English
Italiano
Here is a very interesting and pertinent article about our altar cross just published on January 1, 2012!
Cross, Altar and the Right Way of Praying
January 1, 2012 By Fr. Stefan Heid
Recalling the rituals and rubrics of the past which retain their meaning today.
In the Vatican, and in the pontifical basilicas of Rome (formerly called “patriarchal basilicas”), a ruling has recently been made that a standing cross should be placed at the center of high or freestanding altars. No specification is given as to the kind and size of the cross. As a rule, the implementation of this request has been appropriate: a high-standing cross with corpus has been set in place facing the priest celebrant, such that he is able to look upon the crucified Jesus. Such a request, which articulates what should actually be a matter of course, may come as a surprise. But in Rome, for many years prior to this time, the bad habit had developed of pushing the cross to the corner of the altar, so that it would not “disturb,” facilitating a “television friendly” liturgy, especially for papal Masses.

The cross is the focal point of salvation and of liturgical action. It should, of course, harmonize with the altar in style and proportion, but it should certainly not be low standing. The cross is supposed to disturb! The priest is not supposed to “overlook” it! However, the objection is sometimes made that a barrier is created by the cross between clergy and people, something on the line of an iconostasis (a wall of icons in Eastern rite churches, separating the nave from the sanctuary). But this is a specious argument as even the enormous altar cross in the Basilica of St. Peter does not really block the view. There are very few churches, after all, where the people face the altar straight on; more commonly, they face the altar from a lateral perspective, looking past the cross to the priest. Moreover, the higher the cross is placed, the less likely it will obstruct the people’s view. It thus becomes for all a spiritual “attention-getter” (if it is aesthetically high-standing). Finally, it is further objected that an altar cross creates a doubling of crucifixes, in the case that a cross already hangs above or behind the altar. However, the cross on the altar is for the priest, facing him with its corpus, while the faithful look at their cross above the altar.

There will no doubt be some clashes with liturgical committees, when pastors, choosing to follow Roman custom, begin taking their altar crosses out of the closet. In order to forestall precipitous reactions in these debates, we would like to establish the larger context in which the discussion belongs. There are a number of liturgical practices that have disappeared from use over centuries. Without a reflective look at these rituals, however, it could easily happen that even the loveliest of liturgical directives would shrivel into meaningless formalism.

The sacrificial action of the Eucharist takes place on the altar, within a continuous current of prayer: from the prayer over the gifts, through the Eucharistic Prayer, to the Our Father. In this respect, the Eucharistic action is markedly different from the liturgy of the Word that precedes it. The ambo is, strictly speaking, not a place of prayer; the Opening Prayer is better placed at the celebrant’s chair. In the usus antiquior, the priest is always standing at the altar, and almost always praying! The silent prayers are neither private prayers nor mere time-fillers (i.e., horror vacui), but rather to make the altar a place of unceasing prayer.

Once this point has been acknowledged, the implication is that the priest at the altar takes on a different attitude, or mindset, than he has anywhere else. Here he stands, first and foremost, as one who prays. Christianity recognizes this distinctive prayer posture where the priest raises his hands, as well as his eyes. The raising of hands and eyes belongs, inseparably, to the gesture of early Christian prayer, just as Jesus himself practiced in the Jewish tradition. Standing in prayer is also part of this tradition, seen as a fundamental posture for one in prayer; on one’s knees praying, likewise, uses elevated hands and eyes, all dating back to early Christianity. Since the Middle Ages, this prayer posture, with hands and eyes raised, has faded somewhat from practice. Now, it is only the priest raising his hands (and eyes for only a few short moments) because he is reading prayers. He does look up, for instance, in the Roman canon at the time of the consecration while speaking the words: “et elevatis oculis in coelum”. Therefore, Jesus inaugurates the Eucharist “with eyes raised to heaven.”

Even in the ordo novus, the rubric at this point reads: “He (the priest) raises his eyes.” But where exactly is the priest supposed to be looking, at the church ceiling? So when the priest in reciting a prayer is required to look upward, rather than simply staring into space, the obvious focal point is a high-standing cross on the main altar.

Of course, the practice of having a cross on the altar facing the priest is not only needed for a few isolated moments. It has a more general purpose. When the priest stands at the altar in unceasing prayer to God, he will be gazing at God’s Son, through whom his every petition, his every word of praise, is, in fact, offered.

Since God is creator, the world is not chaotic, but a universe divinely fashioned and providentially ordered. There is an “above” and a “below,” or in scriptural terms, upon the heavens his throne is set, earth is his footstool. Already, the early Church Fathers observed that Christians stand erect to pray: as free creatures of God, who hold their heads high, and look up with their eyes to the One who looks down on them from his heavenly throne. To pray is to converse with God. It would be impolite not to be looking at someone with whom we are conversing. The act of looking up when we pray is, therefore, an expression of the whole creation theology of the Old and New Testaments.

Sinful man attempts to hide from God, like Adam and Eve hid in the bushes. Redeemed man, on the other hand, does not need to hang his head in shame; happy and free, he may look God in the face and “dare” to say: “Our Father, who art in heaven.” He may dare to do this because Jesus Christ is truly Son by nature, and he alone can pray “Father;” while we, through grace, enjoy the same relationship, being so invited into this act of filial boldness. We are only creatures, but the baptized are privileged creatures, because, whether man or woman, we are in Christ as beloved sons and daughters of the same heavenly Father.

This was precisely what the early Church wished to bring to expression in the prayer posture it adopted. In prayer, when we speak with God, we embrace our filial identity. But since in the physical space of the church, one’s view to the heavenly throne of God was blocked by walls, the effort was made to clear a virtual path of vision to heaven. The apse was often painted, or studded, with mosaics, with a section of the painting portraying the starry sky. This broke open the church’s ceiling to heaven.

The priests and the faithful could look up to the apse when they prayed, seeing into heaven, so to speak. The gaze of the faithful was not focused on the altar and the celebrant, but rather overhead. The church building itself always had to be “oriented” to the east at this graphically depicted heavenly art. The actual geographical orientation toward the east was of secondary importance.

Now, it was clear from the beginning that Christian prayer was not simply directed to God alone, but through Jesus Christ to the heavenly Father. This is precisely where the cross comes into play as a focal point. Thus, in the early church, not only heaven, but the cross, as well, was depicted in the apse, or at least placed at a high location in the apse. Everyone was supposed to be looking at the cross when they prayed. The best example of this arrangement is in the apse of the church of Sant’Apollinare in Classe near Ravenna, Italy, which dates back to the sixth century.

The Church’s practice of placing an elevated cross on the altar—which up to a few decades ago was taken to be a matter of course—was well-grounded, both liturgically and theologically. Even after the Second Vatican Council, there was no good reason why crucifixes should be placed like props only on the rarely used side altars. On the contrary, the altar is the place of prayer: the cross belongs there, and, indeed, even more so, on the main altar. It is the place of raising one’s hands, mind and eyes to “look upon the one whom they have pierced.” Here, heaven opened up at the moment when darkness covered the earth: the Sun of Righteousness on the cross was raised up at the center of the earth, making our darkness light.

In the myriad publications about the posture of prayer, one rarely finds so much as a reference to the raising of the hands. Authors always assume, as their starting point, the prayer posture of “normal” believers, who fold their hands in prayer. After all, hand folding dates back many hundred years. Nevertheless, the point is regularly concealed that the “real” prayer posture (still today) is what the priest does at Mass. Whenever the priest says, “Let us pray,” he lifts up his hands as he begins praying. In the early and medieval Church, as the priest announced, “Let us pray,” the congregation would stand up, raising their hands. In modern times, however, the prayer postures of priest and faithful have parted ways. The faithful kneel or stand when they pray, and fold their hands. The early Christian prayer posture, the raising of hands and eyes to heaven, has been so thoroughly forgotten, that it is no longer felt to be a gesture of prayer at all; rather it is taken to be some specifically priestly ritual of obscure origin.

Wide divergence and inconsistency of practice do not make it easy for the faithful to understand what the raising of the priest’s hands is supposed to mean, and what it has to do with prayer, especially since the congregation does not use such a posture. Priests themselves appear to have no idea why they do what they do, for each one does it in a different way. At the moment, there is no common practice with regard to prayer posture. It seems to me that there is something missing here. After all, the Christian faith, owing to the Incarnation, has a much closer, more conscious relationship to the body than do other religions. Prayer is not mere interiority, but must incarnate itself in particular prayer postures.

The most important thing with regard to prayer posture was already mentioned in connection with the raising of the eyes. The early Christians explicitly stressed the point that man is not like the other animals walking on four paws; rather, man stands erect, and in a certain sense, approaches heaven through his bodily disposition. Man can acknowledge God, and speak to him. This is why he stands erect, raises his hands and eyes to heaven. Everyone who prays should adopt this posture, not only the priest.

Christians took over the common customary prayer posture of late antiquity. They even emphasized this very continuity. For them, too, God was in heaven. Of course, for them there was only one God, who created heaven and earth. But there was an unqualified acceptance by Christians for using this Jewish and pagan prayer posture. The raising of hands and eyes was important to them because God had his throne in heaven.

More importantly, there is another practice taken from antiquity which they adopted: the cleansing of the hands. The hand and face washing that precedes ritual prayer is no invention of Moslems. Islamic followers adopted it in the seventh century based on Christian prayer practices. Christians used to wash themselves, or at least their hands, before praying. A water fountain stood in the forecourt of churches precisely for this purpose. In the atrium of St. Peter’s in Rome, there stood the famous stone pine fountain. A sarcophagus from Ravenna portrays such a washing bowl: a cantharus (deep bowl) adorned with peacocks.

This washing concerned an attitude of purity and integrity in prayer. Precisely because one’s hands were raised to heaven while praying, they had to be clean. The believer wanted to be seen by God. So, persons who prayed would show washed hands as a sign that they were not stained with blood. For Christians, washed hands were supposed to express that one entered into God’s presence with a pure conscience. “The clean of hand and pure of heart” may go up to the mountain of the Lord, was a Psalm sung by those traveling to the temple in Jerusalem (Ps 24:4).

This explains this prayer posture in the early Church: a person’s hands were held relatively close in front of one’s face with the palms turned outwards, as is the custom in the Dominican rite even today. It was a way of saying: “Here, God, look at my hands! No blood and no injustice cling to them. And only in this manner do I dare to pray and raise my voice to you.” St. John Chrysostom addressed his followers by saying that it was not enough to raise washed hands to God; these hands must also be made holy through works of charity. So, in the forecourt of the church, one should not only go to the fountain for hand washing, but also use the opportunity to give alms to the poor who begged there.

What remains of this rite of hand washing, previously practiced by all of the faithful, is the priest’s ritual hand washing before the Eucharistic prayer. The faithful no longer wash their hands, because they also no longer raise their hands when they pray. In its place, people bless themselves with holy water at the church entrance, reminding themselves of their baptism.

These rituals of the past retain their meaning even today. Christian prayer presupposes “clean hands.” A person who has sinned against his neighbor also sins against God. In refusing to be reconciled with his neighbor, a person should not approach the altar of God. The act of faith does not simply erase all past and future sins. Our behavior and actions create new obstacles on the way to God, weakening the effectiveness of our prayer. The priest is reminded of his own inadequacy every time he holds up his hands. This automatic gesture should provoke in his mind a serious examination of conscience: what makes you worthy that you alone can raise your hands in prayer? Have you done everything in your power to enable you, with pure hands and full transparency of spirit, to bring before God the gifts and prayers of the people?

http://www.hprweb.com/2012/01/cross-altar-and-the-right-way-of-praying/

 

English
Italiano
"Croce, l'altare e il giusto senso di pregare: Ricordando i rituali e le rubriche del passato che mantengono il loro significato oggi."
1° Gennaio 2012 da p. Stefan Heid
Forse alcuni di voi piacerebbe frequentare brunch di Cedar Creek. Come Presidente della società Rosario, sto aiutando a promuoverlo, dal momento che la metà di tutti i proventi saranno devoluta per la Chiesa di San Rocco. Abbiamo anche intenzione sull'identificazione di alcune famiglie bisognose come destinatari dei giocattoli che verranno raccolti.

Venite a partecipare ai festeggiamenti - e per favore spargete la voce!!!

A lo Vaticano, e nelle basiliche pontificie di Roma (precedentemente chiamato "basiliche patriarcali"), una sentenza recentemente è stato fatto che una permanente a croce deve essere posizionata al centro di alti o freestanding altari. Nessuna specifica viene dato come il tipo e la dimensione della Croce. Di norma, l'implementazione di questa richiesta è stata adeguata: una croce di alto standing con corpus è stata impostata sul posto il celebrante di sacerdote, di fronte a tale che egli è in grado di guardare su Gesù crocifisso. Tale richiesta, che si articola su quello che in realtà dovrebbe essere una questione di corso, può venire come una sorpresa. Ma a Roma, per molti anni prima di questo periodo, la cattiva abitudine aveva sviluppato di spingere la Croce all'angolo dell'altare, così che esso sarebbe "disturbare," facilitare una liturgia "televisione amichevole", soprattutto per le Messe papali.

La croce è il punto focale di salvezza e di azione liturgica. Essa deve, naturalmente, armonizzare con l'altare in stile e proporzione, ma certamente non dovrebbe essere bassa in piedi. La croce è dovuto per disturbare! Il sacerdote non dovrebbe "trascurare"! Tuttavia, l'obiezione è reso a volte che una barriera viene creata dalla croce tra clero e popolo, qualcosa sulla linea di un'iconostasi (un muro di icone nelle chiese di rito orientale, che separa la navata dal santuario). Ma questo è un argomento specioso, come anche l'altare enorme croce nella Basilica di San Pietro non blocca veramente la vista. Ci sono pochissime chiese, dopo tutto, dove la gente faccia l'altare dritti; più comunemente, affrontano l'altare da una prospettiva laterale, guardando oltre la Croce al sacerdote. Inoltre, più alto si trova la Croce, la meno probabile che esso sarà ostruire la visione del popolo. Così diventa per tutti una spirituale "richiamo" (se è esteticamente alto standing). Infine, si è ulteriormente obiettò che un altare a croce crea un raddoppio dei crocifissi, nel caso che una croce già pende sopra o dietro l'altare. Tuttavia, la Croce sull'altare è per il sacerdote, di fronte a lui con suo corpus, mentre i fedeli guardano la loro croce sopra l'altare.

Senza dubbio saranno alcuni scontri con i comitati liturgici, quando pastori, scegliendo di seguire romano personalizzata, iniziano prendendo che loro altare attraversa dall'armadio. Al fine di prevenire reazioni precipitosa in queste discussioni, vorremmo stabilire il contesto più ampio in cui appartiene la discussione. Ci sono un certo numero di pratiche liturgiche che sono scomparsi da utilizzare nel corso dei secoli. Senza uno sguardo riflettente ad questi rituali, tuttavia, si potrebbe facilmente accadere che anche i più belli delle direttive liturgiche sarebbe avvizzire nel formalismo insignificante.

L'azione sacrificale dell'Eucaristia si svolge sull'altare, all'interno di una corrente continua di preghiera: dalla preghiera sopra i doni, attraverso la preghiera eucaristica, a nostro padre. A questo proposito, l'azione eucaristica è nettamente diverso dalla liturgia della parola che lo precede. L'ambone è, strettamente parlando, non un luogo di preghiera; la preghiera di apertura è in una posizione migliore alla sedia del celebrante. Nell'usus antiquior, il sacerdote è sempre in piedi presso l'altare e quasi sempre pregando! La preghiera silenziosa non è né preghiere private né mere tempo-riempitivi (vale a dire, horror vacui), ma piuttosto per rendere l'altare un luogo di preghiera incessante.

Una volta che questo punto è stato riconosciuto, l'implicazione è che il prete all'altare assume un atteggiamento diverso, o di mentalità, che egli ha da nessun'altra parte. Qui si erge, innanzitutto, come colui che prega. Cristianesimo riconosce questa postura Distintivo di preghiera, dove il sacerdote solleva le mani, come pure i suoi occhi. L'innalzamento delle mani e occhi appartiene, inseparabilmente, per il gesto di preghiera cristiana precoce, proprio come Gesù stesso praticato nella tradizione ebraica. In piedi in preghiera è anche parte di questa tradizione, vista come una postura fondamentale per uno nella preghiera; sulle proprie ginocchia pregando, allo stesso modo, utilizza elevate mani e occhi, tutti risalenti al cristianesimo primitivo. Fin dal Medioevo, è svanito questa postura di preghiera, con le mani e gli occhi generati, un po' dalla pratica. Ora, è solo il sacerdote alzando le mani (e gli occhi per solo qualche istante) perché è la lettura di preghiere. Egli guarda, per esempio, nel canone romano al momento della consacrazione mentre parla le parole: "et elevatis oculis in coelum". Pertanto, Gesù inaugura l'Eucaristia "con"occhi sollevati al cielo.

Anche nella novus ordo, a questo punto la rubrica recita: "Egli (il sacerdote) solleva gli occhi." Ma dove esattamente il sacerdote dovrebbe essere alla ricerca, il soffitto della Chiesa? Così, quando il sacerdote nel recitare una preghiera è necessaria a guardare verso l'alto, piuttosto che semplicemente fissando nello spazio, il punto focale ovvio è una croce di alto standing sull'altare principale.

Naturalmente, la pratica di avere una croce sull'altare rivolto verso il sacerdote non è necessario solo per pochi istanti isolati. Ha uno scopo più generale. Quando il sacerdote si trova presso l'altare nella incessante preghiera a Dio, egli guardando al figlio di Dio, attraverso il quale ogni sua petizione, ogni sua parola di lode, è, infatti, offerto.

Poiché Dio è il creatore, il mondo non è caotico, ma un universo divinamente foggiato e provvidenzialmente ordinato. C'è un "sopra" e a "basso", o in termini scritturale, su cieli che è impostato il suo trono, la terra è suo poggiapiedi. Già, i primi padri della Chiesa ha osservato che i cristiani stanno eretti a pregare: come libero creature di Dio, che detengono la testa alta, e cercare con i loro occhi a colui che guarda verso il basso su di loro dal trono celeste. A pregare è a conversare con Dio. Sarebbe stato scortese non a guardare qualcuno con il quale ci stiamo conversando. L'atto di alzando lo sguardo quando noi preghiamo è, quindi, un'espressione della teologia intera creazione del vecchio e nuovo testamento.

Uomo peccatore tenta di nascondere da Dio, come Adamo ed Eva si nascose tra i cespugli. Uomo redento, d'altra parte, non ha bisogno di appendere la testa nella vergogna; felice e libera, egli può guardare Dio in faccia e "il coraggio" di dire: "Padre nostro, che sei nei cieli." Egli può il coraggio di farlo perché Gesù Cristo è veramente il figlio dalla natura, e solo lui può pregare "Padre"; mentre noi, attraverso la grazia, godere il rapporto stesso, essendo così invitato in questo atto di filiale audacia. Noi siamo solo creature, ma i battezzati sono creature privilegiate, perché, se uomo o donna, siamo in Cristo come diletti figli e figlie dello stesso Padre celeste.

Questo era esattamente ciò che la Chiesa primitiva ha voluto portare all'espressione nella postura di preghiera che ha adottato. Nella preghiera, quando parliamo con Dio, ci abbracciamo la nostra identità di filiale. Ma poiché nello spazio fisico della Chiesa, la vista al trono celeste di Dio è stato bloccato da mura, lo sforzo è stato fatto per cancellare un percorso virtuale della visione al cielo. L'abside è stato spesso dipinto o borchiato, con mosaici, con una sezione del dipinto raffigurante il cielo stellato. Ciò ha rotto aperto soffitto della Chiesa verso il cielo.

I sacerdoti e i fedeli potevano guardare all'abside quando hanno pregato, vedendo in cielo, per intenderci. Lo sguardo dei fedeli è non stato si concentrano sull'altare e il celebrante, ma piuttosto generali. La Chiesa stessa costruzione sempre doveva essere "orientato" a questa arte celeste graficamente raffigurata a est. L'effettivo orientamento geografico verso Oriente era di secondaria importanza.

Ora, era chiaro fin dall'inizio che preghiera cristiana non era semplicemente diretto solo a Dio, ma attraverso Gesù Cristo al Padre celeste. Questo è esattamente dove la croce entra in gioco come punto focale. Così, nella Chiesa primitiva, non solo il cielo, ma la Croce, pure, era descritta nell'abside, o al meno collocato in una posizione elevata nell'abside. Ognuno doveva essere guardando la Croce, quando hanno pregato. Il miglior esempio di questo accordo è nell'abside della Chiesa di Sant'Apollinare in Classe vicino a Ravenna, Italia, che risale al sesto secolo.

Pratica della Chiesa di immissione di un elevato Croce sull'altare — che fino a pochi decenni fa era considerato essere naturalmente — era solida, sia dal punto di vista liturgicamente e teologicamente. Anche dopo il Concilio Vaticano II, non esisteva nessuna buona ragione perché crocifissi devono essere posizionati come bonus solo su altari laterali raramente usato. Al contrario, l'altare è il luogo di preghiera: la croce appartiene lì e, anzi, ancora più così, sull'altare principale. È il luogo di alzare le mani, mente e gli occhi a "Guarda su colui che hanno trafitto". Qui, il cielo si apre al momento quando le tenebre coperto la terra: il sole di giustizia sulla Croce è stata sollevata fino al centro della terra, rendendo le nostre tenebre in luce.

Ampia divergenza e l'incoerenza della pratica non rendono facile per i fedeli a capire cosa l'innalzamento delle mani del sacerdote è dovuto per dire e che cosa ha a che fare con la preghiera, soprattutto perché la Congregazione non utilizza tali una postura. Sacerdoti stessi sembrano non hanno alcuna idea perché lo fanno quello che fanno, per ciascuno di essi fa in modo diverso. Al momento, non non c'è nessuna pratica comune postura di preghiera. Mi sembra che c'è qualcosa che manca qui. Dopo tutto, la fede cristiana, a causa dell'incarnazione, ha un rapporto molto più vicino, più consapevole al corpo di altre religioni. Preghiera non è mera interiorità, ma deve incarnare stessa in particolare posture di preghiera.

La cosa più importante in materia di postura di preghiera è stato già citata in connessione con l'innalzamento degli occhi. I primi cristiani, in modo esplicito, hanno insistito sul fatto che l'uomo non è come gli altri animali, camminando sulle quattro zampe; piuttosto, uomo sta eretto e in un certo senso, si avvicina il cielo attraverso la sua disposizione corporee. Uomo può riconoscere Dio e parlare con lui. È per questo che egli sta eretto, solleva le mani e gli occhi al cielo. Tutti coloro che prega dovrebbe adottare questa postura, non solo il sacerdote.

I cristiani ha assunto la postura di consueto preghiera comune della tarda antichità. Essi hanno anche sottolineato questa continuità molto. Per loro, anche Dio era in cielo. Naturalmente, per loro c'era un solo Dio, che creò il cielo e la terra. Ma c'era un'accettazione incondizionata da parte dei cristiani per l'utilizzo di questa postura preghiera ebraica e pagana. L'innalzamento delle mani e occhi era importante per loro, perché Dio ha avuto il suo trono in cielo.

Più importante, c'è un'altra pratica preso dall'antichità che hanno adottato: la pulizia delle mani. La mano e il lavaggio del viso che precede la preghiera rituale non è nessuna invenzione dei musulmani. Seguaci islamici ha adottato nel settimo secolo basate sulle pratiche di preghiera cristiana. I cristiani utilizzata per lavare se stessi, o almeno le mani, prima di pregare. Una fontana di acqua si trovava nel piazzale delle chiese, proprio per questo scopo. Nell'atrio di San Pietro a Roma, si trovava la Fontana di pini cembri famoso. Un sarcofago da Ravenna ritrae come una ciotola di lavaggio: un cantharus (ciotola profonda), ornata con pavoni.

Questo lavaggio riguardava un atteggiamento di purezza e di integrità nella preghiera. Proprio perché le mani sono state sollevate al cielo, mentre pregava, dovevano essere puliti. Il credente ha voluto essere visto da Dio. Così, persone che hanno pregato mostrerebbe lavate le mani, come un segno che essi non erano macchiati di sangue. Per i cristiani, lavate le mani avrebbero dovuto per esprimere che uno entrato in presenza di Dio con una coscienza pura. "La pulizia della mano e puro di cuore" può salire al Monte del Signore, è stato un salmo cantato da coloro che viaggiano per il tempio di Gerusalemme (Ps 24:4).

Questo spiega questa postura di preghiera nella Chiesa primitiva: mani di una persona si tennero relativamente vicina davanti la faccia con le palme si rivolse verso l'esterno, come è l'usanza del rito domenicano ancora oggi. E ' stato un modo di dire: "qui, Dio, guardate le mie mani! Nessuna ingiustizia e sangue non aggrapparsi a loro. E solo in questo modo fare coraggio a pregare e aumentare la mia voce a voi". San Giovanni Crisostomo affrontato i suoi seguaci dicendo che non era sufficiente a sollevare lavate le mani a Dio; Queste mani devono anche essere fatto sante attraverso le opere di carità. Così, nel piazzale della Chiesa, uno dovrebbe non solo andare alla fontana per lavarsi le mani, ma anche utilizzare l'opportunità di dare elemosine ai poveri che ci pregarono.

Ciò che rimane di questo rito di lavamani, precedentemente praticato da tutti i fedeli, è rituale lavamani del prete prima della preghiera eucaristica. I fedeli non più lavano le mani, perché anche non più alzano le mani quando pregano. Al suo posto, persone stessi benedica con acqua benedetta all'ingresso Chiesa, ricordando loro stessi del loro battesimo.

Questi rituali del passato mantengono il loro significato anche oggi. Preghiera cristiana presuppone "mani pulite". Una persona che ha peccato contro la sua prossimo anche peccati contro Dio. Rifiutando di riconciliarsi con il suo vicino, una persona deve accostarsi all'altare di Dio. L'atto di fede, semplicemente, non cancella tutto passato e peccati futuri. Il nostro comportamento e le azioni creano nuovi ostacoli sulla strada di Dio, indebolendo l'efficacia della nostra preghiera. Il sacerdote è ricordato della propria inadeguatezza, ogni volta che ricopre le sue mani. Questo gesto automatico dovrebbe provocare nella sua mente un serio esame di coscienza: che cosa ti rende degno che tu solo può sollevare le mani in preghiera? Tutto ciò che hai fatto in suo potere per consentire, con le mani pure e completa trasparenza dello spirito, per portare davanti a Dio, i doni e le preghiere del popolo?

http://www.hprweb.com/2012/01/cross-altar-and-the-right-way-of-praying/