English
Italiano

Saint Rita of Cascia

St. Rita
Feastday: May 22
Patron of impossible cases
1381-1457

St. Rita was canonized on May 24, 1900 by Pope Leo XIII,patron of those in desperate situations, parenthood, and against infertility,also known as the patron saint of desperate causes, particularly matrimonial difficulties.

Antonio and Amata Lotti lived in the small village of Roccaporena, near Cascia, in the province of Umbria, Italy. They served as the official peacemakers or reconcilers among their fellow citizens. Because of the devotion to Christianity and good ability to resolve issues, they were known as the Peacemakers of Jesus.

For many years they prayed that they might have child. In 1381, their prayers were answered when Amata gave birth to Rita. They looked upon their only child a very special gift from God since they were already getting on in their years.

The Lottis, being devout Christian people, offered their daughter the witness of strong faith in God and a practical example of Gospel living. Rita shared her parents’ strong faith and religious devotion. She wished to dedicate her life to God as a nun. But, at the time, the civil and ecclesiastical climates were not healthy. Rita’s parents, fearful for her wellbeing, believed that she would be far safer under the protection of a good husband than she would be behind
the unguarded walls of a convent. They arranged for her marriage to Paolo Mancini. Despite being initially disappointed, Rita understood this choice to be the expression of God’s will for her and consented to the marriage.

Paolo turned out to be a corrupt, mean, and unfaithful husband. For eighteen years Rita stood by his side despite the abuse. The marriage was blessed with two sons, perhaps twins. Through her prayers, gentleness, and goodness, Rita finally won Paolo’s heart. He apologized to Rita, repented with God and began to attend Church regularly.

Rita’s happiness over her husband’s conversion did not last long. He still had enemies, who one evening took vengeance against Paolo and killed him on his way home from work. Despite being shocked and heart-broken, she forgave the murderers, and tried to make her two sons forgive them too. Instead the boys were determined to avenge their father’s death. Rita prayed that they would die rather than commit murder. Within several months, both boys became seriously ill. Rita nursed them lovingly. During their illness, she persuaded them to forgive and to ask for God’s forgiveness for themselves. They did and both died peacefully.

Now alone, Rita gave herself to works of charity and to more intense life of prayer. Eventually the desire to enter the convent once more grew in here, but her request for entrance among the Augustinian Nuns of Cascia was refused, not once but three times. Though Rita was known to the nuns of the Monastery of Saint Mary Magdalene, her good character and religious spirit were outweighed, in the judgment of the community, by the violence that surrounded Paolo’s death. The nuns were afraid of tempting the peace of convent life, possibly because one of their members belonged to the family responsible for Paolo’s murder. But Rita felt deeply that this was the vocation to which she was called and she turned to her three patron saints, (Saint John the Baptist,Saint Augustine, and Saint Nicholas of Tolentino) to intercede for her. After the third refusal of the nuns, Rita recognized that she herself must put their fears to rest. She approached Paolo’s family as well as their rivals, and persuaded them to put an end to their hostility and to live in peace.

The example of her own forgiving sprit was an inspiration to them. The families were reconciled. They signed a document to this effect, and when Rita presented the document to the nuns, they allowed her to join the convent. And so, in 1413, Rita Lotti Mancini became Sister Rita.

She lived the life of an Augustinian Nun, according to the Rule of the saint she had chosen years before as her spiritual father, Saint Augustine of Hippo. His was a gentle Rule which invited the members of the community to strive in every way possible to achieve communion of mind and heart with God and one another. Her days were spent in prayer and contemplation, in service to the sick and the poor, and in activities necessary to support the life of the small community.

In 1441, she heard a sermon on the Crown of Thorns. Soon afterward while praying, she asked Jesus to let her share
some of his pain. A thorn from this crown of thorns pierced her forehead and made a sore that never healed. The wound because so unattractive and gave off such an odor that Rita was secluded from the others. The wound healed enough for her to attend a pilgrimage to Rome in 1450, but it reappeared after her return and remained with her until her death. She was happy to suffer to show her love for Jesus.

Despite being confined to her bed the last four years of her life and eating little more than the Eucharist she continued her teaching and direction to the younger sisters. A couple of months before her death, a visitor from her home town asked if Rita would like anything; Rita’s only request was a rose from her family’s home. Even though it was January and thinking there was no hope of finding the flower, the visitor did as asked. Sure enough, sprouted on an otherwise bare bush, was a single, brightly-colored rose blossom which the person promptly returned to Rita.

At the age of 76, Rita’s life came to an end on May 22, 1457. People flocked to the convent to pay their last respects to this much-loved lady. Innumerable miracles took place through her intercession, and devotion to her spread far and wide. Saint Rita’s body was preserved perfectly incorrupt for several centuries, and at times it gave off a sweet fragrance.

Saint Rita was canonized on May 24, 1900 by Pope Leo XIII. She is the patron of those in desperate situations, parenthood, and against infertility. She is also known as the patron saint of desperate causes, particularly matrimonial difficulties.


Prayers & Hymns to Saint Rita

Prayer to Saint Rita (Click here to view or down load "The Prayers And Novena To Saint Rita Of Cascia" acrobat Pdf file)

Dear Rita, model Wife and Widow, you yourself suffered in a long illness showing patience out of love for God.
Teach us to pray as you did. Many invoke you for help, full of confidence in your intercession.
Deign to come now to our aid for the relief and cure of [name of sufferer].
To God, all things are possible; may this healing give glory to the Lord.

Amen.

Prayer to Saint Rita

Holy Patroness of those in need, Saint Rita, you were humble, pure and patient.
Your pleadings with your divine Spouse are irresistible, so please obtain for me from our risen Jesus the request
I make of you: [mention your petition].
Be kind to me for the greater glory of God, and I shall honor you and sing your praises forever. Glorious Saint..Rita,..you miraculously participated in the sorrowful passion of our Lord Jesus Christ.
Obtain for me now the grace to suffer with resignation the troubles of this life, and protect me in all my needs.
Amen.

Hymn to Saint Rita of Cascia

Come, virgins chaste; pure brides, draw near: Let Earth exult and Heaven hear The Hymn that
grateful accents raise, Our song of joy in Rita's praise.

By fast her sinless frame is weak; Her livid flesh the scourges streak. In pity for her Savior's woes,
Her days and even nights are closed.

The thorn-wound on her brow is shown, The crimson rose in winter blown, and full-ripe figs on
frozen tree at Rita's wish the wonders see.

The widowed spouse and wedded wife the way to heaven see in her life; the way secure our Rita
trod, in life's dim day,
through paint o God.

Praise to the Father and the Son, praise to the Spirit, Three in One; O grant us grace in heaven to
reign through Rita's prayer and life-long pain.

Thou hast signed thy servant Rita with the sign of thy Love and Passion.

O God! Who didst deign to confer on St. Rita for imitating Thee in love of her enemies, the favor of
bearing her heart and brow the marks of Thy Love and Passion, grant we beseech Thee, that through
her intercession and merit, we may, pierced by the thorns of compunction, ever contemplate the
sufferings of Thy Passion, who lives and reigns forever and ever.

Amen.

Beatification and canonization

Statue of St. Rita at Saint Leonard of Port Maurice Church in the North End of Boston, USA.St. Rita was beatified by Urban VIII in 1627. Urban's private secretary, Cardinal Fausto Poli, had been born some 15 km (9.3205679 miles) from her birthplace and much of the impetus behind her cult is due to his enthusiasm. She was canonized on May 24, 1900 by Pope Leo XIII. Her feast day is the whole day of May 22.

Symbols
The forehead wound
One day, while living at the convent Rita said, "Please let me suffer like you, Divine Saviour". Suddenly, a thorn from a figure of the crucifixion of Jesus Christ fell from the crown of thorns and left a deep wound in Rita's forehead. This wound never healed and caused her great suffering for the rest of her life. As a result, depictions of St. Rita show a forehead wound to represent this event. In addition to the physical pain, the wound emitted a terrible stench, which kept the other nuns away from Rita. On the day she died, the odor from the wound in St. Rita's forehead became a beautiful scent of roses.

The rose and fig
One of the common versions of the story about the importance of the rose (and fig) is set before St. Rita's entry into the convent.

Another version is set near the end of her life, when St. Rita was bedridden in the convent. A cousin visited her and asked her if she desired anything from her old home. St. Rita responded by asking for a rose and a fig from the garden. It was January and her cousin did not expect to find anything due to the snowy weather. However, when her relative went to the house, a single blooming rose was found in the garden as well as a fully ripened and edible fig, and her cousin brought the rose and fig back to St. Rita at the convent.[citation needed] The rose bush is still alive and often in bloom today.[citation needed]

The rose is thought to represent God's love for Rita and Rita's ability to intercede on behalf of lost causes or impossible cases. Rita is often depicted holding roses or with roses nearby. On her feast day, churches and shrines of St. Rita provide roses to the congregation that are blessed by priests during Mass.

The Bees
In the parish church of Laarne, near Ghent, there is a statue of Saint Rita in which several bees are featured. This depiction originates from the story of St. Rita's baptism as an infant. On the day after her baptism, her family noticed a swarm of white bees flying around her as she slept in her crib. However, the bees peacefully entered and exited her mouth without causing her any harm or injury. Instead of being alarmed for her safety, her family was mystified by this sight.

Interpretations of the story believe the bees represented her subsequent beatification by Pope Urban VIII (whose Barberini family coat of arms featured three bees).

A Cathedral dedicated to Saint Rita de Cascia & Saint Rita of Cascia shrine
A large sanctuary of Saint Rita was built in the early 20th century in Cascia. The sanctuary and the house where she was born are among the most active pilgrimage sites of Umbria. Her intercession is also sought by abused women.

Mireille Mathieu, a young French woman born into poverty in 1946, adopted Saint Rita as her patron saint on the advice of her paternal grandmother who advised her, that Saint Rita was the one to pray to for hopeless causes. Mireille had both a love for song, and for performing before an audience. In her autobiography she describes buying a candle for Saint Rita, even if it was her last Franc. Her prayers didn't always come true, but they made her a strong and determined woman. Forty-plus years later, she is still entertaining audiences.

sources: http://www.saintrita.net/ParishInformation/OurPatronSaint.asp
sources: http://www.saintritashrine.org/life-of-saint-rita/prayers-to-saint-rita/
sources.:http://www.catholic.org/saints/saint.php?saint_id=205
Click the link: to view or download the acrobat pdf file: "The Prayers And Novena To Saint Rita Of Cascia" : http://www.santaritaparishasf.org/prayer-to-saint-rita/

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,

 

English
Italiano

Santa Rita da Cascia

S. Rita
Della festa: Il 22 maggio
Patrono dei casi impossibili
1381-1457

St Rita è stato canonizzato il 24 maggio 1900 dal Papa Leone XIII, patrono di quelli in situazioni disperate, genitorialità e contro la sterilità, conosciuto anche come il Santo patrono di cause disperate, Difficoltà particolarmente matrimoniale.

Antonio e Amata Lotti vissero nel piccolo paese di Roccaporena, nei pressi di Cascia, nella provincia dell'Umbria, Italia. Servivano come operatori di pace ufficiale o reconcilers tra loro concittadini. A causa della devozione al cristianesimo e buona capacità di risolvere i problemi, erano conosciuti come operatori di pace di Gesù.

Per molti anni hanno pregato affinché essi possano avere il bambino. Nel 1381, loro preghiere furono esaudite quando Amata partorì Rita. Si guardò la loro unica figlia un dono molto speciale da Dio poiché erano già ottenere nei loro anni.

Lottis, essendo il popolo cristiano devoto, offrì loro figlia la testimonianza della forte fede in Dio e un esempio pratico di vita evangelica. Rita condiviso dei suoi genitori forte fede e devozione religiosa. Lei ha voluto dedicare la sua vita a Dio come una monaca. Ma, al momento, i climi civili ed ecclesiastici non erano sani. I genitori di Rita, timorosi per il suo benessere, credevano che sarebbe stata molto più sicuro sotto la protezione di un buon marito di lei sarebbe dietro
le pareti non custodite di un convento. Hanno organizzato per il suo matrimonio con Paolo Mancini. Pur essendo inizialmente delusi, Rita capito questa scelta sia espressione della volontà di Dio per lei e acconsentito al matrimonio.

Paolo si rivelò per essere un marito infedele, medio e corrotto. Per diciotto anni Rita si trovava al suo fianco nonostante l'abuso. Il matrimonio è stata benedetta con due figli, forse i gemelli. Attraverso le sue preghiere, dolcezza e bontà, Rita infine ha vinto il cuore di Paolo. Egli si scusò con Rita, pentito con Dio e ha cominciato a frequentare la parrocchia regolarmente.

Felicità di Rita sulla conversione del marito non durò a lungo. Aveva ancora i nemici, che una sera ha preso vendetta contro Paolo e lo uccisero sulla via di casa dal lavoro. Pur essendo scioccato e cuore spezzato, perdonò gli assassini e ha cercato di rendere i suoi due figli perdona loro troppo. Invece i ragazzi sono stati determinati per vendicare la morte del padre. Rita pregato che sarebbero morti piuttosto che l'omicidio di commit. All'interno di diversi mesi, sia i ragazzi si ammalò gravemente. Rita allattato loro amorevolmente. Durante la loro malattia, lei li persuase a perdonare e a chiedere il perdono di Dio per se stessi. Hanno fatto e morirono entrambi pacificamente.

Ora da solo, Rita dato se stessa per opere di carità e con più intensa vita di preghiera. Alla fine il desiderio di entrare nel convento ancora una volta è cresciuto qui, ma è stata rifiutata la sua richiesta di ingresso tra le Monache Agostiniane di Cascia, non una volta ma tre volte. Sebbene Rita è stata conosciuta per le monache del monastero di Santa Maria Maddalena, suo buon carattere e spirito religioso sono stati outweighed, nella sentenza della Comunità, dalla violenza che circondato morte di Paolo. Le monache avevano paura di allettante la pace della vita del convento, forse perché uno dei loro membri apparteneva alla famiglia responsabile dell'omicidio di Paolo. Ma Rita profondamente sentito che questa era la vocazione a cui era chiamata e si voltò a sua tre santi patroni, (San Giovanni Battista, Sant'Agostino e San Nicola da Tolentino) di intercedere per lei. Dopo il terzo rifiuto delle monache, Rita riconosciuto che lei stessa deve mettere le loro paure per riposare. Lei si avvicinò la famiglia di Paolo, così come i loro rivali e li persuase a porre fine alla loro ostilità e a vivere in pace.

L'esempio del suo spirito indulgente è stato fonte di ispirazione per loro. Le famiglie si riconciliarono. Hanno firmato un documento a questo effetto, e quando Rita ha presentato il documento alle monache, permise di far parte del convento. E così, nel 1413, Rita Lotti Mancini divenne sorella Rita.

Ha vissuto la vita di una monaca agostiniana, secondo la regola del Santo che anni prima aveva scelto come suo padre spirituale, sant'Agostino d'Ippona. La sua era una norma gentile che ha invitato i membri della Comunità ad adoperarsi in ogni modo possibile per realizzare la comunione della mente e del cuore con Dio e l'uno con l'altro. Suoi giorni sono stati spesi in preghiera e di contemplazione, al servizio dei malati e dei poveri e in attività necessarie per sostenere la vita della piccola comunità.

Nel 1441, sentì un sermone sulla corona di spine. Poco dopo, mentre pregando, Gesù, ha chiesto di lasciarla a condividere
alcuni del suo dolore. Una spina da questa corona di spine trafitto la sua fronte e fatto un mal che mai guarito. La ferita perché così poco attraente e ha dato fuori come un odore che Rita era isolata dagli altri. La ferita guarito abbastanza per lei a frequentare un pellegrinaggio a Roma nel 1450, ma essa riapparve dopo il suo ritorno e rimase con lei fino alla sua morte. Lei era felice di soffrire per mostrare il suo amore per Gesù.

Nonostante essere limitata al suo letto gli ultimi quattro anni della sua vita e mangiare poco più che l'Eucaristia ha continuato il suo insegnamento e la direzione per le sorelle più giovani. Un paio di mesi prima della sua morte, un visitatore dalla sua città natale ha chiesto se Rita piacerebbe nulla; Unica richiesta di Rita era una rosa da casa della sua famiglia. Anche se era gennaio e pensando che non non c'era alcuna speranza di trovare il fiore, il visitatore ha fatto come chiesto. Abbastanza sicuro, germogliato su un cespuglio altrimenti nuda, era un fiore rosa singolo, dai colori sgargianti, che la persona prontamente restituita alla Santa Rita.

All'età di 76, vita di Rita si è conclusa il 22 maggio 1457. Persone accorrevano al convento di pagare il loro ultimi rispetti a questa signora molto amato. Innumerevoli miracoli sono avvenute attraverso la sua intercessione e la devozione alla sua diffusione in lungo e in largo. Il corpo di Santa Rita fu conservato perfettamente incorrotto per diversi secoli, e a volte ha dato fuori un profumo dolce.

Santa Rita è stato canonizzato il 24 maggio 1900 dal Papa Leone XIII. Lei è il patrono di quelli in situazioni disperate, genitorialità e contro l'infertilità. Lei è anche conosciuto come il Santo patrono di cause disperate, Difficoltà particolarmente matrimoniale.


Preghiere & inneggiano a Santa Rita


Preghiera a Santa Rita

Cara Rita, modello moglie e vedova, lei stesso ha sofferto in una lunga malattia, mostrando la pazienza di amore per Dio.
Insegnaci a pregare come hai fatto. Molti si può richiamare per aiuto, pieno di fiducia nella tua intercessione.
Si degnano di venire ora in nostro aiuto per il sollievo e la cura di [nome del malato].
A Dio, tutte le cose sono possibili; può questa guarigione dare gloria al Signore.

Amen.


Preghiera a Santa Rita

Santa Patrona di quelli in necessità, Santa Rita, eri umile, puro e paziente.
Vostre memorie con vostro Sposo divino sono irresistibili, quindi ottenere prego per me dal nostro Gesù risorto la richiesta
Fare di voi: [menzionare la tua petizione].
Essere gentile con me per la maggior gloria di Dio, e io farò onore si e cantare le tue lodi per sempre. Saint gloriosa...Rita,...partecipato miracolosamente la dolorosa passione di nostro Signore Gesù Cristo.
Ottenere per me ora la grazia a soffrire con rassegnazione i guai di questa vita e mi protegge in tutte le mie esigenze.
Amen.

Inno a Santa Rita da Cascia

Vieni, vergini caste; spose pure, avvicinarsi: esultare lasciare terra e cielo sentire l'inno che
grato accenti sollevare, nostro canto di gioia in lode di Rita.

Di fast suo telaio senza peccato è debole; Sua carne livido la striscia di flagelli. Nel peccato per guai del suo Salvatore,
Suoi giorni e notti anche sono chiusi.

Viene mostrata la spina-ferita sulla sua fronte, crimson rose in inverno soffiato e fichi maturi in pieno su
albero congelato al desiderio di Rita che vedere le meraviglie.

Il coniuge vedovo e la moglie wedded la strada verso il cielo vedere nella sua vita; il modo garantire la nostra Rita
calpestò, nel giorno dim della vita,
attraverso vernice o Dio.

Sia lode a padre e il figlio, lodare lo spirito, tre in uno; Concessione o che in cielo per noi la grazia
regnare attraverso la preghiera di Rita e il dolore di tutta la vita.

Tu hai firmato il tuo servo Rita con il segno del tuo amore e la passione.

Oh Dio! Che si degnano di conferire per te imitando nell'amore dei suoi nemici, il favore di Rita St
cuscinetto suo cuore e la fronte i segni del tuo amore e passione, concedere vi supplico di te, che attraverso
sua intercessione e merito, noi possiamo, trafitto dalle spine di rimorso, mai contempliamo il
sofferenze della passione di Thy, che vive e regna nei secoli dei secoli.

Amen.

Beatificazione e canonizzazione

Statua di Rita St a Saint Leonard di Porto Maurizio Chiesa nel North End di Boston, USA.St. Rita fu beatificato da Urbano VIII nel 1627. Segretario privato di Urban, cardinale Fausto Poli, era nato circa 15 km (9.3205679 km) dal suo luogo di nascita e gran parte dell'impeto dietro il suo culto è dovuto il suo entusiasmo. Fu canonizzata il 24 maggio 1900 dal Papa Leone XIII. Suo giorno di festa è tutto il giorno del 22 maggio.

Simboli
Il fronte della ferita
Un giorno, mentre viveva al convento che Rita ha detto, "fatemelo soffrire come voi, Salvatore Divino". Improvvisamente, una spina da una figura della crocifissione di Gesù Cristo è sceso dalla corona di spine e lasciato una profonda ferita nel fronte di Rita. Questa ferita mai guarito e causato la sua grande sofferenza per il resto della sua vita. Di conseguenza, raffigurazioni di Rita St mostrano una fronte ferita per rappresentare questo evento. Oltre al dolore fisico, la ferita ha emesso un puzzo terribile, che ha mantenuto le altre suore lontano da Rita. Il giorno in cui morì, l'odore dalla ferita sulla fronte di St Rita divenne un bel profumo di Rose.

Rose e fichi
Uno dei comuni versioni della storia circa l'importanza della rosa (e fichi) è impostato prima entrata di St Rita in convento.

Un'altra versione è situata vicino alla fine della sua vita, quando St Rita è stato costretto a letto nel convento. Un cugino fece visita e le chiese se desiderava nulla dalla sua vecchia casa. St Rita ha risposto chiedendo una rosa e un fico dal giardino. Era gennaio e suo cugino non si aspettava a trovare nulla dovuto tempo nevoso. Tuttavia, quando suo parente è andato a casa, un unico fiore rosa è stato trovato nel giardino, come pure un fico pienamente matura e commestibile, e suo cugino ha portato il rosa e il fico torna a St Rita al convento.[citazione necessaria] Il cespuglio di rosa è ancora vivo e spesso in fiore oggi.[citazione necessaria]

La rosa è pensata per rappresentare l'amore di Dio per la capacità di Rita e di Rita di intercedere per conto di cause perse o casi impossibili. Rita è spesso raffigurata in possesso di rose o con Rose nelle vicinanze. Il suo giorno di festa, chiese e santuari di Rita St forniscono Rose alla Congregazione che sono benedetti da sacerdoti durante la messa

Le API
Nella chiesa parrocchiale di Laarne, vicino a Gand, c'è una statua di Santa Rita, in cui sono presenti diverse API. Questa rappresentazione si origina dalla storia del battesimo di St Rita come un bambino. Il giorno dopo il suo battesimo, la sua famiglia notato uno sciame di API bianche battenti intorno a lei come lei dormiva nella sua culla. Tuttavia, le API pacificamente entrarono e uscito la bocca senza causare lei qualsiasi danno o pregiudizio. Invece di essere allarmato per la sua sicurezza, la sua famiglia fu mistificata da questo spettacolo.

Interpretazioni della storia credono che le API rappresentata la sua beatificazione successive da Papa Urbano VIII (Barberini famiglia Stemma presenti tre API).

Una Cattedrale dedicata a San Rita de Cascia & Santa Rita di Cascia Sacrario
Un grande santuario di Santa Rita fu costruito all'inizio del secolo XX, nel comune di Cascia. Il santuario e la casa dove è nata sono tra i siti di pellegrinaggio più attivi dell'Umbria. Sua intercessione è intensificata da abusato delle donne.


Mireille Mathieu, una giovane donna francese Natoa in povertà nel 1946, adottato Santa Rita come suo patrono su Consiglio di sua nonna paterna che consigliò lei, e Santa Rita è stato quello di pregare per cause senza speranza. Mireille aveva un amore per la canzone e per l'esecuzione di fronte a un pubblico. Nella sua autobiografia lei descrive l'acquisto di una candela per Santa Rita, anche se è stato il suo ultimo Franc. Sue preghiere non sempre si avvera, ma hanno fatto di lei una donna forte e determinata. Forty-Plus anni più tardi, lei è ancora divertente il pubblico.

Clicca sul link per prendere un Vitual Tour del Santuario : http://www.saintritashrine.org/history-of-the-shrine/shrine-virtual-tour/

 

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,