ENGLISH
ITALIANO


St. Joseph

SPOUSE OF THE BLESSED VIRGIN MARY AND FOSTER FATHER OF JESUS

Feast Day: March 19

Died: 1st century

Patron of: against doubt, against hesitation, Americas, bursars, cabinetmakers, Canada, carpenters, Catholic Church , confectioners, craftsmen, Croatian people , dying people, emigrants, engineers, expectant mothers, families, fathers, holy death, house hunters, immigrants, interior souls, laborers, married people, Oblates of Saint Joseph, people in doubt, people who fight Communism, pioneers, protection of the Church, social justice, travellers, unborn children, Universal Church , Vatican II, wheelwrights, workers, many more...

The glorious St. Joseph was lineally descended from the greatest kings of the tribe of Judah, and from the most illustrious of the ancient patriarchs; but his true glory consisted in his humility and virtue. The history of his life hath not been written by men; but his principal actions are recorded by the Holy Ghost himself God entrusted him with the education of his divine Son, manifested in the flesh. In this view he was espoused to the Virgin Mary. It is an evident mistake of some writers, that by a former wife he was the father of St. James the Less, and of the rest who are styled in the gospels the brothers of our Lord; for these were only cousin-germans to Christ, the sons of Mary, sister to the Blessed Virgin, wife of Alphaeus, who was living at the time of our Redeemer's crucifixion. St. Jerome assures us1 that St. Joseph always preserved his virgin chastity; and it is of faith that nothing contrary thereto ever took place with regard to his chaste spouse, the Blessed Virgin Mary. He was given her by heaven to be the protector of her chastity, to secure her from calumnies in the birth of the Son of God, and to assist her in his education, and in her journeys, fatigues, and persecutions. How great was the purity and sanctity of him who was chosen the guardian of the most spotless Virgin! This holy man seems, for a considerable time, to have been unacquainted that the great mystery of the Incarnation had been wrought in her by the Holy Ghost. Conscious, therefore, of his own chaste behaviour towards her, it could, not but raise a great concern in his breast to find that, notwithstanding the sanctity of her deportment, yet he might be well assured that she was with child. But being <a just man>, as the scripture calls him, and consequently possessed of all virtues, especially of charity and mildness towards his neighbour, he was determined to leave her privately, without either condemning or accusing her, committing the whole cause to God. These, his perfect dispositions, were so acceptable to God, the lover of justice, charity, and peace, that before he put his design into execution he sent an angel from heaven, not to reprehend anything in his holy conduct, but to dissipate all his doubts and fears, by revealing to him this adorable mystery. How happy should we be if we were as tender in all that regards the reputation of our neighbor; as free from entertaining any injurious thought or suspicion, whatever certainty our conjectures or our senses may seem to rely on; and as guarded in our tongue! We commit these faults only because in our hearts we are devoid of that true charity and simplicity, whereof St. Joseph sets us so eminent an example on this occasion.

In the next place we may admire in secret contemplation with what devotion, respect, and tenderness he beheld and adored the first of all men, the new-born Saviour of the world, and with what fidelity he acquitted himself of his double charge, the education of Jesus and the guardianship of his blessed mother. "He was truly the faithful and prudent servant," says St. Bernard,2 "whom our Lord appointed the master of his household, the comfort and support of his mother, his foster-father, and most faithful co-operator in the execution of his deepest counsels on earth." "What a happiness," says the same Father, "not only to see Jesus Christ, but also to hear him: to carry him in his arms, to lead him from place to place, to embrace and caress him, to feed him, and to be privy to all the great secrets which were concealed from the princes of this world!"

"O astonishing elevation! O unparalleled dignity!" cries out the pious Gerson,3 in a devout address to St. Joseph, "that the mother of God, queen of heaven, should call you her lord; that God himself, made man, should call you father, and obey your commands. O glorious Triad on earth, Jesus, Mary, Joseph, how dear a family to the glorious Trinity in heaven, Father, Son,, and Holy Ghost! Nothing is on earth so great, so good, so excellent." Amidst these extraordinary graces, what more wonderful than his humility! He conceals his privileges, lives as the most obscure of men, publishes nothing of God's great mysteries, makes no further inquiries into them, leaving it to God to manifest them at his own time, seeks to fulfil the order of providence in his regard without interfering with anything but what concerns himself. Though descended from the royal family which had long been in the possession of the throne of Judea, he is content with his condition, that of a mechanic or handicraftsman, and makes it his business, by labouring in it, to maintain himself, his spouse, and the divine Child.

We should be ungrateful to this great saint if we did not remember that it is to him, as the instrument under God, that we are indebted for the preservation of the infant Jesus from Herod's jealousy and malice, manifested in the slaughter of the Innocents. An angel appearing to him in his sleep bade him arise, take the child Jesus, and fly with him into Egypt, and remain there till he should again have notice from him to return. This sudden and unexpected flight must have exposed Joseph to many inconveniences and sufferings in so long a journey, with a little babe and a tender virgin, the greater part of the way being through deserts and among strangers; yet he alleges no excuses, nor inquires at what time they were to return. St. Chrysostom observes that God treats thus all his servants, sending them frequent trials to clear their hearts from the rust of self-love, but intermixing seasons of consolation.4 "Joseph," says he, "is anxious on seeing the Virgin with child; an angel removes that fear; he rejoices at the child's birth, but a great fear succeeds; the furious king seeks to destroy the child, and the whole city is in an uproar to take away his life. This is followed by another joy- the adoration of the Magi; a new sorrow then arises; he is ordered to fly into a foreign unknown country, without help or acquaintance." It is the opinion of the Fathers that upon their entering Egypt, at the presence of the child Jesus all the oracles of that superstitious country were struck dumb, and the statues of their gods trembled, and in many places fell to the ground, according to that of Isaiah xix.: <And the statues of the Egyptians shall be shaken in his presence.> The Fathers also attribute to this holy visit the spiritual benediction poured on that country, which made it for many ages most fruitful in saints.

After the death of King Herod, which was notified to St. Joseph by a vision, God ordered him to return with the child and his mother into the land of Israel, which our saint readily obeyed. But when he arrived in Judea, hearing that Archelaus succeeded Herod in that part of the country, apprehensive he might be infected with his father's vices- cruelty and ambition-he feared on that account to settle there, as he would otherwise probably have done, for the more commodious education of the child. And therefore, being directed by God in another vision, he retired into the dominions of his brother Herod Antipas, in Galilee, to his former habitation in Nazareth, where the wonderful occurrences of our Lord's birth were less known. St. Joseph being a strict observer of the Mosaic law, in conformity to its direction annually repaired to Jerusalem to celebrate the passover. Archelaus being banished by Augustus and Judea made a Roman province, he had now nothing more to fear at Jerusalem. Our Saviour being advanced to the twelfth year of his age, accompanied his parents thither; who, having performed the usual ceremonies of the feast, were now returning with many of their neighbours and acquaintances towards Galilee, and, never doubting but that Jesus had joined himself with some of the company, they travelled on for a whole day's journey without further inquiry after him before they discovered that he was not with them. But when night came on, and they could hear no tidings of him among their kindred and acquaintance, they, in the deepest affliction, returned with the utmost speed to Jerusalem; where, after an anxious search of three days, they found him in the temple, sitting among the learned doctors of the law, hearing them discourse, and asking them such questions as raised the admiration of all that heard him, and made them astonished at the ripeness of his understanding: nor were his parents less surprised on this occasion. And when his mother told him with what grief and earnestness they had sought him, and to express her sorrow for that, though short, privation of his presence, said to him, "Son, why hast thou thus dealt with us? Behold, thy father and I sought thee in great affliction of mind": she received for answer that, being the Messias and Son of God, sent by his Father into the world in order to redeem it, he must be about his Father's business, the same for which he had been sent into the world; and therefore that it was most likely for them to find him in his Father's house: intimating that his appearing in public on this occasion was to advance his Father's honour, and to prepare the princes of the Jews to receive him for the Messias; pointing out to them from the prophets the time of his coming. But though in thus staying in the temple, unknown to his parents, he did something without their leave, in obedience to his heavenly Father, yet in all other things he was obedient to them, returning with them to Nazareth, and there living in all dutiful subjection to them.

Aelred, our countryman, Abbot of Rieval, in his sermon on losing the child Jesus in the temple, observes that this his conduct to his parents is a true representation of that which he shows us, whilst he often withdraws himself for a short time from us to make us seek him the more earnestly. He thus describes the sentiments of his holy parents on this occasion."5 Let us consider what was the happiness of that blessed company, in the way to Jerusalem, to whom it was granted to behold his face, to hear his sweet words, to see in him the signs of divine lie wisdom and virtue; and in their mutual discourse to receive the influence of his saving truths and example. The old and young admire him. I believe boys of his age were struck with astonishment at the gravity of his manners and words. I believe such rays of grace darted from his blessed countenance as drew on him the eyes, ears, and hearts of every one. And what tears do they shed when he is not with them." He goes on considering what must be tie grief of his parents when they had lost him; what their sentiments, and how earnest their search: but what their joy when they found him again. "Discover to me," says he, "O my Lady, Mother of my God, what were your sentiments, what your astonishment and your joy when you saw him again, and sitting, not among boys, but amidst the doctors of the law: when you saw every one's eyes fixed on him, every one's ears listening to him, great and small, learned and unlearned, intent only on his words and motions. You now say: I have found him whom I love. I will hold him, and will no more let him part from me. Hold him, sweet Lady, hold him fast; rush on his neck dwell on his embraces, and compensate the three days' absence by multiplied delights in your present enjoyment of him. You tell him that you and his father sought him in grief. For what did you grieve? not for fear of hunger or want in him whom you knew to be God: but I believe you grieved to see yourself deprived of the delights of his presence even for a short time; for the Lord Jesus is so sweet to those who taste him, that his shortest absence is a subject of the greatest grief to them." This mystery is an emblem of the devout soul, and Jesus sometimes withdrawing himself, and leaving her in dryness, that she may be more earnest in seeking him. But, above all, how eagerly ought the soul which has lost God by sin to seek him again, and how bitterly ought she to deplore her extreme misfortune!

As no further mention is made of St. Joseph, he must have died before the marriage of Cana and the beginning of our divine Saviour's ministry. We cannot doubt but he had the happiness of Jesus and Mary attending at his death, praying by him, assisting and comforting him in his last moments: whence he is particularly invoked for the great grace of a happy death, and the spiritual presence of Jesus in that tremendous hour. The church reads the history of the Patriarch Joseph on his festival, who was styled the saviour of Egypt, which he delivered from perishing by famine; and was appointed the faithful master of the household of Potiphar, and of that of Pharaoh and his kingdom. But our great saint was chosen by God the saviour of the life of him who was the true Saviour of the souls of men, rescuing him from the tyranny of Herod. He is now glorified in heaven, as the guardian and keeper of his Lord on earth. As Pharaoh said to the Egyptians in their distress, "Go to Joseph"; so may we confidently address ourselves to the mediation of him, to whom God, made man, was subject and obedient on earth.

The devout Gerson expressed the warmest devotion to St. Joseph, which he endeavoured by letters and sermons to promote. He composed an office in his honour, and wrote his life in twelve poems, called Josephina. He enlarges on all the circumstances of his life by pious affections and meditations. St. Teresa chose him the chief patron of her order. In the sixth chapter of her life she writes thus: "I chose the glorious St. Joseph for my patron, and I commend myself in all things singularly to his intercession. I do not remember ever to have asked of God anything by him which I did not obtain. I never knew anyone who, by invoking him, did not advance exceedingly in virtue; for he assists in a wonderful manner all who address themselves to him." St. Francis of Sales, throughout his whole nineteenth entertainment, extremely recommends devotion to him, and extols his merits, principally his virginity, humility, constancy, and courage. The Syrians and other eastern churches celebrate his festival on the 20th of July; the western church on the 19th of March. Pope Gregory XV in 1621, and Urban VIII in 1642, commanded it to be kept a holiday of obligation.

The holy family of Jesus, Mary, and Joseph presents to us the most perfect model of heavenly conversation on earth. How did those two seraphim, Mary and Joseph, live in their poor cottage! They always enjoyed the presence of Jesus, always burning with the most ardent love for him, inviolably attached to his sacred person, always employed and living only for him. What were their transports in beholding him, their devotion in listening to him, and their joy in possessing him! O heavenly life! O anticipation of the heavenly bliss! O divine conversation! We may imitate them, and share some degree of this advantage, by conversing often with Jesus, and by the contemplation of his most amiable goodness, kindling the fire of his holy love in our breasts. The effects of this love, if it be sincere, will necessarily appear in our putting on his spirit, and imitating his example and virtues; and in our studying to walk continually in the divine presence, finding God everywhere, and esteeming all the time lost which we do not spend with God, or for his honor.

 

-- source: http://www.ewtn.com/saintsHoly/saints/J/stjoseph.asp

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE(EVENTS,CHURCH HISTORY,PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,

 

 

ENGLISH
ITALIANO

San Giuseppe


SPOSO DELLA BEATA VERGINE MARIA E FOSTER PADRE DI GESÙ


Giorno di festa: 19 marzo


Morì: 1 ° secolo


Patrono di: contro il dubbio, contro esitazione, Americhe, economi, falegnamerie, Canada, falegnami, Chiesa cattolica, pasticcieri, artigiani, popolo Croato, morendo persone, gli emigranti, ingegneri, future mamme, famiglie, padri, Santa morte, cacciatori di casa, gli immigrati, anime interni, operai, sposò persone persone, Oblati di San Giuseppe, nel dubbio, gente che lotta comunismo, pionieri, protezione della Chiesa, giustizia sociale, i viaggiatori, bambini non ancora nati, la Chiesa universale, il Vaticano II, carradori, operai, molti di più...


La gloriosa San Giuseppe discendeva due dei più grandi re della tribù di Giuda e dai più illustri dei patriarchi antichi; ma la sua vera gloria consisteva nella sua umiltà e la virtù. La storia della sua vita non sta scritto da uomini; ma le sue azioni principali sono registrati dallo Spirito Santo stesso Dio gli affidò l'educazione di suo figlio divino, che si manifesta nella carne. In questa vista, egli era abbracciato alla Vergine Maria. Si tratta di un evidente errore di alcuni scrittori, che da un'ex moglie fu il padre di San Giacomo di meno e del resto che sono in stile nei vangeli i fratelli di nostro Signore; per queste erano soli cugino-tedeschi a Cristo, i figli di Maria, sorella alla Beata Vergine, moglie di Alphaeus, che viveva al momento della crocifissione del nostro Redentore. San Girolamo assicura us1 che San Giuseppe sempre conservato la sua castità Vergine; ed è di fede che niente in contrario ad esso mai ebbe luogo a suo coniuge casto, la Beata Vergine Maria. Egli fu dato dal cielo per essere il protettore della sua castità, per garantire a lei da calunnie alla nascita del figlio di Dio e per aiutarla nella sua educazione e nei suoi viaggi, affatica e persecuzioni. Come grande era la purezza e la santità di colui che è stato scelto il guardiano della Vergine Immacolata di più! Quest'uomo santo sembra, per un tempo considerevole, di essere stato non conosce che il grande mistero dell'incarnazione era stato battuto in lei dallo Spirito Santo. Consapevole, quindi, del suo proprio comportamento casto verso di lei, non poteva che sollevare una grande preoccupazione nel suo seno per trovare che, nonostante la santità del suo portamento, eppure egli potrebbe essere ben certi che lei era con il bambino. Ma essendo < un uomo giusto >, come lo chiama la scrittura, e di conseguenza posseduto, di tutte le virtù, specialmente della carità e della mitezza verso il suo prossimo, egli era determinato a lasciarla privatamente, senza né condannare o accusando lei, commettendo la causa di tutta a Dio. Questi, suoi perfetti disposizioni, erano così graditi a Dio, l'amante di giustizia, la carità e la pace, che prima ha messo il suo disegno in esecuzione mandò un angelo dal cielo, non reprehend nulla nella sua condotta Santa, ma per dissipare tutti i suoi dubbi e timori, rivelando a lui questo adorabile mistero. Felice come dovremmo essere se fossimo tenere in tutto ciò che riguarda la reputazione del nostro prossimo; come libero da intrattenere alcun pensiero pregiudizievole o sospetto, qualunque certezza nostre congetture o i nostri sensi possono sembrare fare affidamento su; e come custodito nella nostra lingua! Noi commettiamo queste colpe solo perché nei nostri cuori siamo privo di quella carità vera e semplicità, che San Giuseppe ci imposta così eminente esempio in questa occasione.


Nel prossimo posto che noi possiamo ammirare in contemplazione segreta con ciò che devozione, rispetto e tenerezza lui vidi e adorato il primo di tutti gli uomini, il neonato Salvatore del mondo, e con ciò che fedeltà ha assolto se stesso di sua doppia carica, l'educazione di Gesù e la tutela della madre Beata. "Egli era veramente il servo fedele e prudente," dice San Bernardo, 2 "che nostro Signore nominato il maestro della sua famiglia, il comfort e il supporto di sua madre, suo padre adottivo e Co-esercente più fedeli nell'esecuzione dei suoi più profondi consigli sulla terra." "Ciò che felicità," dice il padre stesso, "non solo per vedere Gesù Cristo, ma anche a sentirlo: per portarlo in braccio, per condurlo da luogo a luogo, per abbracciare e accarezzare lui, di nutrirlo e di essere a conoscenza di tutti i grandi segreti che erano nascosti i principi di questo mondo!"


"O sorprendente elevazione! O senza pari dignità!"grida la Pia Gerson, 3 in un indirizzo devoto a San Giuseppe,"che la madre di Dio, regina dei cieli, deve chiamare voi suo Signore; che Dio stesso, fatto uomo, dovrebbe chiamare padre si e i comandi di obbedire. Oh glorioso triade sulla terra, Gesù, Maria, Joseph, cara come una famiglia alla Gloriosa Trinità in cielo, padre, figlio, e Spirito Santo! Nulla è sulla terra così grande, così buona, così eccellente." In mezzo a questi straordinari graces, ciò che più meraviglioso che sua umiltà! Egli nasconde i suoi privilegi, vive come il più oscuro degli uomini, pubblica nulla di grandi misteri di Dio, non rende ulteriori indagini sul loro, lasciando a Dio per manifestare la loro a suo tempo, cerca di rispettare l'ordine della Provvidenza nei suoi confronti senza interferire con nulla, ma quello che preoccupa se stesso. Anche se discendente della famiglia reale, che era stato a lungo in possesso del trono della Giudea, è contenuto con sua condizione, quella di un meccanico o handicraftsman e rende la sua attività, da lavorando in essa, per mantenere se stesso, sua moglie e il figlio divino.


Dovremmo essere ingrati a questo grande Santo se non ricordiamo che è a lui, come lo strumento di Dio, che siamo debitori per la conservazione del Gesù bambino da Erode gelosie e malizia, che si manifesta nella strage degli innocenti. Un angelo che appaiono a lui nel suo sonno lo offrì derivano, prendere il bambino Gesù e volare con lui in Egitto e vi rimangono fino a nuovo avrebbe dovuto preavviso da lui per tornare. Questo volo improvviso e inaspettato deve esposto Joseph a molti disagi e sofferenze in un così lungo viaggio, con un bambino piccolo e tenera Vergine, la maggior parte del modo in cui sta attraverso deserti e tra estranei; Eppure non sostiene scuse, né richieste a che ora erano da restituire. St Chrysostom osserva che Dio così tratta tutti i suoi servi, inviando loro frequenti prove per cancellare i loro cuori dalla ruggine di amor proprio, ma intrecciando stagioni di consolation.4 "Joseph", dice lui, "è ansioso vedendo la Vergine con il bambino; consente di rimuovere un angelo che la paura; egli gioisce alla nascita del bambino, ma una grande paura ha esito positivo; il re furioso cerca di distruggere il bambino, e l'intera città è in subbuglio per togliergli la vita. Questo è seguito da un'altra gioia-l'adorazione dei Magi; poi si pone un nuovo dolore; gli viene ordinato di volare in un paese straniero sconosciuto, senza aiuto o conoscente." È il parere dei padri che su di loro immissione Egitto, alla presenza del bambino Gesù tutti oracoli di quel paese superstizioso furono coniati muti, e le statue dei loro dèi tremavano e in molti luoghi caddero a terra, secondo a quello di Isaia xix.: < e saranno scrollate le statue degli antichi egizi in sua presenza. > The Fathers anche attribuire a questa visita Santa benedizione spirituale riversata su quel paese, che rese per molti secoli più fecondi in Santi.


Dopo la morte del re Erode, che è stato notificato da una visione di San Giuseppe, Dio ha ordinato a tornare con il bambino e sua madre in terra di Israele, che il nostro Santo prontamente obbedì. Ma quando è arrivato in Giudea, sentendo che Archelao riuscita Erode in quella parte del paese, apprensivo egli potrebbe essere infettato con vizi-crudeltà suo padre e ambizione, egli temevano su quell'account di stabilirsi lì, come egli sarebbe altrimenti probabilmente hanno fatto, per l'educazione del bambino più comode. E quindi, essendo diretto da Dio in un'altra visione, che si ritirò in domini di suo fratello Antipa Herod, in Galilea, suo ex abitazione a Nazareth, dove le occorrenze meravigliose della nascita di nostro Signore erano meno conosciute. San Giuseppe di essere un osservatore rigoroso della legge mosaico, in conformità alla sua direzione annualmente riparati a Gerusalemme per celebrare la Pasqua. Archelao essere bandito da Augusto e Judea fatto una provincia romana, che aveva ormai più nulla da temere a Gerusalemme. Nostro Salvatore sta avanzate per il dodicesimo anno di età, accompagnò i suoi genitori là; ora che, dopo aver effettuato le cerimonie usuali della festa, stavano tornando con molti dei loro vicini e conoscenti verso la Galilea, e mai dubitare ma che Gesù si era unito con alcuni della società, hanno viaggiato su per viaggio un'intera giornata di senza ulteriore inchiesta dopo di lui prima che hanno scoperto che non era con loro. Ma quando la notte è venuto, e non si potevano sentire nessun novelle di lui tra i loro parenti e conoscente, nella miseria più profondo, ritornarono con la velocità massima a Gerusalemme. dove, dopo una ricerca ansiosa di tre giorni, lo trovarono nel tempio, seduto tra i dotti dottori della legge, averli ascoltati discorso, e chiedendo loro di tali domande come sollevato l'ammirazione di tutto ciò che ha sentito parlare di lui e fece loro stupito per la maturazione della sua comprensione: né sono stati i suoi genitori meno sorpreso in questa occasione. E quando sua madre gli disse ciò che tristezza e la serietà aveva cercato di lui, e per esprimere il suo dolore per questo, anche se breve, privazione della sua presenza, gli disse: "figlio, perché hai tu così trattata con noi? Ecco, tuo padre e ho cercato di te in grande afflizione della mente": ha ricevuto risposta che, essendo Messias e figlio di Dio, mandato dal padre nel mondo per riscattarlo, egli deve essere circa il commercio di suo padre, lo stesso per il quale era stato inviato nel mondo; e quindi che non era più probabile per loro di trovarlo in casa di suo padre: intendere che suo apparire in pubblico in questa occasione era per far avanzare l'onore del padre e per preparare i principi degli ebrei di riceverlo per Messias; ricordando loro dai profeti il tempo della sua venuta. Ma anche se in tal modo stare nel tempio, sconosciuto ai suoi genitori, ha fatto qualcosa senza il loro permesso, in obbedienza al Padre celeste, ma in tutte le altre cose era obbediente a loro, ritornando con loro a Nazaret e ci vivono in soggezione doverosa tutti loro.


Aelred, nostro connazionale, abate di Rieval, nella sua omelia sul perdere il bambino Gesù al tempio, osserva che questa sua condotta ai suoi genitori è una vera rappresentazione di ciò che ci mostra, mentre egli spesso ritira se stesso per un breve periodo da noi per farci lo cercano più seriamente. Egli così descrive i sentimenti dei suoi santi padri in questa occasione."5 Farci considerare che cosa era la felicità di quell'azienda Beato, nel modo di sentire le sue parole dolci, a Gerusalemme, ai quali è stato concesso a Ecco il suo volto, per vedere in lui i segni della saggezza divina menzogna e la virtù; e nel loro reciproco discorso per ricevere l'influenza della sua verità salvifica e l'esempio. Vecchi e giovani ammirarlo. Credo che i ragazzi della sua età erano coniati stupore per la gravità delle sue maniere e le parole. Credo che tali raggi di grazia si lanciò dal suo volto Beato come ha attirato su di lui gli occhi, le orecchie e cuori di ognuno. E ciò che lacrime essi capannone quando lui non è con loro". Egli continua considerando quello che deve essere cravatta dolore dei suoi genitori quando avevano perso lui; ciò che loro sentimenti e serio come loro ricerca: ma ciò che loro gioia quando lo trovarono nuovamente. "Scopri a me," dice lui, "O mio Lady, la madre del mio Dio, che cosa erano i suoi sentimenti, ciò che il tuo stupore e la vostra gioia quando si è visto lui ancora una volta e la seduta, non tra i ragazzi, ma in mezzo i dottori della legge: quando avete visto tutti i suoi occhi fissi su di lui, di ogni uno orecchie per ascoltare lui, grande e piccolo, imparato e ignoranti, intenti solo sulle sue parole e i movimenti. Ora dire: ho trovato colui che amo. Riterrò lui, e non è più possibile lasciare lui parte da me. Tenere lui, dolce signora, lo tengo veloce; correre sul suo collo in soffermarmi su suoi abbracci e compensare assenza i tre giorni di delizie moltiplicate nel vostro godimento presente di lui. Lo dite che voi e suo padre lo cercò in lutto. Per quello che ha fatto lei addolorare? non per paura di fame o vuoi in colui che si sapeva di essere Dio: ma credo addolorato per vedere voi stessi privati dei piaceri della sua presenza anche per un breve periodo; per il Signore Gesù è così dolce a chi lui, che la sua assenza più breve è un soggetto del più grande dolore a loro gusto". Questo mistero è un emblema dell'anima devota e Gesù a volte revoca se stesso e lasciandola in secchezza, che può essere più serio in cerca di lui. Ma, soprattutto, come avidamente dovrebbe l'anima che ha perso il Dio dal peccato per lo cercano ancora una volta e come amaramente dovrebbe lei a deplorare la sua estrema sfortuna!

Come nessuna ulteriore menzione è fatta di San Giuseppe, egli deve morì prima del matrimonio di Cana e l'inizio del Ministero del nostro Salvatore Divino. Noi non possiamo dubitare, ma aveva la felicità di Gesù e Maria presenti alla sua morte, pregando da lui, che assiste e confortante lui nei suoi ultimi momenti: donde egli viene richiamato in particolare per il grande grazia di una morte felice e la presenza spirituale di Gesù in quell'ora tremenda. La Chiesa si legge la storia del Patriarca Giuseppe il suo festival, che è stato designato il Salvatore dell'Egitto, che ha pronunciato da perire dalla carestia; e fu nominato maestro fedele della famiglia di Potiphar e di quella del Faraone e il suo regno. Ma il nostro grande Santo è stato scelto da Dio Salvatore della vita di lui che era il vero Salvatore delle anime degli uomini, salvataggio di lui dalla tirannia di Erode. Ora egli è glorificato in cielo, come il guardiano e custode del suo Signore sulla terra. Come il faraone disse agli egiziani, nella loro angoscia, "Andare a Joseph"; così possiamo con certezza affrontiamo noi stessi alla mediazione di lui, al quale Dio, fatto uomo, era soggetto e obbediente sulla terra.

Gerson devoto espresso la devozione più calda a San Giuseppe, che egli cercò da lettere e sermoni per promuovere. Egli compose un ufficio in suo onore e ha scritto la sua vita in dodici poesie, chiamati Josephina. Egli allarga su tutte le circostanze della sua vita da meditazioni e pii affetti. St Teresa ha scelto il capo patrono del suo ordine. Nel sesto capitolo della sua vita lei scrive così: "ho scelto il glorioso San Giuseppe per il mio patrono, e mi congratulo con me stesso in tutte le cose singolarmente alla sua intercessione. Non mi non ricordo mai a hanno chiesto di Dio nulla da lui che non ha ottenuto. Non ho mai saputo chi, richiamando lui, non avanzare grandemente in virtù; per assistette in modo meraviglioso tutti coloro che affrontare se stessi a lui." San Francesco di Sales, durante il suo intero diciannovesimo intrattenimento, estremamente raccomanda la devozione verso di lui ed esalta i suoi meriti, principalmente sua verginità, umiltà, Costanza e coraggio. I siriani e altre chiese orientali celebrano il suo festival il 20 luglio; la chiesa occidentale il 19 marzo. Papa Gregorio XV nel 1621 e Urbano VIII nel 1642, comandato di essere mantenuto una vacanza di obbligo.


La Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe si presenta a noi il modello più perfetto della conversazione celeste sulla terra. Come ha fatto quei due Serafini, Maria e Giuseppe, vivono nel loro cottage di poveri! Hanno sempre apprezzato la presenza di Gesù, bruciando sempre con l'amore più ardente per lui, inviolabilmente attaccato alla sua sacra persona, sempre assunto e vivono solo per lui. Che cosa sono stati loro dei trasporti in vedendo lui, la loro devozione ad ascoltare lui e la loro gioia nel possesso di lui! O vita celeste! Anticipazione o di beatitudine celeste! O divina conversazione! Imitarli e lo possiamo condividere qualche grado di questo vantaggio, spesso conversando con Gesù e dalla contemplazione della sua bontà più amabile, fascine il fuoco del suo amore Santo in nostri petti. Gli effetti di questo amore, se essere sincero, necessariamente apparirà nei nostri mettendo il suo spirito e imitare il suo esempio e la virtù; e nostro studiando a camminare continuamente nella presenza divina, trovando Dio ovunque e stimando tutto il tempo perso che non spendiamo con Dio, o per il suo onore.

-- source: http://www.ewtn.com/saintsHoly/saints/J/stjoseph.asp
Fonte: sito web della http://www.ewtn.com/saintsHoly/saints/J/stjoseph.asp

 

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE(EVENTS,CHURCH HISTORY,PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,