English
Italiano

Saint Dominic Savio

Memorial: 6 May; formerly 10 March
Profile: One of ten children of a blacksmith and seamstress. Protege of Saint John Bosco. Altar boy at age 5. At 12 he entered the Oratory School preparatory to becoming a priest. Well-liked and pius, his health forced him to give up his dream of the priesthood. He died at age 15. His dying words: "What beautiful things I see!"

His birthplace is now a retreat house for teenagers; the home where he grew up in Morialdo is now a retreat house for children. The final house in which he lived is the home in Mondonio where the Savio family moved when he was 10, and where he eventually died. Here you can see his father's metal shop, and his mother's tailoring shop. His tomb is in the basilica of Mary, Help of Christians in Turin, not far from the tomb of his mentor, teacher and biographer, Saint John Bosco.

Born: 2 April 1842 @ Riva di Chieri, Italy

Died: 9 March 1857 @ Mondonio, Italy
Beatified: 1950 by Venerable Pope Pius XII
Canonized: 12 June 1954 by Venerable Pope Pius XII
Name Meaning: belonging to God (=Dominic)
Patronage: boys, children's choirs, choir boys, choirs, falsley accused people, juvenile delinquents, Pueri Cantors

"I am not capable of doing big things, but I want to do everything, even the smallest things, for the greater glory of God."

...Saint Dominic Savio


DOMINIC was born on April 2, 1842, the son of a very poor blacksmith. He went to school near his home for as long as possible. Later, he walked a six-mile round trip to attend a school in a nearby town. One day, while the teacher was out of the room, two boys brought in a lot of snow and trash and stuffed it into the only iron stove which was heating the room. When the teacher returned, he was so angry that the two guilty boys claimed that Dominic had done it. The teacher gave Dominic a severe scolding, telling him that were this not his first offense, he would have been immediately expelled.

Dominic said not one word in his own defense but stood in front of the class and hung his head while the teacher scolded. The next day, some of the other boys probably tattled. At any rate, the teacher learned the truth of the matter. He went immediately to Dominic and asked why he had not answered the charges made against him. Dominic said that he knew the teacher would have expelled the other boys and he wanted them to have another chance. "Besides," said Dominic, "I remembered that Our Lord was unjustly accused and He said nothing."

Even at this early age, Dominic had begun the practice of the virtue which was later declared heroic at his beatification. From the time he was a small child, he had been very religious. He pleaded to help the Priest at Mass when he was only five, but more than simply observing religious customs and practices, Dominic lived his religion for the entire span of his brief life.

In 1854, he went to Turin and became a pupil at Don Bosco's Oratory. Here he worked, studied, played and prayed for three years before his final illness forced him to return home. During Dominic's brief time at the Oratory, he gained the love and respect of all the boys and the Priests. He was not pushy and would not interrupt to state his own views but he was not afraid to oppose wrong and could always give reasons why he thought a certain action was wrong.

Once Dominic overheard two boys planning a rock fight. They had become very angry with each other and were going to fight it out. Dominic tried his best to talk them out of this idea which was quite dangerous but nothing would sway their determination. He could have told the teacher but he felt this would only have served to postpone the fight. Finally, he made the boys agree to one secret condition which he would tell them about just before the fight. Dominic went with the boys and helped them make their preparations by piling up rocks. When the boys were ready to begin, Dominic held up a small crucifix and reminded them that Christ died forgiving sins but that they were going to fight a dangerous fight to get even for a minor slight. "Now," said Dominic, "throw your first rock at me. That is my condition." At this demand, one of the boys said, "But Dominic, you have never hurt me or done anything to me and you are my friend." "You will not hurt me, a poor human, but will you, by your actions, hurt Jesus Christ who is also God?" asked Dominic. The boys hung their heads in shame and dropped their stones. Dominic never mentioned this incident and we would have no record of it had not the two combatants told their friends.

Dominic Savio had decided to become a saint. Immediately he went to the chapel to pray. He refused to play any games with the other boys and put on a long, serious face. For two days Dominic remained in this sober attitude. Finally, Don Bosco, his teacher, called him and asked if he were sick. No, Dominic assured him that he felt particularly well and happy. Then why, asked Don Bosco, had Dominic refused to play his customary games and why the sober expression? When Dominic explained his great desire to become a saint, Don Bosco praised his decision but counselled him to be cheerful and not to worry; serving God is the way to true happiness.

The lesson bore its fruits. Dominic became an apostle of good cheerfulness with the other boys. One day, as he was getting acquainted with a new-comer to the Oratory, he explained to him his programme. "Here we make holiness consist in living as joyfully as we can. We take care to avoid sin - that great thief which robs us of the grace of God and peace of soul; we neglect no duty and so seek God with all our hearts. Begin from now and take as your motto these words: Servite Domino in laetitia: Serve the Lord with holy joy."

His Love of the Sacraments.

Experience proves without question that the greatest source of spiritual help lies in the Sacraments of Penance and Holy Communion. Boys and girls who receive these Sacraments frequently grow from childhood to maturity, and so to the end of their lives, always models of Christian virtue. Would to heaven that children might understand this truth and put it into practise and also that their teachers might help them to persevere with it!

Before he came to the Oratory, Dominic had been going to Confession and Communion once a month, as was customary in most schools but here he went more often. One day he heard a sermon in which the preacher said: "Boys, if you wish to persevere on the road to Heaven, I advise you to go often to Confession and Holy Communion. Choose a confessor to whom you can unburden yourselves freely and never change him unless it becomes necessary to do so."

Dominic well understood the importance of this advice. He began by choosing his confessor, whom he never left during the whole of his stay at the Oratory. In order that this Priest should know him thoroughly, he insisted on making a general confession.

At first he went to confession every fortnight, then once a week, each time receiving Holy Communion. His confessor, in view of his extraordinary progress in spiritual matters, advised him to communicate three times a week and at the end of a year he allowed him daily Communion.

Dominic was very pleased with this state of things. "When I am at all worried," he would say, "I go to my confessor, who shows me what is God's Will; for Jesus Christ Himself assures us that the confessor speaks with the Voice of God. Then when I want something important, I go to Holy Communion, when I receive the same Body that Our Lord offered up for us on the Cross, together with His Precious Blood, His Soul and His Divinity. What more is wanting to complete my happiness until the day when I shall see face to face Him whom I see now on our altars only with the eye of faith?"

Before his First Communion, Dominic had made four promises and wrote them in a little book which he often re-read. He wrote:

1. I will go often to confession and I will go to Holy Communion as often as I am allowed.
2. I will try to give Sundays and holy days completely to God.
3. My best friends will be Jesus and Mary.
4. Death rather than sin.
The fourth promise was to be Dominic's motto for the rest of his life. Time and again, he asked God to let him die before offending Him by committing a mortal sin. Dominic knew some pretty rough boys and was often in a bad part of the town. However, to the end of his life, he never committed a mortal sin. In fact, he led a saintly life.

His Love of Penance.

Dominic's youth, his delicate health and the innocence of his life, alike dispensed him from all species of mortification but as he knew that innocence is difficult to preserve without doing some kind of penance, the path of mortification seemed to him to be strewn with roses.

By mortification, I do not here mean bearing patiently with the contradictions and insults of others nor the continual mortification of the senses at all times, during prayers, at lessons or recreations, for this was habitual with Dominic. I mean bodily mortification. In the fervour of his soul, Dominic resolved to eat and drink only bread and water every Saturday, in honour of Our Blessed Lady, but his confessor forbade it. Next he wished to fast during Lent but after a week, his director came to hear of what he was doing and put a stop to it. He begged at least to be allowed to go without his breakfast but this also was forbidden, for all these mortifications would have had a very bad effect upon his health.As fasting and abstinence were forbidden him, Dominic sought about for other means of mortifying himself. He put bricks and pieces of wood in his bed so that even in his sleep he should not be comfortable. He also wanted to wear a hair shirt. Being forbidden also to do these things, he had recourse to yet another stratagem.

During the autumn and winter he kept his summer bed-clothes so that in January he still had the thin blankets that had served him in mid-summer. One day when a slight indisposition had forced him to stay in bed, the Rector came to see him. Noticing that the boy had rolled the sheet round and round himself, he drew nearer and saw that the bed had only a light covering. "What is the meaning of this?" he asked, "Do you want to die of cold?" "No," was the reply, "I shall not die of cold. Jesus in the manger and on the cross had less to cover Him than this."

Nevertheless, he was strictly forbidden to do any penance whatsoever until he had obtained the consent of his superiors. This order he obeyed, though sadly. One day when he met me he said: "I really don't know what to do. Our Lord says that without doing penance we cannot reach Heaven and I have been forbidden all penance; how small are my chances of Paradise!" "The penance that God asks of you is obedience." "Won't you allow me to do some other penance as well?" he pleaded. "Yes, bear patiently the insults of others and endure uncomplainingly heat, cold, wind and rain; when you are tired don't be ill-humoured; when you are ill, thank God." "But these are necessary sufferings." "Then make a virtue of necessity, endure everything for the love of God and you will be sure to gain merit in His sight." At these words Dominic seemed satisfied and went happily on his way.

Dominic was so unaffected in his demeanour that only his teachers and intimate friends realised that this modesty was the fruit of great efforts, helped by grace. It was a heroic effort for him to mortify his sight, for he was by nature quick and observant. He confided to his friends that when he first began to practise it, the effort was so great as to bring on violent headaches. And yet he achieved such a complete mastery of his eyes that it was the opinion of all who knew him, that never once did he so much as give an unguarded glance or indulge his sight to the least degree. "The eyes," he would say, in his spiritual talks to his friends, "are windows. As you need only see what you wish to see through a window, so with the eyes; they may show us an angel of light or the spirit of darkness, both equally anxious to possess our souls."

One day, one of the boys brought with him a magazine in which were some indecent and impious pictures. He was quickly surrounded by other boys anxious to see these horrible drawings. Dominic also ran up, but as soon as he perceived what the true nature of the pictures was, grew indignant, took the magazine and tore it into little pieces. At this abrupt interruption, the others looked at one another in silence. Dominic kept quiet for a few seconds and then explained his action.

"What are you thinking of? God has given you eyes that you may admire the beauty of His works; and you are using, or rather abusing, them to look at these abominations. Have you forgotten what so often Our Lord says: that a single harmful look can soil our souls? And here you are feasting your eyes on that filth!"

"But," objected one boy, "it was only a joke." "A fine joke you'll think it when you're burning in Hell!" "I didn't see any such great harm in them," protested another. "So much the worse. Not to see any harm in those horrors, argues that your eyes are used to such sights and such an avowal makes your sin greater. Do you not know that the holy patriarch Job, though old and infirm, declared that he had made a contract with his eyes, that they should never rest on anything but that which was chaste and holy?"

At this they all held their peace: nor did anyone else feel inclined to cross swords with one so able in defence and attack.To the custody of the eyes, Savio also joined that of the tongue. Whenever anyone else was speaking, whether they were right or wrong, he would keep silence, often even breaking off what he had been saying, to give others an opportunity for speech. His masters and other superiors are unanimous in declaring that they have never had an occasion to reproach him for a word spoken out of season, either in school or during study or in church. More than that, if any one of his school-fellows picked a quarrel with him, he would keep his temper and restrain his tongue.

One day, he had warned another boy of a bad habit he had but instead of taking the warning in good part, the boy lost his temper and overwhelmed Dominic with reproaches, finally beating and kicking him. Dominic could have returned this with interest, for he was the bigger and stronger of the two but be chose to take a Christian's victory and though his face grew red, controlled himself and merely said: "You have behaved badly but I forgive you. Try not to treat others so."

How can we sufficiently praise Dominic's mortification of his other senses? I shall content myself with citing a few examples of his severity with himself. In winter, he suffered with chilblains on his hands but however painful they might be, he was never heard to complain. On the contrary, he seemed to take pleasure in them. "The bigger they are," he would say, "the better for the health," and by 'health' he meant that of the soul. Some of his school-fellows assert that in the bitter cold of winter, he was in the habit of walking slowly so as to suffer and do penance.

In boarding schools, there are always some pupils who grumble either at the length of the church services or complain of the school regulations, or else of the cooking. They are a real cross for their superiors, for they foster a spirit of rebellion amongst the other pupils. Far other was the conduct of Dominic. Never was he heard to grumble at the weather, or at the quality of the food; indeed, meal-times were for him another opportunity for mortification, for he would gladly accept any morsels rejected by the other boys as being too salt, or not salt enough, or underdone, or overdone, declaring that they were exactly to his taste.

It was for him an agreeable pastime to clean the shoes, brush his friend's clothes, do the humblest services for those who were ill, sweep and other like menial tasks. "Everyone does what he can," he would say, "I am not able to do much but I do all I can for the greater glory of God; and I hope that in His Infinite Goodness, the Lord will look kindly on my poor efforts." So, eating what was distasteful to him, giving up what he liked, keeping the custody of his eyes even in little things, giving up his own will, enduring with perfect resignation sufferings mental and physical; such were the mortifications that Dominic practised all day and every day. Anxious as he was to die to himself in order that Christ might live in him, he assiduously took advantage of even the smallest opportunity to enhance his merit in the sight of God.

His Devotion to Our Lady.

Among the many graces with which God had been pleased to enrich Dominic's soul, not the least was his fervour in prayer. He had got so into the habit of conversing with God that even in the midst of the noisiest games he would recollect himself in Him and raise his heart heavenwards in pious exclamations. He had a great devotion to the Blessed Mother of God and every day practised some mortification in her honour. On his way to school, he never let his eyes dwell on any person of the opposite sex but kept them on the ground. Once, when he had been forced to admit having thus missed seeing something that his school-fellows were all discussing, one of the boys lost his temper with him and exclaimed:

"What do you think to do with your eyes if you never use them?" "I hope to use them to behold the beauty of our Heavenly Mother, when I shall be worthy to see her in Paradise." He had an especial devotion to the Immaculate Heart of Mary. Every time he entered the Church, he knelt in prayer before her altar. He asked of her the grace to keep his heart free from all intemperate affection... "O Mary," he prayed, "I wish always to be thy child. Obtain for me that I may die rather than commit a sin against the virtue of purity."

His Death.

Never in robust health, Dominic became quite ill in March of 1857 with what the doctors diagnosed as an inflammation of the lungs. The treatment in those days consisted of blood-letting or slitting a vein and letting 'excess' blood drain out. In the space of four days, the doctor cut Dominic's arm ten times. Far from helping, this probably hastened his death. He died quietly in his home on March 9, 1857. His last words were - "What a beautiful thing I see."

"Blessed are the clean of heart, for they shall see God."


Saint Dominic Savio
St. Dominic Savio
Patron of:
boys, children's choirs, choir boys, choirs, The Falsly Accused, juvenile delinquents, Pueri Cantors.
b. 1842 d. 1857

St. Dominic Savio was born in Italy in 1842. One day when he was just four, he disappeared and his good mother went looking for him. She found the little fellow in a corner praying with his hands joined and his head bowed. He already knew all his prayers by heart! At five, he was an altar boy. When he was seven, he received his First Holy Communion. On that solemn day, he chose a motto: "Death, but not sin!" and he kept it always.

"A teenager such as Dominic, who bravely struggled to keep his innocence from Baptism to the end of his life, is really a saint," said Pope St. Pius X. Yes, Dominic was an ordinary boy with an extraordinary love for God.

At the age of twelve, Dominic entered the school run by St. John Bosco. Don Bosco examined him first and at the end of the questions, Dominic asked, "What do you think of me?" "I think you're good material," answered the priest, with a big smile. "Well, then," said Dominic, "You are a good tailor, so if the material is good, take me and make a new suit out of me for Our Lord!"

Everyone in the school saw from the way he prayed that this boy was different. He greatly loved all the boys, and even though he was younger, he used to worry about them. He was afraid that they would lose the grace of God by sinning. One day, a fellow brought a magazine full of bad pictures to school. In a minute, a group of boys had gathered around him to see it. "What's up?" wondered Dominic, and he, too, went to look. Just one peek was enough for him. He grabbed the magazine and tore it to pieces! "Poor us!" he cried in the meantime, "Did God give us eyes to look at such things as this? Aren't you ashamed?" "Oh, we were just looking at these pictures for the fun of it," said one boy. "Sure, for fun," answered Dominic, "and in the meantime you're preparing yourselves to go to hell!""Oh, what's so wrong about looking at these pictures anyway?" another fellow demanded. Dominic had a ready answer. "If you don't see anything wrong," he said sadly, "this is even worse." It means you're used to looking at shameful things!"

No one said anything after that. They all realized that Dominic was right. Another time he stopped a terrific stone-throwing fight between two angry boys. Holding up a little crucifix between them, he said, "Before you fight, look at this and say, 'Jesus Christ was innocent and He died forgiving His murderers. I am a sinner, and I am going to hurt Him by not forgiving my enemies.' Then you can start - and throw your first stone at me!" The two boys were so ashamed of themselves that they apologized, and promised to go to confession too. One day Dominic began to feel sick and was sent home to get better. While at home he grew worse, instead, and received the last Sacraments. He was only fifteen then, but he did not fear death. In fact, he was overjoyed at the thought of going to Heaven. Just before he died, he tried to sit up. "Goodbye," he murmured to his good father. Suddenly his face lit up with a smile of great joy and happiness. "I am seeing such wonderful things!" he exclaimed. Then he spoke no more, for he had gone to Heaven.

Dominic is the patron saint of choir boys and of the falsely accused. This latter title was given to him due to the following incident. One time, two boys filled the school stove with snow and garbage during the cold winter months. When the teacher came back into the room, they falsely accused Dominic of doing the "dirty" deed. Although disciplined in front of the entire class, Dominic refused to tell on the two mischievous boys. When the truth was later revealed, Dominic was asked why he didn't confess to his innocence. He remarked that he was imitating Our Lord, Who remained silent during His persecutions and crucifixion.

His feast day is March 9th.

source: http://www.boychoirs.org/library/history/savio.html
http://www.catholic.org/saints/saint.php?saint_id=43

 

English
Italiano

DOMINIC nacque il 2 aprile 1842, il figlio di un fabbro molto povero. Andò a scuola vicino a casa sua per tutto il tempo. Più tardi, ha camminato un round trip di sei miglia a frequentare una scuola in una città vicina. Un giorno, mentre l'insegnante era fuori della stanza, due ragazzi che ha portati in un sacco di neve e cestino e farcito in ferro solo stufa che era la stanza di riscaldamento. Quando l'insegnante tornò, era così arrabbiato che i due ragazzi colpevoli ha sostenuto che Dominic aveva fatto. L'insegnante ha dato Dominic un severo rimprovero, dicendogli che erano questo non suo primo reato, egli sarebbe stato immediatamente espulso.

Dominic ha detto non una parola in sua difesa, ma si trovava di fronte la classe e appesa la testa, mentre l'insegnante rimproverato. Il giorno successivo, alcuni degli altri ragazzi probabilmente tattled. In ogni caso, l'insegnante ha imparato la verità della questione. Andò subito a Domenico e ha chiesto perché non aveva risposto le accuse fatte contro di lui. Dominic ha detto che conosceva l'insegnante avrebbe sono espulsi gli altri ragazzi e ha voluto loro di avere un'altra possibilità. "Inoltre," ha dichiarato Domenico, "Mi sono ricordato che nostro Signore è stato accusato ingiustamente e ha detto niente."

Anche a questa età precoce, Dominic aveva iniziato la pratica della virtù che più tardi fu dichiarata eroica alla sua beatificazione. Da quando che era un bambino piccolo, era stato molto religiosa. Ammise per aiutare il sacerdote nella messa, quando egli era solo cinque, ma più che semplicemente osservando le pratiche e i costumi religiosi, Dominic ha vissuto la sua religione per l'intero arco della sua breve vita.

Nel 1854, andò a Torino e divenne allievo all'Oratorio di Don Bosco. Qui ha lavorato, studiato, interpretato e pregato per tre anni prima la sua malattia finale fu costretto a tornare a casa. Durante il breve tempo di Dominic presso l'oratorio, si guadagnò l'amore e il rispetto di tutti i ragazzi e i sacerdoti. Non era invadente e non sarebbe interrompere a dichiarare la propria vista, ma non era paura di opporsi sbagliato e sempre potrebbe dare ragioni perché pensava che una determinata azione era sbagliata.

Una volta Dominic sentito due ragazzi progettando una lotta di roccia. Essi erano diventati molto arrabbiati con a vicenda e sono state andando a combattere fuori. Dominic provato il suo meglio a parlare con loro di questa idea che era abbastanza pericolosa ma nulla sarebbe ondeggiare la loro determinazione. Egli potrebbe hanno detto l'insegnante, ma sentiva che questo sarebbe servita solo a rinviare la lotta. Infine, ha fatto i ragazzi decidono di una condizione segreta che egli avrebbe detto loro circa appena prima che la lotta. Dominic è andato con i ragazzi e li ha aiutati a fare i loro preparativi da accumulando rocce. Quando i ragazzi erano pronti a iniziare, Dominic additato un piccolo crocefisso e ha ricordato loro che Cristo è morto indulgente peccati ma che stavano andando a combattere una pericolosa lotta per ottenere anche per una lieve minore. "Ora," ha dichiarato Domenico, "buttare la vostra roccia prima a me. Questa è la mia condizione." A questa domanda, uno dei ragazzi ha detto, "ma Domenico, avete mai farmi del male o fatto niente per me e tu sei il mio amico". "Non farà male di me, un uomo povero, ma voi, con le vostre azioni, danneggeranno Gesù Cristo, che è anche Dio?" chiese Dominic. I ragazzi appesero la testa nella vergogna e abbandonato le loro pietre. Dominic mai menzionato questo incidente e non avremmo nessun record di esso non i due combattenti avevano detto a loro amici.

Dominic Savio aveva deciso di diventare un Santo. Immediatamente si recò nella cappella a pregare. Si rifiutò di giocare a qualsiasi gioco con gli altri ragazzi e mettere su una faccia lunga e grave. Per due giorni Dominic rimase in questo atteggiamento sobrio. Infine, Don Bosco, suo maestro, lo ha chiamato e ha chiesto se fosse malato. No, Dominic gli assicurò che si sentiva particolarmente bene e felice. Allora perché, ha chiesto di Don Bosco, Dominic rifiutarono di giocare il suo consueto e perché l'espressione sobrio? Quando Dominic ha spiegato il suo grande desiderio di diventare un Santo, Don Bosco ha elogiato la sua decisione ma consigliò a lui per essere allegro e non preoccuparsi; servire Dio è il modo per vera felicità.

La lezione portava i suoi frutti. Dominic divenne un apostolo di buona allegria con gli altri ragazzi. Un giorno, come ottenere conobbe un nuovo arrivato all'oratorio, ha spiegato a lui suo programma. "Qui facciamo santità consiste nel vivere gioiosamente come possiamo. Ci prendiamo cura di evitare sin - quel grande ladro che ci deruba della grazia di Dio e la pace dell'anima; abbiamo non trascurare nessun dovere e quindi cercare Dio con tutto il nostro cuore. Cominciare da ora e prendere come il vostro motto queste parole: Servite Domino in laetitia: servire il Signore con gioia Santo. "

Suo amore dei sacramenti.

Esperienza dimostra senza dubbio che la più grande fonte di aiuto spirituale si trova nei sacramenti della penitenza e la Santa Comunione. Ragazzi e ragazze che ricevono questi sacramenti frequentemente crescono fin dall'infanzia alla maturità e così fino alla fine della loro vita, sempre modelli di virtù cristiane. Sarebbero al cielo che i bambini potrebbero capire questa verità e metterla in pratica e anche che loro insegnanti potrebbe aiutarli a perseverare con esso!

Prima è venuto all'oratorio, Dominic erano state andando alla confessione e alla comunione una volta al mese, come era consuetudine nella maggior parte delle scuole, ma qui si recò più spesso. Un giorno sentì un sermone in cui il predicatore ha detto: "ragazzi, se si desidera perseverare sulla strada verso il cielo, vi consiglio di andare spesso alla confessione e comunione. Scegliere un confessore, ai quali è possibile disseppellire voi liberamente e mai cambiare lui a meno che non diventa necessario farlo."

Dominic ben compreso l'importanza di questo Consiglio. Ha iniziato scegliendo il suo confessore, chi non ha mai lasciato durante tutta la sua permanenza presso l'oratorio. In modo che questo prete dovrebbe conoscerlo accuratamente, ha insistito sul fare una confessione generale.

 

In un primo momento si recò a confessarsi che ogni due settimane, poi una volta alla settimana, ogni volta di ricevere la Santa Comunione. Suo confessore, tenuto conto dei suoi straordinari progressi in materia spirituale, consigliò di comunicare tre volte a settimana e alla fine di un anno ha gli permise la comunione quotidiana.


Dominic era molto soddisfatto di questo stato di cose. "Quando sono affatto preoccupato," diceva, "vado al mio confessore, che mi mostra che cosa è la volontà di Dio; per Gesù Cristo ci si assicura che il confessore, parla con la voce di Dio. Poi quando voglio qualcosa di importante, vado alla Santa Comunione, quando ricevo il corpo stesso che nostro Signore offerto per noi sulla Croce, insieme con il suo sangue prezioso, la sua anima e la divinità. Ciò che più è voler completare la mia felicità fino al giorno quando vedrò il faccia a faccia di colui che vedo ora sui nostri altari solo con l'occhio della fede?"

Prima della sua prima comunione, Domenico aveva fatto quattro promesse e li ha scritto in un libro che ha riletto spesso. Ha scritto:

1. Io andrò spesso alla confessione e andrò a Santa Comunione come spesso mi è permesso.
2. Cercherò di dare domenica e feste completamente a Dio.
3. I miei migliori amici sarà Gesù e Maria.
4. La morte piuttosto che peccato.
La promessa di quarta doveva essere il motto di Dominic per il resto della sua vita. Volta, egli chiese a Dio di lasciarlo morire prima di offendere lui commettendo un peccato mortale. Dominic conosceva alcuni ragazzi piuttosto ruvido e fu spesso in una cattiva parte della città. Tuttavia, alla fine della sua vita, ha mai commesso un peccato mortale. In realtà, egli condusse una vita di Santo.

Suo amore della penitenza.

Gioventù di Dominic, la sua salute delicata e l'innocenza della sua vita, sia dispensato lui da tutte le specie di mortificazione, ma come egli sapeva che l'innocenza è difficile preservare senza fare una sorta di penitenza, il percorso della mortificazione sembrava a lui per essere cosparso di Rose.

Dal mortificazione, qui non intendo cuscinetto pazientemente con le contraddizioni e gli insulti degli altri, né la continua mortificazione dei sensi in qualsiasi momento, durante le preghiere, a lezioni o ricreazioni, per questo era abituale con Dominic. Voglio dire mortificazione corporale. Nel fervore della sua anima, Dominic risolto mangiare e bere solo acqua e pane ogni sabato, in onore di nostra signora Beato, ma suo confessore vietava. Prossimo voleva veloce durante la Quaresima, ma dopo una settimana, il suo direttore è venuto a sentire di quello che stava facendo e porre fine ad esso. Pregò almeno di poter andare senza sua colazione ma questo anche è stato proibito, per tutti questi mortificazioni avrebbero avuto un effetto molto negativo sulla sua salute.Come il digiuno e astinenza era vietati lui, Dominic ricercate circa di altri mezzi di mortificazione di se stesso. Ha messo mattoni e pezzi di legno nel suo letto così che anche nel sonno non dovrebbe essere confortevole. Egli voleva indossare una camicia di capelli. Sta anche proibito di fare queste cose, ha fatto ricorso ad un altro stratagemma.

Durante l'autunno e l'inverno che ha mantenuto la sua estate biancheria da letto così che in gennaio aveva ancora il sottile coperte che aveva servito lui a metà estate. Un giorno, quando una lieve indisposizione aveva lo costrinse a rimanere a letto, il rettore è venuto a vederlo. Notando che il ragazzo era rotolato il foglio rotondo e turno se stesso, egli ha attirato più vicino e ho visto che il letto era solo una leggera copertura. "Qual è il significato di questo?" domandò, "Vuoi morire di freddo?" "No," fu la risposta, "non morirò di freddo. Gesù nella mangiatoia e sulla Croce aveva minore a coprirlo di questo."

Tuttavia, fu severamente vietato effettuare una penitenza alcun modo fino a quando egli aveva ottenuto il consenso dei suoi superiori. Questo ordine che ha obbedito, anche se purtroppo. Un giorno, quando ha incontrato e mi ha detto: "io davvero non so cosa fare. Nostro Signore dice che senza fare penitenza non possiamo raggiungere cielo e ho stato proibito tutti penitenza; come piccole sono mie possibilità di paradiso!" "La penitenza che Dio chiede di voi è obbedienza". "Non mi permette di fare qualche altro penitenza?" ammise. "Sì, sopportare pazientemente gli insulti degli altri e sopportare, uncomplainingly, calore, freddo, vento e pioggia; Quando si è stanchi non essere mal umore; Quando si è ammalato, grazie a Dio." "Ma queste sono necessarie sofferenze". "Poi fare di necessità virtù, sopportare tutto per amore di Dio e sarete sicuri di ottenere merito nella sua vista." A queste parole Dominic sembrava soddisfatto e felicemente andato per la sua strada.

Dominic fu così inalterato nel suo contegno che solo i suoi insegnanti e amici intimi capiti che questo modestia era il frutto di grandi sforzi, aiutati dalla grazia. Era uno sforzo eroico per lui mortificare la sua vista, poiché egli era di natura veloce e attento. Ha confidato ai suoi amici che, quando cominciò prima a praticarla, lo sforzo era così grande da portare sul violento mal di testa. E ancora ha raggiunto tale una completa padronanza dei suoi occhi che è stato il parere di tutti coloro che lo conoscevano, che mai una volta ha così tanto come dare un colpo d'occhio non custodito o indulgere la sua vista a minimo grado. "Gli occhi", avrebbe detto, nei suoi colloqui spirituale ai suoi amici, "sono windows. Come solo bisogno di vedere che cosa si desidera vedere attraverso una finestra, così con gli occhi; essi possono ci mostrano un angelo di luce o lo spirito delle tenebre, sia altrettanto ansioso di possedere le nostre anime."

Un giorno, uno dei ragazzi portato con sé una rivista che in cui erano alcune immagini indecenti ed empie. Lui fu rapidamente circondato da altri ragazzi ansiosi di vedere questi disegni orribili. Dominic anche corse, ma, non appena ha percepito che cosa era la vera natura delle immagini, è cresciuto indignato, ha preso la rivista e stracciò in piccoli pezzi. A questa brusca interruzione, gli altri guardato un l'altro in silenzio. Dominic taciute per alcuni secondi e poi ha spiegato la sua azione.

"Che cosa stai pensando? Dio vi ha dato gli occhi che si possa ammirare la bellezza delle sue opere; e tu sei utilizzando, o piuttosto abusare, li a guardare queste pratiche abominevoli. Hai dimenticato quello che così spesso nostro Signore dice: che un singolo look nocivo può del suolo nostre anime? E qui sono banchettando gli occhi con quella sporcizia!"

"Ma," ha contestato un ragazzo, "era solo uno scherzo". "Uno scherzo bene penserai esso quando si sta bruciando all'inferno!" "Non ho visto alcun danno così grande in loro," protestò contro l'altro. "Così tanto il peggio. Di non vedere alcun danno in quegli orrori, sostiene che gli occhi sono utilizzate per tali luoghi, e un tale riconoscimento rende il vostro peccato maggiore. Non sai che il Santo Patriarca lavoro, anche se vecchia e infermi, dichiarato che lui avevano fatto un contratto con i suoi occhi, non si dovrebbe mai riposare su tutt'altro che ciò che era santo e casto?"

A questo tutti hanno tenuto loro pace: né chiunque altro sento incline ad attraversare le spade con uno in grado in difesa e attacco.Per la custodia degli occhi, Savio inoltre aderito che della lingua. Ogni volta che chiunque altro stava parlando, se erano giusto o sbagliato, che avrebbe mantenuto il silenzio, rompendo spesso anche ciò che egli aveva detto, per dare agli altri l'opportunità per il discorso. I suoi maestri e altri superiori sono unanimi nel dichiarare che non hanno mai avuto un'occasione per rimproverarlo per una parola parlata di stagione, a scuola o nel corso di studio o nella Chiesa. Più, se uno qualsiasi dei suoi compagni di scuola scelto un litigio con lui, avrebbe tenere il suo temperamento e trattenere la sua lingua.

Un giorno, egli aveva avvertito un altro ragazzo di una cattiva abitudine che aveva, ma invece di prendere l'avviso in buona parte, il ragazzo ha perso il suo temperamento e travolto Dominic con rimproveri, infine battendo e calci lui. Dominic potrebbe avere restituito questo con interesse, per fu il più grande e più forte dei due ma essere ha scelto di prendere un cristiano vittoria e anche se il suo volto è cresciuto rosso, controllate se stesso e detto semplicemente: "sono comportati male ma ti perdono. Cercate di non trattare gli altri così."

Come possiamo noi lodiamo sufficientemente mortificazione di Dominic dei suoi altri sensi? Mi accontenterò con citando alcuni esempi della sua severità con se stesso. In inverno, ha sofferto con geloni sulle sue mani, ma comunque doloroso potessero essere, è non stato mai sentito lamentarsi. Al contrario, egli sembrava prendere piacere a loro. "Il più grande sono," diceva, "il meglio per la salute" e di "salute" voleva dire che l'anima. Alcuni dei suoi compagni di scuola affermare che nel amaro freddo dell'inverno, era l'abitudine di camminare lentamente per soffrire e fare penitenza.

Nelle scuole di imbarco, ci sono sempre alcuni alunni che brontolare sia della lunghezza dei servizi chiesa o si lamentano dei regolamenti scuola, o altro della cucina. Essi sono una vera Croce per loro superiori, per favorire la uno spirito di ribellione tra gli altri alunni. Ben altra era la condotta di Domenico. Mai è stato sentito a borbottare a tempo, o la qualità del cibo; Infatti, pasto volte erano per lui un'altra opportunità per mortificazione, poiché avrebbe accettato volentieri qualsiasi bocconcini respinta dagli altri ragazzi come essere troppo sale, o non abbastanza, sale underdone o esagerato, dichiarando che essi erano esattamente di suo gusto.

Era per lui un passatempo piacevole a pulire le scarpe, spazzolare i vestiti del suo amico, fare i più umili servizi per coloro che erano malati, spazzare e altri come compiti umili. "Ognuno fa quel che può," diceva, "io non sono in grado di fare molto ma faccio tutto quello che posso per la maggior gloria di Dio; e spero che nella sua infinita bontà, il Signore sarà gentilmente su miei sforzi poveri." Quindi, mangiare ciò che è stato sgradevole a lui, rinunciare a quello che gli piaceva, mantenendo la custodia dei suoi occhi anche nelle piccole cose, rinunciare alla propria volontà, sopportando con sofferenze perfetto dimissioni mentali e fisiche; tali erano le mortificazioni che Dominic praticato tutto il giorno e ogni giorno. Ansioso come lui doveva morire a se stesso, in modo che Cristo possa vivere in lui, prese assiduamente anche la più piccola opportunità per migliorare il suo merito al cospetto di Dio.

La devozione alla Madonna.

Tra tante grazie con cui Dio era stato lieto di arricchire l'anima di Dominic, non meno importante fu il suo fervore nella preghiera. Egli aveva avuto così l'abitudine di conversare con Dio che anche nel bel mezzo di giochi più rumorosi avrebbe rammentare a se stesso in lui e sollevare il suo cuore verso il cielo in pii esclamazioni. Aveva una grande devozione per la beata madre di Dio e ogni giorno praticato qualche mortificazione in suo onore. Il suo modo di scuola, ha mai lasciare che i suoi occhi soffermarsi su qualsiasi persona del sesso opposto, ma li teneva sul terreno. Una volta, quando egli era stato costretto ad ammettere di aver quindi perso vedere qualcosa che suoi compagni di scuola stavano discutendo, uno dei ragazzi ha perso il suo temperamento con lui e ha esclamato:

"Cosa ne pensi di fare con i vostri occhi, se lei mai usarli?" "Spero di usarli per Ecco la bellezza della nostra Madre celeste, quando sarò degno di vederla in paradiso". Aveva una especial devozione al Cuore Immacolato di Maria. Ogni volta che egli entrò nella Chiesa, egli inginocchiato in preghiera prima del suo altare. Ha chiesto di lei la grazia per mantenere il suo cuore libero da tutto intemperante affetto... "O Maria," pregava, "vorrei sempre essere di tuo figlio. Ottenere per me che io posso morire piuttosto che commettere un peccato contro la virtù della purezza."

Sua morte.


Mai in robusta salute, Dominic si ammalò abbastanza nel marzo del 1857 con quello che i medici diagnosticati come un'infiammazione dei polmoni. Il trattamento in quei giorni era composta da salasso o una vena di taglio e lasciando che il sangue 'eccesso' scolare. Nello spazio di quattro giorni, il medico ha tagliato il braccio di Dominic dieci volte. Tutt'altro che aiutando, questo probabilmente accelerato la sua morte. È morto tranquillamente nella sua casa il 9 marzo 1857. Le sue ultime parole furono - "Che bella cosa vedo."

"Benedetto sono la pulizia del cuore, poiché essi vedranno Dio."


Saint Dominic Savio
San Domenico Savio
Patrono di:
ragazzi, cori di bambini, ragazzi del coro, cori, The Falsly accusato, delinquenti giovanili, Pueri cantori.
b. 1842 m. 1857 st Dominic Savio è nato in Italia nel 1842. Un giorno, quando aveva solo quattro anni, scomparve e la buona madre andò in cerca di lui. Ha trovato il piccino in un angolo a pregare con le sue mani si unirono e la testa chinata. Sapeva già tutte le sue preghiere di cuore! A cinque anni, fu chierichetto. Quando aveva sette, ricevette la sua prima comunione. Quel giorno solenne, scelse un motto: "Morte, ma non il peccato!" e mantenne sempre.

"Un adolescente come Domenico, che coraggiosamente hanno lottato per mantenere la sua innocenza dal battesimo alla fine della sua vita, è davvero un Santo," ha detto il Papa San Pio X. Sì, Dominic era un ragazzo normale con un amore straordinario per Dio.

All'età di dodici anni, Dominic entrò la scuola gestita da San Giovanni Bosco. Don Bosco esaminò prima e alla fine delle domande, Dominic ha chiesto, "cosa ne pensi di me?" "Penso che tu stai bene materiale," rispose il prete, con un grande sorriso. "Bene, allora," ha dichiarato Domenico, "Tu sei un buon sarto, così, se il materiale è buono, prendere me e fare un vestito nuovo fuori di me a nostro Signore!"

Tutti nella scuola visto dal modo in cui ha pregato che questo ragazzo era diverso. Amava molto tutti i ragazzi, e anche se era più giovane, ha usato per preoccuparvi di loro. Aveva paura che avrebbero perso la grazia di Dio di peccare. Un giorno, un collega ha portato un rivista pieno di immagini male a scuola. In un minuto, un gruppo di ragazzi aveva raccolto intorno a lui, di vederlo. "What's up?" si chiedeva Dominic e lui, troppo, andato a guardare. Solo una sbirciata era abbastanza per lui. Afferrò la rivista e stracciò a pezzi! "Poveri noi!" gridò nel frattempo, "ha fatto Dio ci danno gli occhi a considerare tali cose come questo? Non vergogni?" "Oh, stavamo solo guardando queste foto per il divertimento di esso," ha detto un ragazzo. "Certo, per divertimento," rispose Dominic ", e nel frattempo si stanno preparando voi ad andare all'inferno!" "Oh, che cosa è così sbagliato guardando queste foto comunque?"un altro collega richiesto. Dominic ha avuto una risposta pronta. "Se non vedete nulla di male," ha detto che purtroppo, "questo è ancora peggio." Vuol che siete abituati a guardare le cose vergognose!"

Nessuno ha detto nulla dopo che. Tutti hanno capito che Dominic era giusto. Un'altra volta che si è fermato una formidabile lanci di pietre lotta tra due ragazzi arrabbiati. Alzando un piccolo crocifisso tra di loro, disse: "prima di combattere, guardare a questo e dire: «Gesù Cristo era innocente e morì a perdonare i suoi assassini. Io sono un peccatore, e ho intenzione di fargli del male da non perdonare i miei nemici.' Quindi potete avviare - e buttare la vostra prima pietra a me!" I due ragazzi erano così vergognati di se stessi che essi si scusò e ha promesso di andare a confessarmi troppo. Un giorno Dominic ha cominciato a sentirsi male e fu mandato a casa per ottenere il meglio. Mentre a casa è cresciuto peggio, invece e ha ricevuto gli ultimi sacramenti. Aveva solo quindici anni quindi, ma egli non ha fatto temere morte. In realtà, era felicissimo al pensiero di andare verso il cielo. Prima di morire, egli tentò di sedersi. "Addio", ha mormorato al padre buono. Improvvisamente il volto illuminato con un sorriso di grande gioia e di felicità. "Sto vedendo tali cose meravigliose!" esclamò. Poi ha non parlato di più, poiché si era recato al cielo.


Dominic è il patrono dei ragazzi del coro e del falsamente accusato. Questo titolo di quest'ultimo è stato dato a lui a causa di incidente seguente. Una volta, due ragazzi riempito la scuola stufa con la neve e immondizia durante i freddi mesi invernali. Quando l'insegnante è tornato nella stanza, falsamente accusato Dominic di fa il rogito "sporco". Sebbene disciplinato di fronte a tutta la classe, Dominic ha rifiutato di dire sui due ragazzi maliziosi. Quando la verità, fu rivelata, Dominic è stato chiesto perché egli non confessare a sua innocenza. Egli sottolineò che egli era imitando il nostro Signore, che rimase in silenzio durante la sua persecuzioni e la crocifissione.
La sua festa è 9 marzo.

Fonte: sito web della :
Santo Domenico Savio a la wakapedia

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,