2016
2015
2014
2013
2012
2011

back to main page



THIRD SUNDAY OF ADVENT

Dear Parishioners,

This weekend please welcome Father Bernard Olszewski, who speaks on behalf of Cross Catholic Outreach, www.crosscatholic.org. Of every dollar raised, 95.26% goes directly to projects. Father Olszweski will be speaking at all the Masses and looks forward to offering Mass both in English and Italian. Father Bernard offers to each of us a chance to participate in the Jubilee Year of Mercy through sacrificial giving.

Last Tuesday, December 8th marked the fiftieth anniversary of the closing of the Second Vatican Council. For some this was the dawn of a new and exciting age in the Church, for others, the fall of darkness and for many, an event whose significance remains somewhat obscure. In order to consider these views on the Second Vatican Council, we are embarking in January on an exciting six month long series of encounters entitled “Vatican Two (Re)views” on Tuesday evenings at 7:30 pm in the Parish Center.

The title of the series suggests the multifaceted approach to this historic event in the history of the Catholic Church and indeed, the whole human race. By ‘(re)views’ we hope to not only look at (view) the major documents of the Council, but also by the prefix (re-) we will look back (review) on the Council from the vantage point of our experiences over the last fifty years and hope to arrive at new ways to look at the Second Vatican Council and the our experience of this event. Shortly we will finalize the schedule of topics and the presenters who will not only include all the Canons, but also Father Anton, who will speak about the Austrian experience of the Council and Father Joseph Scolaro who will give a view from a Millennial Catholic, born long after the Council.

In addition to reading the key documents and coming to a clear understanding of the actual teachings of the Council, we will have a chance to investigate differences in interpretation and implementation of the Council. Along the way, we will be inspiration for the future of our parishes as we ponder the particular constellation of changes that faces the proclamation of the Gospel here on Long Island.

If you are curious and an open mind, you will find this series interesting and beneficial. Come and share your experience and be prepared to enjoy some lively discussion! There will be divergent views, but we will all gain from listening to each other as commonly strain to listen to the Word of God, discern the movements of the Holy Spirit and strive to recognize God’s action in the midst of our world.

Our first meeting on January 5th starts with a discussion on the interpretation of the Council – how should we see the Second Vatican Council – as a break with the past or in continuity with the past. We will look for guidance from the homily of St John XXIII (October 11, 1962) and Pope Benedict’s Christmas address to the Curia (December 22, 2005). Both are readily available on the web as all the documents of Vatican Two in numerous languages.
God bless,
Father Elias






Cari parrocchiani,

Questa fine settimana vi prego di accogliere gentilemente Padre Bernard Olszewski, che parla a nome della Cross Catholic Outreach, www.crosscatholic.org. Per ogni dollaro raccolto, 95.26% va direttamente ai progetti. Padre Olszewski parlerà in tutte le Messe e guarda in avanti l'ora di offrire la Messa sia in inglese che in italiano. Padre Olszewski offre a ciascuno di noi la possibilità di partecipare al Giubileo della Misericordia attraverso la donazione sacrificale .

Lo scorso Martedì 8 Dicembre ha segnato il cinquantesimo anniversario della chiusura del Concilio Vaticano II. Per alcuni questo è l'alba di una nuova ed emozionante era nella Chiesa, per gli altri, la caduta delle tenebre e per molti, un evento il cui significato rimane alquanto oscuro. Al fine di prendere in considerazione queste opinioni sul Concilio Vaticano II, in Gennaio ci imbarchiamo in un’emozionante serie di incontri lunghi sei mesi, dal titolo "Vatican Two (Re)views", Martedì sera alle 19:30 nel Centro Parrocchiale.

Il titolo della serie suggerisce l’ approccio sfaccettato a questo evento storico nella storia della Chiesa cattolica e, infatti, tutto il genere umano. Da ‘(ri-) viste’ speriamo di guardare non solo a (a vedere) i più importanti documenti del Concilio, ma anche dal prefisso (ri-) vedremo di nuovo (a rivedere) il Consiglio dal punto di vista delle nostre esperienze negli ultimi cinquanta anni e la speranza di arrivare a nuovi modi di guardare al Concilio

Vaticano II e la nostra esperienza di questo evento. Tra poco noi portiamo a termine il calendario degli argomenti e presentatori che non solo comprende tutti i canonici, ma anche Padre Anton, che parlerà dell'esperienza austriaca del Consiglio e padre Joseph Scolaro che vi darà una vista da un millenario cattolico, nato lungo dopo il Concilio.

Oltre a leggere i documenti principali e di giungere a una chiara comprensione degli insegnamenti autentici del Concilio, avremo la possibilità di indagare le differenze d’interpretazione e applicazione del Consiglio. Lungo la strada, cerchiamo ispirazione per il futuro delle nostre parrocchie come meditiamo la particolare costellazione di cambiamenti che si confronta con l'annuncio del Vangelo, qui a Long Island.
Se siete curiosi e avete la mente aperta, troverete questa serie interessante e utile. Venite a condividere la vostra esperienza ed essere pronti a godersi una vivace discussione! Ci saranno opinioni divergenti, ma ci sarà tutto guadagno di ascoltare gli uni agli altri come comunemente sforzo per ascoltare la Parola di Dio, discernere i movimenti dello Spirito Santo e si sforzano di riconoscere l'azione di Dio in mezzo del nostro mondo.

Il nostro primo incontro il 5 Gennaio inizia con una discussione sull'interpretazione del Consiglio - come possiamo vedere il Concilio Vaticano II - come una rottura con il passato o in continuità con il passato. Cercheremo per l’orientamento dall'omelia di San Giovanni XXIII (11 Ottobre 1962) e del discorso alla Curia di Papa Benedetto XVI (22 Dicembre 2005). Entrambi sono facilmente disponibile sul Web come tutti i documenti del Vaticano II in numerose lingue.

Dio vi benedica,
Padre Elias


SECOND SUNDAY OF ADVENT

Dear Parishioners,

This weekend I am speaking at all the Masses to announce officially the Parish Planning Process. Even though I have constituted the committee and it runs on my mandate as the pastor of Saint Rocco, the committee will run autonomously with the support of Deacon John Fielding. Therefore, please direct your contribution directly to the Committee. In the weeks to come, the Committee Members will explain the ways, which you will be able to participate by letting them know your hopes and dreams for our parish.

We especially as a parish want to take advantage of the opportunity to motivate occasional churchgoers, who come to the Christmas Masses, to participate in the process. We are organizing now groups of parishioners who will help greet parishioners on Christmas Eve and Christmas Day. The members of this ad hoc hospitality committee will wish everyone a Merry Christmas and give out a sheet with the annual calendar of events at the Church of Saint Rocco on one side, and information about the Parish Planning Process on the other. At the end of the Mass, the Parish Planning Committee will have a special gift for the parishioners (I won’t give it away!).

Should anyone wish to help out, please feel free to contact Luigi Greco (info on the front page of the bulletin) or Gina Galante (by calling the par- ish office or sending an email to saintroccochurch@gmail.com - we will forward it to her).

Since we can expect people to be in a festive mood, especially on Christmas Eve at the 4 pm and 5:30 pm Children’s Liturgy, we will en- courage people to exchange greetings before Mass in the church (which is not our us church (which is not our usual practice because we prefer to observe silence so that we and other are able to pray), and then, about five minutes or so before Mass starts, the lector will invite everyone to recollect him or herself, review the songs, and give other instruction about Holy Communion (so it circulates efficiently).

The Masses on Christmas Eve are 4 pm (very crowded) and 5:30 pm (crowded), which features the brief Children’s Christmas Pageant before Mass begins and the Children’s homily. The congregation of the Mid- night Mass (which is still, at least for this year, at 12:00 am) has dimin- ished over the last few years. In light of this, unless the congregation re- turns to a robust number, next year’s midnight Mass will be moved to an earlier time (probably 7 pm). If you love the Midnight Mass – be sure to come and bring people with you! If we do decide to reschedule the Mid- night Mass – which many churches have done including St Peter’s Basil- ica (at 9:30 pm this year) – this decision can be revisited in the future.

There are three Masses on Christmas Day at 9:00 am in Italian, at 10:15 am and 11:30 am. If you are able, you will probably find Mass on Christmas morning more comfortable and convenient because the congre- gations tend to be more manageable. This coming weekend – December 12-13th – all of us Canons will be in Austria for the abbatial election, which is the first time for any of us from the States will be able to participate (the last one was in 2005). We are all Capitulars, that is, members of the Capitulum (literally, the ‘small head’ in Latin), which is related to word, capo in Italian (caput). In other words, all the Canons in solemn vows are voting members of the governing body the Chapter – that makes all the important decision for the abbey including electing the Provost (Latin, praepositus, literally, “the one who is put forward”).

In the Augustinian understanding of religious life, the Pro- vost is the servant of the Chapter, whom the Chapter elects to realize its aspirations in the framework of priestly religious life in the Catholic Church. So, please, do pray for us and for Klosterneuburg, that the Chapter makes a sound decision and that the Lord gives us the leadership, which our abbey requires, to be able to serve you and our parishes in Austria and Norway according to the heart of the Good Shepherd.

God bless,
Father Elias


Cari Parrocchiani,

Questa fine settimana io parlo a tutte le Messe per annunciare ufficialmente il Processo di Pianificazione parrocchiale. Anche se ho costituito un comitato e funziona secondo il mio mandato come parroco di San Rocco, la commissione eseguirà autonomamente con il sostegno del diacono John Fielding. Vi prego, comunque, di dirigere il vostro contributo direttamente al Comitato. Nelle settimane prossime, i membri del Comitato spiegheranno i modi in cui potrete partecipare facendo loro sapere le vostre speranze e sogni per la nostra parrocchia. Noi in particolare come una parrocchia vogliamo approfittare dell’occasione per motivare i fedeli occasionali, che vengono alle Messe di Natale, di partecipare al processo. Organizziamo ora gruppi di parrocchiani che aiuteranno salutare i parrocchiani alla vigilia di Natale e il giorno di Natale.

I membri di questo comitato ad hoc di Ospitalità augureranno a tutti un Buon Natale e distribuiscono un foglio con il calendario annuale degli eventi presso la Chiesa di San Rocco su un lato del foglio, nell’altro le informazioni sul processo di pianificazione parrocchiale. Al termine della Messa, il Comitato di pianificazione parrocchiale distribuirà un regalo speciale per i parrocchiani (non vi dirò che cosa è!). Se qualcuno desidera dare una mano, non esitate di contattare Luigi Greco (info sulla prima pagina del bollettino) o Gina Galante (o chiamando l'ufficio parrocchiale o inviate un messaggio tramite la posta electronica a saintroccochurch@gmail.com – e noi lo inviamo a lei). In quel momento noi ci aspettiamo che la gente sia in uno spirito di festa, soprattutto alla vigilia di Natale alle 16:00 e alle 17:30 per la Liturgia dei bambini, noi incoraggeremo le persone a scambiarsi gli auguri prima della Messa nella chiesa (che non è la nostra pratica ordinaria perché preferiamo osservare il silenzio in modo che sia possibile pregare), e poi, circa cinque minuti prima che inizia la Messa, il lettore inviterà tutti a raccogliersi in se stessi, a rivedere le canzoni, e dare altre istruzioni a riguardo la Santa Comunione (così si circola in modo più efficiente).

Le Messe alla Vigilia di Natale sono 16:00 (molto affollata) e alle 17:30 (affollata), con la presentazionedi un breve spettacolo di Natale prima che la Messa inizia e l'omelia dei Bambini. La congregazione della Messa di mezzanotte (che è ancora, almeno per quest'anno, alle 12:00) è diminuita nel corso degli ultimi anni. Alla luce di questo, se la congregazione non ritorna ad un numero di persone più sostanzioso, la Messa di mezzanotte l'anno prossimo sarà programmata più presto (probabilmente alle 19:00). Se amate la Messa di mezzanotte - siate sicuri di venire e portate altre persone con voi! Se si decide di rinviare la messa di mezzanotte - che molte chiese hanno gia fatto tra cui anche la Basilica di San Pietro (alle 21:30 quest'anno) - questa decisione può essere rivisitata in futuro. Ci sono tre Messe il giorno di Natale alle ore 9.00 in italiano, alle 10:15 e 11:30. Se volete, probabilmente troverete le Messe alla mattina di Natale più comode e convenienti, perché le congregazioni tendono a essere più gestibili. Nella prossima fine settimana - Dicembre 12-13 - tutti noi Canonici saremo in Austria per l'elezione abbaziale, che è la prima volta per ognuno di noi dagli Stati Uniti di potere partecipare (l'ultimo risale al 2005). Siamo tutti capitolari, cioè, i membri del Capitulum (letteralmente, la 'piccola testa' in latino), che è legata alla parola, capo, (caput). In altre , parole, tutti i canonici in voti solenni sono membri dell'organo di governo – il Capitolo - che fa la decisione importante per l'abbazia, che compresa di eleggere il Prevosto (latino, praepositus, letteralmente, “quello che è posto innanzi”).

Nella comprensione agostiniana della vita religiosa, il prevosto è il servo del Capitolo, in cui il Capitolo decide di realizzare le sue aspirazioni nel quadro della vita religiosa sacerdotale nella Chiesa cattolica. Quindi, per favore, pregate per noi e per Klosterneuburg, che il Capitolo prende una decisione sana e che il Signore ci dà la direzione, che la nostra abbazia richiede, per potere servirvi ed anche le nostre parrocchie in Austria e Norvegia secondo il cuore del Buon Pastore.

Dio vi benedica,
Padre Elias



AGGIORNAMENTO FINANZIARIO
Gli Amministratori fiduciari (Trustees) della parrocchia, la Commissione della Finanze ed io abbiamo esaminato i dati finanziari di quest'anno, che il nostro contabile ha appena finito per l'anno fiscale conclusosi il 31 Agosto 2015. Anche se le collette settimanale e la complessiva proiezione della raccolta dei fondi sono stati di meno di come abbiamo progiettato con il nostro bilancio, noi siamo stati in grado di soddisfare le nostre spese operative gerali e mantenere il benessere finanziario della parrocchia.

Andando avanti, dobbiamo aspettarci che le nostre spese operative aumenteranno insieme con la necessità di affrontare una serie di miglioramenti capitali ai nostri impianti, che hanno ottant'anni. Speriamo che voi potete aiutarci a raggiungere il nostro obiettivo della stabilità finanziaria mentre allo stesso tempo possiamo fare tanti miglioramenti necessari alla nostra Chiesa.

Il vostro continuo sostegno per la nostra parrocchia è apprezzato come prendiamo il prossimo passo nel rendere la nostra parrocchia una chiesa di cui noi tutti possiamo essere orgogliosi attraverso il processo di pianificazione parrocchiale, che incomincia la prossima fine settimana, 5 e 6 DICEMBRE. I membri del comitato di pianificazione della parrocchia saranno presentati e benedetti durante la Messa alle 10:15. Io vi spiegherò il loro mandato e funzione nella Parrocchia a tutte le Messe domenicali.

Se in caso avete delle domande, per favore, non esitate di parlare con i nostri Trustees, Joe Panetta e Reggie Spinello, Lou Oporto il Capo della Commissione delle finanze, il Deacon, John Fielding, un membro della Commissione delle Finanze, oppure me. Father Elias
FINANCIAL UPDATE
The Parish Trustees, the Finance Committee and I have reviewed this year’s financial data, which our accountant has just finished for the fiscal year ending August 31, 2015. Although weekly collections and overall fundraising projections fell short of our budget, we were able to meet our general operating expenses and maintain the financial well being of the Parish.

Going forward, we must expect increases in our operating expenses along with a need to address a number of capital improvements to our facilities, which are eighty years old. We are hopeful that you will make every effort possible to help us attain our goal of financial stability while at the same time making much needed improvements to our Church.

Your continued support of our Parish is appreciated as we take the next step in making our Parish a church we can all be proud of through the Parish Planning Process, which we are launching next weekend, December 5th-6th. The Parish Planning Committee Members will be presented and blessed at the Mass at 10:15 am and I will explain their mandate and function to the Parish at all the Sunday Masses.

Should you have any questions, please, do not hesitate to speak with our Trustees, Joe Panetta and Reggie Spinello, the Chair Finance Council, Lou Oporto, Deacon John Fielding, Finance Committee Member, or me. Father Elias





THIRTY-THIRD SUNDAY IN ORDINARY TIME
Dear Parishioners of Saint Rocco,
Happy Solemnity of Saint Leopold of Austria (AD 1073-1136), the founder of Stift Klosterneuburg, the abbey of the Canons who serve at St Rocco, St Patrick and All Saints Regional Catholic School. This is our first opportunity to celebrate this solemnity with our parishes in the United States on a Sunday.
This weekend you will have the chance to venerate the relic of Saint Leopold, which the Abbot Primate gave to us a couple years ago. By these celebrations we join with our communities in Austria and Norway remembering and honoring this great Medieval saint.

Although he lived almost a thousand years ago, his example as a husband, father, leader and churchman illu- minates the darkness and confusion of our days inas- much as he faced many similar challenges: war and violence, conflict between church and state, personal tragedy, namely, the loss of his first wife, and unexpected challenges from God, when, for example, a son accept a priestly vocation.

Leopold lost his first wife at a young age, leaving two children behind. Subsequently, he married Agnes, also widowed, and with her they started a new family and had many children together. He had hopes that his son, Otto, would become a bishop in Klosterneuburg, where the Margrave had founded a church in 1114. He sent him to study theology in preparation for ordination.

In Paris, Otto discerned a vocation to the monastic reform move- ment from Citeaux. Leopold accepted his son’s monastic vocation. Otto became a Cistercian – and eventually a bishop but not in Klosterneuburg – and encouraged his father to introduce the Augustinian Canons (Augustiner Chorherren) to Klosterneuburg in 1133 and to found a community of Cistercians monks in Heiligenkreuz.

Besides having founded three monasteries – Klosterneub- urg (1114), Heiligenkreuz (1133) and Kleinmariazell (1134) – the Good Margrave (pio marchio) actively defended the lib- erty of the Church against imperial power. Indeed, he helped foster the peaceful resolution of this conflict, the Concordat of Worms (1122).

Such agreements (concordats), which are typical of church-state relations in other countries around the world, lay out the rights, duties and obligations of church and state so as to promote cooperation and the attainment of the common good.

Leopold is often called the Good Margrave (milde Markgraf), because of his kind and generous treatment of his peo- ple, especially the poor and sick, and his fidelity to them be- cause he declined election as the Holy Roman Emperor in 1124.

He viewed his rule as a vocation of service, not a path to advancement on the imperial ladder. As Margrave, Leopold was able to secure the autonomy of Austria within the Holy Roman Empire, thus making him a founding grandfather of the modern republic of Austria.
For this accomplishment as we as his holiness of life and powerful intercession from heaven, he is venerated as patron saint of Austria.

May this holy man, husband, father, ruler and churchman intercede also for our land, America, and for us as we turn our attention to next year’s Presidential election. Saint Leopold, pray for us (heilige Leopold, bitte für uns)!



Carissimi Parrocchiani di San Rocco
Buona Solennità di San Leopoldo d'Austria (1073-1136 dC), il fondatore di Stift Klosterneuburg, l'abbazia dei Canonici che servono a San Rocco, San Patrizio e Tutti i Santi, la scuola cattolica regionale. Questa è la nostra prima opportunità di celebrare questa solennità con le nostre parrocchie negli Stati Uniti nelle messe di Domenica. Questa fine settimana tutti voi potete venerare la reliquia di San Leopoldo, che l'Abate-Primate ci ha dato un paio di anni fa. Con queste celebrazioni ci uniamo con le nostre comunità in Austria e in Norvegia da ricordare e onorare questo grande santo medievale.

Anche se ha vissuto quasi mille anni fa, il suo esempio come marito, padre, leader e uomo di chiesa, illumina l'oscurità e la confusione dei nostri giorni, poiché ha dovuto affrontare molte sfide simili: la guerra e la violenza, il conflitto tra Stato e Chiesa, tragedia personale , cioè la perdita della sua prima moglie, e sfide inaspettate da parte di Dio, quando, ad esempio, un figlio accetta una vocazione sacerdotale.

Leopoldo ha perso la sua prima moglie in giovane età, lasciando due figli dietro. Poi, ha sposato Agnes, anche vedova, ed, insieme a lei hanno iniziato una nuova famiglia e hanno avuto molti figli insieme. Egli sperava che suo figlio, Otto, diventava un vescovo a Klosterneuburg, dove il margravio avesse fondato una chiesa nel 1114.

Leopoldo ha mandato Otto a studiare teologia in preparazione per l'ordinazione. A Parigi, Otto ha riconosciuto una vocazione al movimento di riforma monastica a Citeaux. Leopold ha accettato la vocazione monastica del suo figlio. Otto divenne cistercense - ed, infine, un vescovo, ma non a Klosterneuburg - lui ha incoraggiato suo padre di introdurre i canonici agostiniani (Augustiner Chorherren) a Klosterneuburg nel 1133 e di fondare una comunità di monaci cistercensi a Heiligenkreuz.

Oltre ad aver fondato tre monasteri - Klosterneuburg (1114), Heiligenkreuz (1133) e Kleinmariazell (1134) - il Buon margravio (pio marchio) ha difeso attivamente la libertà della Chiesa contro il potere imperiale. Anzi, ha contribuito a favorire la risoluzione pacifica del conflitto, il Concordato di Worms (1122).

Tali accordi (Concordati), tipici dei rapporti ecclesialistatali in altri paesi in tutto il mondo, specificano i diritti, i doveri e gli obblighi della chiesa e lo stato, in modo da promuovere la cooperazione e il raggiungimento del bene comune.

Leopold ha spesso chiamato il buon margravio (milde Markgraf), a causa del suo trattamento gentile e generoso del suo popolo, specialmente i poveri e malati, e la sua fedeltà a loro perché ha rifiutato l'elezione come l'imperatore del Sacro Romano Impero nel 1124. Egli considerava il suo governo come una vocazione di servizio, non un percorso ad avanzamento sulla scala imperiale.

Come Margravio, Leopoldo ha potuto garantire l'autonomia d'Austria all'interno nel Sacro Romano Impero, rendendo così di lui un nonno fondazione della repubblica moderna d'Austria. Per questo risultato, come noi, come la sua santità di vita e potente intercessione dal cielo, egli è venerato come patrono d'Austria.

Possa questo santo – marito, padre uomo dello stato e della chiesa intercedere –anche per la nostra patria, l’America, e per noi quanto rivolgiamo la nostra attenzione all’elezione presidenziale del prossimo anno. San Leopoldo, prega per noi (Heilige Leopold, bitte für uns)!

Thirtieth SUNDAY IN ORDINARY TIME

Dear Friends in Christ,
This Sunday, October 25th, at the Mass at 10:15 am we will recognize the children who are preparing
for their first confes- sion and first Holy Communion. At this Liturgy, the parents and children
will line the main aisle of the church so as to par- ticipate in the presentation of the gifts.
After the children’s homily, the parents and children will be invited to take their place along the
main aisle, profess the faith, pray the intercessions and then hand over the gifts, down the main
aisle, to the sanctuary. After the Ushers will take up the collection. Since this will be the
first time we try this, I thank you for your patience in advance!

Next Sunday, November 1st (and of course Saturday night) is the Solemnity of All Saints. We have
invited the confirmandi –
candidates for the sacrament of Confirmation – to present them- selves to the parish at the 10:15
am Mass. Father Ambros will
celebrate this Mass.

On Monday, November 2nd, the Memorial of All Souls, we will celebrate a special Mass for the
faithful departed at 7:30
pm. The Mass will be celebrated in the Ordinary Form with
Gregorian Chant – Father Ambros and I will cantor – and hymns. We will pray for all the
members of the parish who died in the last year, by name, as we had done in years past.
During the month of November we will offer many Masses for the faithful departed. Please submit the
names of your beloved dead on the envelopes that you find in the church and drop them in the
collection or at the office.

On Sunday, November 15th (and Saturday evening), we have the opportunity for the first time to
celebrate together and in a worthy manner the Solemnity of Saint Leopold of Austria, the
founder of Klosterneuburg. At all the Masses on that weekend,
there will be a chance to venerate the first class relic of the saint, which the Abbot-Primate,
Bernard Backovsky gave to us a couple years ago. Saint Leopold fulfilled his Christian voca- tion
as husband, father and statesman. As we look forward to our presidential elections next year, we
should invoke the inter- cession of the holy men and women who served God and man in government. We
will have a chance to learn more about him that weekend.

On Friday, November 20th, we resume the St. Padre Pio Holy
Hour and Mass after a hiatus. We start with the exposition of the Blessed Sacrament at 7:00 pm,
enjoy a half an hour of silent prayer, then pray Night Prayer (Compline), the Holy Rosary and other
vocal prayers, concluding with Benediction of the Blessed Sacrament around 8 pm. The celebration
of Mass follows.

And finally, on Saturday, November 28th, at the 4 pm Mass we start the season of Advent with the
blessing of the advent wreath. If you are interested in buying a fresh cut Christmas tree, please consider ordering one through All Saints: information at www.asrcatholic.org (tab: Wednesday’s Mail) and in the bulletin. Orders are due no later than NOVEMBER 30th! Please order a tree or two. Thank you.

God bless you,
Father Elias



Cari amici in Cristo,
Questa Domenica, 25 Ottobre, durante la messa delle 10:15 riconosciamo i bambini che si preparano
per la loro prima confessione e prima Comunione. In questa liturgia, i genitori e i loro figli
stanno lungo la navata principale della chiesa, in modo da partecipare alla presentazione dei doni.
Dopo l'omelia dei bambini, i genitori e i bambini saranno invitati a prendere il loro posto lungo
la navata principale, professare la fede, pregare le intercessioni e poi consegnare i doni, lungo
la navata principale, del santuario. Dopo gli uscieri prendono la raccolta. Dal momento che questa
sarà la prima volta che proviamno questo, vi ringrazio per la vostra pazienza in anticipo!

Domenica prossima 1 Novembre (e, naturalmente, la serata di Sabato) è la solennità di Tutti i
Santi. Abbiamo invitato i cresimandi - candidati al sacramento della Confermazione - di presentarsi
alla parrocchia alla Messa delle 10:15 Padre Ambros celebrerà questa Messa.
Lunedi', 2 Novembre, la Commemorazione dei fedeli defunti, celebriamo una Messa speciale per i
fedeli defunti alle
19:30. Celebriamo la Santa Messa nella forma ordinaria con
canto gregoriano - Padre Ambros ed io cantiamo - gli inni. Pregheremo per tutti i membri della
parrocchia che sono morti durante l'ultimo anno, per nome, come abbiamo fatto negli anni passati.
Durante il mese di Novembre offriamo molti Messe per i fedeli defunti. Vi prego di scrivere i nomi
dei vostri cari defunti sulle buste che trovate nella chiesa e rilasciarli nella collezione o
presso l’ufficio.

Domenica 15 Novembre (e la Messa di Sabato sera), abbiamo la possibilità per la prima volta di
festeggiare insieme e in maniera degna la solennità di San Leopoldo d'Austria, il
fondatore di Klosterneuburg. In tutte le Messe di quella fine
settimana, ci sarà la possibilità di venerare la reliquia di prima classe del santo, che l'Abate
Primate-Bernard Backovsky ha dato a noi un paio di anni fa. San Leopoldo ha realizzato la
sua vocazione cristiana come marito, padre e statista. Come siamo ansiosi per le nostre elezioni
presidenziali del prossimo anno, dovremmo invocare l'intercessione dei santi e delle sante che
hanno servito Dio e l 'uomo nel governo. Avremo la possibilità di imparare di più su di lui quella
fine settimana.

Venerdì, 20 Novembre riprendiamo l'Ora Santa di San Padre Pio e la Messa dopo una pausa. Si
incomincia con l'esposizione del Santissimo Sacramento alle 19:00, godiamo di una mezz'ora di
preghiera silenziosa, quindi preghiamo le preghiere della sera (Compieta), il Santo Rosario e altre
preghiere vocali, concludendo con la benedizione eucaristica intorno alle 20:00. Segue la
celebrazione della Santa Messa.

Ed, infine, Sabato, 28 Novembre, alla Messa delle 16:00 iniziamo il tempo di Avvento con la
benedizione della corona dell'avvento. Se siete interessati ad acquistare un albero fresco per
Natale, vi preghiamo di ordinare uno dalla nostra scuola, di Tutti i Santi: informazioni al
www.asrcatholic.org (scheda: Wednesday’s Mail) oppure nel bollettino. Gli ordini
terminano entro il
30 NOVEMBRE! Vi prego di ordinare un albero o due. Grazie.

Dio Vi benedica,
Padre Elias


TWENTY-EIGHT SUNDAY IN ORDINARY TIME

*** Continued from last week ***

In reality, an understanding of the rites is not achieved by human reason left to itself, as if it could grasp everything, understand everything, master everything. An understand- ing of the sacred rites is the fruit of the sensus fidei, which exercises living faith through symbol and understands more by affinity than by concept. Such understanding pre- supposes that one draws near to the mystery with humil- ity.

But will we have the courage to follow the Council all the way to this point? Yet it is only such a reading, illumined by faith, which constitutes the foundation for evangeliza- tion. Indeed, “the liturgy… shows forth the Church to those who are outside as a sign lifted up among the na- tions, under which the scattered children of God may be gathered together” (§2).

It must cease to be a place of disobedience to the prescrip- tions of the Church. More specifically, the liturgy cannot be an occasion for divisions among Christians. Dialectical readings of Sacrosanctum Concilium, or the hermeneutics of rupture in one sense or another, are not the fruit of a spirit of faith.

The Council did not intend to break from the liturgical forms inherited from tradition – indeed, it desired to deepen them. The Constitution establishes that “any new forms adopted should in some way grow organically from forms already existing” (§23). In this sense, it is necessary that those who celebrate according to the usus an- tiquior do so without a spirit of opposition, and thus in the spirit ofSacrosanctum Concilium.

By the same token, it would be a mistake to consider the extraordinary form of the Roman Rite as deriving from a different theology than that of the reformed liturgy. And one could hope that a future edition of the Missal might include the penitential rite and the offertory of the usus antiquior, so as to underscore the fact that the two liturgi- cal forms shed light one upon the other, in continuity and without opposition.

If we live in this spirit, the liturgy will cease to be the lo- cus of rivalries and criticisms, and we will be brought at last to participate actively in that liturgy “which is cele- brated in the holy city of Jerusalem toward which we journey as pilgrims, where Christ is sitting at the right hand of God, a minister of the holies and of the true taber- nacle” (§8).

+ ROBERT CARDINAL SARAH
12 June 2015

*** Continuazione della settimana scorsa ***

In effetti, la comprensione dei riti non è opera della ragione umana lasciata a se stessa, che dovrebbe cogliere tutto, capire tutto, padroneggiare tutto. La comprensione dei riti sacri è quella del sensus fidei, che esercita la fede vivente attraverso il simbolo e che conosce per sintonia più che per concetto. Questa comprensione presuppone che ci si avvicini al mistero con umiltà.

Ma si avrà il coraggio di seguire il concilio fino a questo punto? Una simile lettura, illuminata dalla fede, è però fondamentale per l’evangelizzazione. In effetti, «a coloro che sono fuori essa mostra la Chiesa, come vessillo innalzato di fronte alle nazioni, sotto il quale i figli di Dio dispersi possano raccogliersi» (n. 2).

Essa deve smettere di essere un luogo di disobbedienza alle prescrizioni della Chiesa. Più specificatamente, non può essere un’o ccasione di lacerazioni tra cristiani. Le letture dialettiche della Sacrosanctum concilium, le ermeneutiche di rottura in un senso o nell’altro, non sono il frutto di uno spirito di fede.

Il concilio non ha voluto rompere con le forme liturgiche ereditate dalla tradizione, anzi ha voluto approfondirle. La costituzione stabilisce che «le nuove forme scaturiscano organicamente, in qualche maniera, da quelle già esistenti» (n. 23). In tal senso, è necessario che quanti celebrano secondo l’usus antiquiorlo facciano senza spirito di opposizione, e dunque nello spirito della Sacrosanctum concilium.

Allo stesso modo, sarebbe sbagliato considerare la forma straordinaria del rito romano come derivante da un’altra teologia che non sia la liturgia riformata. Sarebbe anche auspicabile che s’inserisse come allegato di una prossima edizione del messale il rito della penitenza e l’offertorio dell’usus antiquior al fine di sottolineare che le due forme liturgiche s’illuminano a vicenda, in continuità e senza opposizione.

Se vivremo in questo spirito, allora la liturgia smetterà di essere il luogo delle rivalità e delle critiche, per farci infine partecipare attivamente a quella liturgia «che viene celebrata nella santa città di Gerusalemme, verso la quale tendiamo come pellegrini, dove il Cristo siede […] quale ministro del santuario» (n. 8).

+ ROBERT CARDINAL SARAH
12 June 2015




TWENTY-SEVENTH SUNDAY IN ORDINARY TIME

*** Continued from last week ***

We run the real risk of leaving no room for God in our celebrations, falling into the temptation of the Israelites in the desert. They sought to create a cult of worship limited to their own measure and reach, and let us not forget that they ended up prostrate before the idol of the golden calf.

The hour has come to listen to the Council. The liturgy is “above all things the worship of the divine majesty” (§33). It can form and teach us only insofar as it is completely ordered to divine worship and the glorification of God. The liturgy truly places us in the presence of divine transcendence. True participation means the renewal in us of that “amazement” that St. John Paul II held in such high regard (cf. Ecclesia de Eucharistia, §6).

This sacred amazement, this joyous reverence, requires our silence before the divine majesty. We often forget that sacred silence is one of the means indicated by the Council to foster participation. If the liturgy is the work of Christ, is it necessary for the celebrant to interject his own comments?

We must remember that when the Missal authorizes commentary, this must not become a worldly, human discourse, a more or less subtle pronouncement on current events, or a banal greeting to those present, but rather a very brief exhortation to enter into the mystery (cf. General Introduction of the Roman Missal, §50).

As for the homily, it too is a liturgical act which has its own rules. The participatio actuosa in the work of Christ presupposes that one leaves behind the profane world in order to enter into “sacred action surpassing all others” (Sacrosanctum Concilium, §7). In fact, “we claim somewhat arrogantly to remain in the human sphere so as to enter into the divine” (Robert Sarah, God or Nothing, Ignatius Press, Chapter IV).

In this sense it is deplorable that the sanctuary in our churches is not strictly reserved for divine worship, that people enter it in worldly garb, that the sacred space is not clearly delineated by the architecture. And since, as the Council teaches, Christ is present in his word when it is proclaimed, it is equally harmful when readers are not dressed in a way that shows they are pronouncing not human words, but the Word of God.

The liturgy is a fundamentally mystical and contemplative reality, and thus beyond the reach of our human action; even participatio is a grace from God. It presupposes on our part openness to the mystery being celebrated. For this reason the Constitution encourages full understanding of the rites (cf. §34) and at the same time prescribes that “the faithful…be able to say or to sing together in Latin those parts of the Ordinary of the Mass which pertain to them” (§54).



*** Continuazione della settimana scorsa ***

Si corre il rischio reale di non lasciare alcun posto a Dio nelle nostre celebrazioni. Incorriamo nella tentazione degli ebrei nel deserto. Essi cercarono di crearsi un culto alla loro misura e alla loro altezza, e non dimentichiamo che finirono prostrati davanti all’idolo del vitello d’oro.

È tempo di metterci all’ascolto del concilio. La liturgia è «principalmente culto della maestà divina» (n. 33). Ha valore pedagogico nella misura in cui è completamente ordinata alla glorificazione di Dio e al culto divino. La liturgia ci pone realmente alla presenza della trascendenza divina. Partecipazione vera significa rinnovare in noi quello “stupore” che san Giovanni Paolo II teneva in grande considerazione (cfr. Ecclesia de Eucharistia, n. 6).

Questo stupore sacro, questo timore gioioso, richiede il nostro silenzio di fronte alla maestà divina. Si dimentica spesso che il silenzio sacro è uno dei mezzi indicati dal concilio per favorire la partecipazione.

Se la liturgia è opera di Cristo, è necessario che il celebrante vi introduca i propri commenti? Ci si deve ricordare che, quando il messale autorizza un intervento, questo non deve diventare un discorso profano e umano, un commento più o meno sottile sull’attualità, o un saluto mondano alle persone presenti, ma una brevissima esortazione a entrare nel mistero (cfr. Presentazione generale del messale romano, n. 50).

Quanto all’omelia, è essa stessa un atto liturgico che ha le sue proprie regole. Laparticipatio actuosa all’opera di Cristo presuppone che si lasci il mondo profano per entrare nell’«azione sacra per eccellenza» (Sacrosanctum concilium, n. 7). Di fatto, «noi pretendiamo, con una certa arroganza, di restare nell’umano per entrare nel divino» (Robert Sarah, Dieu ou rien, p. 178).

In tal senso, è deplorevole che il sacrario delle nostre chiese non sia un luogo strettamente riservato al culto divino, che vi si penetri in abiti profani, che lo spazio sacro non sia chiaramente delimitato dall’architettura. Poiché, come insegna il concilio, Cristo è presente nella sua parola quando questa viene proclamata, è ugualmente deleterio che i lettori non abbiano un abbigliamento appropriato che mostri che non pronunciano parole umane ma una sparola divina.

La liturgia è una realtà fondamentalmente mistica e contemplativa, e di conseguenza fuori dalla portata della nostra azione umana; anche la participatio è una grazia di Dio. Pertanto, presuppone da parte nostra un’apertura al mistero celebrato. Così, la costituzione raccomanda la comprensione piena dei riti (cfr. n. 34) e al tempo stesso prescrive «che i fedeli sappiano recitare e cantare insieme, anche in lingua latina, le parti dell’ordinario della messa che spettano ad essi» (n. 54).


TWENTY-SIXTH SUNDAY IN ORDINARY TIME
*** Continued from last week ***

Liturgical participatio must therefore be understood as a grace from Christ who “always associates the Church with himself” (Sacrosanctum Concilium, 7). It is he who takes the initiative, who has primacy. The Church “calls to her Lord, and through Him offers worship to the Eternal Father” (§7).

The priest must thus become this instrument that allows Christ to shine through. As our Holy Father Pope Francis recently recalled, the celebrant is not the host of a show, he must not seek the affirmation of the assembly, standing before them as if they were called to enter into dialogue primarily with him. To enter into the spirit of the Council means—on the contrary—to efface oneself, to renounce the spotlight

Contrary to what has sometimes been maintained, and quite in keeping with the conciliar Constitution, it is altogether appropriate, during the penitential rite, the singing of the Gloria, the orations and the Eucharistic prayer, that everyone, priest and faithful, turn together toward the East, so as to express their intention to participate in the work of worship and redemption accomplished by Christ. This way of celebrating could possibly be implemented in cathedrals, where the liturgical life must be exemplary (cf. no. 41).

Of course it is understood that there are other parts of the Mass in which the priest, acting in persona Christi Capitis, enters into nuptial dialogue with the assembly. But this face-to-face has no other purpose than to lead to a tete-à-tete with God, which, through the grace of the Holy Spirit, will become a heart-toheart. The Council thus proposes additional means to favor participation: “acclamations, responses, psalmody, antiphons and songs, as well as…actions, gestures, and bodily attitudes” (§30).

A hasty and all-too-human reading of the Constitution has led to the conclusion that the faithful must be kept constantly busy. The contemporary Western way of thinking, shaped by technology and dazzled by the media, has wished to turn the liturgy into a lucrative production. In this spirit, many have tried to make the celebrations festive. Prompted by pastoral motives, liturgical ministers sometimes stage celebrations into which elements of worldly entertainment are introduced. Have we not witnessed a proliferation of testimonials, acts, and applause?

It is imagined that this will foster the participation of the faithful, when in fact it reduces the liturgy to a human plaything “Silence is not a virtue, noise is not a sin, it is true,” says Thomas Merton, “but the turmoil and confusion and constant noise of modern society [or of some African Eucharistic liturgies] are the expression of the ambiance of its greatest sins —its godlessness, its despair.

A world of propaganda, of endless argument, vituperation, criticism, or simply of chatter, is a world without anything to live for…. Mass becomes racket and confusion; prayers—an exterior or interior noise”
(Thomas Merton, The Sign of Jonas [San Diego: Harcourt, Inc., 1953, 1981], passim).


** Continuazione della settimana scorsa ***

La participatio liturgica deve perciò essere intesa come una Grazia do Cristo che « associa sempre a sé la Chiesa» (Sacrosanctum concilium, n. 7). È Lui ad avere l’iniziativa e il primato. La Chiesa «l’invoca come suo Signore e per mezzo di lui rende il culto all’eterno Padre» (n. 7).

Il sacerdote deve dunque diventare questo strumento che lascia trasparire Cristo. Come ha da poco ricordato il nostro Papa Francesco, il celebrante non è il presentatore di uno spettacolo, non deve ricercare la simpatia dell’assemblea ponendosi di fronte a essa come il suo interlocutore principale. Entrare nello spirito del concilio significa al contrario cancellarsi, rinunciare a essere il punto focale.

Contrariamente a quanto è stato a volte sostenuto, è del tutto conforme alla costituzione conciliare, è addirittura opportuno che, durante il rito della penitenza, il canto del Gloria, le orazioni e la preghiera eucaristica, tutti, sacerdote e fedeli, si voltino insieme verso Oriente, per esprimere la loro volontà di partecipare all’opera di culto e di redenzione compiuta da Cristo. Questo modo di fare potrebbe opportunamente essere messo in atto nelle cattedrali dove la vita liturgica deve essere esemplare (cfr. n. 41).

Ben inteso, ci sono altre parti della messa in cui il sacerdote, agendo in persona Christi Capitis, entra in dialogo nuziale con l’assemblea. Ma questo faccia a faccia non ha altro fine che condurre a un tête-à-tête con Dio che, per mezzo della grazia dello Spirito Santo, diverrà un cuore a cuore. Il concilio propone così altri mezzi per favorire la partecipazione: «le acclamazioni dei fedeli, le risposte, il canto dei salmi, le antifone, i canti, nonché le azioni e i gesti e l’atteggiamento del corpo» (n. 30

Una lettura troppo rapida, e soprattutto troppo umana, ha portato a concludere che bisognava far sì che i fedeli fossero costantemente occupati. La mentalità occidentale contemporanea, modellata dalla tecnica e affascinata dai media, ha voluto fare della liturgia un’op era di pedagogia efficace e redditizia. In questo spirito, si è cercato di rendere le celebrazioni conviviali. Gli attori liturgici, animati da motivazioni pastorali, cercano a volte di fare opera didattica introducendo nelle celebrazioni elementi profani e spettacolari. Non si vedono forse fiorire testimonianze, messe in scena e applausi? Si crede così di favorire la partecipazione dei fedeli mentre di fatto si riduce la liturgia a un gioco umano.

Il silenzio non è una virtù, né il rumore un peccato, è vero», dice Thomas Merton, «ma il tumulto, la confusione e il rumore continui nella società moderna o in certe liturgie eucaristiche africane sono l’espressione dell’atmosfera dei suoi peccati più gravi, della sua empietà, della sua disperazione. Un mondo di propaganda, di argomentazioni infinite, di invettive, di critiche, o semplicemente di chiacchiere, è un mondo nel quale la vita non vale la pena di essere vissuta. La messa diviene un baccano confuso; le preghiere un rumore esteriore o interiore»
(Thomas Merton, Le signe de Jonas, Ed. in Michel, Paris, 1955, p. 322).


TWENTY-FIFTH SUNDAY IN ORDINARY TIME

During the next few weeks I want to present this important letter on the Liturgy from Cardinal Robert Sarah. Pope Francis appointed this heroic African Cardinal from Guinea as the Prefect of the Congregation of Divine Worship on November 23, 2014. His message underscores the importance of our work together on the Liturgy these last few years. Good reading! – Fr Elias

FIFTY YEARS AFTER its promulgation by Pope Paul VI, will the Second Vatican Council’s Constitution on the Sacred Liturgy finally be read? Sacrosanctum Concilium is not in fact a simple catalogue of “recipes” for reform, but a true and proper Magna Carta for all liturgical action. In that Constitution, the Ecumenical Council gives us a masterful lesson in methodology. Far from contenting itself with a disciplinary and external approach to the liturgy, the Council summons us to contemplate the liturgy in its essence. The Church’s practice always flows from what she receives and contemplates from Revelation. Pastoral practice cannot be divorced from doctrine.

In the Church, “action is directed to contemplation” (cf. §2). The conciliar Constitution invites us to rediscover the Trinitarian origin of the work of the liturgy. Indeed, the Council affirms continuity between the mission of Christ the Redeemer and the liturgical mission of the Church. “Just as Christ was sent by the Father, so also he sent the apostles,” so that “by means of sacrifice and sacraments, around which the entire liturgical life revolves” they might “accomplish the work of salvation” (§6).

The liturgy in action is thus none other than the work of Christ in action. The liturgy is in its essence actio Christi: “the work of Christ the Lord in redeeming mankind and giving perfect glory to God” (§5). He is the high priest, the true subject, the true protagonist of the liturgy (cf. §7). If this vital principle is not em- braced in faith, one risks reducing the liturgy to a human action, to the community’s celebration of itself.

On the contrary, the true work of the Church consists in entering into the action of Christ, participating intimately in the mission he has received from the Father. Thus “the fullness of divine wor- ship was given to us,” because “his humanity, united with the person of the Word, was the instrument of our salvation” (§5). The Church, the Body of Christ, must in turn become an instru- ment in the hands of the Word.

This is the ultimate meaning of the key concept of the conciliar Constitution, participatio actuosa. For the Church, this participation consists in becoming an instrument of Christ the Priest, so as to participate in his Trinitarian mission. The Church participates ac- tively in the liturgical work of Christ insofar as she is his instru- ment. In this sense, language about the “celebrating community” can carry a degree of ambiguity requiring true caution (cf. the Instruction Redemptoris sacramentum, 42). Participatio actuosa must not be un- derstood, therefore, as the need to do something. On this point the teaching of the Council has often been distorted. It is a question, rather, of allowing Christ to take hold of us and to associate us with his sacrifice.

Durante le prossime settimane vorrei presentare questa lettera importante sulla Liturgia da S.E.R. Roberto Sarah. Papa Francesco ha nominato questo Cardinale Africano da Guinea al Prefetto della Congregazione del Culto Divino il 24 Novembre 2014. Il suo messaggio sottolinea l’importanza del nostro lavoro comune sulla Liturgia durante gli anni passati. Buona lettura! – P. Elias.

CINQUANT’ANNI DOPO la sua promulgazione da parte di Papa Paolo VI, si leggerà, infine, la costituzione del concilio Vaticano II sulla sacra liturgia? La Sacrosanctum concilium non è di fatto un semplice catalogo di “ricette” di riforme, ma una vera e propria magna charta di ogni azione liturgica. Il concilio ecumenico ci dà in essa una magistrale lezione di metodo. In effetti, lungi dall’accontentarsi di un approccio disciplinare ed esteriore alla liturgia, il concilio vuole farci contemplare ciò che è nella sua essenza. La pratica della Chiesa deriva sempre da quello che riceve e contempla nella rivelazione. La pastorale non si può disconnettere dalla dottrina.

Nella Chiesa «ciò che proviene dall’azione è ordinato alla contemplazione» (cfr. n. 2). La costituzione conciliare ci invita a riscoprire l’origine trinitaria dell’opera liturgica. In effetti, il concilio stabilisce una continuità tra la missione di Cristo Redentore e la missione liturgica della Chiesa. «Come il Cristo fu inviato dal Padre, così anch’egli ha inviato gli apostoli» affinché «mediante il sacrificio e i sacramenti attorno ai quali gravita tutta la vita liturgica» attuino «l’opera di salvezza» (n.6).

Attuare la liturgia non è dunque altro che attuare l’opera di Cristo. La liturgia è nella sua essenza actio Christi: l’«opera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio» (n. 5). È Lui il grande sacerdote, il vero soggetto, il vero attore della liturgia (cfr. n. 7). Se questo principio vitale non viene accolto nella fede, si rischia di fare della liturgia un’opera umana, un’autocelebrazione della comunità.

Al contrario, l’opera propria della Chiesa consiste nell’entrare nell’azione di Cristo, nell’iscriversi in quell’opera di cui egli ha ricevuto dal Padre la missione. Dunque «ci fu data la pienezza del culto divino», perché «la sua umanità, nell’unità della persona del Verbo, fu strumento della nostra salvezza» (n. 5). La Chiesa, corpo di Cristo, deve quindi divenire a sua volta uno strumento nelle mani del Verbo.

Questo è il significato ultimo del concetto-chiave della costituzio- ne conciliare: laparticipatio actuosa. Tale partecipazione consiste per la Chiesa nel diventare strumento di Cristo-sacerdote, al fine di partecipare alla sua missione trinitaria. La Chiesa partecipa attivamente all’opera liturgica di Cristo nella misura in cui ne è lo strumento. In tal senso, parlare di “comunità celebrante” non è privo di ambiguità e richiede vera cautela (cfr. Istruzione Redemptoris sacramentum, n. 42). La participatio actuosa non dovrebbe dunque essere intesa come la necessità di fare qualcosa. Su questo punto l’insegnamento del concilio è stato spesso deformato. Si tratta invece di lasciare che Cristo ci prenda e ci associ al suo sacrificio.


Dear Friends,
This coming April I will celebrate the anniversary of my conversion. It was some sixteen years ago that I first heard the call of God to draw near to him and convert to the true faith. And so, in 1999 I embarked on a won- derful journey which was led by a RCIA team, a journey that led to the baptismal fount and ultimately to the Altar. To this day I recall the joy it was to attend the RCIA classes and be instructed in the faith. If it had not been for the kind and good people on that team, we might never have met!

My call from God did not come from fiery sermons or from academic inquiry. I did not grow up in a religious tradition neither did I have much contact with faithful believers. I spent my days tucked away in the quite countryside of New Jersey or in the hustle and bustle of New York City. Yet it was in that mundane world that I felt a voice calling me, calling me to come home. And that home, I would come to find, was His very self.

I will not here go into detail about my conversion; that is for another time. But I was brought to God in a sleepy suburban parish church in New Jersey (where my mother lived at the time), and it was there I met an RCIA team and they gave me not only instruction, not only the truths of the faith, but they gave me a home. I still love to go and visit that sleepy place when I have the chance.

My experience is not unique, and I am sure God is calling people here and now in Glen Cove to come home, to find a home and rest in Him. It is to that end I would like to form an RCIA team. This team will be there to help to instruct converts to the faith or to help Catholics who have not received all the sacrament of initiation (Confirmation and Communion). I am looking for a few volunteers to help me, either in being on the RCIA team or in some other capacity.

Right now I am looking to gauge the parish to see who would be willing to help. The requirements would not be over bearing, most likely meeting once a week or once every other week on a Sunday morning. But I do not want to get ahead of myself in giving exact criteria; I more interested in seeing who would be willing to help, and to go from there.

If you cannot yourself help directly, you can help in other ways. Are there friends or family among you who need some of the Sacraments or are thinking about becoming Catholic? If so, have them get in contact with me at Fr.Ambros.Boyd@gmail.com Do not be afraid to reach out. You never know what a kind word or car- ing action might do in someone's life.

Let us all pray that those whom the Lord is calling have the openness of mind and heart to hear and answer his call.
Pax,
Fr. Ambros




This week I have asked Father Ambros to write about some of this year’s innovations in our Religious Education Program.

Dear Parishioners of Saint Rocco,

As the Summer months are winding down (I for one am very happy about that, I never do like the heat all that much) and we are getting ready for a new school year to begin - not doubt many of our students here are not happy about that, as it means the carefree days of summer are over. I thought it would be a good time to write to you about a change we are making to Religious Education.

At the end of last year's term we had a few meetings with catechists and Mrs. Heym (our excellent and beloved director of Religious Education) to discuss ways by which we can improve our instruction here at St Rocco. One observation, which was unanimous, was that while many children come faithfully to religious education, they rarely darken the door of the church. It is a sad truth that in today's world, many no longer recognize the need nor the importance of the celebration of the Mass every Sunday. We hope to address this situation with an experiment in the format for religious education.

Starting this September the 7th and 8th grade classes are going to be trying something new in order to address this problem. Each grade (alternating weeks) will meet every other week for classes during the weekday evening (the same time and format as normal). What is changed is for the weeks that they do not have weekday evening classes we will instead have Sunday school. So on Sunday we will hold a brief class in the parish center after the 10:15 Mass.

This change allows them to attend Mass and afterwards attend a short class. The lesson on Sunday will not be as long as the weekday class so that they are finished by noon. What we hope is that this will help the children see the centrality of coming to Mass every Sunday and to see that coming to Mass and giving worship to God can be (or rather is) a joyful experience (not to mention that this change will free up their already busy weekday evening schedules).

So what will that mean for you? Well hopefully every week you will be seeing more and more of our younger members at Mass (1st week 8th grade, 2nd week 7th grade and then alternating). Though we do hope that we will see all of our students.
Thank you for your understanding and cooperation in this initiative.

Father Ambros



Questa settimana ho pregato Padre Ambros di scrivere alcune innovazioni del programma di educazione religiosa di quest’anno.

Carissimi Parrocchiani di San Rocco Mentre l'estate volge al termine (io per primo sono molto contento di questo perché non ho mai amato molto il calore), e mentre ci prepariamo per iniziare un nuovo anno scolastico — non c'è dubbio che molti dei nostri studenti qui non sono contenti poiché significa che i giorni spensierati dell'estate sono finiti — ho pensato che sarebbe stato un buon momento per scrivere a voi di una modifica importante che abbiamo deciso di fare per l’educazione religiosa.

Alla fine del periodo dell'anno scorso abbiamo avuto alcuni incontri con i catechisti e la Sig.ra Heym (la nostra eccellente e amata direttrice di Educazione religiosa) per discutere i modi con cui possiamo migliorare la nostra istruzione qui a San Rocco. Un’osservazione universale che è stata approvata era che, mentre molti ragazzi vengono fedelmente all’educazione religiosa, gli stessi ragazzi entrano la porta della chiesa raramente. È una triste verità che nel mondo di oggi, molti non riconoscono la necessità né l'importanza della celebrazione della Messa di ogni Domenica. Speriamo di risolvere questa situazione con un esperimento nel formato per l'educazione religiosa.

A partire da questo Settembre, il settimo e l’ottavo grado dovranno provare qualcosa di nuovo per affrontare questo problema. Tutte e due i gradi (in settimane alterne) frequentano la classe durante la sera nei giorni feriali ogni due settimane (la stessa ora e il formato normale come l'anno scorso). Ciò che è cambiato, però, è, le settimane che non hanno le scuole serali, avranno invece la scuola la Domenica. Così, la Domenica si terrà una breve classe nel centro parrocchiale dopo la Messa delle 10:15.

Questa innovazione permette loro di partecipare alla Messa e poi, ad avere un breve periodo per l'istruzione. La lezione della Domenica non sarà così lunga come il giorno della settimana per far modo che essi finiscono a mezzogiorno. Quello che speriamo è che questo aiuterà i ragazzi ad accrescere la loro fede venendo a Messa ogni Domenica e vedere che venire a Messa e dare culto a Dio può essere (o meglio è) una gioiosa esperienza.

Allora quale sarà il significato di questo cambiamento per tutti voi? Beh, speriamo che ogni settimana voi tutti potete vedere sempre più giovani parrocchiani alla Messa (1 settimana 8° grado, 2 settimana 7° grado, e poi alternato); naturalmente, speriamo che vedremo tutti i nostri studenti.

Grazie per la vostra comprensione e la cooperazione in questa importante iniziativa!

Padre Ambros

Dear Friends in Christ,

Today, I want to invite you to an exciting seminar that Saint Rocco and Saint Patrick will be jointly hosting at Saint Patrick on Saturday, September 26th (9:30 am – 3 pm) on Contemplative Prayer. We meet in the St Paul Room in the undercroft of the church opposite the Canonry.

I discovered Centering Prayer a little over two years ago as I was searching to reignite my personal relation- ship with God. As a very busy pastor and also Headmas- ter of a school, I found myself increasingly burned out from activity. This harmed my relationship with God, which had taken on a new and profound dimension about twenty-five years ago as a young adult.

As you may know from your personal experience, the spiritual life passes through stages that are quite challeng- ing. After the initial infatuation with God, when every- thing is consoling and exciting, the relationship turns away from consolations to purifications to prepare us for union with God. These purifications include the loss of the sensible and emotional consolations we once felt. We don’t feel close to God and therefore draw the wrong conclusion that God has abandoned us. On the contrary, we are now growing in true charity because we learn that our feelings for God do not, in any way, adequately measure God’s love for us. We know God loves us be- cause of faith – we trust Him and His Word. If He says He loves us – and He says so definitively in His Eternal Word, Jesus Christ – then we only have to trust Him. Of course, that only is in a sense contains the entire spiritual journey.

Centering Prayer, at least for me, has provided a way to accept this purification of the self in preparation for the transforming union with God. It is a receptive method of silent prayer that prepares us to receive the gift of con- templative prayer, prayer in which we experience God's presence within us, closer than breathing, closer than thinking, closer than consciousness itself. This method of prayer is both a relationship with God and a discipline to foster that relationship.

Centering Prayer is not meant to replace other kinds of prayer. Rather, it adds depth of meaning to all prayer and facilitates the movement from more active modes of prayer - verbal, mental or affective prayer - into a recep- tive prayer of resting in God. Centering Prayer empha- sizes prayer as a personal relationship with God and as a movement beyond conversation with Christ to communion with Christ.

Our lives are filled with noise and activity. Centering Prayer helps me to devote time every day to God in silence and openness, to say clearly to God: “come and transform me” and “take away all the obstacles I have put up in my relationship with you”. It helps me to trust in the goodness of God and to hold confidently that He is with me always.

If you are interested in learning more about this form of prayer and want to join others on this journey, I strongly urge you to attend the seminar.

God bless you,
Father Elias





Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Oggi, voglio invitarvi a un seminario emozionante che San Rocco e San Patrizio ospiteranno congiuntamente a San Patrizio Sabato, 26 Settembre (9:30-15:00) sulla preghiera contemplativa. Ci incontriamo nella Sala di San Paolo nella cripta della chiesa di fronte alla Canonica.

Ho scoperto la Centering Prayer poco più di due anni fa mentre cercavo di riaccendere il mio rapporto personale con Dio. Come parroco e anche come un preside di una scuola molto occupata, ho scoperto che ero diventato sempre più esausto da tutte le attività. Questo ha danneggiato il mio rapporto con Dio, che aveva assunto una dimensione nuova e profonda circa 25 anni fa come un giovane adulto.

Come sapete dalla vostra esperienza personale, la vita spirituale passa attraverso le fasi che sono molto impegnative. Dopo l'infatuazione iniziale con Dio, quando tutto è consolante ed emozionante, il rapporto si allontana dalle consolazioni di purificazioni per prepararci per l'unione con Dio. Queste purificazioni includono la perdita delle consolazioni sensibili ed emotive che abbiamo sentito una volta. Noi non ci sentiamo più vicini a Dio, e quindi pensiamo erroneamente che Dio ci abbia abbandonato.

Al contrario, ora cresciamo nella carità autentica, perché veniamo a sapere che i nostri sentimenti per Dio non misurano adeguatamente l'amore di Dio per noi. Sappiamo che Dio ci ama a causa della fede - ci affidiamo a Lui e alla Sua Parola. Se dice che ci ama - e Lui lo ha detto definitivamente nella Sua Parola eterna, Gesù Cristo - allora dobbiamo solamente affidarci a Lui. Naturalmente, quel solo, in un certo senso, contiene l'intero itinerario spirituale.

Centering Prayer, almeno per me, ha fornito un modo per accettare questa purificazione del sé, in preparazione per l'unione trasformante con Dio. È un metodo ricettivo di preghiera silenziosa che ci prepara a ricevere il dono della preghiera contemplativa, preghiera in cui si sperimenta la presenza di Dio in noi, più vicino di quanto la respirazione, più vicino di quanto il pensiero, più vicino di quanto la coscienza stessa. Questo metodo di preghiera sia un rapporto con Dio e una disciplina per favorire quel rapporto.

La Centering Prayer non è destinata a sostituire altri tipi di preghiera. Piuttosto, aggiunge profondità di significato per ogni preghiera e aiuta il movimento lontano da modi più attivi di preghiera-verbale, la mentale

o affettiva - in una preghiera ricettiva di riposo in Dio. Centering Prayer sottolinea la preghiera come un rapporto personale con Dio e come un movimento al di là del colloquio con Cristo e alla comunione con Cristo.

Le nostre vite sono piene di rumore e attività. Centering Prayer mi aiuta a dedicare tempo ogni giorno a Dio nel silenzio e l'apertura, di dire chiaramente a Dio: "Venga a trasformarmi" e "Togli via ogni l’ostacolo che ho messo nel mio rapporto con te". Mi aiuta a confidare nella bontà di Dio per tenere fiducia, che Lui è con me sempre.

Se siete interessati a saperne di più su questa forma di preghiera e volete unirvi con gli altri in questo itinerario, vi esorto vivamente a partecipare al seminario.

Dio Vi benedica,
Padre Elias

Dear Friends in Christ,

Last week I promised to write a little more our experience as Canons at the Feast. The Canonical Life constitutes the oldest form of religious life for priests in the Church. Its biblical charter for the vita communis (the common life) comes from Acts 2:42 which describes the four pillars of the early Church in Jerusalem: (1) the Apostles’ Teaching, (2) Breaking of the Bread, i.e., the Holy Eucharist, (3) the Prayers, and (4) holding all things in common. This vision of priestly life took shapes in a variety of ways in different circumstances during the first Millennium of the Church.

The Rule of Saint Augustine further specifies our Canonical Life. Saint Augustine wrote his Rule for his own vita communis in the Cathedral of Hippo when he was Bishop. Many Canons adopted the Rule of Saint Augustine in the 12th and 13th Centuries as part of the general reform of the life of the clergy in Medieval Europe. The Rule of Saint Augustine put a strong emphasis on the holding of all things in communion, namely, common property. Each Canon supports the community, giving all that he earns to the community, and the community cares for each Canon, giving him what he needs. Finally, the long nine hundred year history of our abbey shapes our Canonical Life.

In the German-speaking world, we are called “Chorherren”, literally, ‘choir lords’. This name places a strong emphasis on our choral (choir) prayer, which is what we call today the “Liturgy of the Hours”. Through this prayer that Church fulfills the command of Saint Paul to “pray always” (1 Thessalonians 5:17) because throughout the world at every moment prayers are limited up to God.

During the Feast, we had the privilege to offer regularly Vespers, Matins and Compline. We sang Solemn Vespers (Evening Prayer) in honor of Saint Rocco, concluding with Benediction of the Blessed Sacrament. Thanks to Father Daniel’s outstanding work as a Master’s of Ceremonies, not only did we enjoy beautifully sung Gregorian Chant, but also solemn and moving ritual. Liturgy, when properly celebrated, is not sacred words but also sacred choreography. In the Liturgy we take on different roles as worshippers in order to form our lives outside of the Liturgy. The gentleness, peacefulness and beauty of the Liturgy should overflow into our daily lives, thereby transforming our fallen world into the New Creation.

At times during the Feast, we would begin our prayers, whether in Latin or English, and there would still be stirrings and noise in the church. But gradually, it would subside and peace would reign, as if to express the Good Shepherd’s transformation of unruly, unsettled hearts. The Word of God – in the Psalms, in the Readings, in the Magnificat and the Nunc dimittis, and in the Our Father – and the prayers directed to God – introduced peace into our bodies and voices as we chanted together and therefore brought that peace into our world. If you did not have a chance this year to experience this, please, look for a chance to do so next year.

God bless you,
Father Elias

Carissimi Parrocchiani di San Rocco

La settimana scorsa ho promesso di scrivere un pò di più la nostra esperienza come Canonici alla festa. La vita canonica costituisce la più antica forma di vita religiosa per i sacerdoti nella Chiesa. Il suo mandato biblico per la vita communis (la vita comune) proviene da At 2,42 che descrive i quattro pilastri della Chiesa primitiva di Gerusalemme: (1) l'insegnamento degli Apostoli, (2) frazione del pane, cioè, la Santa Eucaristia, (3) le preghiere, e (4) in possesso di tutte le cose in comune. Questa visione della vita sacerdotale ha preso le forme in una varietà di modi in diverse circostanze nel corso del primo millennio della Chiesa.

La Regola di Sant'Agostino precisa ulteriormente la nostra vita Canonicale. Sant'Agostino ha scritto la sua Regola per la propria vita communis nella cattedrale di Ippona, quando era vescovo. Molti Canonici hanno adottato la Regola di S. Agostino nel 12° e 13° secolo come parte della riforma generale della vita del clero in Europa medievale. La Regola di sant'Agostino ha messo un forte accento sulla partecipazione di tutte le cose in comunione, cioè, di proprietà comune. Ogni Canonico sostiene la comunità, dando tutto quello che guadagna per la comunità, e la comunità prende cura di ogni Canonico, dandogli ciò che gli serve. Infine, la lunga storia 900 anni della nostra abbazia forma la nostra Vita Canonicale.

Nel mondo tedesco, siamo chiamati "Chorherren", letteralmente, ‘i signori del coro’. Questo nome pone un forte accento sulla nostra preghiera corale, che è ciò che oggi chiamiamo la "Liturgia delle Ore". Attraverso questa preghiera che la Chiesa compie il comando di San Paolo a "pregare sempre" (1 Tessalonicesi 5,17), perché in tutto il mondo in ogni momento le preghiere sono limitate a Dio.

Durante la festa, abbiamo avuto il privilegio di offrire regolarmente Vespri, Mattutini e Compieta. Abbiamo cantato Vespri solenni in onore di San Rocco, che si sono conclusi con la benedizione eucaristica. Grazie al lavoro straordinario di Padre Daniele come Master di cerimonie, non solo abbiamo piacevolmente e splendidamente cantato il canto gregoriano, ma anche solennemente e commovente il rito. La Liturgia, se correttamente celebrata, non sono parole sacre, ma anche sacra coreografia. Nella Liturgia assumiamo diversi ruoli come adoratori, al fine di formare la nostra vita al di fuori della liturgia. La dolcezza, tranquillità e la bellezza della liturgia dovrebbero traboccare nella nostra vita quotidiana, trasformando così il nostro mondo caduto nella Nuova Creazione.

A volte, durante la festa, vorremmo iniziare le nostre preghiere, sia in latino o in inglese, e ci sarebbero ancora fermenti e rumori in chiesa. Ma a poco a poco, si placherà e la pace regnerà, come se per esprimere la trasformazione del Buon Pastore di cuori indisciplinati e non instabili. La Parola di Dio – nei Salmi, nelle Letture, nel Magnificat e il Nunc dimittis, nel Padre nostro - e le preghiere rivolte a Dio – ha introdotto la pace nei nostri corpi e le voci che abbiamo cantato insieme e quindi portato la pace nel nostro mondo. Se non avete avuto la possibilità quest'anno di sperimentare questo, per favore, cercate per la possibilità di farlo l'anno prossimo.

Dio Vi benedica,
Padre Elias




Dear Friends in Christ,

I wish to extend my gratitude to all of you who made the fortieth anniversary celebration of the Feast of Saint Rocco such a grand occasion. Next week I will write some reflections on my experience of this year’s Feast.

I have refrained from commenting in this column on the numerous events that have befallen us as a country these last couple months to let emotions settle, but the bad news just keeps coming! I do not suspect that anyone has any doubts about where the Catholic Church stands on matters of human dignity or the nature of marriage or family life, even if her members sometimes fail – even egregiously – to live up to these principles. In our society, such inconsistency is often called hypocrisy, and in some circumstances it might be appropriate to call it that. But in the majority of cases, I submit, we intend and set out to the do the right thing, but fail to achieve it because of our human weakness, our sinfulness and ignorance, all of which are surmountable! That is the key point. If we want to live as Christians ought, then we should stop making excuses and try again, with God’s grace, to do so.

The dreary circumstances in which many Americans now live and in which many children come into to the light of day instantiate the accumulation of innumerable sins – personal and social. The overwhelming power of these problems and the seemingly titanic nature of systems that each one of us confronts – ECONOMY, STATE, MASS MEDIA, etc. – causes a sense of despair that leaves one feeling powerless.

Certainly in the days following the Supreme Court decision to impose so-called ‘Gay Marriage’ on the entire United States, many felt betrayed and distraught. Why should five, unrepresentative judges redefine family life and marriage to suit the psychological and social needs of a small group of Americans, whose legal protection was already assured and whose particular legal status as partnerships

could have been resolved in more prudent ways? How is it possible that the US Government cares more about the death of a lion – one of God’s magnificent creatures to be sure – in a foreign country, than about the children whose organs Planned Parenthood harvests for sale right here in the United States?

In these closing weeks of the summer, may these and other similar questions occupy our minds and move our hearts to seek solutions that include rather than exclude and that protect rather than exploit. I hope Pope Francis will address these matters when he comes to America (we still do not have any information on the distribution of tickets).
Finally, since August 15th is NOT a Holy Day of Obligation this year, the parish will celebrate the Assumption at the 4 pm Mass on Saturday.

God bless you,
Father Elias












Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Vorrei ringraziare a tutti voi, che avete fatto la celebrazione del quarantesimo anniversario della Festa di San Rocco una grande occasione. La prossima settimana scriverò alcune riflessioni sulla Festa di quest’anno.

Ho evitato di commentare in questa colonna sui numerosi eventi che ci hanno colpito come un paese in questi ultimi due mesi per lasciare che le emozioni si stabiliscono, ma la cattiva notizia rimane ancora! Io non sospetto che qualcuno ha dei dubbi circa gli insegnamenti della Chiesa cattolica alla dignità umana o la natura del matrimonio o della vita familiare, anche se i suoi membri a volte non riescono - anche egregiamente - tener fede a questi principi. Nella nostra società, tale incoerenza è spesso chiamata ipocrisia, in alcune circostanze può essere opportuno chiamarlo così. Ma nella maggior parte dei casi, a mio avviso, si intende per fare la cosa giusta, ma non possiamo raggiungerla a causa della nostra debolezza umana, il nostro peccato e l'ignoranza, che sono cose tutte superabili! Questo è il punto chiave. Se vogliamo vivere da cristiani, dobbiamo allora smettere di trovare delle scuse e riprovare, e farlo con la grazia di Dio.

Le circostanze tristi in cui molti americani ora vivono e in cui molti bambini entrano in modo visibile un’istanza dell'accumulo di innumerevoli peccati - personali e sociali. La schiacciante potenza di questi problemi e la natura titanica apparentemente di sistemi che ognuno di noi affronta - ECONOMIA, STATO, MASS MEDIA, ecc. - provocano un senso di disperazione che lascia una sensazione d’ impotenza.

Certo, nei giorni successivi alla decisione della Corte Suprema di imporre il cosiddetto 'matrimonio gay' in tutti gli Stati Uniti, molti si sentivano traditi e sconvolti. Perché i cinque giudici, non rappresentanti possono ridefinire la vita familiare e il matrimonio per soddisfare i bisogni psicologici e sociali di un piccolo gruppo di americani, la cui legale protezione era già assicurato e il cui stato giuridico particolare per quanto "partenariato" avrebbe potuto essere risolto in modo più prudente?

Com'è possibile che il governo americano si preoccupa di più sulla morte di un leone - una delle magnifiche creature di Dio, per essere sicuri che - in un paese straniero, che sui bambini i cui organi sono raccolti in pianificazione familiare in vendita, proprio qui negli Stati Uniti?

Quale conclusione dobbiamo trarre dal fatto che il governatore e legislatura ancora escludono le famiglie delle scuole non statali dal sostegno finanziario attraverso il Education Investment Tax Credit perché, è stato spesso affermato, che un tale credito avrebbe aiutato i ricchi'?

In queste ultime settimane dell'estate, queste e altre domande simili potrebbero occupare le nostre menti e il nostro cuore alla ricerca di soluzioni che includono anziché escludono e che proteggono anziché sfruttarono. Spero Papa Francesco affronterà queste questioni quando arriva in America (che ancora non abbiamo alcuna informazione sulla distribuzione dei biglietti). Finalmente, celebriamo la solennità dell’Assunta della Madonna solamente alle 16:00 alla Messa di Sabato perché quest’anno la festa non è un giorno di precetto.

Dio Vi benedica,
Padre Elias


Dear Friends in Christ,

Happy Feast of Saint Rocco! Incredibly, this is already our fifth Feast together! May it bring much joy to everyone and blessings upon our parish!
I am delighted that our confrere from Klosterneuburg, Father Ignatius Sutel, will celebrate the Feast Mass at 10:15 am on Sunday and then lead the procession. Father Ignatius was born in 1976 at Targoviste, Romania. After having discerned a vocation to the Canonical Life, he was clothed a novice and given the religious name, Ignatius, on August 27, 2008, the eve of the Solemnity of Saint Augustine, the patron and rule giver of the Canons Regular of Saint Augustine.

He requested the name Ignatius because of his admiration for the founder of the Jesuits, St Ignatius of Loyola. An Austrian Jesuit, Father Georg Sporschill, helped Father Ignatius find his way to Klosterneuburg. Father Ignatius honors his connections to the Jesuits with his holy card, which has a famous painting of Saint Ignatius in the front side. Father Ignatius truly embodies his name, which comes from the Latin word for fire. The love of God and His Church consumes Father Ignatius. He wanted to become a priest as quickly as possible. Therefore he worked diligently to complete all his philosophical and theological studies (2009-2014) – entirely in German – at the seminary at the abbey of Heiligenkreuz (Holy Cross), where he earned his Magister in Theology last year.

Ordained a deacon on November 30, 2014, Bishop Markus Eidsvig of returned to Austria to ordain Father Ignatius to the priesthood on June 21, 2015, just a little over a month ago. While Father Ignatius has been working in our parish, St John Nepomucene, in Meidling in Vienna, he has been looking very much forward to the day when he could return to Glen Cove as a priest and celebrate the Mass at the parishes, which Bishop Murphy has entrusted to the care of the Canons of Klosterneuburg since June 2011. Father Ignatius is no stranger to the Feast; he partook of the food and festivities in 2013 and 2014.

On behalf of all the parishioners of Saint Rocco, I am happy to say, thank you, Father Ignatius, for accepting our invitation to celebrate the Feast Mass that marks the fortieth anniversary of the Feast of Saint Rocco (1975-2015). Thank you for your Canonical vocation and thank you for imparting your blessing as a new ordained priest.

Please remember that a newly ordained priest’s blessings carries with it the possibility of a plenary indulgence under the usual circumstances, namely, (1) a good confession within eight days before or after the blessing, (2) Holy Communion, (3) prayers for the intentions of Pope Francis (customarily, they are, an Our Father, a Hail, Mary and the Apostles’ Creed) and (4) completely detachment from sin, even venial sin. Thank you to everyone who has made the Feast a blessing for countless visitors and for our parish!

God bless you,
Father Elias








Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Buona Festa di San Rocco! Incredibile, quest’anno celebriamo già la nostra quinta festa insieme. Fa che la festa porta molta gioia a tutti e benedizioni per la nostra parrocchia.
Sono lieto che il nostro confratello di Klosterneuburg, Padre Ignazio Sutel, celebrerà Domenica la Santa Messa della festa alle 10:15 e poi guiderà la processione. Padre Ignazio è nato nel 1976 a Targoviste, Romania. Dopo aver riconosciuto una vocazione alla vita canonicale, era vestito come un novizio e dato il nome religioso, Ignazio, il 27 agosto 2008, alla vigilia della solennità di S. Agostino, il patrone e legislatore dei Canonici Regolare di Sant’Agostino.

Egli ha chiesto il nome Ignazio per la sua ammirazione per il fondatore dei Gesuiti, Sant'Ignazio di Loyola. Un Gesuita Austriaco, padre Georg Sporschill, ha aiutato Padre Ignazio a trovare la sua via per Klosterneuburg. Padre Ignazio onora i suoi collegamenti con i Gesuiti con il suo santino, che porta un famoso dipinto di Sant'Ignazio nella parte anteriore.

Padre Ignazio incarna davvero il suo nome, che deriva dalla parola latina per il fuoco. L'amore di Dio e della sua Chiesa consuma Padre Ignazio. Voleva diventare sacerdote nel più breve tempo possibile. Quindi ha lavorato diligentemente per completare tutti i suoi studi filosofici e teologici (2009-2014) - interamente in tedesco - al seminario presso l'abbazia di Heiligenkreuz (Santa Croce), dove ha conseguito il Magister in Teologia l’anno scorso. Dopo essere stato ordinato diacono il 30 Novembre 2014, Mons Markus Eidsvig di Oslo è tornato in Austria per ordinare Padre Ignazio sacerdote il 21 Giugno 2015, solo poco più di un mese fa.

Mentre Padre Ignazio lavora nella nostra parrocchia, San Giovanni Nepomuceno, in Meidling a Vienna, ha cercato con molto ansia il giorno in cui sarebbe potuto tornare a Glen Cove come sacerdote e celebrare la Santa Messa presso le parrocchie, che Mons Murphy ha affidato alle cure dei Canonici di Klosterneuburg dal Giugno 2011. Padre Ignazio non è estraneo alla festa; egli ha partecipato consumando il buon cibo e festeggiamenti nel 2013 e nel 2014.

A nome di tutti i parrocchiani di San Rocco, ti ringrazio tanto Padre Ignazio, per aver accettato il nostro invito a celebrare la Messa festiva che segna il quarantesimo anniversario della festa di San Rocco (1975-2015). Ti ringraziamo per la tua vocazione, canonicale ed anche per impartire la tua benedizione come un nuovo ordinato sacerdote.

Vi ricordo che la benedizione di un sacerdote appena ordinato porta con sé la possibilità di una indulgenza plenaria alle solite circostanze, vale a dire, (1) una buona confessione entro otto giorni prima o dopo la benedizione, (2) la Santa Comunione, (3) preghiere per le intenzioni di Papa Francesco (abitualmente, sono, un Padre Nostro, un’ Ave Maria e il Credo degli Apostoli) e (4) completamente il distacco dal peccato, anche veniale.

Vi ringrazio tutti coloro che hanno reso la festa una benedizione per numerosi visitatori e per la nostra parrocchia!

Dio Vi benedica,
Padre Elias


Dear Friends in Christ,

I am pleased to announce that our parish, the Church of Saint Rocco, will engage in a new initiative to help us plan for our future. Parish Planning is a process in which we will lay out our vision for Saint Rocco, articulate our values as a community, and set goals to achieve this vision according to our values. The process will start in September and conclude on the celebration of Pentecost, May 15, 2016, the seventeenth anniversary of my ordination to the priesthood (1999).

The Diocese has invited pastors to consider whether this process might be of benefit to their parishes. After having heard the presentation in June, I thought we were in an ideal position to undergo this process because we have accomplished much in these four years together and it would be beneficial for us to make a plan for the future.

The Parish Planning Process (PPP) culminates in the publication of a report in which we will lay our goals over a fiveyear period. We hope that this process will awaken, in many parishioners, hopes and dreams, which will be translated into actions and deeds to the benefit of our whole parish. After careful consideration, I have decided to appoint Gary Galante as the Chair of the Parish Planning Committee (PPC). Assisted by a group of members, they will aim to network the parish, so as to gain as much feedback as possible in terms of recommendations for making our parish more successful as a community of disciples. The PPC will work with all groups in the parish and will devise means to listen to the parishioners’ hopes and dreams. The Diocese will provide training and guidance to help the committee realize its aims.

The PPC will work with the Parish Council, the Parish Finance Committee and the Trustees. The composition of the PPC should reflect various segments of our parish; I hope to appoint members who are not serving in parish leadership positions nor employed by the parish. As always, we are trying to bring new people into the process so as to expand the network and hear new voices. We will need members from the Italian speaking population, young people, families and single people to be sure that these segments are not neglected. I am very excited about this process and I hope the whole parish will embrace it enthusiastically. You need not be on the committee to participate. In that sense, everyone is on the committee. Please make known your commendations and recommendations to the committee once the process starts in the autumn.

I am also very happy that the restoration of the altar rail is complete and we can use the whole rail for Holy Communion. Let us also start considerations for the pulpit, in particular, if we should situate it on a platform. I plan on prepare a short explanation of the church to help us understand and appreciate the new configuration.

Finally, the Feast approaches soon. On Monday, July 27th, at 18:30 we will celebrate a Memorial Mass for the deceased Workers of the Feast, and on Tuesday, July 28th, we open the Feast with a Mass at 18:30. We are happy to receive intentions for both Masses.

God bless you,
Father Elias











Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Mi piace molto annunciare che la nostra parrocchia, la Chiesa di San Rocco, si impegnerà in una nuova iniziativa per aiutarci a pianificare per il nostro futuro. "Parish Planning" è un processo in cui poniamo la nostra visione per San Rocco, articoliamo i nostri valori come una comunità, e facciamo obiettivi da raggiungere questa visione secondo i nostri valori. Il processo inizierà nel mese di settembre e finirà alla celebrazione della Pentecoste, 15 Maggio 2016, il diciasettesimo anniversario della mia ordinazione sacerdotale (1999).

La diocesi ha invitato i parroci di considerare se questo processo potrebbe essere di beneficio per le loro parrocchie. Dopo aver ascoltato la presentazione in Giugno, ho pensato che eravamo in una posizione ideale per sottoporsi a questo processo perché abbiamo realizzato molto in questi quattro anni insieme e sarebbe utile per noi di fare un piano per il futuro.

Il processo di pianificazione della parrocchia (PPP) conclude con la pubblicazione di una relazione contenente i nostri obiettivi nel corso di un periodo di cinque anni. Ci auguriamo che questo processo risveglia in molti parrocchiani le loro speranze e i loro sogni che possono essere tradotti in azioni e fatti a vantaggio di tutta la nostra parrocchia.

Dopo un'attenta valutazione, ho deciso di nominare Gary Galante presidente del Comitato di pianificazione della parrocchia (PPC). Assistita da un gruppo di membri, che avranno lo scopo di collegare i parrocchiani, in modo da ottenere più reazioni possibili in termini di formulare raccomandazioni per rendere la nostra parrocchia con più successo come una comunità di discepoli. Il PPC lavorerà con tutti i gruppi della parrocchia e metterà a punto i mezzi per ascoltare le speranze e i sogni dei parrocchiani. La diocesi fornirà formazione di orientamento per aiutare il comitato a realizzare i suoi obiettivi.

Il PPC lavorerà con il Consiglio Parrocchiale, il Comitato della Finanza Parrocchiale e gli Amministratori Fiduciari. La composizione del PPC dovrebbe riflettere i diversi segmenti della nostra parrocchia; Spero di nominare membri che non servono in posizioni di leadership parrocchiali né impiegati della parrocchia. Come sempre, stiamo cercando di portare nuove persone nel processo, in modo da espandere la rete e sentire nuove voci. Avremo bisogno di membri della popolazione di lingua italiana, i giovani, le famiglie e persone singole per essere sicuri che questi segmenti non sono trascurati.

Sono molto entusiasto di questo processo e spero che tutta la parrocchia l'abbraccerà con entusiasmo. Non è necessario essere nel comitato per partecipare. In questo senso, tutti sono parte del comitato. Vi prego di far conoscere i vostri elogi e le vostre raccomandazioni al comitato una volta che il processo inizia in autunno.

Sono anche molto contento che il restauro della balaustra è completa e possiamo utilizzare l'intera balaustra per la Santa Comunione. Dobbiamo anche iniziare le considerazioni per il pulpito, in particolare, se lo dobbiamo situare su una piattaforma. Ho intenzione di preparare una breve spiegazione della chiesa per aiutarci a capire e apprezzare la nuova configurazione.

Infine, la festa si stà avvicinando in fretta. Lunedi 27 Luglio alle 18:30 celebreremo una Messa commemorativa per i lavoratori defunti della festa e Martedì 28 Luglio, apriamo la festa con una Messa alle 18.30. Siamo contenti di ricevere le intenzioni per entrambe le Messe.

Dio Vi benedica,
Padre Elias

 


Dear Friends in Christ,

Happy Independence Day! May God bless America. The Feast of Saint Rocco arrives in less than a month on July 28th. I hope everyone is excited. If you have any photos for the Commemorative Journal, please, get them to us quickly so we can lay the journal out. Thank you!
Also, in preparation for the Feast and other Masses where we have English and Italian, I have directed Maureen to use the Holy, Holy, Holy and the Lamb of God in Italian at the Masses at 4:00 pm, 10:15 and 11:30. Saint Rocco exists as an Italian National Parish. It seems appropriate to me, therefore, that everyone should be able to manage some Italian in the Liturgy so that when we come together for a special Liturgy, such as the Feast of Saint Rocco, we can all join together in prayers and songs. I will review to the time songs below. I hope in the future that we can also learn a few of the more popular Italian hymns, such as “Resta con noi”, “Abide with us”.
The Holy, Holy, Holy can be divided into two parts, using the Latin term: the Sanctus (Holy) and the Benedictus (Blessed).
The first part, the Sanctus, begins with the three fold invocation of God (from Isaiah 6:6), “Santo, Santo, Santo”, which means in Hebrew, Most Holy or All Holy.
In English, holy derives from Greek and saint from Latin.
Italian does not have the second word, ‘holy’. It continues, “Il Si- gnore Dio dell’universo”, “The LORD, God of the Universe (which is a loose translation of ‘Sabaoth’, which literally means ‘of armies/hosts).
“I cieli e la terra…”, “the heavens (cf., celestial) and earth (cf., terrestrial) …’, “…sono pieni della tua gloria”, ‘…are full of your glory”.
“Osanna nell’alto dei cieli”, “hosanna in the highest (alto/altitude)”.
Hosanna is a very interesting Aramaic relative of the same Hebrew word which has a number of meanings including praise, save, savior and rescue: hence its association with the Messiah/Christ.
This leads logically into the second part, the “Benedictus”, “Benedetto colui che viene nel Nome del Signore”, “blessed is he who comes in the Name of the Lord”, a Messianic reference to Jesus. God (The Lord) sends him to the world to save us. And your reply to this very good news is “Osanna nell’alto dei cieli”, hosanna in the highest”.
Our second song is the three fold invocation of Jesus, present in the Blessed Sacrament, whom St John the Baptist called “The Lamb of God”. “Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo, abbi pietà di noi”, “Lamb of God, who takes away the sins of the world, have mercy on us”. The third invocation shifts from mercy to peace, “Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo, dona a noi la pace”, “Lamb of God, who takes away the sins of the world, grant (cf., do- nate) us peace.”
I hope we can enjoy learning these two short liturgical songs so we can pray the Mass together in English and Italian.

God bless you,
Fr. Elias
Carissimi Parrocchiani di San Rocco

Buona Giornata dell'indipendenza! Dio benedica l'America. La Festa di San Rocco arriva in meno di un mese il 28 Luglio. Spero che tutti siamo entusiasti. Se avete delle foto per la rivista commemorativa, vi prego, consegnateli a noi rapidamente in modo da poter preparare la rivista. Grazie!

Inoltre, in preparazione alla festa e altre Messe dove abbiamo inglese e italiano, ho detto a Maureen di utilizzare il Santo, Santo, Santo e l'Agnello di Dio in lingua italiana nelle Messe alle 16:00 (Sabato), 10:15 e 11:30. San Rocco e una Parrocchia Nazionale Italiana.
Mi sembra opportuno, quindi, che tutti dovrebbero poter un po’ italiano nella Liturgia in modo che quando ci riuniamo per una liturgia speciale, come ad esempio la Festa di San Rocco, tutti possiamo unirci in preghiere e canti.
Passerò in rassegna i termini delle canzoni sottostanti. Spero che in futuro possiamo anche imparare alcuni dei più popolari canti italiani, come "Resta con noi".

L’inno, Holy, Holy, Holy, può essere diviso in due parti, con il termine latino: il Sanctus (Santo) e il Benedictus (Benedetto). La prima parte, il Sanctus, inizia con la triplice invocazione di Dio (Isaia 6:6), "Santo, Santo, Santo", che significa in ebraico, Santissimo o Tutto Santo. In inglese, holy deriva da greco and saint dal latino. Italiano non ha la parola holy. E continua: "Il Signore Dio dell'Universo" che è una libera traduzione di 'eserciti', che letteralmente significa 'di eserciti).

"I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell'alto dei cieli ". Osanna è una parola aramaica molto interessante che è un cugino della stessa parola ebraica, che ha un numero di significati, tra cui lode, salvare, salvatore e salvataggio: quindi la sua associazione con il Messia / Cristo.

Questo conduce logicamente alla seconda parte, il "Benedictus", "Benedetto colui che viene nel nome del Signore", un riferimento messianico a Gesù. Dio (il Signore) lo manda al mondo per salvarci.
E la risposta a questa buona notizia è "Osanna nell'alto dei cieli", "Osanna nell'alto dei cieli".

Il nostro secondo inno è la triplice invocazione di Gesù, che San Giovanni Battista ha chiamato "l'Agnello di Dio".
"Agnello di Dio, Che toglie i peccati del mondo, abbi pietà di noi". La terza invocazione si sposta dalla pietà per la pace, "Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo, dona noi la pace" ..

Spero che potremo conoscere questi due inni brevi in modo che possiamo pregare la Santa Messa insieme in inglese e italiano.

Dio Vi benedica,
Padre Elias






Dear Friends in Christ,

Time for some good news. I am very happy to tell you about some happy news with regard to vocations.

Nicholas Carbuto, a parishioner of Saint Rocco, has discerned a vocation to the Franciscans. He will be en- tering the community in the autumn. In the meantime, he is serving Mass whenever he is able. He also just helped out at the Eighth Grade Day of Recollection at All Saints. Please keep Nick in your prayers!

Also, this week, Raùl Estrada, a new novice for Klos- terneuburg arrived in Glen Cove. Raùl is from Houston, Texas. Raul will be living in Glen Cove until he moves to Austria after the Feast of Saint Rocco. Each day he will learn some basic German in order to make his transi- tion to the abbey easier. Even though many of the Can- ons can speak English, the official language of our abbey is German.

Raùl will move to Austria in August and have a few weeks to settle into his new home. He will make a five- day retreat in preparation for the novitiate with the sec- ond novice for 2015, a man from Iceland. Our current novice, Wilhelm, is also from Iceland! The community will receive Raul and Oskar just prior to First Vespers of the Solemnity of Saint Augustine on August 27th at 3 pm. In this ceremony, the novices receive the Canonical Habit (to put on Christ) and a new name (if they wish) to signify their belonging to a new family. The Provost conducts the ceremony at the shrine of Saint Leopold, which surmounts the Verdun Altar, the most precious artwork of the abbey. Please pray for Raùl and Oskar. But there is still more good news.
Next weekend, Bishop Murphy will ordain five new priests for the Diocese of Rockville Centre on Saturday, June 21st at 11 am at the newly remodeled Cathedral. On the next day, Sunday, June 22nd, at 6 pm in the Abbey Ba- silica of the Nativity of Our Lady, Bishop Eidsvig of Oslo will ordain my confrere, Dom Ignatius to the priesthood. You will have the opportunity to receive his blessing when he comes to Glen Cove, for the third time, to celebrate the Feast of Saint Rocco. There is a plenary indulgence at- tached to the blessing of a newly ordained priest! Please do take advantage of this opportunity. He will be visiting for two weeks.

Further, on September 12th, Bishop Eidsvig will return to Klosterneuburg to ordain Dom Tassilo to the priest- hood. Dom Tassilo will also be visiting this summer, in July, to make his pre-ordination retreat in Glen Cove. Please keep the future Father Ignatius and Father Tassilo In your good prayers.

Vocations to the priesthood and religious life are not only a mercy for the one called, but also a grace for the entire Church. Let’s commit ourselves to praying for more religious and priests, so the Church will always have devoted servants to shepherd God’s People and to make Christ among us in these very special ways.

God bless you,
Father Elias









Carissimi Parrocchiani di San Rocco

È il momento per qualche buona notizia. Sono contento di parlarvi di una notizia felice per quanto riguarda le vocazioni.

Nicholas Carbuto, un parrocchiano di San Rocco, ha riconosciuto il suo discernimento vocazionale per i Francescani. Egli entrerà nella comunità in autunno. Nel frattempo, egli serve la Santa Messa, ogni volta che può farlo. Ci ha aiutato ad una giornata di ritiro a All Saints. Vi prego di tenere Nick nelle vostre preghiere!

Inoltre, questa settimana, Raùl Estrada, un nuovo novizio di Klosterneuburg è arrivato a Glen Cove. Raùl è di Houston, Texas. Raùl abiterà a Glen Cove finché si trasferirà in Austria dopo la festa di San Rocco. Ogni giorno imparerà qualche cosa fondamentale in tedesco, allo scopo di rendere la sua transizione all’abbazia più facile. Anche se molti dei canonici parlano inglese, la lingua ufficiale della nostra abbazia è in tedesco.
vRaùl partirà per l’Austria nel mese di agosto in modo che possa avere un paio di settimane per stabilirsi nella sua nuova casa. Farà un ritiro di cinque giorni, in preparazione per il noviziato con il secondo novizio per il 2015, un uomo di Islanda. Il nostro novizio corrente, Wilhelm, è anche dall'Islanda! La comunità riceverà Raul e Oskar subito prima dei Primi Vespri della Solennità di Sant'Agostino il 27 agosto alle 15:00. In questa cerimonia, i novizi ricevono l’abito talare canonicale (a rivestirsi di Cristo), e un nuovo nome (se lo desiderano) per indicare la loro appartenenza ad una nuova famiglia. Il Prevosto conduce la cerimonia al santuario di San Leopoldo, che sormonta l'altare di Verdun, la più preziosa opera d'arte dell'abbazia. Per favore pregate per Raùl e Oskar. Ma c'è ancora di più un’ altra buona notizia.

Il prossimo fine settimana, Mons. Murphy ordinerà cinque nuovi sacerdoti per la Diocesi di Rockville Centre Sabato, 21 giugno alle ore 11 nella Cattedrale ristrutturata di recente. Il giorno successivo, Domenica 22 giugno, alle 18:00, nella Basilica dell'Abbazia della Natività della Madonna, a Klosterneuburg, Mons Eidsvig di Oslo ordinerà il mio confratello, Dom Ignazio al sacerdozio. Avrete la possibilità di ricevere la sua benedizione quando viene a Glen Cove, per la terza volta, per celebrare la festa di San Rocco. C'è un’indulgenza plenaria allegata alla benedizione di un sacerdote neo- ordinato! Vi prego di approfittare di quest’opportunità. Egli visiterà per due settimane.

Inoltre, il 12 settembre, Mons Eidsvig tornerà a Klosterneuburg per ordinare Dom Tassilo al sacerdozio. Dom Tassilo ci visiterà questa estate, nel mese di luglio, per fare il suo ritiro pre-ordinazione a Glen Cove. Vi prego di tenere il futuro Padre Ignazio e Padre Tassilo nelle vostre buone preghiere.

Le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata non sono solo misericordiose per quello chiamato, ma anche una grazia per la Chiesa intera. Ci impegniamo a pregare per più religiosi e sacerdoti, in modo che la Chiesa sempre avrà servi dedicati a guidare il popolo di Dio e per fare presente Cristo in mezzo a noi in questi modi molti speciali.

Dio Vi benedica,
Padre Elias



 

 



FIFTH SUNDAY OF EASTER

Dear Friends in Christ,

This week I have many whom I wish to thank. First, thanks to everyone for a beautiful celebration of the Sacrament of Confirmation on Friday, April 24th. The experience of confirming our young people brought delight to the Provost. Perhaps we will have a chance for him to come again and celebrate with us.

Thank you for all those who helped make the Third Annual Headmaster’s Ball for All Saints a success. It was a most enjoyable evening. If you are interested in learning more about the school, please, do not hesitate to contact me. Tours of the school can happen during normal business hours, Monday- Friday. Feel free to email me at fatherelias@asrcatholic.org.

Thank you also for all who made our first Sunday celebrations of First Holy Communion a beautiful and moving experience for our children and their families. We will celebrate First Holy Communions this weekend and conclude them next weekend, Mother’s Day, at the Masses at 10:15 and 11:30.

The small groups of children permit us to person- alize the experience. The parents present their chil- dren to the parish – as they did at their baptisms – at the start of the celebration, we hold a children’s homily, the first holy communicants bring up the gifts and they make their first holy communions be- fore the rest of the community. It is a cause of great joy for the whole parish. I am grateful for every- one’s cooperation and willingness to try something new.

I am pleased to announce that next Sunday, May 10th, after the Italian Mass, I will bless the new statue of Our Lady of Lourdes, which you can al- ready see outside, in front of Momma’s House. May Our Lady intercede for all mothers and support them in their noble vocation of bringing life into the world.

God bless you,
Father Elias



Carissimi Parrocchiani di San Rocco

Questa settimana voglio ringraziare molte persone. Primo di tutto, grazie a tutti coloro che hanno contribuito a rendere la celebrazione del sacramento della Confermazione di Venerdì 24 Aprile così bella e commovente. L'esperienza di confermare i nostri giovani è piaciuto al prevosto. Forse avremo una possibilità per lui di venire di nuovo per festeggiare con noi.

Grazie per tutti quelli che hanno contribuito a rendere la terza annuale festa del Preside della Scuola di Tutti i Santi un successo. E’ stata una piacevole serata. Se siete interessati a saperne di più sulla scuola, per favore, non esitate a contattarmi. Le visite alla scuola si possono fare durante l’orario normale di lavoro, dal Lunedi al Venerdì. Sentitevi liberi di inviarmi una e-mail a fatherelias@asrcatholic.org.

Grazie a tutti coloro che hanno reso le nostre prime celebrazioni domenicali della Prima Comunione una bella e commovente esperienza per i nostri figli e le loro famiglie. Celebreremo la Prima Comunione questa fine settimana e finirà la prossima Domenica, per la festa della mamma, alle Messe alle 10:15 e alle 11:30.

I piccoli gruppi di ragazzi ci permettono di personalizzare l'esperienza. I genitori presentano i loro figli alla parrocchia - come hanno fatto al loro battesimo - all'inizio della celebrazione, teniamo omelia per i bambini, i primi comunicandi portano i doni e ricevono le Sante Prime Comunioni prima del resto della comunità. È un motivo di grande gioia per tutta la parrocchia. Sono grato per la collaborazione di tutti e la volontà di provare qualcosa di nuovo.

Sono lieto di annunciare che Domenica prossima il 10 Maggio, dopo la Messa Italiana, benedirò la nuova statua di Nostra Signora di Lourdes, che si può già vedere fuori, davanti alla casa di Momma. La Madonna interceda per tutte le madre e sostenerli nella loro nobile vocazione di portare la vita nel mondo.

Dio Vi benedica,
Padre Elias



EASTER SUNDAY OF THE RESURRECTION OF THE LORD





PALM SUNDAY OF THE PASSION OF THE LORD

Dear Friends in Christ,

With the celebration of Palm Sunday, we draw to the close of Lent and the start of Holy Week. On Monday, confessions will be heard at St Rocco from 3pm to 4 pm, and again at 7pm until the last confession is heard. If you cannot make those times and wish to go, please go to St Patrick, where confessions will be heard from 3 pm – 9 pm continuously.

On Thursday and Friday mornings in place of the daily Mass, which is not celebrated on those days because of the special Liturgies, we celebrate either Morning Prayer or the Office of Readings.

Thursday evening we will celebrate the Mass of the Lord’s Supper at 7:30 pm with the Altar of Repose in the Madonna Room until 11 pm. On Good Friday at noon we will ha Station of the Cross through the neighborhood, at 3 pm the Solemn Commemoration of the Passion of the Lord, and again at 7:30 pm Stations of the Cross in the Church.

The Easter Vigil commences at 8 pm with the blessing of the fire in the parish plaza followed by the Solemn Celebration of the Resurrection of the Lord in the Church. Easter follows the regular Sunday schedule. With the arrival of Spring, we must undertake some work on the roof of the church. You can seek the evidence of the problem when you look up at the center beam and notice the dark patches. This will run us somewhere in the neighborhood of $14,000.

At the end of April, we look forward to the third visit of the Provost of Klosterneuburg, the Abbot-Primate, Father Bernhard Backovsky, who will celebrate the Sacrament of Confirmation here and at St Patrick on April 24th and April 25th respectively. He will also be attending the Third Annual Headmaster’s Ball on Saturday, April 25th at the Nassau Country Club. This is the most important fund-raiser for All Saints.

After Easter I will be away with Father Gabriel. Father Daniel and Father Ambros will take good care of you – as they always do – in our absence.

God bless you,
Father Elias








Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Con la celebrazione della Domenica delle Palme, ci avviciniamo alla chiusura della Quaresima e l'inizio della Settimana Santa.

Lunedì le confessioni saranno ascoltate a San Rocco dalle 3:00 fino alle 4:00 e di nuovo dalle 7:00 fino a quanto l’'ultima confessione viene ascoltata. Se non potete confessarvi durante queste ore potete andare a St Patrick, dove saranno ascoltate le confessioni dalle 3:00 fino alle 9:00 in continuazione

Giovedì e Venerdì mattina al posto della Messa feriale, che non si celebra in quei giorni a causa delle liturgie speciali, celebriamo sia la Laudes o l'Ufficio delle letture. Giovedì sera celebriamo la Santa Messa della Cena del Signore alle 7:30 con l'altare della reposizione nella Sala della Madonna fino alle 11:00.

Il Venerdì Santo a mezzogiorno abbiamo la Via Crucis attraverso il quartiere, alle 3:00 la solenne Commemorazione della Passione del Signore, e di nuovo alle 7:30 la Via Crucis nella Chiesa. Giovedì sera celebriamo la Santa Messa della Cena del Signore alle 7:30 con l'altare della reposizione nella Sala della Madonna fino alle 11:00. Il Venerdì Santo a mezzogiorno abbiamo la Via Crucis attraverso il quartiere, alle 3:00 la Solenne Commemorazione della Passione del Signore, e di nuovo alle 7:30 la Via Crucis nella Chiesa. La Veglia Pasquale inizia alle 8:00, con la benedizione del fuoco nella piazza della parrocchia seguita dalla solenne celebrazione della Risurrezione del Signore nella Chiesa. Il Programma per le Messe di Pasqua è lo stesso come le Messe di ogni Domenica.

Con l'arrivo della primavera, dobbiamo svolgere alcuni lavori sul tetto della chiesa. Potete vedere la prova del problema guardando in alto verso il centro del trave principale e vedete delle macchie scure, bisogna aggiustala, ci costerà attorno alle $ 14.000.

Alla fine di Aprile, non vediamo l’ora per la terza visita del Prevosto di Klosterneuburg, l’Abate-Primate, Padre Bernhard Backovsky, che celebrerà il Sacramento della Cresima qui e a San Patrizio il 24 Aprile e 25 Aprile rispettivamente. Egli parteciperà anche al terzo annuale Ballo dell’Headmaster Sabato, 25 Aprile presso il Nassau Country Club. Unitevi a noi se potete!

Dopo Pasqua Padre Gabriel ed Io siamo in vacanza. Padre Daniel e Padre Ambros si prenderanno cura di voi - come sempre fanno - in nostra assenza.

Dio Vi benedica,
Padre Elias





THIRD SUNDAY OF LENT

Dear Friends in Christ,

This Sunday from 10 am to 4 pm in the Parish Center, we are hosting our first health fair from our parishioner, Dr Perry Frankel. Perry is making available to us this Sunday four tests for common health problems. The bulletin insert explains this in greater detail. Suffice it to say, it might be to your benefit to avail yourself to this opportunity. No insurance is necessary, but if you do have insurance, please bring your card. No one will be turned away.

Something for the body, something for the soul. Starting next Saturday, Father Enzo del Brocco returns to Saint Rocco to deliver a Lenten Mission. He will preach at all the Masses next weekend and then hold a preaching service on Monday in Italian, on Tuesday in English, and a bilingual Mass on Wednesday, all at 7:30 pm. He is available for confessions and home visits during the daytime. Please contact the office if you would an appointment.

On Sunday morning we will present the children preparing to receive First Holy Communion at the 10:15 am and 11:30 am Masses. This year First Holy Communion will be celebrated in small groups of six-eight children at six Sunday Masses during the Easter Season on April 26th, May 3rd and May 10th. This shift in practice aims to integrate the children into our regular worship of God as a parish community every Sunday.

We do not live in a social context in which a First Holy Communion outside of the normal Sunday schedule makes sense because we can no longer depend on the fact that those who attend a First Communion Mass participate regularly at Sunday Mass at Saint Rocco for whatever reason. The worshipping community -- the Church -- God's family -- welcomes its younger brothers and sisters to the share in the privilege of Holy Communion as an expression of our love for God and for one another.

We will offer the possibility to you to pray for one of these children as a special way of connecting them to our parish. Please consider taking one of the intentions. I hope these initiatives will strengthen our parish.

As we continue to cultivate a more intentional style of the worship of God in which we consciously and fully participate in terms not only of the responses and singing, but also and even more importantly, in terms of our interior disposition and attentive to our encounter with God in the Sacred Liturgy, I intend on restoring the missing section of the altar rail to make Holy Communion easier. This renovation will take place sometime before the summer and the Rosarians have graciously offered to donate the funds to do so. The restoration will incorporate the old altar gates as a decorative motif.

As far as Holy Communion goes, I have two additional comments that I hope will be helpful. I am hopeful that we are resolving the problem of the mistreatment of the Blessed Sacrament. Just to be entirely clear, to do anything with the Blessed Sacrament other than to consume it immediately after one has received it is inappropriate. Please consume the host in the presence of the priest, deacon or extraordinary minister of Holy Communion. Do not walk away with the host in the palm of your hand, but please place it in your mouth immediately. Thank you.

Second, occasionally, some parishioners have asked me why we do not ordinarily distribute the Precious Blood – please, never call it the wine because it is not wine after the consecration but the Blessed Sacrament. The reason is simple: every particle of the host and every drop of the precious blood is the whole Christ – Body and Blood, Soul and Divinity – to use the theological language. In biblical language, in Hebrew, the body and blood refers to a living being. When we receive Christ, we receive the entire Person, not just bits and pieces of Him.

Consequently, it logically follows that the Church imposes no obligation to receive Holy Communion in both species; when you receive the Host, you receive the whole Christ – nothing is missing and nothing is added by receiving from the Chalice – there is no more grace. Let me conclude by quoting Father Daniel on the matter: “Don’t be a dogmatic utraquist!” I’ll let him explain another time. He’s the Latin teacher.

God bless you,
Father Elias







Carissimi Parrocchiani di San Rocco

Questa Domenica dalle 10:00 alle 16:00 nel centro parrocchiale, ospitiamo la prima fiera della salute dal nostro parrocchiano, il Medico Perry Frankel. Perry ci mette a disposizione questa Domenica quattro prove per i più comuni problemi di salute. L'inserto nel bollettino spiega più in dettaglio. Basti dire, potrebbe essere a vostro vantaggio di avvalersi di quest’opportunità. Nessuna assicurazione è necessaria, ma se avete l'assicurazione, vi preghiamo di portare con voi la vostra carta. Nessuno sarà allontanato.

Qualcosa per il corpo, qualcosa per l'anima. Dal prossimo Sabato, Padre Enzo Del Brocco torna a San Rocco per offrire una missione quaresimale. Egli predicherà a tutte le Messe il prossimo fine settimana e poi terrà un servizio di predicazione Lunedì in italiano, Martedì in inglese, e una Messa bilingue, il Mercoledì, il tutto alle 19:30. Lui è disponibile per le confessioni e le visite a domicilio durante il giorno. Vi prego di contattare l'ufficio se desiderate fare un appuntamento.

Domenica mattina vi presentiamo i bambini, che si preparano a ricevere la Prima Comunione nelle messe delle 10:15 e alle 11:30. Quest'anno la Prima Comunione sarà celebrata in piccoli gruppi di 6-8 bambini a sei Messe Domenicali durante il Tempo Pasquale il 26 Aprile, 3 Maggio e il 10 Maggio. Questo spostamento in pratica mira a integrare i bambini nella nostra adorazione regolare di Dio come comunità parrocchiale ogni Domenica.

Non viviamo in un contesto sociale in cui una Prima Comunione di fuori del normale orario della Domenica ha senso perché noi non possiamo più dipendere dal fatto che coloro che frequentano una Messa per la Prima Comunione partecipano regolarmente alla Messa Domenicale a San Rocco, per qualsiasi ragione. La comunità di culto - la Chiesa - famiglia di Dio - accoglie i suoi fratelli e sorelle più giovani alla condivisione nel privilegio della Santa Comunione come espressione del nostro amore per Dio e per l'altro.

Offriremo la possibilità a voi di pregare per uno di questi bambini come un modo speciale di collegarli alla nostra parrocchia. Vi prego di prendere in considerazione una delle intenzioni. Spero che queste iniziative rafforzeranno la nostra parrocchia.

Mentre continuiamo a coltivare uno stile più intenzionale dell’adorazione di Dio in cui noi coscientemente e pienamente partecipiamo in termini non solo di risposte e di canto, ma è ancora più importante, in termini della nostra disposizione interiore e attento al nostro incontro con Dio nella Sacra Liturgia, Io ho intenzione di rimettere la sezione mancante della balaustra per rendere più facile ricevere la Santa Comunione. Questo aggiornamento sarà fatto prima dell'estate e la Società del Rosario ha offerto gentilmente di donare i fondi per farlo. Il restauro incorporerà le antiche porte d'altare come decorazione.

Per quanto riguarda la Santa Comunione, Io ho due ulteriori proposte che spero saranno utili. Mi auguro che noi stiamo risolvendo il problema del maltrattamento del Santissimo Sacramento.

Giusto per essere del tutto chiaro, di fare qualsiasi cosa con il Santissimo Sacramento per non consumarlo subito dopo che uno lo ha ricevuto non è appropriato. Si prega di consumare L'ostia, alla presenza del sacerdote, diacono o ministro straordinario della santa Comunione. Non aandare via con L’ostia nel palmo della tua mano, ma vi prego di metterlo in bocca immediatamente. Grazie.

Secondo, di tanto in tanto, alcuni parrocchiani mi hanno chiesto perché non ordinariamente non distribuiamo il Preziosissimo Sangue - per favore, non chiamarlo mai il vino perché non è il vino dopo la consacrazione, ma il Santissimo Sacramento. Il motivo è semplice: ogni particella dell'Ostia e ogni goccia del Preziosissimo Sangue è il Cristo intero - Corpo e il Sangue, Anima e Divinità - per usare il linguaggio teologico. Nel linguaggio biblico, in ebraico, il corpo e il sangue si riferiscono ad un essere vivente. Quando riceviamo Cristo, riceviamo l'intera persona, non soli frammenti di lui. Di conseguenza, segue logicamente che la Chiesa non impone alcun obbligo di ricevere la Santa Comunione in entrambe le specie; quando ricevete l'Ostia, ricevete il Cristo tutto intero - non manca nulla e nulla è aggiunto quando ricevete dal Calice - non c'è più grazia. Vorrei concludere citando Padre Daniel sulla questione: "Non siete un utraquista dogmatica!" Lo lascerò spiegare un'altra volta. Lui è il professore di latino.

Dio Vi benedica,
Padre Elias




 

 






SUNDAY, JANUARY 12, 2015: BAPTISM OF THE LORD

Dear Friends in Christ,

This weekend concludes the celebration of Christmas with a commemoration of one of the most important moments in the life of Our Lord: His Baptism. In so doing, we prepare our- selves liturgically for “ordinary time”, the inelegant translation of “per annem” (literally, through the year), which is one of the less successful alterations of the liturgical calendar. In any case, let us pause to delve more deeply into the mystery of the Lord’s baptism in light of our current circumstances.

A couple weeks ago at Christmas – particularly Christmas Eve – our church was full. We had over four hundred people at the 4 pm Mass; this is more than half of the number we have on a given weekend during the school year (attendance is lower in the summer). At Christmas, many people come, who otherwise have little to do with our parish. They still feel a sense of belonging, even if it is highly attenuated. But this sense of belonging, or rather the weak sense of belonging is not unique to St Rocco.

Our society is experiencing a fraying and withering away of many kinds of belonging. Communities of all sorts are dying. Families are under enormous stress. Affiliations with political parties, churches, all sorts of organizations and groups are down. What can account for this?

First, this is not a new and not unique to our time. Affilia- tions, the decision to belong to groups waxes and wanes his- torically. The question for us is why is it waning now? Cer- tainly one cause is the frenetic pace of life, which characterizes New York, “the city that never sleeps”. Sleep deprivation as we have come to know in recently times is a serious public health hazard. Perhaps, New Yorkers and Long Islanders need to slow down, pause, think, pay attention, reflect, meditate and contemplate. We shall be working on this as a parish.

Paying attention would be a very good resolution: “do what you are doing”. This is certainly good advice for participation in the Mass. Paying attention to what you are saying and do- ing but even more so to listening and receiving. Our age pays too much attention to activity, and to little to receptivity. If we come to Mass, we come to receive – the Word of God in the readings and especially in the Blessed Sacrament. Our activity is a preparation for this receiving. Otherwise, we will leave the church empty because we have placed our activity and our- selves in the center of the Mass rather than God, who wishes to fill us with grace and life.

Another reason for the decline in belonging is the fact that all groups have shortcomings, mean members, a history of mistakes and errors, even bad deeds and sins. In reaction to this reality, many people hold themselves aloof. They don’t want to contaminate themselves with the histories of sins and errors of other people. This temptation to stand aloof – to in effect say, I am not like you (sinners), is one which Christ has come to remedy because the temptation to proclaim that one is not like other people (I am different) is universal, and therefore makes one like other people (we are actually all the same because we all have done wrong, even if our wrong doing differs superficially).

Today’s magnificent feast announces that the only person, who could have truly said, “I am not like the rest of you, sinners”, has instead said “I number myself as a sinner (even though I have done no wrong) so that I can deliver my selfrighteous, sinful brothers and sisters from sin and number them among the saints: those who share in God’s life. Today, we celebrate Christ’s affiliation – his complete identification – with our plight. The mystery of the incarnation deepens because now the sinless Son of God has said I am not ashamed to call sinful humanity “my brother”, whom he shall deliver from sin by his death and resurrection. Shouldn’t this example of humility prove that we should never be afraid to be numbered among Christians or members of the Catholic Church, despite the shortcomings and sins of all Her members? When we say we are Catholics, we tread the same path as Christ, as men and women who are not ashamed to be numbered among their sinful brothers and sisters (of which I am truly one) and walk together with them as disciples of Jesus on this earth.

God bless you,
Father Elias










Carissimi Parrocchiani di San Rocco,

Questo fine settimana si conclude la celebrazione del Natale con una commemorazione di uno dei momenti più importanti della vita di Nostro Signore: il suo battesimo. Così facendo, ci prepariamo liturgicamente per "tempo ordinario", la traduzione di inelegante "per annem" (letteralmente, attraverso l'anno), che è una delle alterazioni meno successo del calendario liturgico. In ogni caso, fermiamoci a guardare più a fondo nel mistero del Battesimo del Signore, alla luce delle nostre attuali circostanze.

Un paio di settimane fa, a Natale - soprattutto la vigilia di Natale - la nostra chiesa era piena. Abbiamo avuto più di quattrocento persone alla Santa Messa delle 4:00 p.m.; questo è più della metà del numero che abbiamo in un determinato fine settimana durante l'anno scolastico (la frequenza è più bassa in estate). A Natale, molte persone vengono, che hanno poco a che fare con la nostra parrocchia. Si sentono ancora un senso di appartenenza, anche se è altamente attenuato. Ma questo senso di appartenenza, o meglio il senso debole di appartenenza non è unico per San Rocco.

La nostra società vive sfilaccini e appassimenti via di molti tipi di appartenenza. Le comunità di ogni tipo muoiono. Le famiglie sono sotto enorme stress. Affiliazioni con i partiti politici, le chiese, tutti i tipi di organizzazioni e gruppi sono giù. Che cosa può spiegare questo fenomeno? Innanzitutto, questo non è un nuovo e non unico al nostro tempo. Affiliazioni, la decisione di appartenere a gruppi cresce e cala storicamente. La questione per noi è perché è in calo ora?

Certamente una causa è il ritmo frenetico della vita, che caratterizza New York, "la città che non dorme mai". La privazione del sonno come abbiamo imparato a conoscere in tempi recenti è un grave rischio per la salute pubblica. Forse, newyorkesi e di Longislandesi hanno bisogno di rallentare, di mettere in pausa, di pensare, di fare attenzione in modo da poter riflettere, meditare e contemplare. Lavoreremo su questo come una parrocchia.

Fare attenzione sarebbe una buona risoluzione: "fai quello che fai". Questo è certamente un buon consiglio per la partecipazione alla Santa Messa. Facendo attenzione a ciò che dici e fai, ma ancora di più di quello che ascolti e ciò che ricevi. La nostra epoca rende troppa attenzione all'attività, e troppo poco per la ricettività. Se arriviamo a Messa, veniamo a ricevere - la Parola di Dio nelle letture e soprattutto nel Santissimo Sacramento. La nostra attività è una preparazione per questa ricezione. Altrimenti, lasciamo vuota la chiesa perché abbiamo posto la nostra attività e noi stessi al centro della Messa e non Dio, che vuole riempirci di grazia e di vita.

Un altro motivo per il declino dell’appartenenza è che tutti i gruppi abbiano difetti, membri scortesi, una storia di errori, anche atti cattivi e peccati. In reazione a questa realtà, molte persone si tengono distaccati. Non vogliono contaminare se stessi con le storie di peccati ed errori di altre persone. Questa tentazione di stare distaccato - a dire in effetti, io non sono come voi (i peccatori), è quella che Cristo è venuto a porre rimedio, perché la tentazione di proclamare che uno non è come le altre persone (io sono diverso) è universale, e quindi fa uno come gli altri (siamo davvero tutti uguali perché tutti noi abbiamo fatto male, anche se il nostro fare male differisce superficialmente).

La magnifica festa di oggi annuncia che l'unica persona che avrebbe potuto veramente dire "Io non sono come il resto di voi, peccatori", ha invece dichiarato: "Mi numero come un peccatore (anche se ho fatto niente di male) in modo che io possa redimere dal peccato i miei fratelli e sorelle peccatori ed ipocriti, e così li posso numerare tra i santi: quelli che condividono la vita di Dio.

Oggi, celebriamo l'affiliazione di Cristo - la sua totale identificazione - con la nostra situazione. Il mistero dell'incarnazione approfondisce perché ora il Figlio di Dio senza peccato ha detto non mi vergogno a chiamare l'umanità peccatrice "mio fratello", che egli deve redimere dal peccato con la sua morte e risurrezione. Non dovrebbe questo esempio di umiltà dimostrare che non dobbiamo mai avere paura di essere numerati tra i cristiani o membri della Chiesa cattolica, nonostante le carenze e peccati di tutti i suoi membri? Quando diciamo che siamo cattolici, percorriamo la stessa strada come Cristo, come uomini e donne che non si vergognano di essere annoverati tra i loro fratelli e sorelle peccaminosi (di cui sono veramente uno) e camminiamo insieme con loro come discepoli di Gesù su questa terra.
Dio Vi Benedica,
Padre Elias




SITE MAP: