavlovic age 16 and Jakov Colo age 10. A figure in white was calling them to come up the hill. The children were somehow transported in some mysterious way to a beautiful Lady who calls herself, the Queen of Peace. The Lady gives messages to the seers for the whole world.

To date The Queen of Peace has left thousands of messages. At first the messages were almost daily. Now for the past several years they come on the 25th of each month. Though there are thousands of messages, there are 6 primary ones. The basic messages consist of, conversion, prayer, fasting, faith, peace and reconciliation. The six seers are also receiving ten secrets each. The secrets are of future chastisements because of sin. The visionaries say the 10 secrets will remain secrets until an appointed time. Only the visionaries know the day and time the messages will be revealed. The secrets will be released to the world one at a time through a priest, (now chosen.) Prior to each chastisement, the priest will receive a parchment. He will not be able to read the parchment except with much prayer, fasting, and help from the Lady. The messages about chastisements will be announced to the world three days before the event is to take place. Ivanka, Mirjana and Jokov have received all ten secrets, they no longer see the Lady except on special occasions. The remaining visionaries have each received 9 of the 10 secrets, and they still see the Lady almost every day.

In an interview with Vicka on September 8, 1988, she described the first apparitions of the Lady. Here is the interview. The first day, Ivanka and Mirjana went for a walk because we sometimes went for walks on that road. In the afternoon when I got up and went and I followed them. As I approached them Milka, sister of Mirjana, called to hurry. I thought that they were looking at something on the road, maybe a snake. From a distance it seemed to me that they were looking on the road, not at the hill, but when I came close they were saying, "Ma, Vicka, Gospa." Which means: "look, Vicka, there is Our Lady." "What do you mean Our Lady?" was my reaction. I turned quickly, threw away my shoes and ran back home straight away. I mean I ran away. At that moment Ivan came along. I said, "Ivan, they are claiming that they see Our Lady. We do not have to see but at least let us go closer." Ivan, who was carrying some apples said, "Lets go." He was full of courage by saying that we would go, but as we drew nearer to them I turned around, and Ivan had run away. He was not there and I was alone. At that moment I was alone and I could not go back or forward. Something stronger kept me there and then, my God, they were calling me, "Come Vicka, come." They asked me to come closer. I was afraid. I must not even look at them especially not at the hill where Our Lady was.

While I was standing there at the spot wondering where I would go, suddenly something very strong possessed me and in a moment I was beside them. When I came close to them I did not at first look straight to the hill. They were telling me, "Come on Vicka, look, Our Lady is waving at us, while keeping something in her hand." I was afraid. I was afraid to look towards the hill. Then suddenly, maybe with the grace of God, I looked at the hill, and Our Lady was there in front of us. There are no words for man to describe that day. It was happiness because I saw Our Lady but still we are all human and I wondered if she would come tomorrow. On the second day in the afternoon the three of us, myself, Mirjana and Ivanka went walking. We said that we would go and see if our Lady was coming. We expected to see Her but still wondering if She would come.

We went along the same road to the same spot as the previous day. Ivanka was again first to see Our Lady. I returned home to bring Marija and Jakov because after the first day they asked me, "Vicka, if you see Our Lady, come and get us. We do not have to see her but we would like to be with you." So I went to bring the two of them but they were already on their way to the hill. We had nothing on our feet and it seemed that we were not walking on the ground but gliding above it. Suddenly we found ourselves at the apparition site. On that second day those who were not so shy could ask questions but mostly we were praying with the Lady. On the third day I took a glass of holy water and sprinkled it at Our Lady, I said, "If you are Our Lady, stay with us but if you are not, leave us alone." The Lady smiled, and the water which I threw just flowed off her dress.

Visionaries Date of Birth; {Vicka, September, 3, 1964} {Mirjana, March 18, 1965} {Maria, (Marija), April 1, 1965} {Ivan, May 25, 1965} {Ivanka, June 21, 1966} {Jakov, March 6, 1971}
http://www.medjugorjeusa.org/story.htm

 

Some History and Background to Medjugorje

The small village of Medjugorje is situated in Bosnia- Herzegovina, Its people are Croatian and its a former
Yugoslavia republic.
It is rugged and rocky with low-lying vegetation, dense evergreen underbrush, and very little forest land.

The mild Mediterranean climate, strong sunlight, and loamy soil make Medjugorje ideal for the cultivation of
vineyards and tobacco, but few other crops, as drought is a centuries-old problem. The quality of tobacco is one of
the world’s best, but it is scarcely exported. The wines, “Zilavka and Blatina” are exported (Zilavka, whose vines
flourish only in Herzegovina, has been cultivated since the time of the Romans). Family owns their own vineyards
and makes their own wine.

Croatia has the largest emigration in the world after Ireland. Before world war I, extreme poverty drove the Croatian
men to other countries where they worked and sent money home to their destitute families. After world war II, the
Communist dictatorship forced all classes of people to leave to escape persecution and to find work. Then,
gradually, gaining hope from Our Lady’s appearances, they began to return to their homeland. During the first 15
years of her apparitions, the population of Medjugorje increased by one third.

The present population of Medjugorje is about 3,500 people. All are natives of Croatia, speak the Croatian
language, write with the Latin alphabet, and the majority are Catholic. The name Medjugorje is of Slavic origin and
means “between the hills.” The name Croatia “HRVATSKA” is abbreviated as HR.

Croatia is a small country in a political earthquake zone with a large, long, violent history that goes back more than a
thousand years. To grasp a bit of the history, scan these abbreviated facts:

600s: Croatians arrive in present-day Croatia, adopt Christianity and become a part of the Roman Civilization, a
violent period in which most of the Croatian churches are destroyed. Following the Romans are farmers who bring
with them the Franciscan missionary priests, symbols of true faith to the Croatians.

925: Croatians establish their own independent kingdom.

1463: Croatia is occupied by Turks who destroy the Franciscan monasteries and torture and kill the priests. The
Christians are forced into hiding for 300 years.

1699: Croatia is liberated of Turkish rule.

1892: The parish of Medjugorje is formed and is placed under the protection of St. James, patron saint of pilgrims.
Five years later the parish builds the first St. James Church.

1918: Croatia becomes part of the Kingdom of Serbs, Croats and Slovenians. Ten years later the name is changed
to Yugoslavia. After WW I, Yugoslavia Communists persecute the Franciscans. Life is brutal; people are beaten and
sentenced to years in prison because they are Croatian and Catholic. The Communists kill 630 priests and nuns.

1941: During world war II, German and Italian forces under Communist Tito occupy Yugoslavia.

1945: The Communists kill 69 people from the Franciscans community in Herzegovina in February and May. In the
village of Siroki Brijeg on February 7, 1945, the Communists kill 760 parishioners and 30 Franciscan priests and
brothers. They burn the school, library, archives and church records.

1971: Thousands of Croatians are imprisoned, killed or forced to emigrate by the Communists.

1981: Under these adverse conditions, a totalitarian and atheistic regime, the Lord sends the Blessed Mother to
Medjugorje.

1990: Communist dictatorship falls apart, and the Croatians break away from Yugoslavia, this signals the start of
Civil War.

1995: On Dec. 14, Bosnia, Croatia and Serbia sign a Peace Pact.

Today, the people in Medjugorje believe that Our Lady protected them during Bosnia's recent bloody conflict which
came within five miles of the village. The enemy destroyed other villages and massacred its people yet Medjugorje
remained safe and untouched by damage. As an example, sources say that two Russian-made MIG fighter jets were
sent to destroy the village. As the pilots approached Medjugorje on a clear and cloudless day, a dense fog suddenly
obstructed their vision and they were unable to drop their bombs on the target. One plane went down and the other
returned to its base. It is said that the surviving pilot defected from his military unit. In another instance, one bomb
fell in a field near the village but failed to explode. For a brief time, however, during the most intense time of the war,
the priests at St. James moved the Blessed Sacrament to the basement of the rectory and continued to hold Mass.

2000, the peacekeeping soldiers were stationed 75-80 miles from Medjugorje. Some arrived in the village, strolled
around as if on holiday, shopping and snapping pictures in the courtyard of St. James Church. The peace of
Medjugorje is broken only by the church bells echoing through the mountains and the sound of roosters crowing at
dawn, greeting the pilgrims daily. They yawn and grin and try and remember the last time, if ever, they heard
roosters crow. And the pilgrims keep coming; they all want to experience this time of grace with their whole hearts,
their whole minds, to savor the spiritual richness the rest of their lives.

1. THE APPARITION HILL
The first apparition of Our Lady took place on the mountain Crnica, which today is called Apparition Hill. She called
us to peace, prayer and fasting, faith and love. She appeared to children, who are already adults today, whom one
can meet and with whom the pilgrims are also meeting. Everything began with the call to peace and belief in God in a
country where atheism was the official ideology. On the one hand, the government reacted vehemently against it but,
on the other hand, the crowd felt an unbelievable urge to come and see, to experience and respond.

According to his nature, man searches for peace. Through the Queen of Peace, God offers him this peace, thus
fulfilling his deepest desire as a fullness of physical, psychological and spiritual good. People began to move. In a
biblical sense, Apparition Hill is also a Bethlehem - an invitation to peace with the birth of Christ and, as a mountain, it
is an invitation to set forth and go up. On Apparition Hill, a pilgrim experiences the first call and the first opening of
his heart under those "conditions so well-prepared" for that. It is a place where man experiences joy and peace and
there is not a single pilgrim who does not visit it. For this reason, a well-organized pilgrimage must include the
"setting forth and going up" of this mountain.

On Apparition Hill, the joyful and the sorrowful mysteries of the Rosary are prayed and one remains in silence at a
place, which is marked as the place where the visionaries saw Our Lady. One must take one's time when ascending
Apparition Hill but, especially at the apparition site itself one needs much time in silence. In this silence, one should
read some of the messages of Our Lady and think about them. One should consecrate oneself to her, that is,
consciously accept her as a Mother, because it is at this particular place that she so often said that she is our
Mother. Here, one should open oneself to her blessing, as he so often repeats in her messages, "I bless you with my
motherly blessing". Here, at this same place, it is also good to make the decision to accept Mary as our Teacher,
because she teaches us and leads us to her Son.

As important as it is to come here with a group, it is equally important to come alone, to pray, to remain with Jesus
and Mary while praying the Rosary and to hear her voice calling us to peace. This is the same peace to which the
Angels called us when Jesus was born. It is particularly recommended to pray for peace at the cross opposite the
second station of the joyful mysteries because it was here that, on the third day of the Apparitions - on June 26,
1981 - Marija Pavlovic saw Our Lady with the Cross, crying and repeating: "Peace! Peace! Peace! Only Peace!
Peace between God and man and peace between men." Many pilgrims also go to Apparition Hill at night and relate
wonderful experiences in prayer. Thus, what Jesus often did is being repeated in setting out at night to pray on
mountains.

2. THE BLUE CROSS
In the course of time, another place for silent prayer has evolved, where many individuals and smaller groups also
spend time in personal prayer. Its name was given accidentally, because someone had placed a blue cross at the
spot where Our Lady appeared when the police had forbidden any gatherings on Apparition Hill. Here, Ivan's prayer
group met many times when the meeting was only for his prayer group and Our Lady would appear to Ivan during
this meeting. Also in this place, as in all other places of prayer, one should spend time in prayer, in silence and
remain in an atmosphere of prayer. Mirjana also often prays at this spot on the second of the month when she meets
with Our Lady and prays for the non-believers. All these inspire the pilgrim to "set forth" for this spot and to pray
there. There is also a practical side to this place of prayer. Those pilgrims who cannot "ascend" Apparition Hill or Mt.
Križevac because of their physical condition are often able to make it to the Blue Cross and can experience prayer
on the mountain here.

3. KRIŽEVAC
After the encounter on Apparition Hill, where the first call was heard that resounded in the hearts of the visionaries
and later in the hearts of millions of pilgrims, the biblical pilgrimage continues. The pilgrim who comes, burdened by
weaknesses and sins, wounded by the weaknesses and sins of others, must continue on the way, which is also the
way on which Jesus passed after Bethlehem. This way led Jesus over another mountain and to another ascent with
the Cross to the top of Mt. Calvary. The pilgrim who follows the pilgrim Jesus "sets forth and ascends" Mt. Križevac.
Here, one is able to encounter Jesus who suffers and dies; who passes His test as the King of Peace while on the
Cross, by accepting His suffering with love, by praying and forgiving. Mary is also here, suffering and remaining
faithful to her Son; loving as He loves, praying as He prays and forgiving as He forgives. In the light of Christ who
thus passes through the final portion of His pilgrimage, a pilgrim recognizes, on one hand, the immeasurable love
that suffers for him and on the other, the human evil, in which he recognizes himself, his own behaviour and the
behaviour of others. This realization does not leave any bitterness in his heart because Jesus also did not die in
bitterness. This realization awakens the desire to forgive and to seek forgiveness and reconciliation. In ascending Mt.
Križevac, the pilgrim comes in contact with death and life, transition and eternity, love and hate, prayer and
condemnation, reconciliation and revenge, violence and mercy, poverty and greed, weakness and power, truth and
lie, the tomb and the resurrection, the goodness and malice of man, the fall and the ascent. Through such an
encounter on Mt. Križevac, the pilgrim's heart opens toward God and is ready to repent for his sins, to forgive and to
ask for forgiveness. Here, the person understands his own way on earth with God and others. Without such an
encounter, a person would not be able to get in touch with his own suffering nor would he be able to open himself
towards God, due to his sufferings and misfortunes. In this way, his soul is being prepared for a new encounter,
which takes place in the Temple.

One should set aside a great amount of time for prayer on Mt. Križevac. Here, the Way of the Cross is prayed,
consisting of 16 Stations. The first Station shows the Garden of Gethsemane and the last, the Resurrection. One
should pray in front of each Station and reflect about Jesus and those around Him and through all that look at
oneself, one's own behaviour and those around him. If one climbs Mt. Križevac in this manner, then that which should
happen in him, does: the recognition of the redeeming love of Jesus, the recognition of one's own sin and weakness
and of the need for salvation. It is especially important to pray for faith so that everything turns to the good for those
who love God. One does not go on Mt. Križevac to liberate oneself from one's crosses, but to learn how to carry
them and to help others carry theirs. When climbing Mt. Križevac, it is particularly important to pray in silence in front
of the cross in order to consciously unite with Mary who remained under the Cross and called us also to come before
the Cross and to pray. In deep meditation before the Cross, one's own wounds and the wounds of those whom we
have wounded, as well as the sufferings of the family, the Church and the world are presented to Jesus. Especially
here, one should pray for spiritual and mental healing.

"Dear children! Today, in a special way, I invite you to take the cross in the hands and to meditate on the wounds of
Jesus. Ask of Jesus to heal your wounds, which you, dear children, during your life sustained because of your sins or
the sins of your parents. Only in this way, dear children, you will understand that the world is in need of healing of
faith in God the Creator. By Jesus' passion and death on the cross, you will understand that only through prayer you
too can become true Apostles of faith when, in simplicity and prayer, you live faith which is a gift. Thank you for
having responded to my call." (March 25, 1997)

This is a place of complete composure and spiritual seriousness. Therefore, it is not in the spirit of a pilgrimage to
talk, eat or drink on Križevac or under the Cross, as many unfortunately do at the end of their ascent. It is also in
complete contradiction to the spirit of a pilgrimage to sell or buy anything or to leave one's garbage there. One
should also descend Križevac in a composed manner, just as Mary descended from Calvary after all that she had
endured and after she had buried her Son. While descending, one could pray the Chaplet of the Seven Sorrows of
the Blessed Virgin Mary.

After such an ascent and descent from Mt. Križevac, the soul of the pilgrim is ready for new encounters. In church,
the pilgrim encounters the resurrected Lord, who gives His disciples the power to forgive sins and to nourish the
faithful with the celebration of the Holy Eucharist.

http://medjugorjepilgrim.com/

http://medjugorjepilgrim.com/

http://www.medjugorje.ws/en/links/
http://www.medjugorje.ws/
English
Italiano
 

La storia di inizio di Medjugorje
Medjugorje è situato nell'ex Jugoslavia. È un piccolo villaggio di montagna della regione della Bosnia, Erzegovina. Questa storia vera si svolge nella sezione Bijakovici di Medjugorje. Nel pomeriggio del 24 giugno 1981, due ragazze, Ivanka Ivankovic, 15 anni e Mirjana Dragicevic 16 anni, stavano tornando a casa da una passeggiata. Guardando verso la collina chiamata Crnica, Ivanka ha visto una silhouette luminosa di una donna. Ha detto a Mirjana, "È la Gospa!" (Nostra Signora) Il 25 giugno, le due ragazze tornò in collina con altri quattro. I loro nomi sono, Vicka Ivankovic 16, Ivan Dragivevic, 16 anni, Maria Pavlovic età di 16 anni e Jakov Colo 10 anni di età. Una figura in bianco stava chiamando loro di venire su per la collina. I bambini sono stati trasportati in qualche modo in qualche modo misterioso di una bella signora che chiama se stessa, la Regina della pace. La signora dà messaggi ai veggenti per il mondo intero.


Ad oggi la Regina della pace ha lasciato migliaia di messaggi. In un primo momento i messaggi sono stati quasi quotidiana. Ora, per i passato parecchi anni essi provengono il 25 di ogni mese. Anche se ci sono migliaia di messaggi, ci sono 6 quelle primarie. I messaggi di base consistono di conversione, preghiera, digiuno, fede, pace e riconciliazione. I sei veggenti stanno ricevendo anche dieci segreti ogni. I segreti sono di castighi futuri a causa del peccato. I veggenti dire che 10 segreti rimarranno segreti fino ad un tempo stabilito. Solo i veggenti conoscono il giorno e il tempo che saranno rivelati i messaggi. I segreti saranno rilasciati al mondo uno alla volta attraverso un sacerdote, (ora selezionato). Prima di ogni castigo, il sacerdote riceverà una pergamena. Non sarà in grado di leggere la pergamena tranne che con molta preghiera, digiuno e aiutare dalla signora. I messaggi di castighi saranno annunciati al mondo tre giorni prima che l'evento si svolgerà. Ivanka, Mirjana e Jokov hanno ricevuto tutti i dieci segreti, non più vedono la signora tranne in occasioni speciali. I restanti veggenti hanno ricevuto ciascuno 9 dei 10 segreti, e vedono ancora la signora quasi ogni giorno.


In un'intervista con Vicka su 8 settembre 1988, ha descritto le prime apparizioni della signora. Ecco l'intervista. Il primo giorno, Ivanka e Mirjana andato per una passeggiata perché a volte siamo andati a fare passeggiate su quella strada. Nel pomeriggio quando si alzò e andò e io li ha seguiti. Mentre mi avvicinavo li Milka, sorella di Mirjana, chiamato in fretta. Ho pensato che stavano cercando qualcosa sulla strada, forse un serpente. Da lontano sembrava a me che stavano cercando sulla strada, non a hill, ma quando mi è venuto vicino stavano dicendo, "Ma, Vicka, Gospa." Che significa: "Guarda, Vicka, c'è la Madonna." "Che cosa vuoi dire Madonna?" fu la mia reazione. Ho trasformato rapidamente, buttato via le mie scarpe e corse a casa subito. Voglio dire che mi sono imbattuto in via. In quel momento Ivan è arrivato. Ho detto, "Ivan, essi affermano che vedono la Madonna. Non dobbiamo vedere, ma almeno ci permetta di andare più vicino." Ivan, che stava trasportando alcune mele ha detto, "lascia andare." Egli era pieno di coraggio dicendo che saremmo andati, ma come abbiamo pareggiato più vicino a loro ho girato, e Ivan aveva scappare. Lui non era lì ed ero solo. In quel momento ero solo, e non potevo andare indietro o avanti. Qualcosa di più forte mi ha tenuto lì e allora, mio Dio, essi erano chiamandomi, "Vieni Vicka, vieni." Mi hanno chiesto di avvicinarsi. Avevo paura. Non devo anche guardare a loro soprattutto non presso la collina dove era la Madonna.

Mentre mi trovavo lì al posto chiedendo dove vorrei andare, improvvisamente qualcosa di molto forte possedeva me e in un attimo mi è stato accanto a loro. Quando sono venuto vicino a loro ho fatto non al primo sguardo dritto verso la collina. Essi dicevano a me, "Vieni su Vicka, guarda, la Madonna è salutando noi, mantenendo qualcosa nella sua mano." Avevo paura. Avevo paura di guardare verso la collina. Poi improvvisamente, forse con la grazia di Dio, guardato la collina, e nostra signora era lì davanti a noi. Non ci sono parole per l'uomo descrivere quel giorno. Era felicità perché ho visto la Madonna, ma ancora siamo tutti umani e mi chiedevo se lei sarebbe venuto domani. Il secondo giorno nel pomeriggio i tre di noi, me stesso, Mirjana e Ivanka andato camminando. Abbiamo detto che avremmo andare e vedere se la Madonna era venuta. Ci aspettavamo di vederla ma ancora chiedendo se lei sarebbe venuto.


Siamo andati lungo la stessa strada nello stesso punto come il giorno precedente. Ivanka era di nuovo prima di vedere la Madonna. Sono tornato a casa per portare Marija e Jakov, perché dopo il primo giorno mi hanno chiesto, "Vicka, se vedete la Madonna, come and get a noi. Non abbiamo a vederla ma vorremmo essere con voi." Così sono andato a portare i due di loro, ma erano già nel loro cammino verso la collina. Noi non aveva nulla sui nostri piedi e sembrava che non stavamo camminando sul terreno ma scivolando di sopra di esso. Improvvisamente ci siamo trovati presso il sito di apparizione. Quel giorno secondo coloro che non erano così timido poteva fare domande, ma più ci stavamo pregando con la signora. Il terzo giorno ho preso un bicchiere di acqua Santa e cosparso di nostra Signora, ho detto, "Se tu sei di nostra Signora, soggiorno con noi, ma se non, sei lasciare noi da soli". La signora sorrise, e l'acqua che ho appena buttato scorreva fuori il suo vestito.

Veggenti data di nascita; {Vicka, 3 settembre 1964} {Mirjana, 18 marzo 1965} {(Marija), Maria 1° aprile 1965} {Ivan, 25 maggio 1965} {Ivanka, 21 giugno 1966} {Jakov, 6 marzo 1971}

Qualche storia e lo sfondo a Medjugorje


Il piccolo villaggio di Medjugorje si trova in Bosnia - Erzegovina, la sua gente sono croato e il suo un ex
Repubblica di Jugoslavia.
È aspra e rocciosa con vegetazione pianeggianti, fitto sottobosco sempreverde e molto poco terra della foresta.

Il mite clima Mediterraneo, la forte luce solare e il terreno argilloso rendono ideale per la coltivazione di Medjugorje
vigneti e tabacco, ma poche altre colture, come la siccità è un problema di vecchi di secoli. La qualità del tabacco è uno dei migliore del mondo, ma difficilmente viene esportata. I vini, "Zilavka e Blatina" vengono esportati (Zilavka, cui vines
fiorire solo in Erzegovina, è stata coltivata fin dai tempi dei romani). Famiglia possiede propri vigneti
e rende il loro vino.

La Croazia ha l'emigrazione più grande del mondo dopo l'Irlanda. Prima guerra mondiale, l'estrema povertà ha spinto il croato
uomini ad altri paesi, dove hanno lavorato e ha inviato il denaro a casa alle loro famiglie indigenti. Dopo la seconda guerra mondiale, il
Dittatura comunista costretto tutte le classi di persone a lasciare per sfuggire alle persecuzioni e di trovare lavoro. Poi,
gradualmente, guadagnando la speranza da apparizioni della Madonna, cominciarono a tornare nella loro patria. Durante i primi 15
anni di sue apparizioni, la popolazione di Medjugorje, aumentato di un terzo.

L'attuale popolazione di Medjugorje è circa 3.500 persone. Tutti sono nativi della Croazia, parlano il croato
lingua, scrittura con l'alfabeto latino e la maggioranza sono cattolica. Il nome di Medjugorje è di origine slava e
mezzi "tra"le colline. La Croazia di nome "HRVATSKA" è abbreviata come HR.

Croazia è un paese piccolo in una zona di terremoto politico con una storia grande, lunga, violenta che risale a più di un
migliaia di anni. A cogliere un po ' di storia, scansione questi fatti abbreviati:

600S: croati arrivare nell'odierna Croatie, nutrienti il cristianesimo e diventare parte della civiltà romana, delle Nazioni Unite
violento periodo in cui la maggior parte delle chiese croate sono distrutti. In seguito i Romani è agricoltori portano
con loro ho sacerdoti missionari francescani, simboli della vera fede per i croati.

925: Croati stabilire il proprio regno indipendente.

1463: Croazia è occupata dai turchi che distruggono i monasteri francescani e tortura e uccidono i sacerdoti. Il
I cristiani sono costretti a nascondersi per 300 anni.

1699: Croazia viene liberata di dominazione turca.

1892: La parrocchia di Medjugorje è formata ed è posta sotto la protezione di San Giacomo, patrono dei pellegrini.
Cinque anni più tardi la parrocchia costruisce la prima chiesa di San Giacomo.

1918: Croazia diventa parte del Regno dei serbi, croati e sloveni. Dieci anni più tardi viene modificato il nome
alla Jugoslavia. Dopo WW io, comunisti di Jugoslavia perseguitare i francescani. La vita è brutale; persone vengono picchiati e
condannato a anni di prigione, perché essi sono croato e cattolica. I comunisti uccidono 630 preti e suore.

1941: Durante la seconda guerra mondiale, le forze tedesche e italiane sotto Tito comunista occupano la Jugoslavia.

1945: I comunisti uccidono 69 persone della comunità di francescani in Erzegovina in febbraio e maggio. Nella casella
villaggio di Siroki Brijeg il 7 febbraio 1945, i comunisti uccidono 760 parrocchiani e 30 sacerdoti francescani e
fratelli. Bruciano i record di scuola, biblioteca, archivi e Chiesa.

1971: Migliaia di croati è imprigionati, uccisi o costretti ad emigrare dai comunisti.

1981: In queste condizioni avverse, un regime totalitario e atea, il Signore manda la beata madre a
Medjugorje.

1990: Dittatura comunista cade a pezzi, e i croati staccarsi dalla Jugoslavia, questo segnala l'inizio di
Guerra civile.

1995: Il 14 dicembre, Bosnia, Croazia e Serbia firmano un patto di pace.

Oggi, la gente a Medjugorje credono che la Madonna li protesse durante della Bosnia recenti sanguinoso conflitto che
è venuto nel raggio di cinque miglia del villaggio. Il nemico altri villaggi distrutti e massacrati sua gente ancora Medjugorje
rimase intatta da danni e sicuro. Ad esempio, fonti dicono che sono stati due jet MIG di fabbricazione russa
inviato a distruggere il villaggio. Mentre i piloti si avvicinava Medjugorje un giorno chiaro e senza nuvole, una densa nebbia improvvisamente
Vistra loro visione ed erano in grado di lanciare loro bombe sul bersaglio. Un aereo è andato giù e l'altro
tornò alla sua base. Si dice che il pilota sopravvissuto disertato dalla sua unità militari. In un'altra istanza, una bomba
cadde in un campo nei pressi del villaggio, ma non sono riusciti ad esplodere. Per un breve periodo, tuttavia, durante il periodo più intenso della guerra,
i sacerdoti a St. James spostato il Santissimo Sacramento al seminterrato del presbiterio e continuarono a tenere la messa.

2000, i mantenimento della pace soldati erano stanziate 75-80 km da Medjugorje. Alcuni arrivarono nel villaggio, passeggiato
intorno come se in vacanza, shopping e scattare foto nel cortile della Chiesa di San Giacomo. La pace di
Medjugorje è rotto solo dalle campane della Chiesa echeggiare attraverso le montagne e il suono dei galli canto presso
Alba, saluto i pellegrini di ogni giorno. Essi sbadiglio e grin e cercare di ricordare l'ultima volta, se mai, hanno sentito
corvo di galli. E i pellegrini continuano a venire; tutti vogliono sperimentare questo tempo di grazia con il loro cuore intero,
loro menti interi, per assaporare la ricchezza spirituale il resto della loro vita.

1. LA COLLINA DELLE APPARIZIONI
La prima apparizione di nostra Signora ha avuto luogo sul Monte Crnica, che oggi si chiama collina delle apparizioni. Lei chiama
noi alla pace, preghiera e digiuno, fede e amore. È apparsa ai bambini, che sono già adulti oggi, quali uno
possono incontrarsi e con il quale i pellegrini sono anche incontro. Tutto è iniziato con l'appello alla pace e alla credenza in Dio in un
paese in cui l'ateismo era l'ideologia ufficiale. Da un lato, il governo ha reagito con veemenza contro di essa ma,
d'altro canto, la folla si sentì un'incredibile voglia di venire a vedere, a sperimentare e rispondere.

Secondo la sua natura, l'uomo ricerche per la pace. Attraverso la Regina della pace, Dio gli offre questa pace, così
soddisfare il suo desiderio più profondo come una pienezza del bene fisico, psicologico e spirituale. Persone iniziarono a muoversi. In un
senso biblico, collina delle apparizioni è anche un Betlemme - un invito alla pace con la nascita di Cristo e, come una montagna, si
è un invito a stabiliti e salire. Sulla collina delle apparizioni, un pellegrino sperimenta la prima chiamata e la prima apertura di
suo cuore in queste "condizioni così ben preparate" per questo. È un luogo dove l'uomo sperimenta gioia e pace e
non c'è un unico pellegrino che non la visitano. Per questo motivo, un pellegrinaggio ben organizzato deve includere la
"impostazione avanti e salendo" di questa montagna.

Sulla collina delle apparizioni, il gioioso e misteri dolorosi del Rosario sono pregati e uno rimane in silenzio a un
posto, che è contrassegnato come il luogo dove i veggenti visto la Madonna. Uno deve prendere il tempo quando ascendente
Collina delle apparizioni, ma, soprattutto all'apparizione sito stesso uno ha bisogno di molto tempo in silenzio. In questo silenzio, uno dovrebbe
leggi alcuni dei messaggi della Madonna e pensare a loro. Uno dovrebbe consacrare se stessi a lei, che è,
Lei accetta consapevolmente come una madre, perché è in questo luogo particolare che così spesso mi ha detto che lei è il nostro
Madre. Qui, uno dovrebbe aprire se stessi alla sua benedizione, come ripete spesso nei suoi messaggi, "vi benedico con mio
benedizione materna". Qui, in questo stesso luogo, è anche buona prendere la decisione di accettare Maria come nostro insegnante,
perché lei ci insegna e ci porta a suo figlio.

Importante quanto è di venire qui con un gruppo, è altrettanto importante venire da solo, a pregare, a rimanere con Gesù
e Maria pregando il Rosario e sentire la sua voce ci chiama alla pace. Questa è la stessa pace a cui il
Angeli ci ha chiamati quando Gesù è nato. Si raccomanda in particolare di pregare per la pace alla croce opposta il
secondo stazione dei misteri gaudiosi, perché è stato qui che, il terzo giorno delle apparizioni - il 26 giugno,
1981 - Marija Pavlovic ha visto la Madonna con la Croce, a piangere e a ripetere: "la pace! Pace! Pace! Solo la pace!
Pace tra Dio e uomo e pace tra gli uomini". Molti pellegrini anche andare alla collina delle apparizioni di notte e si riferiscono
meravigliose esperienze nella preghiera. Così, quello che Gesù ha spesso fatto si ripete nel fissare di notte a pregare su
montagne.

2. LA CROCE BLU
Nel corso del tempo, è evoluto un altro luogo per la preghiera silenziosa, dove molti individui e gruppi più piccoli anche
trascorrere del tempo in preghiera personale. Il suo nome è stato dato accidentalmente, perché qualcuno aveva posto una croce blu presso il
luogo dove la Madonna apparve quando la polizia aveva proibito qualsiasi raduni sulla collina delle apparizioni. Qui, preghiera di Ivan
gruppo incontrato molte volte quando l'incontro è stato solo per il suo gruppo di preghiera e di nostra signora sembrerebbe Ivan durante
Questo incontro. Anche in questo luogo, come in tutti gli altri luoghi di preghiera, uno dovrebbe spendere tempo in preghiera, in silenzio e
rimangono in un'atmosfera di preghiera. Mirjana prega spesso anche in questo posto sulla seconda del mese quando incontra
con la Madonna e prega per i non credenti. Tutti questi ispirare il pellegrino "stabilito" per questo spot e pregare
lì. C'è anche un lato pratico in questo luogo di preghiera. Quei pellegrini che non possono "salire" collina delle apparizioni o MT.
Križevac a causa della loro condizione fisica sono spesso in grado di rendere al Blue Cross e possono sperimentare la preghiera
sulla montagna qui.

3. KRIŽEVAC
Dopo l'incontro sulla collina delle apparizioni, dove la prima chiamata è stata sentita che risuonava nei cuori dei veggenti
e più tardi nei cuori di milioni di pellegrini, continua il pellegrinaggio biblico. Il pellegrino che viene gravato da
debolezze e peccati, feriti dalle debolezze e peccati degli altri, devono continuare sulla strada, che è anche il
modo in cui Gesù passò dopo Betlemme. In questo modo ha portato Gesù sopra un'altra montagna e a un'altra salita con
la croce fino alla cima del Monte Calvario. Il pellegrino che segue il pellegrino Jesus "imposta indietro e si inerpica" Monte Križevac.
Qui, uno è in grado di incontrare Gesù che soffre e muore; chi passa il suo test come il re della pace, mentre
Croce, accettando la sua sofferenza con amore, pregando e perdonare. Maria è anche qui, sofferenza e rimanendo
fedeli al suo figlio;

amare come lui ama, pregando come egli prega e perdonare come Egli perdona. Alla luce di Cristo che quindi passa attraverso la parte finale del suo pellegrinaggio, un pellegrino riconosce, da un lato, l'amore incommensurabile che soffre per lui e, da altro, il male umano, in cui egli stesso, riconosce il proprio comportamento e la comportamento degli altri. Questa realizzazione non lascia alcuna amarezza nel suo cuore perché Gesù anche non morire nella amarezza. Questa realizzazione si risveglia la voglia di perdonare e a chiedere perdono e la riconciliazione. In crescente mt Križevac, il pellegrino entra in contatto con la morte e vita, transizione e l'eternità, amore e odio, preghiera e condanna, riconciliazione e vendetta, violenza e misericordia, povertà e avidità, debolezza e potere, verità e bugia, la tomba e la risurrezione, la bontà e cattiveria dell'uomo, la caduta e la salita. Attraverso tale un incontro sul Monte Križevac, cuore del Pellegrino si apre verso Dio ed è pronto a pentirsi per i suoi peccati, a perdonare e a chiedere perdono. Qui, la persona capisce la sua strada sulla terra con Dio e con gli altri. Senza tale un incontro, una persona non sarebbe in grado di entrare in contatto con la propria sofferenza né egli sarebbe in grado di aprire lo stesso verso Dio, a causa di sue sofferenze e le disgrazie. In questo modo, la sua anima si sta preparando per un nuovo incontro, che si svolge nel tempio.

Uno dovrebbe mettere da parte una grande quantità di tempo per la preghiera sul Monte Križevac. Qui, la Via Crucis è pregata, composto da 16 stazioni. La prima stazione mostra il giardino del Getsemani e l'ultimo, la Resurrezione. Uno
dovrebbe pregare di fronte a ogni stazione e riflettere su Gesù e quelli intorno a lui e attraverso tutto ciò che guardare
se stessi, del proprio comportamento e quelli intorno a lui. Se uno si arrampica Monte Križevac in questo modo, allora ciò che dovrebbe accadere in lui, fa: il riconoscimento dell'amore redentrice di Gesù, il riconoscimento del proprio peccato e debolezza e la necessità per la salvezza. È particolarmente importante pregare per la fede, affinché tutto si trasforma al bene per coloro chi ama Dio. Non si va sul Monte Križevac per liberarsi da incroci di uno, ma per imparare a portare
li e per aiutare gli altri a portare loro. Quando la scalata Monte Križevac, è particolarmente importante per pregare in silenzio di fronte della Croce a unirci consapevolmente con Maria che rimase sotto la croce e ci ha chiamati anche a venire prima la croce e a pregare. In meditazione profonda prima la Croce, proprio le ferite e le ferite di coloro cui abbiamo
hanno ferito, così come le sofferenze della famiglia, la Chiesa e il mondo sono presentate a Gesù. Soprattutto
qui, uno dovrebbe pregare per la guarigione spirituale e mentale.

"Cari figli! Oggi, in un modo speciale, vi invito a prendere la croce nelle mani e a meditare sulle ferite di
Gesù. Chiedere di Gesù per guarire le ferite, che voi, cari figli, durante la vostra vita sostenuta a causa dei vostri peccati o
i peccati dei tuoi genitori. Solo in questo modo, cari figli, lei capirà che il mondo ha bisogno di guarigione delle
fede in Dio creatore. Da passione e morte sulla Croce di Gesù, lei capirà che solo attraverso la preghiera si
troppo può diventare veri apostoli della fede quando, nella semplicità e nella preghiera, vivete la fede che è un dono. Vi ringraziamo per aver risposto alla mia chiamata." (Marzo 25, 1997)

Questo è un luogo di compostezza completo e serietà spirituale. Pertanto, non è nello spirito di un pellegrinaggio a
parlare, mangiare o bere sul Križevac o sotto la Croce, come molti fanno purtroppo alla fine della loro ascesa. È anche in
completa contraddizione con lo spirito di un pellegrinaggio di vendere o comprare nulla o a lasciare la spazzatura lì. Uno
dovrebbe anche scendere Križevac in maniera composta, proprio come Mary disceso dal Calvario dopo tutto che lei aveva subito e dopo lei aveva sepolto suo figlio. Mentre scendendo, uno potrebbe pregare Coroncina dei sette dolori di
la Beata Vergine Maria.

Dopo tale salita e discesa dal Monte Križevac, l'anima del pellegrino è pronta per nuovi incontri. Nella Chiesa,
il pellegrino incontra il Signore risorto, che dà ai suoi discepoli il potere di perdonare i peccati e di nutrire il
fedeli con la celebrazione dell'Eucaristia.

http://medjugorjepilgrim.com/

Fonte: sito web della : http://www.medjugorje.ws/it/
http://www.medjugorje.ws/en/links/lang.it/
http://www.medjugorje.ws/en/links/

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,