English
Italiano

St. Gerard Majella
Feastday: October 16
Patron of expectant mothers
1755


St. Gerard Majella, religious, is the patron of expectant mothers. He was born at Muro, Italy, in 1726 and joined the Redemptorists at the age of 23, becoming a professed lay brother in 1752. He served as sacristan, gardener, porter, infirmarian, and tailor. However, because of his great piety, extraordinary wisdom, and his gift of reading consciences, he was permitted to counsel communities of religious women.

This humble servant of God also had the faculties of levitation and bi-location associated with certain mystics. His charity, obedience, and selfless service as well as his ceaseless mortification for Christ, made him the perfect model of lay brothers. He was afflicted with tuberculosis and died in 1755 at the age of twenty-nine. This great saint is invoked as a patron of expectant mothers as a result of a miracle effected through his prayers for a woman in labor.

Prayer: O Great Saint Gerard, beloved servant of Jesus Christ, perfect imitator of your meek and humble Savior, and devoted Child of the Mother of God: enkindle within my heart one spark of that heavenly fire of charity which glowed in your heart and made you an angel of love. O glorious Saint Gerard, because when falsely accused of crime, you did bear, like your Divine master, without murmur or complaint, the calumnies of wicked men, you have been raised up by God as the Patron and Protector of expectant mothers. Preserve me from danger and from the excessive pains accompanying childbirth, and shield the child which I now carry, that it may see the light of day and receive the lustral waters of baptism through Jesus Christ our Lord. Amen.

ST GERARD MEDALS – Patron Saint of Motherhood
Gerard medals are worn by expectant mothers or those experiencing a difficult pregnancy. Often placed in a Bible or prayer book these medals are a reminder of St. Gerard’s intercession for a safe delivery.
Saint Gerard Majella (April 6, 1726, Muro Lucano, Basilicata – October 16, 1755, Caposele, Campania) He is the saint whose intercession is requested for children (and unborn children in particular), childbirth, mothers (and expectant mothers in particular), motherhood, falsely accused people, good confessions, lay brothers and Muro Lucano, Italy.

Background
When he was born, he was given the name Gerard. He was the son of a tailor who died when Gerard was twelve, leaving the family in poverty. His mother then sent him to her brother so that he could teach Gerard how to sew and help the business. During this time, he was abused by a man whom his uncle sent to help him. He kept silent, but soon his uncle found out and the man who taught him resigned from the job. He loved to be like Jesus Crucified and tried at all costs to suffer. He tried to join the Capuchin order, but his health prevented it. He joined the Congregation of the Most Holy Redeemer in 1749.[2] When falsely accused by a pregnant woman of being the father of her child, he retreated to silence. She later recanted and cleared him, and thus began his association as patron of all aspects of pregnancy. He was reputed to have bilocation and read consciences. His last will consisted of a small note on the door of his cell saying, "Here the will of God is done, as God wills, and as long as God wills." He died on October 16, 1755 in Caposele of tuberculosis, aged 29.[1]

Veneration
Gerard Majella was beatified in Rome on January 29, 1893, by Pope Leo XIII. He was canonised less than twelve years later on December 11, 1904, by Pope Saint Pius X.[2] The feast day of Saint Gerard Majella is October 16. He was featured on an Italian 45-euro postage stamp in May 2005. The St. Gerard Majella Annual Novena takes place every year in St. Josephs Church, Dundalk, Ireland. This annual nine-day novena is the biggest festival of faith in Ireland.

In 1977, St. Gerard's chapel in St. Lucy's Church (Newark, New Jersey) was dedicated as a national shrine. Each year during the Feast days which include October 16, there are the traditional lights, music, food stands and the street procession, it is apparent that this Feast is a spiritual exercise with all of the essential activity centered around the ‘Saint’ and the Chapel. Devotees visit the Shrine also throughout the year to pray to and petition the help of this Miraculous Wonder Worker.The League of St Gerard (Redemptorists, Clapham, London) provides spiritual support and prayers for all expectant mothers and families.Two towns in Quebec, Canada, are named in his honour: one in the Montérégie region and another in the Lanaudière region.The International Prize for poetry St. Gerard Majella
The International Prize for poetry is how St. Gerard Majella initiative to promote culture, the written expression of feelings and emotions that express the figure of St. Gerard Majella. To give voice to those colors that often, for a thousand reasons, remain locked within the soul of each one .... The event is 'organized by volunteer Cuorimuresi of Muro Lucano, location of' Basilicata. The first edition of 2009, was attended there about a hundred participants. [citation needed]

Quotations

Some quotations attributed to Gerard Majella include:

•"The Most Blessed Sacrament is Christ made invisible. The poor sick person is Christ again made visible."
•"I see in my neighbor the Person of Jesus Christ."
•"Consider the shortness of time, the length of eternity and reflect how everything here below comes to an end and passes by. Of what use is it to lean upon that which cannot give support?"
•"Who except God can give you peace? Has the world ever been able to satisfy the heart?"
Further reading
•His life story and prayers can be found at SaintGerard.com
•Chapin, John, "A Treasury of Catholic Reading"
•Farrelly Jr, Peter, "Hope in the Handkerchief of a Saint"
•Rabenstein, Katherine, "For All The Saints"
•Karelse, Theun, "The Field Guide To Flying Saints"
•Saint-Omer, Edward, "Life, Virtues, Miracles of Saint Gerard Majella"PDF
•Heinegg, Peter (translator), "Saint Gerard Majella, His Writings and Spirituality" - ISBN 0-7648-0788-9
References
1.^ a b Patron Saints Index: St. Gerard Majella
2.^ a b J. Magnier (1913). "St. Gerard Majella". Catholic Encyclopedia. New York: Robert Appleton Company. http://www.newadvent.org/cathen/06467c.htm.
3.^ St. Lucy's Church, Newark, NJ.
(from Wikipedia)

The History of Saint Gerard Mejalla
Introduction
The life of St. Gerard Majella reads like a fairy tale for children: full of surprises, full of impossible things that happen anyway because of him. An archangel brings him Communion! A statue comes to life! Empty pantries suddenly bulge with bread! A bird bolts out of the air to perch on his finger and sing for a crying child! The life of St. Gerard teems with such things. If you are one who finds wonders hard to stomach, if dozens of “commonplace” miracles tax your forbearance . . . this booklet is not for you. Lay it aside.

Children will love this story . . . and their mothers, too. That is only as it should be. For today, for some secret reason of Divine Providence, little ones and their mothers are St. Gerard’s favorite beneficiaries. Thousands of children in the United States bear the name “Gerard” because of his powerful intercession. He is commonly called the Patron of Mothers.

The Beginning
Annibale Rosso! It was incredible. He had suddenly given up membership in the Communist Party. Even more surprising, he was seen at mass. People naturally talked in the small town south of Naples. Communism was on every lip just then, for it was the month of April 1948. On the third Sunday of the month all Italy would vote and Communism might well take over the government. But one thing was certain. The vote of Annibale Rosso would be against the Hammer and Sickle. He said so himself. He swore a solemn oath, he would have no more truck or traffic with the Party . . . not after last night.

Last night he had been ranting in his usual fashion against the “duplicity and trickery of the Church.” If anything he was more boisterous, more caustic than ever. The occasion was a candlelight procession that had come to town. People singing. Little children in white carrying spring flowers, and priests in the black cassock and rosary of the “Liguorini” – the Redemptorists. Annibale cursed the “tomfoolery.” He was all for stoning the priest preaching in the public square before the church. “What new-fangled sort of nonsense is this?” he muttered . . . “digging up a saint two hundred years dead and carrying him round the countryside! It’s a trick. The whole thing is a trick of these priests.”

At the wish of the Archbishop of Conza, the remains of St. Gerard Majella had been traveling through the Archdiocese since the first of April. They would continue visiting town after town until April 15th. It was an attempt at waking the towns of the Archdiocese to the practice of their Faith; to warn them of their duty as Catholics to vote on April eighteenth and avert the red menace. Gerard Majella had come from that neighborhood. He had visited these very towns as a Redemptorist laybrother two centuries ago. He had died at Materdomini in 1755 at the age of twenty-nine. Wonders were his specialty. Stories of his miracles were still handed down from father to son all through that countryside.

During the fifteen-day tour of his native diocese of Conza, St. Gerard continued his wonders. All spring the skies had been clear. The fields were parched and dry. Farmers, among them Annibale Rosso, were hoping for rain for their crops. The evening the procession came to the town, it rained for the first time in weeks. The same thing had happened in many other places. Then there was a little thirteen-year-old girl suffering from an incurable malady – tuberculosis of the bone. The afternoon St. Gerard passed through the village, she was cured instantaneously.

The rumor of all these happenings ran like wildfire. By the time the procession came to the town of Annibale Rosso, new wonders were already passing from lip to lip. It was too much for Annibale. The peasants with their beads and shawls, the smoking candles, the church bells, the sermon, the flower-decked statue of Our Lady of Materdomini. People stood in queues waiting to confess their sins. Eight Redemptorists were constantly busy. And there was to be a Mass at midnight! Annibale Rosso swore a withering oath and went home to bed.

Then it happened. In his sleep he saw St. Gerard Majella accompanied by a group of priests. “Annibale Rosso, have I not helped you often before this?” The saint’s face was stern. His dark eyes flashed disapproval. “Have all my graces been fruitless? Do you think you can make sport of the Saints of God and come off unscathed? It is not as you say, a “trick” of these good priests, that I am carried through the countryside. I am visiting my friends . . ." Annibale Rosso sat up in bed. He was trembling. Dressing at once, he hurried down to the church, waiting with his townsmen to confess his sins and receive the absolution of the missionary.

In 1948, just as in 1755, Brother Gerard Majella of the Redemptorists was busy – not only battling with Communists in Italy, but leading the counterattack in America on the forces of Anti-life, pouring favors on countless mothers, and blessing the unborn.

A Pretty Lady
He was born in the South of Italy in a small town called Muro on the sixth of April. It was in the year 1726. His father, Domenico, was a tailor. His mother, Benedetta, had already borne three daughters. Gerard was the youngest – the only son. They were an ordinary hard-working Italian family. Pious too. Donna Benedetta often brought her three youngest to Mass with her at the shrine of Our Lady of Graces at nearby Capotignano. And, like thousands of other small boys, then and now, Gerard was all eyes for the strange new things he saw. Not quite four, he was too young to know what was going on. But he did know this: he liked the “pretty lady with the baby.”

“Mama, Mama, see what I got from the little boy.” In his hand he clutched a small roll of bread. Nobody paid him a bit of attention as he chattered about a pretty lady and her baby who had given him the bread. Small boys love to make up stories! But the next day he brought back another white roll, and again the next day, and the next. His mother decided to investigate. Next morning she followed her son. Off he ran the two miles to Capotignano, making straight for the chapel. Benedetta followed. It was then she saw who his playmate was – the Christ-Child himself. The statue of Our Lady of Graces had come to life. The infant climbed down from his Mother’s arms to romp with Gerard. A bewildered Benedetta ran home to Muro. At mealtime, little Gerard came back with another roll of bread.

In after life this childhood attraction for the “pretty lady with the baby” ran over into a love for all children and their mothers. This can be seen in the most cursory glance at his life. There are so many wonders wrought for little children . . . and for mothers. The “Mother’s Saint” has earned even greater claim to the title in the nineteen decades since his death.

His Lordship’s Latch-Key
Ten years later when he was houseboy for Bishop Albini at Lacedonia, children went home to their mothers with all sorts of stories told them by Gerard Majella. But the townsfolk had learned about the new houseboy themselves. Everyone had tales of his kindness, his visits to the poor in the clinic, his compassion. How he bandaged the wounds of the sick and brought them leftovers from the bishop’s table. Anyone who noticed him at prayer in the cathedral knew Gerard for what he was.

But the morning they saw him running down the cathedral steps with the Bambino, they didn’t know what to say! It was the last week in December in 1743. People stopped and stared at Gerard racing down the street with the statue of the Infant from the crib. A crowd followed after him. He paid no attention. On he ran to the public well.

What happened? What’s the matter?” Someone explained how His Lordship had gone for his morning walk, and the house-boy had locked the door and come down to the well for water: but as he leaned down to haul up the bucket, the bishop’s key had dropped into the well.

Gerard had by now tied a rope around the Bambino, and was lowering it gently into the well. “Gesu, Gesu Bambino” he prayed aloud, “find me my key. It’s the key to His Lordship’s house . . . and he’ll be back in half an hour . . .” Bystanders craned their necks to peer into the well. Others shook their heads and walked off. Some smiled a little smugly at the antics of the frightened houseboy. But when he pulled up the rope from the well and the dripping statue of the Infant came into view, there in Bambino’s tiny hand was the Bishop’s key.

In June of 1744, Bishop Albini died at Lacedonia and Gerard returned to his hometown of Muro. He had been apprenticed to a master-tailor before going to Lacedonia to work for the bishop and knew the trade quite well. Now after a short apprenticeship with a second tailor, he set up his own business in his mother’s house.

There’s magic in an established name. And the sign “Majella the Tailor” hanging over the shop brought many of his father’s old customers to the door. His growing reputation for faultless workmanship won him patrons from all walks of life. His prices were always fair. He was scrupulously honest. From the poor, he took no payment at all.

One day, a man came in with some goods for a suit. Gerard spread it on the table, and laid his tape measure along its length. “Mmmmm!” He shook his head. The cloth was much too short. The poor man could not hide his chagrin, as he had no money for more. “It is nothing,” said Gerard, running his fingers along the edge of the cloth. He measured it once more. Three yards . . . four . . . five! More than enough for a fine substantial suit! As a matter of fact, when the garment was finished, the man received a good extra piece of material. The cloth had grown longer under Gerard’s miraculous touch.

One and Twenty
April 6, 1747. How the years fly! Gerard was twenty-one and as yet had not found his heart’s desire. He had a fair business: at least he could support his mother. He gave he a third of all his earnings. Another third went to the poor of Muro. The rest was for Masses for the Poor Souls. As for himself . . . God would provide. Not too practical to a hard-headed businessman, but he was more than just a small town tailor. He wanted to be a saint.

His mother was driven to distraction by her son. He would not eat her meals. He was lean from fasting and penance, pale from long vigils of prayer in the nearby cathedral. But if his constitution was frail, his disposition was always on a holiday: gay as a lark, merry as a little child.

Hope Deferred
Twice he had applied for admission to the Capuchin monastery at Muro. But a glance at his sunken chest and thin white hands, and the Capuchins turned him down. Candidly, they told him, he had not the health nor stamina for so strenuous a life. Perhaps he should go off into the hills to live as a hermit in seclusion and holy meditation! He tried it but his confessor firmly forbade it. So Gerard went back to his needles and tape. He understood that a man can achieve holiness in any walk of life, in the faithful discharge of his duties. If it were God’s will that he be a tailor, then he would be a good one.

And God showed evident approval. The whole countryside spoke openly of his supernatural powers. Had he not cured little Amata Giuliani! The little girl had tumbled into a vat of boiling water and for all the medications of oil and wax, the child whimpered in her mother’s arms all day. As Gerard was passing the house he heard the child and went in. “It is nothing,” he said, laying his hand on the scalded skin. Suddenly, little Amata Giuliani was smiling. The next morning all trace of the burn was gone.

Walking down a side street of Muro another day, Gerard noticed a new house abuilding. Work was at a standstill. The carpenters stood awkwardly by while the foreman ran his fingers through his hair in a helpless rage. The rafters had been sawed too short. “Pull them with ropes,” suggested the onlooker. Practical men though they were, they took the suggestion. The rafters fitted snugly from wall to wall, and work was resumed.

Always in Church
No matter what was ado about the cathedral, Gerard was there. He attended all the Sunday Masses, the May devotions, the tridua. In fact, he often spent the whole night locked up in church. One of his relatives happened to be sacristan. The rest was easy. One evening while deep in prayer, Gerard heard a voice . . . “Pazzarello . . . My little fool, what are you doing?” looking up at the altar, he answered. “Ah, but you are more a fool than I, a prisoner for me in your tabernacle.” When the bells rang for Mass the next morning, Gerard was still in church.

He was there the afternoon of Low Sunday, April 13, 1749, for the start of the parish retreat. A newly founded congregation of missionaries were to preach in all three churches of Muro. Their founder had been a well-known lawyer at Naples, Alphonsus de Liguori. Wherever these missionaries went, they moved all hearts with their fervent words. It was the same in Muro.

One of the missionaries, Father Paul Cafaro, made a deep impression on Gerard Majella. “I must join these men as a lay brother,” he decided. Each day the resolution grew more insistent in his heart. He even gave away all his worldly goods – one extra shirt and a pair of linen breeches! Finally, he went to see Father Cafaro.

No Encouragement
But like the Capuchin superior a few years before, Father Cafaro gave him no encouragement. He was too frail for the rigorous tasks of a lay brother. Despite the rebuff Gerard was not disheartened. He was convinced that God wanted him to join his new Congregation of the Most Holy Redeemer. He went on making preparations for departure.

When his mother discovered the plan she was frantic. His three sisters wept aloud, pleading with him to stay. “Mother needs you at home,” they insisted. But Gerard stood firm. He was going to Iliceto to become a Redemptorist! They ran to the missionaries, begging them not to accept their brother. Father Cafaro has no intention whatever of accepting the young man. However, he shrewdly foresaw it would be hard to dissuade this importunate youth. “Detain him at home somehow the day we leave,” was Father Cafaro’s advice to Gerard’s distracted family. They promised to do so.

Benedetta bolted Gerard’s door the morning the Redemptorists left Muro. But later when she tiptoed into the room, he was not there. His bed-clothes, knotted together, streamed from the open window, and on a small table lay a scrap of paper: “Mother, I am off to become a saint,” it read. It was signed “Gerardo.” He had gone after the missionaries.

Success
“Wait, wait for me!” The group of missionaries half way to Rionero turned to see a cloud of dust on the road behind them. It was that young man again. He had pursued them for twelve miles. Gasping for breath, he commenced his entreaties all over. He was too frail for the life, the missionaries countered. He had better go back to Muro. But Gerard would not be put off. He argued. He nagged. He pleaded. He prayed to Our Lady. He made such a holy nuisance of himself during the next few days in Rionero that Father Cafaro at last gave in. He wrote a short note for the Rector of the monastery at Iliceto, and gave it to the persistent young man. At once Gerard was on his way. By nightfall, he had reached the novitiate of the Redemptorists.

On a Saturday evening, the seventeenth of May in 1749, a tired young man, dusty from long hours of walking, knocked on the door of the monastery at Iliceto. Soon he was presenting his precious letter to Father D’Antonio, the rector. He had no idea of what Father Cafaro had written. As the Rector unfolded the note, Gerard was all happiness, his face wreathed in smiles. “I am sending you a brother, who as far as work goes, will be perfectly useless.” The Rector glanced up at the young man over the letter, noting the frail little frame and the pallid face. He read on . . . “But because of his many earnest entreaties, and the high reputation he holds in Muro, I could not quite deny him a trial . . .” Now Father D’Antonio was smiling. “This is not an easy life,” he dryly remarked, “But we will give you a chance at it.” Gerardo Majella was happy unto tears. He was going to be a religious . . . a lay brother of the Congregation of the Most Holy Redeemer.

Gerard Majella, the Redemptorist Lay-brother
A lay brother is lay: he is not an ordained priest. He is not bound to the Divine Office. He does not say Mass or hear Confessions, or preach missions. But he is a brother to the priests of the community, wearing the same Redemptorist habit, living under the same roof, eating the same meals, sharing the community’s prayers and good works. He is a religious with the three vows of Poverty, Chastity and Obedience . . . the same vows as any Redemptorist priest. In no sense is he a servant to the priests. He is their helper. He takes care of the material upkeep of the monastery while his confreres are busy with the spiritual work of the apostolic ministry. He has little commerce with the world beyond the monastery walls except when the business of the house may require it. He should be modest, humble, simple, and joyously obedient. Above all, he must be devoted to prayer.

Knowing what we do of Gerard, we can appreciate how ideally he fitted these requirements. Today, in the Constitutions of the Lay Brothers of the Congregation, St. how ideally he fitted these requirements. Today, in the Constitutions of the Lay Brothers of the Congregation, St. Gerard Majella is named their patron and model. But, back to Iliceto in May of 1749.

Next morning he began his new apprenticeship: doing odd jobs here and there about the monastery, helping the brothers at their various tasks. His first assignment was the garden . . . hard and back-breaking work for a lad accustomed to needle and thimble. Somehow he managed to finish his own work and always have time to help the others. “This new-comer does the work of four of us,” was the comment of his new companions. Their admiration mounted wit the weeks; and by the time Father Cafaro came as Rector to Iliceto in October of that year, the young man from Muro was considered the jewel of the house.

The Will of God
The new Rector of Iliceto was quick to realize how premature he had been with his scribbled recommendations. Absolutely worthless! It embarrassed him to remember what he had written. Not only could the postulant do the work of four, he did the downright impossible! He read the minds of total strangers. He cured sicknesses. He set the natural laws at naught. His recollection was constant. So fixed were his thoughts on God and His Holy Will, he became a model of punctilious obedience. That was the secret of Gerard’s holiness: that in everything he sought the Will of God. For him the Redemptorist Rule in its minutest detail was the express Will of God. He knew it by heart. Were the rulebook to be lost, he could have rewritten it from memory, line for line. He obeyed his superiors to the letter. Often they had but to think of a task for Gerard, when at once he began to execute their wish.

There was the morning the Rector sent him off to Lacedonia with a letter for one of the priests of the town. He had been gone some time when the Rector remembered a post-script he had meant to add. “If I could only get hold of that letter,” he thought. Hardly had he phrased the thought when there was a knock at his door, and Gerard walked in with the letter. Without a word, he laid it on the Rector’s desk.

Some weeks later, the Rector was visiting the Bishop of Melfi. Conversation turned to the young man at Iliceto whom everyone regarded as a saint. The Rector spoke glowingly of him, so much so that the Bishop wanted to meet the young novice: would it be possible for Gerard to visit with him at Melfi? When the Rector agreed, the Bishop called for a messenger; but the Rector smilingly assured him a messenger would be unnecessary. “Your lordship, I will show you the extent of this young man’s obedience. I will close my eyes and desire him to come to Melfi.

At that same moment, Gerard went to Father Minister at Iliceto for permission to go to Melfi, as the Rector wished to see him. And while the Bishop was still conversing with the Rector, Brother Gerard came into the room.

“And what brings you here, Brother?” the Rector feigned surprise. “Obedience,” said Gerard. “I sent no message for you to come here,” the Rector spoke sternly. “No,” replied Gerard meekly. “But in the presence of His Lordship you commanded me to come, as he desired to meet me.” So the Bishop of Melfi met the novice. He remained at Melfi for three weeks.

Intruder
Reports of his wonders came from all quarters. One afternoon a rough looking character came to Iliceto and asked for the Rector. He wanted to go to confession. After making his peace with God, he told how he had come to seek out Iliceto. “I was coming down the road quite a distance from here thinking my own wicked thoughts, when just below Acadia at an intersection I met one of your Brothers. He stood there as though he were expecting me. I hastened my pace as I had no mind to talk to him. When he saluted me, I snarled that he mind his own affairs. He was a frail, thin fellow; but then he reached out and grasped my arm and held me as in a vice. “Where are you going?” he asked. “I may be able to help you.” I was furious at his impertinence! I tried to jerk my arm from his grasp. “I know what is in your heart. You are in despair. You are on the point of giving your soul to the Evil One.” I turned pale at his words, because it was the truth. That very moment I had been mulling over that very idea. “God knows what you are thinking. He sent me to this spot to warn you.” Frightened at the way he could read my soul, I admitted I was about to commit a crime, and asked his guidance. He told me to come here to Iliceto to you.

Acid Test
The days of Brother Gerard’s novitiate were drawing to a close. He had tried the Redemptorist Rule and found it to his liking. His various superiors had tried him in many ways and found that he passed their tests. Anyone who observed him in chapel knew he was a man of prayer. His fellow Brothers could vouch for his alacrity at the hardest work. From all over came reports of his wondrous dealings with the poor and the sick and the sinner.

Professed Religious
On the feast of Our Lady’s Visitation in 1752, Brother Gerard commenced his fifteen-day retreat in preparation to make his vows as a Redemptorist. On July sixteenth, the feast of Our Lady of Mount Carmel, he knelt in the chapel at Iliceto and pronounced in the presence of his community, the vows of Poverty, Chastity and Obedience, and the oath of Perseverance until death. Brother Gerard Majella was a professed member of the Congregation of the Most Holy Redeemer. Two months later, with the consent of his Director, he made a fifth vow: To do always that which was most pleasing to God.

Much as Gerard preferred solitude and meditation, his life as a lay brother demanded that he often leave the monastery on business. He traveled with the missionaries, helping them in every way possible, in their tedious weeks of preaching in many villages and towns. Often too, he was called by the poor and the sick. Wherever obedience demanded his presence, Gerard was there to “do the Will of God.” And God in turn seemed to do the will of Gerard for the benefit of countless souls.

His hometown of Muro was his first assignment after Profession. It was now three years since he had climbed from his bedroom window and run after the missionaries. His mother was dead. She had passed away in April, four months before he returned. So during his stay in Muro, he lived with Alessandro Piccolo, the watchmaker, though he had invitations from nobles and well-to-do, and was greeted like a hero by everyone in the town.

Not in Text Books
The students of the new seminary in Muro could hardly believe their ears. Their rector had invited Brother Gerard to give them a conference on the first chapter of St. John’s Gospel. Some of them had been boys with him. They knew he had left school at the age of twelve; that he could barely read or write; and had never studied theology. And yet when he began discoursing lucidly on the eternal generation of the Second Person of the Trinity, he held them spellbound. He made it sound so simple! Canon Bozzio was later to write of Gerard . . . “Learned men are silent before this poor unlettered Brother. He draws knowledge from its source, the Heart of Christ, not from the muddy cisterns of the human mind. In his mouth the most obscure mysteries become luminously clear.” Is it any wonder that confessors flocked to Gerard seeking advice?

And always there were the children. They flocked to him from all over Muro. He told them stories, taught them to pray. One little fellow tumbled from a cliff and was found, to all appearances, dead. He was the son of Piccolo, the watchmaker, with whom Gerard was staying. “It is nothing,” he told the distracted father. He traced a little cross on the boy’s forehead and the child awoke.

Saint Gerard Prayers
For Motherhood
O good Saint Gerard, powerful intercessor before God and Wonderworker of our day, I call upon thee and seek thy aid. Thou who on earth didst always fulfill God’s designs, help me to do the holy Will of God. Beseech the Master of Life, from Whom all paternity proceedeth, to render me fruitful in offspring, that I may raise up children to God in this life and heirs to the Kingdom of His Glory in the world to come. Amen.

For Mother with Child
O almighty and Everlasting God Who through the operation of the Holy Christ, didst prepare the body and soul of the glorious Virgin Mary to be a worthy dwelling place of Thy divine Son; and, through the operation of the same Holy Ghost, didst sanctify Saint John the Baptist, while still in his mother’s womb; hearken to the prayers of Thy humble servant who implore thee, through the intercession of Saint Gerard, to protect her (me); that it may be cleansed by the saving water of baptism and, after a Christian life on earth, it may with its mother, attain everlasting bliss in Heaven. Amen.

For a Sick Child
O Saint Gerard, who, like the Savior, loved children so tenderly and by your prayers freed many from disease and even from death; graciously look down upon the distressed parents who plead with thee for their child’s health if such be the Will, of God. Present their promise to God to bring up the child a good Christian and to guard it by word and example against the fatal leprosy of sin. This favor we implore thee, O sainted Brother, through the tender love with which Jesus and Mary blessed thy own innocent childhood. Amen.

In Time of Trial
O Sainted Brother Gerard, whose heart went out to the unfortunate; who relieved so many poor, healed so many sick, comforted so many afflicted; behold me worried and troubled as I kneel at thy feet. In vain to turn to men to seek consolation and help; therefore, do I have recourse to thee thou who art so powerful in heaven. Graciously assist me, Saint Gerard, that being freed from this trial or strengthened to bear it for the love of God, I may praise and thank God and serve Him with greater love and fervor. Amen.

For Special Blessings
Dear Saint Gerard we rejoice in thy happiness and glory; we bless the Lord Who endowed thee with the choicest gifts of His Grace; we congratulate thee for corresponding so faithfully with them. Obtain for us, we pray thee, some part of thy angelic purity, thy burning love for Jesus in the Tabernacle, thy tender devotion to Mary Immaculate. In thy brotherly love which made thee the support of the poor, the comforter of the afflicted and the apostle of the most forsaken souls, grant me the favors for which I now pray.
(Here mention them privately)
O most Powerful Patron, who hast always helped those who prayed to thee intercede for me before the Throne of God. O Good Saint, to thee I confide my fervent prayers; graciously accept them and, before the end of these days of prayer, let me experience in some way the effects of thy powerful intercession. Amen.

To Obtain Patience
O powerful and everlasting God, Who didst endow Thy faithful Servant Saint Gerard with an invincible patience in the midst of contradictions and persecutions, slanders and infirmities, and didst thereby make him an image of Thy suffering and crucified Son; grant, we beseech Thee, that fixing our eyes on the crucifix, as he did, we may through patience, atone for our sins and prove our love. Through Jesus Christ our Lord. Amen.

For a Sick Person
O God, Who didst bestow on Saint Gerard the power of healing all kinds of infirmities, deign to glorify Thy Servant, who was so merciful toward human misery, by delivering me from my present sickness. Grant also that, being strengthened in body, I may take greater care to avoid sin and overcome my evil passions, the spiritual diseases that drag so many to everlasting death. Through Christ our Lord. Amen.

In Temporal Needs
O God, Who didst so often give to Saint Gerard power to supply the needs of the poor, grant us the grace which we implore of Thee (here mention your need), through the intercession of Thy most charitable Servant, that being helped in our present need, we may with our whole heart love and serve Thee, our only Treasure in time and eternity. Amen.

http://www.saintgerard.com/his_story_p1.html

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,

 

English
Italiano

San Gerardo Maiella
Della festa: 16 ottobre
Patrono delle future mamme
1755

San Gerardo Maiella, religioso, è il patrono delle future mamme. Era nato a Muro, l'Italia, nel 1726 e si unì ai Redentoristi all'età di 23, diventando un fratello laico Professo nel 1752. Servì come sagrestano, giardiniere, porter, vederlo e sarto. Tuttavia, a causa della sua grande pietà, straordinaria saggezza e suo dono della lettura coscienze, gli fu permesso di comunità di donne religiose dei consulenti legali.


Questo umile servo di Dio aveva anche le facoltà di levitazione e bilocazione connesso con certi mistici. La sua carità, obbedienza e servizio disinteressato, nonché suo incessante mortificazione per Cristo, fatto di lui il modello perfetto di fratelli laici. Fu afflitto da tubercolosi e morì nel 1755 all'età di ventinove. Questo grande Santo viene richiamato come patrono delle future mamme come risultato di un miracolo effettuati tramite le sue preghiere per una donna in travaglio.


Preghiera: O grande San Gerardo, amato Servo di Gesù Cristo, perfetto imitatore del tuo Salvatore mite e umile e dedicò il figlio della madre di Dio: suscitare all'interno del mio scintilla di un cuore di quel fuoco celeste di carità che ardeva nel tuo cuore e ti ha fatto un Angelo d'amore. Oh glorioso San Gerardo, perché quando falsamente accusato di reati, ha fatto sopportare, come il divino Maestro, senza mormorio o reclamo, le calunnie dei malvagi uomini, vi sono state sollevate da Dio come patrono e protettore di future mamme. Preservare me dal pericolo e dalle pene eccessive che accompagna il parto e scudo il bambino che ora procedere, che potrebbe vedere la luce del giorno e ricevere lustral acque del battesimo attraverso Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

ST. GERARD medaglie – patrono della maternità
Gerard medaglie sono indossate da future mamme o quelli vivendo una gravidanza difficile. Spesso collocato in una Bibbia o il libro di preghiere queste medaglie sono un promemoria di intercessione del St. Gerard per un parto sicuro.
Saint Gerard Majella (6 aprile 1726, Muro Lucano, Basilicata – 16 ottobre 1755, Caposele, Campania) egli è il Santo cui intercessione è richiesto per i bambini (e nascituri in particolare), parto, le madri (e future mamme in particolare), maternità, persone falsamente accusato, buone confessioni, fratelli laici e Muro Lucano, Italia.


Sfondo
Quando nacque, gli fu dato il nome di Gerard. Era figlio di un sarto che morì quando Gerard aveva dodici, lasciando la famiglia in condizioni di povertà. Sua madre poi lo inviò a suo fratello così che potrebbe insegnare a Gerard come cucire e aiutare il business. Durante questo periodo, egli è stato abusato da un uomo che suo zio mandato per aiutarlo. Ha taciuto, ma ben presto scoperto del suo zio e l'uomo che gli ha insegnato le dimissioni dal lavoro. Egli amava essere come Jesus Crucified e provato a tutti i costi a soffrire. Ha cercato di far parte dell'ordine dei Cappuccini, ma la sua salute ha impedito. Si unì la Congregazione del Santissimo Redentore nel 1749.[2] Quando falsamente accusato da una donna incinta di essere il padre di suo figlio, si ritirò a tacere. Lei poi ritrattato e liquidati lui e incominciò la sua associazione come patrono di tutti gli aspetti della gravidanza. Era apprezzato per avere bilocazione e leggere le coscienze. Sua ultima volontà consisteva in una piccola nota sulla porta della sua cella dicendo: "Qui la volontà di Dio è fatto, come Dio vuole, e come Dio vuole." Egli morì il 16 ottobre 1755 in Caposele di tubercolosi, all'età di 29 anni.[1]


Venerazione
Gerard Majella fu beatificata a Roma il 29 gennaio 1893, da Papa Leone XIII. Egli fu canonizzato meno di dodici anni che più tardi 11 dicembre 1904, da Papa San Pio x. [2] il giorno della festa di San Gerardo Maiella è 16 ottobre. Nel maggio 2005, è stato descritto su un francobollo italiano di 45 euro. La San Gerardo Maiella annuale Novena si svolge ogni anno nella Chiesa di St Josephs, Dundalk, Irlanda. Questa novena di nove giorni annua è il più grande festival di fede in Irlanda.


Nel 1977, è stato dedicato un santuario nazionale cappella del St. Gerard nella Chiesa di s. Lucia (Newark, New Jersey). Ogni anno durante i giorni di festa, che comprendono il 16 ottobre, ci sono le luci tradizionali, musica, cibo si erge e la processione di strada, è evidente che questa festa è un esercizio spirituale con tutta l'attività essenziali centrato il 'Santo' e la cappella. Devoti visitano il santuario anche durante tutto l'anno a pregare e a chiedere che l'aiuto di questo miracoloso Wonder Worker.The campionato di St Gerard (Redentoristi, Clapham, Londra) fornisce supporto spirituale e preghiere per tutte le future mamme e famiglie.Due città in Quebec, Canada, sono chiamato in suo onore: uno nella regione di Montérégie e un altro nella regione Lanaudière.Il premio internazionale di poesia di San Gerardo Maiella
Il premio internazionale di poesia è come San Gerardo Maiella iniziativa per promuovere la cultura, l'espressione scritta di sentimenti e le emozioni che esprimono la figura di San Gerardo Maiella. Per dare voce a quei colori che spesso, per mille ragioni, restano bloccati all'interno dell'anima di ciascuno.... L'evento è 'organizzato da volontari Cuorimuresi di Muro Lucano, posizione di' Basilicata. La prima edizione del 2009, è stato frequentato ci circa un centinaio di partecipanti. [citazione necessaria]

Citazioni


Alcune citazioni attribuite a Gerard Majella includono:


• "Il Santissimo Sacramento è Cristo ha fatto invisibile. La povera persona malata è che Cristo ha fatto nuovamente visibile".
• "Vedo nel mio prossimo la persona di Gesù Cristo."
• "Considerare la brevità del tempo, la lunghezza dell'eternità e riflettere come qui sotto tutto finisce e passa. Di quello che uso è di appoggiarsi su ciò che non può dare sostegno?"
• "Che eccetto Dio può darvi la pace? È il mondo mai stato in grado di soddisfare il cuore?"
Ulteriori letture
Preghiere e •His la storia della vita possono essere trovate alla SaintGerard.com
•Chapin, John, "Un tesoro di lettura cattolica"
•Farrelly Jr., Peter, "Sperare nel fazzoletto di un Santo"
•Rabenstein, Katherine, "Per tutti i santi"
•Karelse, Theun, "Field Guide al volo con santi"
•Saint-omer, Edward, PDF "Vita, virtù, miracoli di San Gerardo Maiella"
•Heinegg, Peter (traduttore), "Saint Gerard Majella, suoi scritti e spiritualità" - ISBN 0-7648-0788-9
Riferimenti
1. ^ a b indice di santi patroni: San Gerardo Maiella
2. ^ a b j. Magnier (1913). "San Gerardo Maiella". Enciclopedia cattolica. New York: Robert Appleton Company. http://www.newadvent.org/cathen/06467c.htm.
3. ^ Chiesa di s. Lucia, Newark, NJ.
(da Wikipedia)

La storia di Saint Gerard Mejalla
Introduzione
La vita di San Gerardo Maiella si legge come una fiaba per bambini: pieno di sorprese, piene di cose impossibili che accadono in ogni caso a causa di lui. Un arcangelo lo porta la comunione! Una statua prende vita! Dispense vuote rigonfiamento improvvisamente con pane! Un uccello bulloni fuori dell'aria di appollaiarsi su suo dito e cantare per un bambino piangere! La vita di Gerard St pullula di queste cose. Se sei uno che trova meraviglie difficile stomaco, se decine di miracoli "banale" imposta la tua pazienza... questo libretto non è per voi. Mettere da parte.

I bambini ameranno questa storia... e le loro madri, troppo. Che è solo come dovrebbe essere. Per oggi, per qualche motivo segreto della Divina Provvidenza, più piccoli e le loro madri sono beneficiari preferiti del Gerard St. Migliaia di bambini negli Stati Uniti portano il nome di "Gerardo" a causa della sua potente intercessione. Viene comunemente chiamato patrono delle mamme.

Inizio
Annibale Rosso! E ' stato incredibile. Egli aveva rinunciato all'improvviso l'appartenenza al partito comunista. Ancora più sorprendente, è stato visto a massa. Persone naturalmente parlato nella piccola cittadina a sud di Napoli. Comunismo è stato su ogni labbro solo allora, per questo è stato il mese di aprile del 1948. La terza domenica del mese si voterebbe tutta l'Italia e il comunismo potrebbe anche prendere in consegna il governo. Ma una cosa era certa. Il voto di Annibale Rosso sarebbe contro la falce e martello. Ha detto lui stesso. Giurò un giuramento solenne, egli avrebbe no più camion o del traffico con il partito... non dopo la notte scorsa.

Ieri sera ha avuto stato inveire nella sua solita moda contro il "doppiezza e inganno della Chiesa". Se nulla è stato più chiassoso, più caustico che mai. L'occasione è stata una processione a lume di candela che era venuto in città. Persone cantando. Bambini piccoli in bianco che trasportano fiori di primavera e i sacerdoti in tonaca nera e Rosario della "Liguorini" – i Redentoristi. Annibale maledetto "buffonata." Era tutto per lapidazione il sacerdote predicazione nella piazza davanti alla Chiesa. "Che tipo di dentato nuova di sciocchezze è questo?", borbottò... "scavare un Santo duecento anni morti e che trasportano lui turno la campagna! È un trucco. Il tutto è un trucco di questi sacerdoti."

Presso il desiderio di arcivescovo di Conza, i resti di San Gerardo Maiella avevano viaggiato attraverso l'arcidiocesi fin dal primo aprile. Essi continueranno a visitare la città dopo città fino al 15 aprile. E ' stato un tentativo di Veglia le città dell'Arcidiocesi alla pratica della loro fede; per avvertirli del loro dovere come cattolici di votare su aprile XVIII e scongiurare la minaccia di rossa. Gerard Majella era venuto da quel quartiere. Egli aveva visitato queste città molto come un laybrother Redentorista due secoli fa. Egli era morto a Materdomini nel 1755, all'età di ventinove. Meraviglie erano la sua specialità. Storie di suoi miracoli erano ancora tramandate di padre in figlio per tutta quella campagna.

Durante il tour di 15 giorni della sua diocesi nativo di Conza, Gerard St continuò sue meraviglie. Primavera tutti i cieli erano stato chiari. I campi erano riarsa e secco. Gli agricoltori, tra cui Annibale Rosso, speravano per la pioggia per i loro raccolti. La sera che la processione è venuta alla città, ha piovuto per la prima volta in settimane. La stessa cosa era successo in molti altri luoghi. Poi c'era una bambina di tredici anni affetti da una malattia incurabile – tubercolosi ossea. Il pomeriggio Gerard St passato attraverso il villaggio, lei guarì istantaneamente.

La voce di tutti questi avvenimenti correva a macchia d'olio. Per il momento che la processione è venuta a città di Annibale Rosso, nuove meraviglie erano già passando dal labbro al labbro. Era troppo per Annibale. I contadini con loro perline e scialli, le candele di fumare, le campane della Chiesa, il sermone, la fiorita statua di nostra Signora di Materdomini. Persone si trovava nelle code in attesa di confessare i loro peccati. Otto Redentoristi sono stati costantemente occupati. E ci doveva essere una massa a mezzanotte! Annibale Rosso giurò un giuramento di appassimento e andò a casa a letto.

Poi è accaduto. Nel suo sonno vide San Gerardo Maiella, accompagnato da un gruppo di sacerdoti. "Rosso di Annibale, ho non ti ho aiutato spesso prima di questo?" Il volto del Santo fu severo. I suoi occhi scuri balenò disapprovazione. "Tutte le mie grazie stati infruttuose? Pensi che è possibile fare sport di Santi di Dio e venire fuori indenne? Non è come lei dice, un "trucco" di questi buoni sacerdoti, che mi sono portato attraverso la campagna. Sto visitando il miei amici... " Annibale Rosso mise a sedere nel letto. Egli era tremante. Vestirsi in una volta, egli affrettò giù alla Chiesa, in attesa, con i suoi concittadini di confessare i suoi peccati e ricevere l'assoluzione del missionario.

Nel 1948, proprio come nel 1755, fratello Gerard Majella dei Redentoristi era occupata – non solo combattendo con i comunisti in Italia, ma che porta il contrattacco in America sulle forze dell'anti-vita, versando favori su innumerevoli madri e benedizione del nascituro.

Una bella signora
Era nato nel sud dell'Italia in una piccola città chiamata Muro il 6 aprile. Era l'anno 1726. Suo padre, Domenico, era un sarto. Sua madre, Benedetta, aveva già dato tre figlie. Gerard era il più giovane – l'unico figlio. Erano una famiglia italiana di duro lavoro ordinaria. Pio troppo. donna Benedetta spesso portato suo tre più giovane a messa con lei nel santuario di nostra Signora delle grazie alla vicina Capotignano. E, come migliaia di altri ragazzi piccoli, allora e adesso, Gerard era tutti gli occhi per le strane cose nuove che vide. Non abbastanza quattro, che era troppo giovane per sapere che cosa stava succedendo. Ma lui sapeva questo: gli piaceva "pretty lady con il bambino".

"Mamma, mamma, vedere quello che ho ottenuto dal ragazzino". Nella sua mano egli stringeva un piccolo rotolo di pane. Nessuno lo pagò un po' di attenzione come egli battevano su una bella signora e il suo bambino che gli aveva dato il pane. Ragazzi piccoli amore per fare storie! Ma il giorno dopo ha portato un altro rotolo bianco e ancora una volta il giorno successivo e la prossima. Sua madre ha deciso di indagare. Mattina dopo ha seguito il suo figlio. Fuori correva due miglia a Capotignano, rendendo dritto per la cappella. Benedetta seguita. Fu allora che vide che era suo compagno di giochi – il bambino di Cristo stesso. La statua di nostra Signora delle Grazie era venuto a vita. Il bambino è salito dalle braccia di sua madre a scatenarsi con Gerard. Una Benedetta sconcertato corse casa a Muro. Durante i pasti, Gerard poco è tornato con un altro rotolo di pane.

Nel dopo vita questa attrazione di infanzia per la "bella signora con il bambino" si percorrevano in un amore per tutti i bambini e le loro madri. Questo può essere visto nel più superficiale sguardo alla sua vita. Ci sono tante meraviglie battuti per i bambini piccoli... e per le madri. Il "Santo della madre" ha guadagnato ancora maggiore affermazione al titolo nei decenni diciannove fino alla sua morte.

Sua signoria s Latch-Key
Dieci anni più tardi, quando era il cameriere per Albini vescovo a Lacedonia, bambini andarono a casa a loro madri con ogni sorta di storie raccontate loro da Gerard Majella. Ma i paesani avevano imparato circa il nuovo cameriere se stessi. Ognuno aveva racconti della sua bontà, le sue visite ai poveri nella clinica, la sua compassione. Come egli fasciato le ferite dei malati e li ha portati gli avanzi dalla tabella del vescovo. Chiunque abbia notato la preghiera nella cattedrale sapeva Gerard per ciò che era.

Ma la mattina che lo videro in esecuzione giù per le scale cattedrale con il Bambino, non sapevano cosa dire! Fu l'ultima settimana di dicembre nel 1743. Persone si fermò e fissò Gerard corse giù per la strada con la statua del bambino da presepe. Una folla seguito dopo di lui. Ha non pagato alcuna attenzione. Via correva per il bene pubblico.

Che cosa è successo? Qual è la questione?" Qualcuno ha spiegato come la sua signoria era andato per la sua passeggiata di mattina, e il ragazzo di casa aveva chiuse la porta e scendere a pozzo per l'acqua: ma come si sporse verso il raggio sul secchio, chiave del vescovo aveva lasciato cadere nel pozzo.

Gerard aveva ormai legato una corda attorno al Bambino e si era abbassamento delicatamente nel pozzo. "Gesù, Gesù Bambino" ha pregato ad alta voce, "mi trovare mia chiave. È la chiave di casa di sua signoria... e lui sarà nuovamente in mezz'ora... " Gli astanti allungato il collo per scrutare nel pozzo. Altre scosse la testa e se ne andò. Alcuni sorriso un po' compiaciuto le buffonate di cameriere spaventato. Ma quando ha tirato sulla corda dal pozzo e la statua di stillicidio del neonato è entrato in vista, ci in mano minuscola del Bambino era chiave del vescovo.

Nel giugno del 1744, vescovo Albini morì a Lacedonia e Gerard tornò alla sua città natale di Muro. Egli era stato apprendista presso un sarto Maestro prima di andare a Lacedonia a lavorare per il vescovo e sapeva il commercio abbastanza bene. Ora dopo un breve apprendistato con un secondo sarto, ha istituito il proprio business a casa di sua madre.

C'è magia in un nome. E il segno "Majella il sarto" appeso sopra il negozio ha portato molti dei clienti vecchi del padre verso la porta. La sua reputazione crescente di impeccabile lavorazione ha vinto i patroni da tutti i ceti sociali. I suoi prezzi erano sempre leale. Egli era scrupolosamente onesto. Dai poveri, nessun pagamento ha preso a tutti.

Un giorno, un uomo entrò con alcuni beni per un abito. Gerard diffonderlo sul tavolo e di cui sua misura di nastro lungo la sua lunghezza. "Mmmmm!" Scosse la testa. Il panno era molto troppo breve. Il pover'uomo potrebbe non nascondere il suo disappunto, come non aveva soldi per saperne di più. "Non è nulla," ha detto Gerard, che esegue le sue dita lungo il bordo del panno. Ha misurato una volta di più. Tre metri... quattro... cinque! Più che sufficiente per una multa sostanziale tuta! In realtà, quando era finito l'indumento, l'uomo ha ricevuto un buon pezzo supplementare di materiale. Il panno

Uno e venti
6 Aprile 1747. Come gli anni volano! Gerard fu ventuno e ancora non aveva trovato il desiderio del suo cuore. Aveva un commercio equo: almeno lui potrebbe sostenere la sua madre. Egli diede un terzo di tutti i suoi guadagni. Un altro terzo è andato ai poveri di Muro. Il resto era per masse per le povere anime. Quanto per se stesso... Dio avrebbe fornito. Non troppo pratico per un imprenditore duro teste, ma lui era molto più di un sarto di piccola città. Voleva essere un Santo.

Sua madre fu guidata a distrazione da suo figlio. Egli non mangiare i suoi pasti. Era magra dal digiuno e penitenza, pallido da lunghe veglie di preghiera nella vicina cattedrale. Ma se la sua costituzione era fragile, la sua disposizione era sempre in vacanza: gay come un'allodola, allegra come un bambino.

Auguro differita
Due volte egli aveva applicato per l'ammissione il convento dei Cappuccini a Muro. Ma uno sguardo al petto infossato e sottile mani bianche e i Cappuccini si rifiutò. Candidamente, hanno detto di lui, egli non ebbe la salute e resistenza per così faticosa una vita. Forse dovrebbe andare verso le colline a vivere come un eremita in solitudine e meditazione Santo! Ha provato, ma suo confessore proibì ai saldamente. Così Gerard è tornato ai suoi aghi e nastro. Aveva capito che un uomo può raggiungere la santità in ogni cammino della vita, nello scarico fedele dei suoi doveri. Se si trattasse di Dio che egli sia un sarto, poi si sarebbe sarà una buona.

E Dio mostrò evidenti approvazione. Parlò di intera campagna apertamente dei suoi poteri soprannaturali. Egli aveva non curato poco Amata Giuliani! La bambina era caduto in una vasca di acqua bollente e per tutti i farmaci di olio e cera, il bambino piagnucolò nelle braccia di sua madre tutto il giorno. Come Gerard passava la casa ha sentito il bambino e andato Poll "It is nothing," ha detto, posa la sua mano sulla pelle scottata. Improvvisamente, poco Amata Giuliani sorrideva. La mattina dopo ogni traccia dell'ustione era sparito.

Percorrendo una strada laterale di Muro un altro giorno, Gerard notato una nuova casa vide. Lavoro era a un punto morto. I carpentieri si trovava goffamente mentre il caposquadra correva le dita attraverso i suoi capelli in una rabbia impotente. Le travi erano state segate troppo breve. "Tirarli con corde," suggerito lo spettatore. Uomini pratici anche se lo fossero, hanno preso il suggerimento. Le travi montato comodamente da parete a parete, e i lavori furono ripresi.

Sempre nella Chiesa
Non importa quello che era il rumore per la cattedrale, Gerard era lì. Ha frequentato tutte le masse di domenica, le devozioni di maggio, la tridua. In realtà, spesso ha trascorso tutta la notte rinchiuso nella Chiesa. Uno dei suoi parenti è capitato di essere sacrestano. Il resto è stato facile. Una sera mentre profondo nella preghiera, Gerard udì una voce... "Pazzarello... Il mio piccolo sciocco, che cosa stai facendo?"guardando l'altare, ha risposto. "Ah, ma tu sei più un pazzo di me, un prigioniero per me nel tuo Tabernacolo." Quando le campane suonarono per la messa la mattina dopo, Gerard era ancora in chiesa.

Lui era lì il pomeriggio del basso domenica 13 aprile 1749, per l'inizio del ritiro parrocchiale. Una neonata Congregazione dei missionari erano a predicare in tutte le tre chiese di Muro. Loro fondatore era stato un noto avvocato a Napoli, Alfonso de Liguori. Dovunque andarono di questi missionari, si trasferirono tutti i cuori con le loro parole fervente. Era lo stesso a Muro.

Uno dei missionari, Padre Paul Cafaro, fece una profonda impressione su Gerard Majella. "Io devo unire questi uomini come un fratello lay," decise. Ogni giorno la risoluzione è cresciuto più insistente nel suo cuore. Ha anche dato via tutti i suoi beni mondani – una extra camicia e un paio di calzoni di lino! Infine, si recò a vedere il padre Cafaro.

Nessun incoraggiamento
Ma come il superiore di Cappuccini pochi anni prima, padre Cafaro gli diede nessun incoraggiamento. Egli era troppo fragile per le attività di rigorose di un fratello laico. Nonostante il rifiuto Gerard non fu scoraggiato. Egli era convinto che Dio ha voluto di unirsi al suo nuova Congregazione del Santissimo Redentore. Egli è andato a fare preparativi per la partenza.

Quando sua madre scoperto il piano era frenetico. Le tre sorelle piansero ad alta voce, supplicando con lui a rimanere. "Madre bisogno di voi a casa," hanno insistito. Ma Gerard stette fermo. Stava andando Iliceto per diventare Redentorista! Correvano ai missionari, chiedendo loro di non accettare il loro fratello. Padre Cafaro non ha alcuna intenzione qualunque di accettare il giovane. Tuttavia, previde accortamente che sarebbe difficile dissuadere questa gioventù importuno. "Trattenere lui a casa in qualche modo il giorno lasciamo,", è stato il Consiglio di padre Cafaro alla famiglia distratto del Gerard. Hanno promesso di farlo.

Benedetta avvitati porta del Gerard la mattina i Redentoristi lasciarono il Muro. Ma più tardi quando lei punta di piedi nella stanza, non era lì. Sua biancheria, annodati insieme, in streaming dalla finestra aperta e su una piccola tavola mettere un pezzo di carta: "Madre, io sono fuori per diventare un Santo," leggere. È stato firmato "Gerardo." Egli era andato dopo i missionari.

Successo
"Aspetta, Aspettami!" Il gruppo dei missionari a metà strada a Rionero si rivolse a vedere una nuvola di polvere sulla strada dietro di loro. Era ancora quel giovane. Egli aveva inseguiti per dodici miglia. Ansimante per respiro, egli cominciò sue suppliche dappertutto. Egli era troppo fragile per la vita, i missionari neutralizzata. Egli era meglio tornare a Muro. Ma Gerardo non sarebbe stato messo. Egli ha sostenuto. Egli tormentava. Ammise. Ha pregato alla Madonna. Ha fatto un tale fastidio Santo di se stesso durante i prossimi giorni in Rionero che padre Cafaro ha dato finalmente in. Scrisse una breve nota per il rettore del monastero di Iliceto e ha dato all'uomo giovane persistente. Allo stesso tempo Gerard era sulla sua strada. Da calar della notte, aveva raggiunto il noviziato dei Redentoristi.

Un sabato sera, il diciassettesimo di maggio nel 1749, un giovane uomo stanco, polveroso da lunghe ore di cammino, bussò alla porta del monastero di Iliceto. Presto egli stava presentando la sua preziosa lettera a padre d'Antonio, il rettore. Non aveva idea di che cosa aveva scritto padre Cafaro. Come il rettore dispiegato la nota, Gerard era tutta felicità, suo volto imbavagliata in sorrisi. "Vi mando un fratello che quanto lavoro va, sarà perfettamente inutile." Il rettore guardò fino il giovane sopra la lettera, notando il fragile piccolo telaio e il viso pallido. Ha letto su... "Ma a causa della sua molte suppliche serio e l'alta reputazione ha conseguito a Muro, io potrei non abbastanza lui nega una prova..." Ora sorrideva padre D'Antonio. "Questo non è una vita facile," seccamente osservò, "ma ti daremo la possibilità a questo". Gerardo Majella fu felice a lacrime. Che stava per essere un religioso... un fratello laico della Congregazione del Santissimo Redentore.

Gerard Majella, il Lay-fratello Redentorista
Un fratello laico è laico: non è un ordinato prete. Non è vincolata all'ufficio divino. Egli non dire messa o ascoltare confessioni o predicare missioni. Ma è un fratello ai sacerdoti della Comunità, indossando la stessa abitudine Redentorista, vivere sotto lo stesso tetto, mangiare pasti stessi, condivisione della comunità preghiere e opere di bene. Egli è un religioso con tre voti di povertà, castità ed obbedienza... lo stesso Giura come qualsiasi sacerdote Redentorista. In nessun senso è lui un servo ai sacerdoti. Egli è il loro supporto. Si prende cura della manutenzione materiale del monastero, mentre ai suoi confratelli sono impegnati con il lavoro spirituale del ministero apostolico. Ha il piccolo commercio con il mondo di là delle mura del monastero ad eccezione di quando il business della casa si possa richiedere. Egli deve essere modesta, umile, semplice e gioiosamente obbediente. Soprattutto, egli deve essere dedicato alla preghiera.

Sapendo ciò che facciamo di Gerardo, possiamo apprezzare come idealmente ha montato questi requisiti. Oggi, nelle Costituzioni dei fratelli laici della Congregazione, come St idealmente ha montato questi requisiti. Oggi, nelle Costituzioni dei fratelli laici della Congregazione, San Gerardo Maiella è denominata loro patrono e modello. Ma, di nuovo a Iliceto nel maggio del 1749.

Mattino successivo iniziò il suo apprendistato di nuovo: facendo lavoretti qua e là sul monastero, aiutare i fratelli a loro vari compiti. Il suo primo incarico fu il giardino... lavoro duro e back-rottura per un ragazzo abituato a ago e ditale. In qualche modo è riuscito a terminare il proprio lavoro e hanno sempre il tempo per aiutare gli altri. "Questo nuovo arrivato fa il lavoro di quattro di noi," è stato il commento dei suoi nuovi compagni. Loro ammirazione montato arguzia settimane; e nel momento in cui che padre Cafaro è venuto come Rettore a Iliceto nel mese di ottobre di quell'anno, il giovane da Muro fu considerato il gioiello della casa.

La volontà di Dio
Nuovo rettore di Iliceto è stato veloce per rendersi conto di come prematura era stato con le sue raccomandazioni scarabocchiati. Assolutamente inutile! Esso imbarazzato lui a ricordare che cosa aveva scritto. Non solo potrebbe il do postulante il lavoro di quattro, ha fatto addirittura impossibile! Lesse le menti di sconosciuti. Ha curato le malattie. Ha fissato leggi naturali a nulla. Suo ricordo è stato costante. Così fisso erano i suoi pensieri su Dio e la sua santa volontà, egli divenne un modello di obbedienza puntiglioso. Che era il segreto della santità del Gerard: in tutto cercò la volontà di Dio. Per lui la regola Redentorista nei suoi minimi dettagli era espressa volontà di Dio. Lui lo sapeva da cuore. La rulebook dovevano essere persi, egli potrebbe sono riscritti e dalla memoria, linea per linea. Egli obbedì ai suoi superiori alla lettera. Spesso avevano ma per pensare di un'attività per Gerard, quando in una sola volta che cominciò a eseguire il loro desiderio.

C'era la mattina che il rettore lo inviata Lacedonia con una lettera per uno dei sacerdoti della città. Era stato andato qualche tempo quando il rettore ricordato un post-script aveva significato aggiungere. "Se ho potuto solo ottenere stretta di quella lettera," pensò. Difficilmente egli aveva formulate il pensiero quando c'era un bussare alla sua porta, e Gerard camminato in con la lettera. Senza una parola, egli ha gettato sulla scrivania del Rettore.

Alcune settimane più tardi, il rettore stava visitando il vescovo di Melfi. Conversazione si rivolse ad un giovane uomo a Iliceto quali tutti considerato come un Santo. Il rettore ha parlato glowingly di lui, tanto che il vescovo ha voluto incontrare il giovane novizia: sarebbe possibile per Gerard a visitare con lui a Melfi? Quando il rettore concordato, il vescovo chiamato per un Messaggero; ma il rettore ridendo gli assicurò che un messaggero sarebbe inutile. "Vostra Signoria, vi mostrerò la misura dell'obbedienza di questo giovane. Io la chiudo gli occhi e la voglia di venire a Melfi.

In quel momento stesso, Gerard è andato al padre Ministro presso Iliceto per il permesso di andare a Melfi, come il rettore ha voluto vederlo. E mentre il vescovo era ancora conversando con il rettore, il fratello Gerardo entrò nella stanza.

"E che cosa ti porta qui, fratello?" il rettore finse sorpresa. "Obbedienza," ha detto Gerard. "Ho non inviato alcun messaggio per voi di venire qui", il rettore ha parlato con durezza. "No," rispose Gerard remissivi. "Ma in presenza di sua signoria si comandato me venire, come avrebbe voluto incontrare me." Così il vescovo di Melfi incontrato il novizio. Egli rimase a Melfi per tre settimane.

Intruso
Relazioni delle sue meraviglie provenivano da tutti i quartieri. Un pomeriggio un rough cercando il personaggio è venuto a Iliceto e ha chiesto per il rettore. Voleva andare a confessarmi. Dopo aver fatto la sua pace con Dio, ha detto come era venuto a cercare Iliceto. "Stavo venendo lungo la strada abbastanza lontano da qui pensando i miei pensieri malvagi, quando appena sotto Acadia all'intersezione ho incontrato uno dei tuoi fratelli. Stava lì come se lui mi aspettavano. Accelerato il mio ritmo, come non avevo nessuna mente per parlare con lui. Quando ha salutato me, snarled che egli mente i propri affari. Fu borsista fragile, sottili; ma poi allungò la mano e afferrò il mio braccio e mi teneva come in una morsa. "Dove va?" domandò. "Io posso essere in grado di aiutarvi." Ero furiosa sua impertinenza! Ho cercato di scuotere il mio braccio dalla sua stretta. "So che cosa è nel tuo cuore. Sei in disperazione. Siete sul punto di dare la vostra anima al maligno". Mi voltai pallido alle sue parole, perché era la verità. Che momento io avevo stato rimuginando quell'idea. "Dio sa che cosa stai pensando. Mi ha mandato a questo posto per mettere in guardia." Spaventato al modo poteva leggere mia anima, ho ammesso che mi stava per commettere un crimine e ha chiesto la sua guida. Mi ha detto di venire qui per Iliceto a voi.

Acid Test
I giorni del noviziato del fratello Gerard erano volge al termine. Egli aveva provato la regola Redentorista e trovato a suo piacimento. I suoi superiori vari avevano provato lui in molti modi e trovato che ha superato le loro prove. Chiunque abbia osservato lui nella cappella sapeva che era un uomo di preghiera. Suoi compagni fratelli potevano garantire per sua alacrità presso il lavoro più duro. Da tutto è venuto relazioni del suoi meravigliosi nei rapporti con i poveri e gli ammalati e il peccatore.

Professato religioso
In occasione della festa della Visitazione della Madonna nel 1752, fratello Gerardo cominciò il suo quindici giorni ritiro in preparazione per rendere i suoi voti come Redentorista. Il sedicesimo luglio, la festa di nostra Signora del Monte Carmelo, inginocchiato nella cappella presso Iliceto e pronunciato alla presenza di sua comunità, i voti di povertà, castità e obbedienza e il giuramento di perseveranza fino alla morte. Fratello Gerard Majella fu un membro professo della Congregazione del Santissimo Redentore. Due mesi più tardi, con il consenso del suo direttore, ha fatto un quinto voto: A fare sempre ciò che è stato più gradita a Dio.

Tanto quanto Gerard preferì la solitudine e la meditazione, la vita come un fratello laico chiese che egli spesso lasciano il monastero sul business. Ha viaggiato con i missionari, aiutandoli in ogni modo possibile, nelle loro settimane noiose della predicazione in molti villaggi e città. Spesso troppo, fu chiamato dai poveri e gli ammalati. Ovunque obbedienza ha chiesto la sua presenza, Gerard era lì per "fare la volontà di Dio". E Dio, a sua volta sembrava di fare la volontà di Gerard a beneficio di innumerevoli anime.

Sua città natale di Muro è stato il suo primo incarico dopo la professione. Era ormai tre anni da quando aveva scalato dalla finestra della sua camera da letto ed eseguire dopo i missionari. Sua madre era morta. Lei era scomparso nel mese di aprile, quattro mesi prima che è tornato. Così durante il suo soggiorno a Muro, ha vissuto con Alessandro Piccolo, l'orologiaio, anche se aveva inviti da nobili e benestanti e fu accolto come un eroe da tutti in città.

Non nei libri di testo
Gli studenti del nuovo seminario a Muro difficilmente potrebbero credere loro orecchie. Loro rettore aveva invitato il fratello Gerardo per dare loro una conferenza sul primo capitolo del Vangelo di San Giovanni. Alcuni di loro era stato ragazzi con lui. Sapevano che aveva lasciato la scuola all'età di dodici; che a malapena potrebbe leggere o scrivere; e non aveva mai studiato teologia. E ancora quando iniziò ragionando lucidamente sulla generazione eterna della seconda persona della Trinità, egli li tenne incantato. Ha fatto sembrare così semplice! Canon Bozzio fu più tardi a scrivere di Gerard... "Gli uomini dotti tacciono prima di questo povero fratello illetterato. Disegna la conoscenza dalla sorgente, il cuore di Cristo, non dalle cisterne fangose della mente umana. In bocca i misteri più oscuri diventano luminosamente chiari". È qualsiasi meraviglia che i confessori accorrevano a Gerard alla ricerca di consigli?

E sempre c'erano i bambini. Essi accorrevano a lui da tutto il Muro. Egli disse loro storie, ha insegnati loro a pregare. Un piccino caduto da una rupe e fu trovato, a tutte le apparenze, morto. Era il figlio di Piccolo, l'orologiaio, con il quale si trovava Gerard. "È nulla", ha detto il padre distratto. Ha tracciato una piccola croce sulla fronte del ragazzo e il bambino si svegliò.

Saint Gerard preghiere
Per la maternità
Oh buon San Gerardo, potente intercessore davanti a Dio e Taumaturgo dei nostri giorni, io chiamo su di te e cercare il tuo aiuto. Tu che sulla terra sempre soddisfare i disegni di Dio, aiutarmi a fare la volontà di Dio Santo. Supplico il padrone della vita, dal quale ogni paternità esce, a rendermi fecondo nella prole, che possa suscitare i bambini a Dio in questa vita ed eredi di Unito della sua gloria nel mondo a venire. Amen.

Per la madre con il bambino
O Onnipotente ed eterno Dio che attraverso l'operazione del Santo Cristo, preparare il corpo e l'anima della gloriosa Vergine Maria per essere un degno dimora di tuo figlio divino; e, attraverso l'operazione dello stesso Spirito Santo, santifica San Giovanni Battista, mentre ancora nel grembo di sua madre; dare ascolto alle preghiere del tuo servo umile che te, implorare grazie all'intercessione di San Gerardo, per proteggere la sua (me); che esso può essere mondato dall'acqua salvifica del battesimo e, dopo una vita cristiana sulla terra, può con sua madre, raggiungere la beatitudine eterna in cielo. Amen.

Per un bambino malato
O San Gerardo, che, come il Salvatore, amava i bambini così teneramente e con le vostre preghiere liberato molti dalla malattia e anche dalla morte; gentilmente guardare i genitori angosciati che implorare con te per la salute del loro bambino, se tale è la volontà di Dio. Presento loro promessa di Dio di allevare il bambino buon cristiano e di custodirlo mediante la parola e l'esempio contro la lebbra fatale del peccato. Questo favore ti imploriamo, O Santa fratello, attraverso l'amore tenero con cui Gesù e Maria benedetta la tua propria infanzia innocente. Amen.

In tempo di prova
O Sainted fratello Gerardo, cui cuore uscì per lo sfortunato; che sollevato tanti poveri, guarito così tanti malati, confortati così molti afflitti; Ecco, mi ha preoccupato e turbato come mi inginocchio ai tuoi piedi. Invano a rivolgersi a uomini a cercare consolazione e aiuto; quindi, fare a fare ricorso a te tu che sei così potente nei cieli. Gentilmente aiutare me, San Gerardo, che liberati da questa prova o rafforzato di sopportare per amore di Dio, I posso lodare e ringraziare Dio e servirlo con fervore e amore più grande. Amen.

Per la benedizione speciale
Caro San Gerardo gioiamo in tua felicità e la gloria. Benediciamo il Signore che ti ha dotato i choicest doni della sua grazia; Ci congratuliamo con te per corrispondente così fedelmente con loro. Ottenere per noi, ti preghiamo di te, qualche parte del tuo purezza Angelica, il tuo amore ardente per Gesù nel Tabernacolo, tua tenera devozione a Maria Immacolata. Nel tuo amore fraterno che ti ha fatto il sostegno dei poveri, il Consolatore degli afflitti e l'Apostolo delle anime più reietti, mi conceda favori per cui ti prego ora.
(Qui ricordare loro privatamente)
O più potente protettore, che hai sempre aiutato chi ha pregato per te Intercedi per me davanti al trono di Dio. O buon Santo, a te confidi mia fervente preghiera; gentilmente accettarli e, prima della fine di questi giorni di preghiera, mi permetta di sperimentare in qualche modo gli effetti della tua potente intercessione. Amen.

Per ottenere la pazienza
Oh Dio potente ed eterno, che dotare il tuo fedele servitore San Gerardo con un'invincibile pazienza nel bel mezzo di contraddizioni e persecuzioni, calunnie e infermità e lui facesti in tal modo un'immagine della tua sofferenza e crocifisso figlio; concedere, noi ti supplico che posa i nostri occhi sul crocifisso, come ha fatto, si può, attraverso la pazienza, espiare per i nostri peccati e dimostrare il nostro amore. Attraverso Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Per un malato
O Dio, che concederci San Gerardo il potere di guarigione di tutti i tipi di infermità, si degnano di glorificare il tuo servo, che era così misericordioso verso la miseria umana, consegnando me dalla mia malattia presente. Anche concedere che, essendo rafforzato nel corpo, posso prendere maggior cura per evitare il peccato e superare le mie passioni male, le malattie spirituali che trascina tanti a morte eterna. Attraverso Cristo nostro Signore. Amen.

In temporale ha bisogno
O Dio, che così spesso danno al potere di San Gerardo a fornire la necessità dei poveri, donaci la grazia che imploriamo di te (qui ricordare il vostro bisogno), per l'intercessione del tuo servo più caritatevole, che essendo aiutato nel nostro presente bisogno, possiamo con tutto il nostro cuore amare e servire a te, nostro unico tesoro nel tempo ed eternità. Amen

Fonte: sito web della : http://www.catholic.org/saints/saint.php?saint_id=150
http://www.saintgerard.com/his_story_p1.html (italiano)http://it.wikipedia.org/wiki/Gerardo_Maiella

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,