English
Italiano

Saint Thérèse of Lisieux- The "Little Flower"
Virgin and Doctor of the Church
Born at Alençon, France on January 2, 1873
Died at Lisieux, France on September 30, 1897
Canonized by Pope Pius XI 1925
Feast Day: October 1st

THÉRÈSE MARTIN was born at Alençon, France on 2 January 1873. Two days later, she was baptized Marie Frances Thérèse at Notre Dame Church. Her parents were Louis Martin and Zélie Guérin. After the death of her mother on 28 August 1877, Thérèse and her family moved to Lisieux.

Towards the end of 1879, she went to confession for the first time. On the Feast of Pentecost 1883, she received the singular grace of being healed from a serious illness through the intercession of Our Lady of Victories. Taught by the Benedictine Nuns of Lisieux and after an intense immediate preparation culminating in a vivid experience of intimate union with Christ, she received First Holy Communion on 8 May 1884. Some weeks later, on 14 June of the same year, she received the Sacrament of Confirmation, fully aware of accepting the gift of the Holy Spirit as a personal participation in the grace of Pentecost.

She wished to embrace the contemplative life, as her sisters Pauline and Marie had done in the Carmel of Lisieux, but was prevented from doing so by her young age. On a visit to Italy, after having visited the House of Loreto and the holy places of the Eternal City, during an audience granted by Pope Leo XIII to the pilgrims from Lisieux on 20 November 1887, she asked the Holy Father with childlike audacity to be able to enter the Carmel at the age of fifteen.

On 9 April 1888 she entered the Carmel of Lisieux. She received the habit on 10 January of the following year, and made her religious profession on 8 September 1890 on the Feast of the Birth of the Blessed Virgin Mary.

In Carmel she embraced the way of perfection outlined by the Foundress, Saint Teresa of Jesus, fulfilling with genuine fervour and fidelity the various community responsibilities entrusted to her. Her faith was tested by the sickness of her beloved father, Louis Martin, who died on 29 July 1894. Thérèse nevertheless grew in sanctity, enlightened by the Word of God and inspired by the Gospel to place love at the centre of everything. In her autobiographical manuscripts she left us not only her recollections of childhood and adolescence but also a portrait of her soul, the description of her most intimate experiences. She discovered the little way of spiritual childhood and taught it to the novices entrusted to her care. She considered it a special gift to receive the charge of accompanying two "missionary brothers" with prayer and sacrifice. Seized by the love of Christ, her only Spouse, she penetrated ever more deeply into the mystery of the Church and became increasingly aware of her apostolic and missionary vocation to draw everyone in her path.

On 9 June 1895, on the Solemnity of the Most Holy Trinity, she offered herself as a sacrificial victim to the merciful Love of God. At this time, she wrote her first autobiographical manuscript, which she presented to Mother Agnes for her birthday on 21 January 1896.

Several months later, on 3 April, in the night between Holy Thursday and Good Friday, she suffered a haemoptysis, the first sign of the illness which would lead to her death; she welcomed this event as a mysterious visitation of the Divine Spouse. From this point forward, she entered a trial of faith which would last until her death; she gives overwhelming testimony to this in her writings. In September, she completed Manuscript B; this text gives striking evidence of the spiritual maturity which she had attained, particularly the discovery of her vocation in the heart of the Church.

While her health declined and the time of trial continued, she began work in the month of June on Manuscript C, dedicated to Mother Marie de Gonzague. New graces led her to higher perfection and she discovered fresh insights for the diffusion of her message in the Church, for the benefit of souls who would follow her way. She was transferred to the infirmary on 8 July. Her sisters and other religious women collected her sayings. Meanwhile her sufferings and trials intensified. She accepted them with patience up to the moment of her death in the afternoon of 30 September 1897. "I am not dying, I am entering life", she wrote to her missionary spiritual brother, Father M. Bellier. Her final words, "My God..., I love you!", seal a life which was extinguished on earth at the age of twenty-four; thus began, as was her desire, a new phase of apostolic presence on behalf of souls in the Communion of Saints, in order to shower a rain of roses upon the world.

She was canonized by Pope Pius XI on 17 May 1925. The same Pope proclaimed her Universal Patron of the Missions, alongside Saint Francis Xavier, on 14 December 1927.

Her teaching and example of holiness has been received with great enthusiasm by all sectors of the faithful during this century, as well as by people outside the Catholic Church and outside Christianity.

On the occasion of the centenary of her death, many Episcopal Conferences have asked the Pope to declare her a Doctor of the Church, in view of the soundness of her spiritual wisdom inspired by the Gospel, the originality of her theological intuitions filled with sublime teaching, and the universal acceptance of her spiritual message, which has been welcomed throughout the world and spread by the translation of her works into over fifty languages.

Mindful of these requests, His Holiness Pope John Paul II asked the Congregation for the Causes of Saints, which has competence in this area, in consultation with the Congregation for the Doctrine of the Faith with regard to her exalted teaching, to study the suitability of proclaiming her a Doctor of the Church.

On 24 August, at the close of the Eucharistic Celebration at the Twelfth World Youth Day in Paris, in the presence of hundreds of bishops and before an immense crowd of young people from the whole world, Pope John Paul II announced his intention to proclaim Thérèse of the Child Jesus and of the Holy Face a Doctor of the Universal Church on World Mission Sunday, 19 October 1997.

Source: http://www.vatican.va/news_services/liturgy/saints/ns_lit_doc_19101997_stherese_en.html

--------------------------------------------------------------------------------

Saint Theresa Sacrifice Beads -- "A Sacrifice Bracelet is a string of ten beads, which can be pulled and remain in place. As a child, St. Therese of Lisieux carried a small string of beads in her pocket to help her count the gifts she offered to God each day. When Therese would practice a virtue, such as letting someone else have their way, or refrain from a vice, such as gossip, she would secretly reach into her pocket and "pull a bead" to Jesus."
How to make Sacrifice Beads - http://thelittleways.com/how-to-make-sacrifice-beads/

--------------------------------------------------------------------------------

POPE BENEDICT XVI
GENERAL AUDIENCE
Wednesday, 6 April 2011

Saint Theresa of Lisieux

Dear Brothers and Sisters,

Our catechesis today deals with Saint Theresa of Lisieux, the young Carmelite nun whose teaching of the “little way” of holiness has been so influential in our time. Born and raised in a devout French family, Theresa received permission to enter the Carmel of Lisieux at the tender age of fifteen. Her name in religion – Sister Theresa of the Child Jesus and the Holy Face – expresses the heart of her spirituality, centred on the contemplation of God’s love revealed in the mysteries of the Incarnation and Redemption. In imitation of Christ, Theresa sought to be little in all things and to seek the salvation of the world. Taken ill in her twenty-third year, she endured great physical suffering in union with the crucified Lord; she also experienced a painful testing of faith which she offered for the salvation of those who deny God. By striving to embody God’s love in the smallest things of life, Theresa found her vocation to be “love in the heart of the Church”. May her example and prayers help us to follow “the little way of trust and love” in spiritual childhood, abandoning ourselves completely to the love of God and the good of souls.

© Copyright 2011 - Libreria Editrice Vaticana


Saint Theresa (Theresa of Lisieux), 1873-97, French Carmelite nun, one of the most widely loved saints of the Roman Catholic Church, b. Alençon. Her original name was Thérèse Martin, and her name in religion was Theresa of the Child Jesus; she is known as the Little Flower of Jesus. The youngest of five daughters of a watchmaker, she became, as proclaimed by Pope Pius XI, "the greatest saint of modern times." At the age of 15 she was permitted to follow two of her sisters into the Carmelite convent at Lisieux. There she spent the remaining nine years of her life and died of tuberculosis.

Many miracles are attributed to her, but perhaps the greatest miracle connected with her is that she became known at all. A simple nun in an obscure convent, she was remarkable only for her goodness. The holiness of her life so impressed her superior that Theresa was asked to write her spiritual autobiography. This has become one of the most widely read religious autobiographies. It is filled, as are her letters, with her message of seeking good with childlike simplicity. She exemplified the "little way" —achieving goodness by performing the humblest task and carrying out the most trivial action.

She was canonized in 1925, just 28 years after her death, and Lisieux has become a major place of pilgrimage. There are churches dedicated to St. Theresa throughout the Roman Catholic world, and meditations from her writings are read by many of the devout with the frequency of a manual of prayer. She is often represented in art with an armful of roses, because of her cryptic promise: "After my death, I will let fall a shower of roses." In 1997, Pope John Paul II named her a Doctor of the Church. She is the patron of aviators and foreign missionaries. Feast: Sept. 30.


Saint Thérèse of Lisieux- The "Little Flower"
Virgin and Doctor of the Church
Born at Alençon, France on January 2, 1873
Died at Lisieux, France on September 30, 1897
Canonized by Pope Pius XI 1925
Feast Day: October 1st

Carmelite of Lisieux, better known as the Little Flower of Jesus, born at Alençon, France, 2 January, 1873; died at Lisieux 30 September, 1897.

She was the ninth child of saintly parents, Louis and Zélie Martin, both of whom had wished to consecrate their lives to God in the cloister. The vocation denied them was given to their children, five of whom became religious, one to the Visitation Order and four in the Carmelite Convent of Lisieux. Brought up in an atmosphere of faith where every virtue and aspiration were carefully nurtured and developed, her vocation manifested itself when she was still only a child. Educated by the Benedictines, when she was fifteen she applied for permission to enter the Carmelite Convent, and being refused by the superior, went to Rome with her father, as eager to give her to God as she was to give herself, to seek the consent of the Holy Father, Leo XIII, then celebrating his jubilee. He preferred to leave the decision in the hands of the superior, who finally consented and on 9 April, 1888, at the unusual age of fifteen, Thérèse Martin entered the convent of Lisieux where two of her sisters had preceded her.

The account of the eleven years of her religious life, marked by signal graces and constant growth in holiness, is given by Soeur Thérèse in her autobiography, written in obedience to her superior and published two years after her death. In 1901 it was translated into English, and in 1912 another translation, the first complete edition of the life of the Servant of God, containing the autobiography, "Letters and Spiritual Counsels", was published. Its success was immediate and it has passed into many editions, spreading far and wide the devotion to this "little" saint of simplicity, and abandonment in God's service, of the perfect accomplishment of small duties. The fame of her sanctity and the many miracles performed through her intercession caused the introduction of her cause of canonization only seventeen years after her death, 10 Jun, 1914.

Editor's Note: After the publication of this article, St. Thérèse was canonized and later declared a Doctor of the Church.
 

Saint Theresa; of the Child Jesus,
(Saint Thérèse of Lisieux - The "Little Flower")
Virgin and Doctor of the Church
Born at Alençon, France on January 2, 1873
Died at Lisieux, France on September 30, 1897
Canonized by Pope Pius XI 1925
Feast Day: October 1st

Saint Theresa of the Child Jesus, one of the most instantly popular saints of the twentieth century, was canonized less than thirty years after her death at the age of twenty-four.

A principle reason for her great appeal to ordinary Catholics was her "Little Way" to holiness -- her example of achieving sanctity, not through undertaking great deeds, but through personal devotion and dedication. The young nun's autobiography, L'histoire d'une âme (Story of a Soul), written at the command of her prioress, was much admired for its deep spiritual wisdom and beauty. The book presented people with a compelling example of spiritual maturity and piety achieved by an ordinary young girl. An anecdote, that she had promised to send roses as a sign of her intercession led to the affectionate nickname, the "Little Flower". Her shrine at Lisieux, France, is still one of the most popular pilgrimage sites in Europe.

Thérèse was born in Alençon on January 2, 1873 to Louis Martin and Azélie-Marie Guérin. When Thérèse was only four, her mother died, and so her father moved the family to Lisieux, where the five children were watched by their aunt. An older sister, Mary, ran the household and the eldest, Pauline, made herself responsible for the religious upbringing of her sisters.

Pauline later entered the Carmel, an order of contemplative nuns, at Lisieux and Thérèse began to be drawn in the same direction. When Thérèse was fourteen another sister joined Pauline in the Carmel. During the following year Thérèse told her father of her wish to become a Carmelite, and he agreed; but both the Carmelite authorities and the bishop of Bayeux refused to hear of it because of her young age. A few months later she was in Rome with her father and a French pilgrimage. At the public audience, when her turn came to kneel for the Pope Leo XIII's blessing, Thérèse broke the rule of silence on such occasions and asked him, "in honor of your jubilee, allow me to enter Carmel at fifteen". Pope Leo was clearly impressed by the young girl, but he upheld the decision of the immediate superiors. At the end of the year the bishop gave his permission, and in 1888 Thérèse entered the Carmel at Lisieux, taking the name of Theresa of the Child Jesus.

One of the principal duties of a Carmelite nun is to pray for priests, a duty that Sister Theresa performed with fervor. Although she was physically frail she carried out all the practices of the austere Carmelite rule. Yet, photographs taken by her sister within the cloister show Sister Theresa in high spirits in the costume of Joan of Arc for a drama the nuns staged, working happily in the kitchen with other nuns, and in the familiar portrait (above).

In 1893 Sister Theresa was appointed to assist the novice mistress. In 1894 her father died, and soon after her sister Céline, who had been looking after him, becoming the fourth Martin sister to enter the Lisieux Carmel. Eighteen months later, Sister Theresa heard, "as it was, a far-off murmur announcing the coming of the Bridegroom": it was a hemorrhage at the mouth from tuberculosis. Although she had hoped to serve as a missionary, her disease advanced, and the last eighteen months of her life was a time of physical suffering and spiritual trials.

In June 1897 she was removed to the infirmary of the convent where she died on September 30. She was beatified by Pope Pius XI in 1923 -- he canonized her in 1925. In 1927 she was named the heavenly patroness of all foreign missions, and of all works for Russia.

Source: Butler's Lives of the Saints Concise Edition. San Francisco: Harper & Row Publishers, 1985.
--------------------------------------------------------------------------------
Poem by St Theresa

The Flower

All the earth with snow is covered,
Everywhere the white frosts reign;
Winter and his gloomy courtiers
Hold their court on earth again.
But for you has bloomed the Flower
Of the fields, Who comes to earth
From the fatherland of heaven,
Where eternal spring has birth.
Near the Rose of Christmas, Sister!
In the lowly grasses hide,
And be like the humble flowerets, --
Of heaven’s King the lowly bride!

--------------------------------------------------------------------------------
Novena to Saint Thérèse of Lisieux

Saint Thérèse, you who are a beloved child of God and who boldly trusted God's mercy, teach me how to let myself be loved by God, who is love. Help me to fall into His arms like the prodigal son, and to give back to God my life and my death. Help me to open myself freely to His tenderness, so as not to take away from His Father's heart the joy of loving me.

Our Father

Saint Thérèse, you who are in love with Jesus, you were filled with passion for the Gospel and the Eucharist. Revive in me a thirst for the Word of God. May it light my path on this "little way" of trust where, with you, I take the elevator of love. May your motto "living in love" free my deep desire. In this way, like you, all I want is to love Jesus and help others love Him.

Hail Mary

Saint Thérèse, you who are embraced by the Holy Spirit, you have become the Spirit in my prayer and my actions. Prepare me to welcome the Spirit humbly in the little things of every day with Mary, who smiled at you in your time of testing. May your hope inspire me in times when I am not able to love.

Glory be to the Father

Prayer for Vocations
Saint Thérèse of the Child Jesus, you who have been rightly proclaimed the patroness of Catholic missions throughout the world, remember the burning desire which you manifested here on earth to plant the cross of Christ on every shore and to preach the Gospel even until the end of the world. I ask you, according to your promise, to assist all priests, missionaries, and the whole Church of God. Help us to implement the new evangelization which our world and our diocese[s] so badly need. Pray for us that Jesus will inspire in the hearts of our youth a burning desire to serve Him as priests, sisters, and missionaries so that the Gospel may radiate anew to dispel the darkness of sin and death.

Saint Thérèse of the Child Jesus, Doctor of the Church, pray for us.

--------------------------------------------------------------------------------

Saint Theresa of the Child Jesus,
(Saint Thérèse of Lisieux - The "Little Flower")
Virgin and Doctor of the Church
Memorial
October 1st

Born at Alençon, France on January 2, 1873
Died at Lisieux, France on September 30, 1897
Canonized by Pope Pius XI 1925

Saint Theresa of the Child Jesus, one of the most instantly popular saints of the twentieth century, was canonized less than thirty years after her death at the age of twenty-four.A principle reason for her great appeal to ordinary Catholics was her "Little Way" to holiness -- her example of achieving sanctity, not through undertaking great deeds, but through personal devotion and dedication. The young nun's autobiography, L'histoire d'une âme (Story of a Soul), written at the command of her prioress, was much admired for its deep spiritual wisdom and beauty. The book presented people with a compelling example of spiritual maturity and piety achieved by an ordinary young girl. An anecdote, that she had promised to send roses as a sign of her intercession led to the affectionate nickname, the "Little Flower". Her shrine at Lisieux, France, is still one of the most popular pilgrimage sites in Europe.

Thérèse was born in Alençon on January 2, 1873 to Louis Martin and Azélie-Marie Guérin. When Thérèse was only four, her mother died, and so her father moved the family to Lisieux, where the five children were watched by their aunt. An older sister, Mary, ran the household and the eldest, Pauline, made herself responsible for the religious upbringing of her sisters.

Pauline later entered the Carmel, an order of contemplative nuns, at Lisieux and Thérèse began to be drawn in the same direction. When Thérèse was fourteen another sister joined Pauline in the Carmel. During the following year Thérèse told her father of her wish to become a Carmelite, and he agreed; but both the Carmelite authorities and the bishop of Bayeux refused to hear of it because of her young age. A few months later she was in Rome with her father and a French pilgrimage. At the public audience, when her turn came to kneel for the Pope Leo XIII's blessing, Thérèse broke the rule of silence on such occasions and asked him, "in honor of your jubilee, allow me to enter Carmel at fifteen". Pope Leo was clearly impressed by the young girl, but he upheld the decision of the immediate superiors. At the end of the year the bishop gave his permission, and in 1888 Thérèse entered the Carmel at Lisieux, taking the name of Theresa of the Child Jesus. One of the principal duties of a Carmelite nun is to pray for priests, a duty that Sister Theresa performed with fervor. Although she was physically frail she carried out all the practices of the austere Carmelite rule. Yet, photographs taken by her sister within the cloister show Sister Theresa in high spirits in the costume of Joan of Arc for a drama the nuns staged, working happily in the kitchen with other nuns, and in the familiar portrait (above).

In 1893 Sister Theresa was appointed to assist the novice mistress. In 1894 her father died, and soon after her sister Céline, who had been looking after him, becoming the fourth Martin sister to enter the Lisieux Carmel. Eighteen months later, Sister Theresa heard, "as it was, a far-off murmur announcing the coming of the Bridegroom": it was a hemorrhage at the mouth from tuberculosis. Although she had hoped to serve as a missionary, her disease advanced, and the last eighteen months of her life was a time of physical suffering and spiritual trials.

In June 1897 she was removed to the infirmary of the convent where she died on September 30. She was beatified by Pope Pius XI in 1923 -- he canonized her in 1925. In 1927 she was named the heavenly patroness of all foreign missions, and of all works for Russia.

Source: Butler's Lives of the Saints Concise Edition. San Francisco: Harper & Row Publishers, 1985.

source: http://www.encyclopedia.com/topic/Saint_Theresa_(Theresa_of_Lisieux).aspx
(The Complete history of Saint Teresa...http://www.ewtn.com/library/MARY/lisieux.htm

 

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,

 

English
Italiano

Santa Teresa di Lisieux-"Piccolo fiore"
Vergine e dottore della Chiesa
Nato a Alençon, la Francia il 2 gennaio 1873
Morì a Lisieux, Francia, il 30 settembre 1897
Canonizzato da Papa Pio XI 1925
Giorno di festa: 1 ° ottobre

THÉRÈSE MARTIN è nato a Alençon, la Francia il 2 gennaio 1873. Due giorni dopo, fu battezzata Marie Thérèse Frances presso la Chiesa di Notre Dame. I suoi genitori erano Louis Martin e Zélie Guérin. Dopo la morte di sua madre, il 28 agosto 1877, Thérèse e la sua famiglia si trasferì a Lisieux.

Verso la fine del 1879, andò alla confessione per la prima volta. Festa di Pentecoste, 1883, lei ha ricevuto la grazia singolare di essere guarito da una grave malattia attraverso l'intercessione di nostra Signora delle vittorie. Ha insegnato dalle monache Benedettine di Lisieux e dopo un'intensa preparazione immediata, che si conclude con un'esperienza vivida dell'intima unione con Cristo, ha ricevuto la prima comunione su 8 maggio 1884. Alcune settimane dopo, il 14 giugno dello stesso anno, ha ricevuto il sacramento della conferma, pienamente consapevole di accettare il dono dello Spirito Santo come una partecipazione personale nella grazia di Pentecoste.

Lei ha voluto abbracciare la vita contemplativa, come le sue sorelle Pauline e Marie aveva fatto nel Carmelo di Lisieux, ma è stato impedito di farlo dalla sua giovane età. In visita in Italia, dopo aver visitato la casa di Loreto e i luoghi sacri della città eterna, durante un'udienza concessa dal Papa Leone XIII ai pellegrini da Lisieux il 20 novembre 1887, ha chiesto al Santo Padre con audacia infantile di essere in grado di entrare il Carmelo all'età di quindici anni.

Il 9 aprile 1888 entrò il Carmelo di Lisieux. Ha ricevuto l'abitudine il 10 gennaio dell'anno successivo e fece la professione religiosa su 8 settembre 1890 in occasione della festa della nascita della Beata Vergine Maria.

Carmelo ha abbracciato la strada di perfezione delineato da fondatrice, Santa Teresa di Gesù, adempiendo con fervore genuina e fedeltà che le varie responsabilità comunitaria affidate a lei. La fede è stata testata dalla malattia del suo amato padre, Louis Martin, che morì il 29 luglio 1894. Thérèse, tuttavia, è cresciuto nella santità, illuminata dalla parola di Dio e ispirato il Vangelo per posizionare l'amore al centro di tutto. Nel suoi manoscritti autobiografici ha lasciato noi non solo suoi ricordi di infanzia e l'adolescenza, ma anche un ritratto della sua anima, la descrizione delle sue esperienze più intime. Lei scoprì la piccola via dell'infanzia spirituale e ha insegnato ai novizi affidati alla sua cura. Lei ritiene che sia un dono speciale per ricevere l'accusa di due "fratelli missionari" con la preghiera e il sacrificio di accompagnamento. Sequestrati dall'amore di Cristo, suo sposo unico, ha penetrato sempre più profondamente nel mistero della Chiesa e divenne sempre più consapevole della sua vocazione apostolica e missionaria a disegnare tutti nel suo percorso.

Il 9 giugno 1895, nella solennità della Santissima Trinità, ha offerto se stessa come una vittima sacrificale dell'amore misericordioso di Dio. In questo momento, ha scritto il suo primo manoscritto autobiografico, che ha presentato alla madre Agnes per il suo compleanno il 21 gennaio 1896.

Alcuni mesi dopo, il 3 aprile, nella notte tra il giovedì santo e venerdì Santo, ha sofferto un'emottisi, il primo segno della malattia che avrebbe portato alla sua morte; ha accolto con favore questo evento come una misteriosa Visitazione del coniuge divina. Da questo punto in avanti, entrò in una prova di fede che sarebbe durato fino alla sua morte; Lei dà testimonianza schiacciante a questo nei suoi scritti. Nel mese di settembre, ha completato il manoscritto B; Questo testo dà prova eclatante della maturità spirituale che lei avevano raggiunto, in particolare la scoperta della sua vocazione nel cuore della Chiesa.

Mentre la sua salute declinò e il tempo della prova, ha continuato, ha iniziato il lavoro nel mese di giugno sul manoscritto C, dedicato alla madre Marie de Gonzague. Grazie di nuove la portò alla più alta perfezione e scoprì intuizioni freschi per la diffusione del suo messaggio nella Chiesa, per il beneficio di anime che avrebbe seguito la sua strada. 8 Luglio fu trasferita all'infermeria. Le sorelle e altre donne religiose raccolti suoi proverbi. Nel frattempo, sue sofferenze e prove intensificarono. Li accettò con pazienza fino al momento della sua morte nel pomeriggio del 30 settembre 1897. "Non sto morendo, sto entrando la vita", ha scritto al fratello missionario spirituale, padre m. Bellier. Le parole di suo finale, "Mio Dio... ti amo!", sigillare una vita che è stato estinto sulla terra, all'età di ventiquattro; inizia così, come era suo desiderio, una nuova fase di presenza apostolica a nome di anime nella comunione dei Santi, in modo da doccia una pioggia di Rose sul mondo.

Fu canonizzata da Papa Pio XI il 17 maggio 1925. Il Papa stesso proclamato il suo patrono universale delle missioni, accanto a San Francesco Saverio, il 14 dicembre 1927.

Suo insegnamento ed esempio di santità è stato ricevuto con grande entusiasmo da tutti i settori dei fedeli durante questo secolo, come pure da persone di fuori della Chiesa cattolica e all'esterno del cristianesimo.

In occasione del centenario della sua morte, molte conferenze episcopali hanno chiesto al Papa di dichiarare lei un dottore della Chiesa, in vista della solidità della sua saggezza spirituale ispirato al Vangelo, l'originalità del suoi intuizioni teologiche pieni di insegnamento sublime e l'accettazione universale del suo messaggio spirituale, che è stato accolto in tutto il mondo e diffusa dalla traduzione delle sue opere in oltre cinquanta lingue.

Memore di tali richieste, sua Santità Papa Giovanni Paolo II ha chiesto la Congregazione per le cause dei Santi, che ha competenza in questo settore, in consultazione con la Congregazione per la dottrina della fede alla luce del suo insegnamento esaltato, per studiare l'idoneità di proclamare a lei un dottore della Chiesa.

Il 24 agosto, alla fine della celebrazione eucaristica presso la dodicesima giornata mondiale della gioventù a Parigi, in presenza di centinaia di vescovi e davanti a una folla immensa di giovani provenienti da tutto il mondo, Papa Giovanni Paolo II annunciò la sua intenzione di proclamare Teresa di Gesù bambino e del volto santo dottore della Chiesa universale sulla Giornata Missionaria Mondiale domenica19 Ottobre 1997.

Source: http://www.vatican.va/news_services/liturgy/saints/ns_lit_doc_19101997_stherese_en.html

--------------------------------------------------------------------------------

Saint Theresa sacrificio Beads - "un braccialetto di sacrificio è una stringa di dieci perle, che può essere tirato e rimanere in vigore. Come un bambino, s. Teresa di Lisieux portato una piccola stringa di perline in sua tasca per aiutare il suo conteggio i doni che ha offerto a Dio ogni giorno. Quando Therese sarebbe pratica una virtù, come lasciare che qualcun altro hanno il loro modo, o ad astenersi dal vizio, come ad esempio pettegolezzi, lei avrebbe segretamente raggiunto nella sua tasca e "tirare una perlina" a Gesù."
Come fare sacrificio Beads - http://thelittleways.com/how-to-make-sacrifice-beads/


--------------------------------------------------------------------------------


PAPA BENEDETTO XVI
UDIENZA GENERALE
Mercoledì 6 aprile 2011


Santa Teresa di Lisieux


Cari fratelli e sorelle,


La nostra catechesi, oggi, si occupa di Santa Teresa di Lisieux, giovane carmelitana cui insegnamento della "piccola via" santità è stata così influente nel nostro tempo. Nato e cresciuto in una famiglia francese devota, Theresa ha ricevuto il permesso di entrare il Carmelo di Lisieux alla tenera età di quindici anni. Il suo nome nella religione – Suor Teresa di Gesù bambino e del volto Santo – esprime il cuore della sua spiritualità, incentrato sulla contemplazione dell'amore di Dio rivelato nei misteri dell'incarnazione e della redenzione. A imitazione di Cristo, Theresa cercò di essere poco in tutte le cose e a cercare la salvezza del mondo. Ammalato nel suo ventitreesimo anno, lei ha sopportato la grande sofferenza fisica in Unione con il Signore crocifisso; ha vissuto anche un test doloroso della fede, che ha offerto per la salvezza di coloro che negano Dio. Sforzandosi di incarnare l'amore di Dio nelle più piccole cose della vita, Theresa trovato la sua vocazione a essere "l'amore nel cuore della Chiesa". Può suo esempio e la preghiera ci aiutano a seguire "il piccolo modo di fiducia e di amore" nell'infanzia spirituale, noi stessi abbandonando completamente per l'amore di Dio e il bene delle anime.


© Copyright 2011 - Libreria Editrice Vaticana


Santa Theresa (Theresa di Lisieux), 1873-97, francese carmelitana, uno dei Santi più amati della Chiesa cattolica romana, b. Alençon. Il suo nome originale era Thérèse Martin, e il suo nome nella religione era Teresa di Gesù bambino; è conosciuta come il piccolo fiore di Gesù. Il più giovane di cinque figlie di un orologiaio, è diventata, come proclamato da Papa Pio XI, "la più grande Santa dei tempi moderni". All'età di 15 anni lei è stata consentita di seguire due delle sue sorelle nel convento carmelitano a Lisieux. Lì ha trascorso i restanti nove anni della sua vita e morì di tubercolosi.

Molti miracoli sono attribuiti a lei, ma forse il più grande miracolo collegato con lei è che lei divenne noto a tutti. Una semplice suora in un convento oscuro, lei era notevole per la sua bontà. La santità della sua vita così impressionato il suo superiore che Theresa è stato chiesto di scrivere la sua autobiografia spirituale. Questo è diventato uno dei più ampiamente leggere autobiografie religiose. È pieno, come lo sono le sue lettere, con il suo messaggio di cercare il bene con semplicità fanciullesca. Lei esemplificato la "piccola via" — realizzazione bontà eseguendo il compito più umile e realizzazione dell'azione più banale.

Fu canonizzata nel 1925, a soli 28 anni dopo la sua morte e Lisieux è diventato un importante luogo di pellegrinaggio. Ci sono chiese dedicate a St Theresa in tutto il mondo cattolico, e meditazioni da suoi scritti vengono letti da molti i devoti con la frequenza di un manuale di preghiera. Lei è spesso rappresentata in arte con una bracciata di Rose, a causa della sua promessa criptico: "Dopo la mia morte, lascerò cadere una pioggia di Rose." Nel 1997, Papa Giovanni Paolo II ha chiamata un dottore della Chiesa. Lei è il patrono di aviatori e missionari stranieri. Festa: 30 settembre.


Santa Teresa di Lisieux-"Piccolo fiore"
Vergine e dottore della Chiesa
Nato a Alençon, la Francia il 2 gennaio 1873
Morì a Lisieux, Francia, il 30 settembre 1897
Canonizzato da Papa Pio XI 1925
Giorno di festa: 1 ° ottobre

Carmelo di Lisieux, meglio conosciuto come il piccolo fiore di Gesù, nato a Alençon, la Francia, 2 gennaio 1873; morì a Lisieux 30 settembre 1897.

Lei era il nono figlio di genitori vegliardo, Louis e Zélie Martin, entrambi i quali avrebbe voluto consacrare la loro vita a Dio nel chiostro. La vocazione negato loro è stato dato ai loro figli, cinque dei quali divenne religioso, uno per l'ordine della Visitazione e alle quattro il convento carmelitano di Lisieux. Cresciuto in un'atmosfera di fede, dove ogni virtù e aspirazione erano attentamente coltivato e sviluppato, sua vocazione manifestata di quando lei era ancora solo un bambino. Educato dai Benedettini, quando aveva quindici anni lei chiedeva il permesso di entrare in convento carmelitano e stato rifiutato dal superiore, si recò a Roma con il padre, come desiderosi di darle a Dio come lei doveva dare se stessa, a cercare il consenso del Santo Padre, Leone XIII, poi festeggia il suo Giubileo. Preferì lasciare la decisione nelle mani del superiore, che finalmente acconsentì e il 9 aprile 1888, all'età di quindici, Thérèse Martin insolito entrò nel convento di Lisieux, dove due delle sue sorelle lei aveva preceduto.

L'account di undici anni della sua vita religiosa, segnato da segnale grazie e costante crescita nella santità, è dato da Soeur Thérèse nella sua autobiografia, scritto in obbedienza al suo superiore e pubblicata due anni dopo la sua morte. Nel 1901 venne tradotto in inglese, e nel 1912 un'altra traduzione, la prima edizione completa della vita del servo di Dio, contenente l'autobiografia, "Lettere e spirituale consigli", è stata pubblicata. Il suo successo fu immediato e ha superato in molte edizioni, diffondendo in lungo e in largo la devozione a questo santo "little" di semplicità e di abbandono nel servizio di Dio, del perfetto completamento delle piccole funzioni. La fama della sua santità e molti miracoli effettuata attraverso la sua intercessione causato l'introduzione della sua causa di canonizzazione solo diciassette anni dopo la sua morte, 10 giugno 1914.

Nota del redattore: dopo la pubblicazione di questo articolo, St Thérèse fu canonizzato e successivamente dichiarato un dottore della Chiesa.

 
 

Santa Teresa; di Gesù bambino,
(Santa Teresa di Lisieux - "Piccolo fiore")
Vergine e dottore della Chiesa
Nato a Alençon, la Francia il 2 gennaio 1873
Morì a Lisieux, Francia, il 30 settembre 1897
Canonizzato da Papa Pio XI 1925
Giorno di festa: 1 ° ottobre

Santa Teresa di Gesù bambino, uno dei Santi più immediatamente popolari del XX secolo, fu canonizzato meno di trent'anni dopo la sua morte all'età di ventiquattro.

Una ragione di principio per la sua grande richiamo ai cattolici ordinari era suo "modo poco" alla santità - suo esempio di raggiungere la santità, non attraverso atti di grande impresa, ma attraverso la dedizione e la devozione personale. L'autobiografia della giovane suora, L'histoire d'une âme (storia di un'anima), scritto al comando della sua Priora, fu molto ammirato per la sua saggezza spirituale profonda e bellezza. Il libro presentato persone con un esempio convincente della maturità spirituale e della pietà, raggiunto da una giovane ragazza ordinaria. Un aneddoto, che aveva promesso di inviare Rose come un segno della sua intercessione procurò il soprannome affettuoso, il "piccolo fiore". Suo santuario di Lisieux, Francia, è ancora uno dei più popolari siti di pellegrinaggio in Europa.

Thérèse è nato a Alençon il 2 gennaio 1873 Louis Martin e Marie-Azélie Guérin. Quando Teresa era solo quattro, sua madre è morta, e così suo padre si trasferì con la famiglia di Lisieux, dove cinque figli erano sorvegliati da loro zia. Una sorella, Mary, correva il nucleo familiare e il maggiore, Pauline, lei stessa ha responsabilizzato responsabile per l'educazione religiosa delle sue sorelle.

Pauline successivamente entrò Carmelo, un ordine di suore contemplative, a Lisieux e Thérèse cominciò a essere disegnato nella stessa direzione. Quando Teresa aveva quattordici anni un'altra sorella si unì Pauline nel Carmelo. Durante l'anno seguente Thérèse ha detto il padre del suo desiderio di diventare un carmelitano, e ha accettato; ma sia le autorità carmelitano e il vescovo di Bayeux rifiutò di sentire di esso a causa della sua giovane età. Pochi mesi dopo era a Roma con il padre e un pellegrinaggio francese. All'udienza pubblica, quando venne il suo turno a inginocchiarsi per la benedizione di Papa Leone XIII, Thérèse ha rotto la regola del silenzio in tali occasioni e gli chiese, "in onore del tuo Giubileo, mi permette di entrare al Carmelo a quindici anni". Papa Leone fu chiaramente impressionato dalla giovane ragazza, ma egli ha confermato la decisione dei superiori immediati. Alla fine dell'anno il vescovo ha dato la sua autorizzazione, e nel 1888 Thérèse entrò il Carmelo di Lisieux, prendendo il nome di Teresa di Gesù bambino.

Uno dei compiti principali di una suora carmelitana è a pregare per i sacerdoti, un dovere che sorella Theresa eseguita con fervore. Anche se lei era fisicamente fragile portava fuori tutte le pratiche di austera regola carmelitana. Eppure, fotografie scattate da sua sorella all'interno del chiostro mostrano sorella Theresa in allegria il costume di Giovanna d'arco per un dramma le monache in scena, lavorando felicemente in cucina con altre suore e nel ritratto familiare (vedi sopra).

Nel 1893 la sorella Theresa fu nominato per assistere la maestra delle novizie. Nel 1894, il padre morì, e subito dopo la sua sorella Céline, che aveva cercato dopo di lui, diventando la quarta sorella Martin per entrare il Carmelo di Lisieux. Diciotto mesi dopo, sorella Theresa sentito, "come è stato, un mormorio lontano annunciando la venuta dello sposo": era un'emorragia alla foce di tubercolosi. Anche se lei aveva sperato di servire come un missionario, sua malattia avanzata, e gli ultimi diciotto mesi della sua vita è stato un momento di sofferenza fisica e spirituale prove.

Nel giugno 1897 lei è stato rimosso l'infermeria del convento dove morì il 30 settembre. Fu beatificata da Papa Pio XI nel 1923--lei ha Canonizzato nel 1925. Nel 1927 fu nominata celeste Patrona di tutte le missioni all'estero e di tutte le opere per la Russia.

Fonte: Vita di Butler dell'edizione concisa Santi. San Francisco: Harper & Row Publishers, 1985.
--------------------------------------------------------------------------------
Poesia di Santa Teresa d'Avila


Il fiore

Tutta la terra con la neve è coperto,
Ovunque le gelate bianco regnare;
Inverno e suoi cortigiani cupi
Tenere ancora una volta la loro corte sulla terra.
Ma per te ha fiorì il fiore
Dei campi, che arriva sulla terra
Dalla patria del cielo,
Dove l'eterna primavera ha nascita.
Vicino la rosa di Natale, sorella!
Nell'umile erbe nascondere,
E di essere come l'umile flowerets,-
Del cielo re la sposa umile!

--------------------------------------------------------------------------------
Novena a Santa Teresa di Lisieux

Santa Teresa, voi che siete un figlio amato di Dio e che coraggiosamente attendibile la misericordia di Dio, teach me how to let me stesso di essere amati da Dio, che è amore. Aiutami a cadere nelle sue braccia come il figlio prodigo e di restituire a Dio, la mia vita e la mia morte. Aiutami a me aprire liberamente per la sua tenerezza, al fine di non prendere, lontano dal cuore del suo padre, la gioia di amarmi.

Padre nostro

Santa Teresa, tu che sei innamorato di Gesù, erano pieni di passione per il Vangelo e l'Eucaristia. Rivivere in me una sete per la parola di Dio. Può esso luce mio cammino su questa "via po" di fiducia dove, con voi, prendere l'ascensore dell'amore. Il motto "vivere nell'amore" è possibile liberare il mio desiderio profondo. In questo modo, come te, tutto quello che voglio è per amore di Gesù e aiutare gli altri amarlo.

Ave Maria

Santa Teresa, voi che sono abbracciati dallo Spirito Santo, sei diventato lo spirito nella mia preghiera e le mie azioni. Preparare me per accogliere lo spirito umilmente in piccole cose di ogni giorno con Maria, che sorrise nel tuo tempo di test. Tua speranza mi ispiri a volte quando non sono in grado di amare.

Essere di gloria al padre

Preghiera per le vocazioni
Santa Teresa di Gesù bambino, voi che hanno giustamente stato proclamato la patrona delle missioni cattoliche in tutto il mondo, ricorda l'ardente desiderio che manifesta qui sulla terra per piantare la croce di Cristo su ogni riva e a predicare il Vangelo anche fino alla fine del mondo. Vi chiedo, secondo la tua promessa, di assistere tutti i sacerdoti, missionari e la Chiesa intera di Dio. Aiutaci a implementare la nuova evangelizzazione che il nostro mondo e la nostra Diocesi [s] così tanto bisogno. Pregate per noi che Gesù ispirerà nel cuore dei nostri giovani un ardente desiderio di servirlo come sacerdoti, suore e missionari, in modo che il Vangelo può irradiarsi nuovamente a dissipare le tenebre del peccato e della morte.

Santa Teresa di Gesù bambino, dottore della Chiesa, prega per noi.

--------------------------------------------------------------------------------

Santa Teresa di Gesù bambino,
(Santa Teresa di Lisieux - "Piccolo fiore")
Vergine e dottore della Chiesa
Memorial
1 ° Ottobre

Nato a Alençon, la Francia il 2 gennaio 1873
Morì a Lisieux, Francia, il 30 settembre 1897
Canonizzato da Papa Pio XI 1925

Santa Teresa di Gesù bambino, uno dei Santi più immediatamente popolari del XX secolo, fu canonizzato meno di trent'anni dopo la sua morte all'età di ventiquattro.Una ragione di principio per la sua grande richiamo ai cattolici ordinari era suo "modo poco" alla santità - suo esempio di raggiungere la santità, non attraverso atti di grande impresa, ma attraverso la dedizione e la devozione personale. L'autobiografia della giovane suora, L'histoire d'une âme (storia di un'anima), scritto al comando della sua Priora, fu molto ammirato per la sua saggezza spirituale profonda e bellezza. Il libro presentato persone con un esempio convincente della maturità spirituale e della pietà, raggiunto da una giovane ragazza ordinaria. Un aneddoto, che aveva promesso di inviare Rose come un segno della sua intercessione procurò il soprannome affettuoso, il "piccolo fiore". Suo santuario di Lisieux, Francia, è ancora uno dei più popolari siti di pellegrinaggio in Europa.

Thérèse è nato a Alençon il 2 gennaio 1873 Louis Martin e Marie-Azélie Guérin. Quando Teresa era solo quattro, sua madre è morta, e così suo padre si trasferì con la famiglia di Lisieux, dove cinque figli erano sorvegliati da loro zia. Una sorella, Mary, correva il nucleo familiare e il maggiore, Pauline, lei stessa ha responsabilizzato responsabile per l'educazione religiosa delle sue sorelle.

Pauline successivamente entrò Carmelo, un ordine di suore contemplative, a Lisieux e Thérèse cominciò a essere disegnato nella stessa direzione. Quando Teresa aveva quattordici anni un'altra sorella si unì Pauline nel Carmelo. Durante l'anno seguente Thérèse ha detto il padre del suo desiderio di diventare un carmelitano, e ha accettato; ma sia le autorità carmelitano e il vescovo di Bayeux rifiutò di sentire di esso a causa della sua giovane età. Pochi mesi dopo era a Roma con il padre e un pellegrinaggio francese. All'udienza pubblica, quando venne il suo turno a inginocchiarsi per la benedizione di Papa Leone XIII, Thérèse ha rotto la regola del silenzio in tali occasioni e gli chiese, "in onore del tuo Giubileo, mi permette di entrare al Carmelo a quindici anni". Papa Leone fu chiaramente impressionato dalla giovane ragazza, ma egli ha confermato la decisione dei superiori immediati. Alla fine dell'anno il vescovo ha dato la sua autorizzazione, e nel 1888 Thérèse entrò il Carmelo di Lisieux, prendendo il nome di Teresa di Gesù bambino. Uno dei compiti principali di una suora carmelitana è a pregare per i sacerdoti, un dovere che sorella Theresa eseguita con fervore. Anche se lei era fisicamente fragile portava fuori tutte le pratiche di austera regola carmelitana. Eppure, fotografie scattate da sua sorella all'interno del chiostro mostrano sorella Theresa in allegria il costume di Giovanna d'arco per un dramma le monache in scena, lavorando felicemente in cucina con altre suore e nel ritratto familiare (vedi sopra).

Nel 1893 la sorella Theresa fu nominato per assistere la maestra delle novizie. Nel 1894, il padre morì, e subito dopo la sua sorella Céline, che aveva cercato dopo di lui, diventando la quarta sorella Martin per entrare il Carmelo di Lisieux. Diciotto mesi dopo, sorella Theresa sentito, "come è stato, un mormorio lontano annunciando la venuta dello sposo": era un'emorragia alla foce di tubercolosi. Anche se lei aveva sperato di servire come un missionario, sua malattia avanzata, e gli ultimi diciotto mesi della sua vita è stato un momento di sofferenza fisica e spirituale prove.

Nel giugno 1897 lei è stato rimosso l'infermeria del convento dove morì il 30 settembre. Fu beatificata da Papa Pio XI nel 1923--lei ha Canonizzato nel 1925. Nel 1927 fu nominata celeste Patrona di tutte le missioni all'estero e di tutte le opere per la Russia.

Fonte: Vita di Butler dell'edizione concisa Santi. San Francisco: Harper & Row Publishers, 1985.

Fonte: sito web della : http://www.encyclopedia.com/topic/Saint_Theresa_(Theresa_of_Lisieux).aspx
(The Complete history of Saint Teresa...http://www.ewtn.com/library/MARY/lisieux.htm

SITE MAP:HOMEPAGE,....CHURCH/INFO,....LITURGY(MASS&SACRAMENTS),....HISTORY&CULTURE (EVENTS, saints & HISTORy, PHOTOGRAPHS),....History of St. ROCCO,.... CHURCH BULLETINS, ....FATHER ELIAS' PASTORS' LETTERS,