2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011

back to main page

Thirty-first Sunday in Ordinary Time
Dear brothers and sisters in Christ. I want to share Bishop Murphy’s recent article, “When a Catholic Votes” with you. I hope you will find it as valuable as I have. God bless, Father Elias.

Catholic social teaching is a treasure for us Catholics. From Leo XIII in 1891 through St. John Paul II, Benedict and Francis, the Church has developed principles based on Scripture, the Church’s experience and right reason that we are called to apply into the world as our way of contributing to the good of the communities we live in. My inspiration in this column comes from Pope Benedict XVI, in two of his letters: God is Love (Deus Caritas Est, 12/25/05) and Charity in Truth (Caritas In Veritate, 6/29/09). With these two letters, Pope Benedict took the principles of Catholic social teaching and infused them with the profound and beautiful truth that the God who created us in his image and in love, sent his Son to redeem us and is present to us in all our daily living, in the choices we make and the way we interact with one another.
Thus God is actively present in our application of these principles and we act guided by a loving God who wants us to build up a world that more and more shines forth as a world redeemed by Jesus Christ. Faith. Love and ethics are interwoven as a single entity …
Love of neighbor is thus shown to be possible in the way proclaimed in the Bible, a freely bestowed experience of love from within to be shared with others (Deus Caritas Est) …
This is a force that builds community, it brings all people together without imposing barriers or limits, called into being with the God who is love. (Caritas in Veritate) Within this perspective of God and God’s love, we are called to live the truth in charity and apply the principles of Catholic social teaching to a very concrete act: FOR WHOM SHALL I VOTE IN THE COMING ELECTIONS? To that end, I want to offer two couplets, a few examples and a conclusion inspired by Carl Anderson, Supreme Knight of the Knights of Columbus

FIRST COUPLET: The Human Person and the Common Good These go together. The human person has dignity because every person is created in God’s image and by our very being we are social, born to live in society that respects every person’s dignity. This includes human rights and human responsibilities. But note the source: our dig- nity and unique value are that we humans alone are created by God in his image. Thus, we are intrinsically social for the same reason: God, who in his very Godhead is communal - Father, Son and Holy Spirit. Our life in society mirrors the community of love of the triune God. Therefore, we have rights because we are human — not because we are male or female - regardless of our background, our sexual orientation or any other individualistic claim.
When St. Teresa of Calcutta spoke at Harvard, she reminded her audience, and us, that a society that destroys its own children in the womb is bent on its own destruction. All human life deserves reverence and protection. Human life is the one created reality that images God. Thus, every human being has human dignity, human rights and responsibilities, because they are God’s highest expression of life. Because human life is not individualistic, but social and communal, we can achieve fulfillment in this life only in a social and communitarian way of living. That is the common good. We need healthy societies. The first and fundamental one is the family, the only truly natural society, without which no other society can flourish. Hence this couplet reminds us that when we vote, we vote pro-family. When we vote, we also have to vote to promote the common good. Our rights and responsibilities are exercised in relation to others. The common good recognizes that our own legitimate desires and aims must not ever be at the expense of the common good of all. This is a responsibility for all of us, according to our capacity to further the good of the person and the good of society, spiritually as materially. The opposite is going on in our society today. Individuals claim, as their Individual “rights,” false values that are, in truth, selfinvented privileges. They insist that their privileges are seen as absolutes. The common good of society is by and large ignored. When you lose the sense of responsibility for the common good, you are left with a cacophony of voices, each looking out for itself at the expense of the whole. If they are rights, they must be in harmony with God and inhere to all as humans, not be- cause someone feels aggrieved or some group wants special privileges.

SECOND COUPLET: Subsidiarity and Solidarity The first protects our local family and our organization of local social, economic and civil life. We are free to join together for the good of the person, the family and our own shared interests. Groups that share common goals and interests should be left to govern themselves and to achieve their own legitimate goals, so long as they do not do so at the expense of the common good of all. Solidarity is the recognition that, as human beings, social persons, in need of one another, we build the structures that guarantee that persons and smaller groups are protected from exploitation. Solidarity is based on our common humanity and the political and civic groups we need to guarantee the good of all. It is what gov- ernment does when the challenges are bigger than we could possibly handle locally. It mirrors our common humanity and serves that common good. At the same time, subsidiarity is so related to solidarity that they exist in a healthy tension. Solidarity guarantees that we do not take our football and go home. Subsidiarity guarantees that the power of the state or other type of force does not take our football away from us and regu- late every aspect of our lives, private and public. This is exactly what is wrong with our American society today. Let me give a few examples.

LABOR UNIONS The right to organize to pursue the good ends of just wages, fair labor laws, good working conditions and a family income are all proper for this important intermediate and powerful force in society. Yet that does not mean that labor unions can pursue their own goals at the expense of other legitimate groups. And when unions decided that they would become part of one party, they lose their inner connection to the common good and become captive to the political party through which they want to exercise their power. The common good is lost sight of, and they have sold their legitimate goals to political power.
UNIVERSITIES - Universities play a very important role in our society. But what has happened? Once they accept any and every handout the government offers them, then they risk losing their own legitimate goal of seeking truth. They become pawns of the government world. They get hooked. They raise their tuition rates. They opt for whatever the government wants to shell out. Then parents and kids are fooled into thinking that student loans can go on and on; they will not come back to bite them because they are not told that universities are now hostages to govern- ment regulations. Truth is compromised. The universities are compromised into becoming “politically correct,” insisting that their students be the same.
WHAT IS HAPPENING? Society starts to split into pressure groups. The more powerful use their power to advance themselves at the expense of the rest. Think of “Occupy Wall Street”. That kind of crass pressure of street politics is destructive of serious dialogue because its aim is to destroy the enemy, not to advance common good or solidarity. Another example was the embarrassing spectacle of the sit-down in the Congress last spring. A favorite tool of this is the vocabulary of victimization. Destructive and disruptive actions are justified because of claimed past or present exploitation. Thus, such actions are justified to gain control, while, at the same time, denying any voice to another point of view. Society is wrong. So the pressure groups have the right to whatever they want. These are the very tactics Lenin used in 1917 to steal the revolution from the socialists. This is bolshevism. Bernard Lonergan rightly called this the spiral of decline. An unholy alliance of special interest factions with wealthy donors and politicians whom they have bought to advance this agenda make a very potent force for the bad. And this will continue. Or will it? The spiral of decline can be reversed. However, it is not easy, because the new elites have a lot to lose if we restore a society based on human dignity, common good, subsidiarity and solidarity — in short, civic and social harmony and peace. So I come to my conclusion. This will continue until enough people get sick and tired of it. Here you come in. Will you together stand up and insist on honesty, integrity and truth?
MY EXAMPLES ARE REAL! The education tax credit bill benefits all children in public as well as private, Catholic and Jew- ish schools. However, the teachers’ union in this state has the power to block it — and does. I care as much for public schools on Long Island as I do our own schools, because our children are in them. They are true schools that guarantee our future. Simple justice calls for the education tax credit bill to be passed. Yet Catholic bishops and laity are treated as offenders in the halls of Al- bany; and even at times are subject to subtle threats. As currently presented, the Markey-Hoylman bill regarding protection of minors who have been abused is an unjust bill that targets the Catholic Church, but exempts public institutions like the schools in the city where there has been more than a few instances of this horrible and disgusting crime. Yet will the speaker allow debate on the Cusick-Lanza bill, which extends the statute of limitations and offers protections to children and training for adults that the Catholic Church has been using these past 12 years?
BUT, above all and over all, the no. 1 issue that is more fundamental and crucial than any other is abortion - the direct taking of innocent life, which is financed by government funds to Planned Parenthood. That organization is the essential tool of the hidden, left-wing billionaires who want to undermine our society. Support of abortion by a candidate for public office, some of whom are Catholics, even if they use the phony “personally opposed but” line, is reason sufficient unto itself to disqualify any and every such candidate from receiving our vote Let me close with what Carl Anderson, a great American and one of the leading lay Catholic voices in our country, said at the Supreme Convention of the Knights of Columbus in Toronto in August: “Abortion is not just an- other political issue, but in reality a legal regime that has resulted in more than 40 million deaths. What political issue could outweigh this human devastation? Abortion is different. Abortion is the killing of the innocent on a massive scale. We need to end the political manipulation of Catholics by abortion advocates. It is time to end the entanglement of Catholic people with abortion killing. It is time to stop creating excuses for voting for pro-abortion politicians.” Dear friends, we have to begin to reverse the spiral of decline in our society. We have truth and virtue on our side. We need to become the purveyors of that truth and that virtue until our country, our nation, our society are all ready to embrace truth not falsehood; good not evil; life, not death.



TWENTY-NINTH SUNDAY IN ORDINAY TIME

Dear Parishioners,

Last week I wrote about the tremendous success of the evangeliza- tion of Africa. We see the future importance of the Church in Africa for the whole Church in leaders such the great Cardinal Sarah of Guinea, Pope Francis' Prefect for the Congregation of Divine Worship and Sacrament. Cardinal Sarah has just published a new book in French – La Force du Silence – Contre La Dictature Du Bruit (The Strength of Silence - Against the Dictatorship of Noise) - which calls on all Christians to rediscover the primacy of the contemplative and mystical dimensions of our faith especially through the appreciation of silence.

In a recent interview in Le Nef (The Nave), Cardinal Sarah explains the fundamental reason for writing this new book: “ 'God’s first lan- guage is silence.' In commenting on this beautiful, rich insight of Saint John of the Cross, Thomas Keating, in his work, Invitation to Love, writes: 'Everything else is a poor translation. In order to understand this language, we must learn to be silent and to rest in God.' ”

Imagine my delight and surprise to see Cardinal Sarah quoting Fa- ther Thomas Keating, the Trappist monk who set forth the practice of Centering Prayer more than forty years ago. For a long time and in some quarters, Centering Prayer has been held in suspicion as if it were not a proper Catholic way to pray. But with one citation from the Pre- fect of Divine Worship and Sacraments, we see a beautiful new synthesis between those who love and appreciate the Extraordinary Form of the Roman Rite and Centering Prayer as a way to encourage and pre- pare for contemplative prayer. Admittedly, what I am claiming here is an extrapolation from the Cardinal's comments, but I think it is war- ranted inasmuch as I have walked on a similar path these last few years, growing in love for both Centering Prayer and the Extraordinary Form of the Roman Rite.

Indeed, only two weeks ago I delivered a presentation on the mutual enrichment of the two forms of the Roman Rite in our parish Bible Study in the light of the last nine years of their coexistence. As a priest who regularly celebrates both forms, I have found this experience to be a great blessing and an expansive expression of the freedom of the children of God to worship God in differing and complementary ways. In the years to come, I expect to witness a dramatic and beautiful development of the Roman Rite in which the strengths of each form will help to compensate for their often self-evident weaknesses. In this respect, the Holy Spirit is guiding the Church into a new phase of spiri- tual fruitfulness in which the authentic aspirations of the Second Vatican Council as a faithful and contemporary expression of the living and sacred Tradition will be brought to light and to life.

"Silence is more important than any other human work because it expresses God. The true revolution comes from silence; it leads us toward God and toward others so that we can place ourselves humbly at their service." In these words, Cardinal Sarah beautifully expresses the connection which Father Keating describes, namely, that the bene- fits of contemplative prayer are not found in experience of the prayer itself, but rather in the increasing presence of the fruits of the Holy Spirit (Gal. 5:22) in our daily lives and in our relationships.

You can learn more about Centering Prayer by attending a meeting -- it lasts about an hour -- on Saturday mornings at 9:45 am on the second floor of the convent at Saint Patrick.

God bless you,
Father Elias




Cari parrocchiani,

La settimana scorsa ho scritto del grande successo dell'evangelizzazione dell'Africa. Vediamo la venuta importanza della Chiesa in Africa per tutta la Chiesa nei leader come il grande cardinale Robert Sarah di Guinea, il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e Sacramento, che è stato nominato da Papa Francesco. Il cardinale Sarah ha appena pubblicato un nuovo libro in francese - La Force du Silence - Contre La Dittatura Du Bruit (La Forza del Silenzio - contro la dittatura del rumore) - che invita tutti i cristiani a riscoprire il primato della dimensione contemplativa e mistica della nostra fede soprattutto attraverso l'apprezzamento del silenzio.

In una recente intervista a Le Nef (La Nave), il cardinale Sarah spiega la ragione fondamentale per aver scritto questo nuovo libro: " 'Primo linguaggio di Dio è il silenzio'. Nel commentare questa bella, ricca visione di San Giovanni della Croce, Thomas Keating, nel suo lavoro, Invito ad amare, scrive: 'Tutto il resto è una cattiva traduzione. Per capire questo linguaggio, dobbiamo imparare a tacere e per riposare in Dio.' " Immaginate la mia gioia e la mia sorpresa di vedere il cardinale Sarah, citando Dom Thomas Keating, il monaco trappista, che ha enunciato il metodo di Centering Prayer più di quarant'anni fa. Per lungo tempo e in alcuni ambienti, il metodo di Centering Prayer è stato tenuto in sospetto, come se non fosse un modo corretto cattolica a pregare. Ma con una citazione dal Prefetto di Culto Divino e dei Sacramenti, vediamo una bella nuova sintesi tra coloro che amano e apprezzano la forma straordinaria del Rito Romano e la Centering Prayer come un modo per incoraggiare e preparare la via per la preghiera contemplativa. Certo, quello che io sostengo qui è una estrapolazione dai commenti del cardinale, ma penso che sia giustificato in quanto ho camminato su un percorso simile in questi ultimi anni, crescendo nell'amore sia per il metodo di Centering Prayer e la forma straordinaria del Rito Romano.

Infatti, solo due settimane fa ho tenuto una presentazione sul reciproco arricchimento delle due forme del rito romano nel nostro studio della Bibbia alla luce degli ultimi nove anni della loro convivenza. Come un sacerdote che celebra regolarmente entrambe le forme, ho trovato questa esperienza di essere una grande benedizione e l'espressione espansiva della libertà dei figli di Dio per adorare Dio in modi differenti e complementari. Negli anni a venire, mi aspetto di vedere uno sviluppo drammatico e bello del rito romano in cui i punti di forza di ciascuna forma contribuiranno a compensare le loro debolezze di per sé evidenti. A questo proposito, lo Spirito Santo guida la Chiesa in una nuova fase di fecondità spirituale, in cui le aspirazioni autentiche del Concilio Vaticano II come espressione fedele e contemporanea dei vivi e la sacra Tradizione saranno portati alla luce e alla vita.

"Il silenzio è più importante di qualsiasi altra opera umana perchés il silenzio esprime Dio. La vera rivoluzione viene dal silenzio. Ci conduce verso Dio e verso gli altri in modo che possiamo mettiamo umilmente al loro servizio." In queste parole, il cardinale Sarah esprime meravigliosamente la connessione che Padre Keating descrive, cioè, che i benefici della preghiera contemplativa non sono trovato nella esperienza della preghiera stessa, ma piuttosto in presenza crescente dei frutti dello Spirito Santo (Gal. 5,22) nella nostra vita quotidiana e nelle nostre relazioni.

È possibile saperne di più su di centraggio preghiera per partecipare ad una riunione - che dura circa un'ora - il sabato mattina alle 9.45, al secondo piano del convento di San Patrizio.

Dio vi benedica,
Padre Elias

TWENTY-EIGHTH SUNDAY IN ORDINAY TIME

Dear Parishioners,

Now for some good news. Often one hears lamentations about the decline of the Church in this place or that place or even in our own community. Sure, there is some truth to every one of these observations, in some places, the Church is getting smaller. But when we focus on just a piece of the picture, as opposed to the whole picture -- the global picture -- we will miss what is really going on. That's the point of a recent article from the American historian of religious, Philip Jenkins, entitled, "Catholicism's In- credible Growth Story". Jenkins has written many interesting and challenging books on the Catholic Church and Christianity as well as a classic and in- sightful analysis of the sociological context of the children abuse crisis in the Catholic Church, "Pedophiles & Priests", which I can highly recommend.

In his recent article, Jenkins notes the phenomenal growth of the Catholic Church in the last sixty five years, "In 1950, the world’s Catholic population was 437 million, a figure that grew to 650 mil- lion by 1970, and to around 1.2 billion today... By 2050, a con- servative estimate suggests there should be at least 1.6 billion Catholics".

This reflects not only the growth in population of countries, which have been Catholic for centuries, such as Brazil, Mexico and Philippines, but also the rapid evangelization of Africa over the last hundred years. Jenkins notes, "...in 1900, the whole of Africa had just a couple of million Catholics, but that number grew to 130 million by the end of the century, and today it approaches 200 mil- lion. If current trends continue, as they show every sign of doing, then by the 2040s there will be some 460 million African Catho- lics. Incredibly, that number would be greater than the total world population of Catholics as it stood in 1950". "Within just a genera- tion from now, -- Jenkins adds -- a list of the 10 nations with the largest Catholic populations will include several names where Ca- tholicism was virtually new in 1900: African lands such as Nigeria, Uganda, Tanzania and the Democratic Republic of Congo".

The Catholic Church is the first truly global community. True to its name, she embraces the entire human race as no other religion ever has. Unlike the empires of the past or the present, the Church invites the entire human race to promote integral human develop- ment, that not only benefits our world today, but will bring it more and more in accord with God's dream of a New Creation. Although the Church faces many challenges from within and without, She ultimately belongs to Her Spouse, Christ, who is vic- torious of sin, death and the devil. Since we too share in this vic- tory, we should advance the cause of human dignity everywhere it is belittled or denied.

I conclude with Jenkins's conclusion: "Back in the 1890s, Mark Twain sagely observed that: 'In this world we have seen the Roman Catholic power dying…for many centuries. Many a time we have gotten all ready for the funeral and found it postponed again, on account of the weather or something …Apparently one of the most uncertain things in the world is the funeral of a religion.' See you at the graveside?"

God bless you,
Father Elias



Cari parrocchiani,

Ora, per qualche buona notizia. Spesso si sente lamenti per quanto riguarda il declino della Chiesa in questo luogo o quel luogo o anche nella nostra comunità. Certo, c'è qualcosa di vero per ognuno di queste osservazioni, in alcuni luoghi, la Chiesa è sempre più piccolo. Ma quando ci concentriamo solo su un pezzo del quadro, in contrasto con il quadro completo - il quadro globale - ci mancherà ciò che realmente accade. Questo è il punto di un recente articolo dal storico americano dei religiosi, Philip Jenkins, dal titolo, "L'incredibile storia della crescita del cattolicesimo".

Jenkins ha scritto molti libri interessanti e stimolanti sulla Chiesa cattolica e la cristianità, nonché un'analisi classica e penetranti del contesto sociologico della crisi degli abusi sui minori nella Chiesa cattolica, "Pedofili & Preti", che vi posso consigliare vivamente. Nel suo articolo recente, Jenkins fa notare la crescita fenomenale della Chiesa cattolica negli ultimi sessanta-cinque anni, "Nel 1950, la popolazione cattolica del mondo è stato 437 milioni, una cifra che è cresciuto a 650 milioni nel 1970, e per circa 1,2 miliardi di oggi. Entro il 2050, una stima prudenziale suggerisce che ci dovrebbe essere almeno 1,6 miliardi di cattolici". Ciò riflette non solo la crescita della popolazione dei paesi, che sono stati cattolica per secoli, come il Brasile, il Messico e le Filippine, ma anche l'evangelizzazione rapida d'Africa nel corso degli ultimi cento anni. Jenkins osserva, "... nel 1900, tutta l'Africa ha avuto solo un paio di milioni di cattolici, ma che numero è cresciuto a 130 milioni entro la fine del secolo, e oggi si avvicina a 200 milioni. Se le tendenze attuali continuano, in quanto mostrano ogni segno di fare, poi dai 2040 ci saranno circa 460 milioni di cattolici africani. Incredibilmente, tale numero sarebbe maggiore rispetto alla popolazione totale del mondo dei cattolici come si presentava nel 1950". “Nel giro di una generazione da ora, - aggiunge Jenkins - l'elenco delle 10 nazioni con le più grandi popolazioni cattoliche includerà diversi nomi in cui il cattolicesimo era praticamente nuovo nel 1900: terre africane come la Nigeria, l'Uganda, la Tanzania e la Repubblica Democratica del Congo".

La Chiesa cattolica è la prima comunità veramente globale. Fedele al suo nome, lei abbraccia l'intera razza umana come nessun'altra religione ha mai. A differenza degli imperi del passato o del presente, la Chiesa invita l'intera razza umana per promuovere lo sviluppo umano integrale, che non solo oggi avvantaggia il nostro mondo, ma porterà sempre più in accordo con il sogno di Dio di una nuova creazione.

Anche se la Chiesa deve affrontare molte sfide da dentro e da fuori, Lei infine appartiene al suo Sposo, Cristo, che è vittorioso del peccato, la morte e il diavolo. Dal momento che anche noi condividiamo in questa vittoria, dobbiamo portare avanti la causa della dignità umana, dovunque è sminuita o negata.

Concludo con la conclusione di Jenkins: "Già nel 1890, Mark Twain aveva saggiamente osservato che:. 'In questo mondo si è visto che il potere cattolico muore ... per molti secoli Più di una volta eravamo pronti per il funerale e poi abbiamo trovato che è stata rinviata ancora una volta, a causa del tempo o qualcosa del genere ... a quanto pare una delle cose più incerte nel mondo è il funerale di una religione '. Ci vediamo al tomba? "

Dio vi benedica,
Padre Elias
--
TWENTY-THIRD SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

This weekend I want to conclude our considerations on religion and violence by addressing the second part of what God has revealed regarding human beings.

Thanks to Christ, we know that God does not change (James 1:17) and that He wills the salvation of the human race (1 Tm. 2:4). God’s goodness is now distinguished from the ambivalence of the sacred (that confuses violence with God in the history of the human race).

Therefore, thanks to the Paschal Mystery, we know about the unknowable scapegoat mechanism. How? If the scapegoat mechanism works, then the community must belief in good faith that the scapegoat – and not themselves – are responsible for the rivalries, tensions and violence in their midst. If the scapegoat mechanism successfully brings out peace and reconciliation, it must be unknown: Girard calls this méconnaissance (ignoranza in Italiano) –– not knowing what is really going on.

Why is this important? If the community realizes that it is scapegoating – that is, that the scapegoat is no more guilty of causing the problems than really anybody else – it won’t work and therefore the mechanism does not take place. The conflict just continues. We can predict that this probably happens many times before a suitable scapegoat emerges.

As long as the human race did not know about the scapegoat mechanism – which by definition is unknowable – then the mechanism functioned effectively, if brutally, in preventing unlimited violence. History is replete with examples and myth and archaeology indicates pre-historical examples.

But Christ does not only reveal the scapegoat mechanism. He also knows its cause: mimetic desire. What set human beings apart from other animals (on a natural level) is their desire (which is different from instincts). Thanks to desire, I do all sorts of things moving beyond rest to motion (hence, Netwon’s First Law of Motion, “an object that is at rest will stay at rest unless a force acts upon it”). Desire is that force that moves me to action.

However, human desire is indeterminate, which means that it needs objects to desire. What I desire is not innate, but learned from other human beings. That is why Girard calls it “mimetic”, from the Greek word for imitation. I imitate other peoples’ desires because I do not know what I want. We can all verify that easily. How often do I go to eat without knowing what I want until something places a desire in me? Deep down the desire for what other people have is a desire to be them. This is the core of the human predicament. I know that I am poor, not knowing who I am or what I want and I belief other people are rich in being because they know who they are and what they want. Of course, it’s not so. We are all poor, needing to borrow other people’s desires.

All human beings are therefore caught up in this mimetic desire, which logically leads to rivalries and conflicts that can end in violence. Jesus warns us in many ways in the Gospel to take serious the power of this conflicts when he talks about scandals and Satan (more on that another time).

Christ invites us to imitate His example of non-rivalrous desire in imitation of His Father and the Spirit. When we do that, we become whole and holy and thereby transform that world, as St Teresa of Calcutta, our newest saint.

God bless you,
Father Elias







Cari parrocchiani,

La settimana scorsa ho considerato la relazione tra la violenza e la religione alla luce di una breve sintesi di René Girard. Oggi, continuo con l'analisi della contesa del Papa: "Penso che non è giusto identificare l'Islam con la violenza. Non è giusto e non è vero. Credo che in ogni religione c'è sempre “un piccolo gruppo integralista”.

La dichiarazione è breve e non impedisce in alcun modo rappresentare un insegnamento decisivo del Magistero. È a braccio. Ma diamo un'occhiata a esso comunque. In primo luogo, il Santo Padre crea un uomo di paglia, “l'Islam = violenza”, che egli rifiuta facilmente. O se non c'è qualcuno che letteralmente equiparare l'Islam con la violenza, la maggior parte delle persone probabilmente amano semplicemente per sapere se c'è qualcosa di intrinseco al Islam come una religione - come un insieme di credenze e pratiche in materia di Dio - che rende i musulmani incline al terrorismo o alla violenza. Questo è tanto una domanda ragionevole chiedere come è chiedere se qualsiasi altra religione o, se è per questo, i vari ‘a-teiste’ religioni del mondo moderno (ideologie) e tutte le loro variazioni storiche, che forniscono un set di fede e la pratica della loro versione di 'Dio', li rendono più inclini alla violenza.

Il Papa vuole chiaramente promuovere la pace e quindi vuole evitare un linguaggio incendiario, quindi, l'affermazione altrove che non c'e 'una guerra tra religioni'. Ho troppe cose da dire sul mito della violenza religiosa (che ha plasmato il nostro mondo come una giustificazione per il potere statale) per affrontare il problema qui, ma lo farò in futuro.

Girard dimostra chiaramente nella sua vasta ricerca di un collegamento tra la violenza e la religione. L'origine di Islam come raccontata nel Corano, gli Hadith e altrove ha molti aspetti preoccupanti per quanto riguarda il problema della violenza. Ciò è in netto contrasto con la storia centrale del Vangelo in cui Gesù muore per i peccatori, letteralmente, i suoi nemici e Dio non vendicarsi della razza umana, ma piuttosto offre il perdono e la misericordia. Questo è un punto cruciale che qualsiasi dialogo interculturale onesto deve finalmente affrontare se sarà utile.

Siamo entrati in un'epoca in cui il dialogo significativo e in cerca di verità tra gli esseri umani che hanno differenti visioni di Dio - cristiani e musulmani - ha nuove possibilità e vecchi pericoli. Almeno qui in America, nonostante tutte le correnti della correttezza politica, abbiamo la possibilità di dare un contributo positivo come abbiamo fatto in altri settori. Spero e prego che avremo la possibilità di farlo.

I cristiani hanno bisogno di conoscere e capire il Vangelo in modo che possiamo capire che cosa è in gioco quando i musulmani rifiutano la Trinità, l'Incarnazione del Verbo e della morte espiatoria di Gesù 'sulla croce, che rompe il ciclo del peccato e della violenza e apre la porta alla nostra trasformazione. I cristiani hanno bisogno di capire il valore incommensurabile della libertà umana agli occhi di Dio (perché siamo fatti a sua immagine divina comunione del Padre, del Figlio e dello Spirito).

I musulmani hanno bisogno di noi di essere autentici e fedeli cristiani. Ci hanno bisogno di sfidarli sul loro comprensione di Dio, così come la dignità umana e la libertà (e al suo meglio, essi possono fare lo stesso per noi per aiutare ricordare la trascendenza e la maestà di Dio, la cui legge come Gesù ha spiegato e la Chiesa ci trasmette fedelmente, dobbiamo

obbedire, nonostante le nostre opinioni labili o i pregiudizi transitori della nostra società). Può essere solo un 'piccolo gruppo integralista' come il Santo Padre dice che minacciano il mondo, ma può ancora, in questo giorno ed età, distruggere il mondo. Abbiamo molto lavoro da fare. Corraggio! Gesù ci indica la strada. Egli è con noi, sempre.

Dio vi benedica,

Padre Elias

TWENTY-SECOND SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

We continue. Girard argues that thanks to the Gospel the violent origins of human institutions have become clear to more and more people and scapegoating is increasingly ineffective. This knowledge comes from Divine Revelation. God told us what is really gone through Jesus. The Eternal Word of God made flesh has revealed the truth about God and about man in a definitive and unparalleled manner in Christ. The Paschal Mystery is the fulcrum of history because it explains the past (events before it and events before our time) and indicates the choices we must make to be sure there will be a future lest our own violence (not God’s!) consumes us.

Let me explain how Jesus reveals the truth about God this week. Religion emerged in human history as the first way by which limited violence prevents unlimited violence. The gods are one of its products. How does this come about?

When a community, riven and divided by rivalry and threatened with violence (the war of all against all), releases all this tension on a scapegoat (the war of all against one) through murder/sacrifice, it profoundly, dramatically and instantaneously experiences peace and reconciliation. To the first humans, this experience must have seemed amazing. The scapegoat, whom they judged a demon for causing all the tension and rivalry suddenly becomes a peace-giving god. Girard finds much evidence for this possibility in mythology.

Many of the pagan gods were two sided, such as, for example, Apollo, the healer and plague bringer. Plagues, it should be remembered are not merely health crisis, but also social crisis (even to this day). Girard distinguishes this kind of man-made gods such as Apollo from the biblical God (who stands on the side of the victim). The former he calls the sacred, and the latter, divine. Religion as an expression of the sacred must therefore also be purified to more and more reflect the divine (God as He truly is and not as human beings make Him out to be).

Thus, the Old Testament records the history of this process of purification as God gradually reveals Himself as He truly is, free from human projections that come from the scapegoat mechanism (the sacred). In this sense, it is accurate to say that Christianity is the end of religion because it presents God’s vision instead of man’s (even if we must continually purify our own personal versions of Christianity). This also explains the importance of the Church as a more than a mere human institution but rather divine constituted to propose in every age and every place God as He truly is.

This aspect of the Old Testament becomes clear only after Christ (2 Cor. 3:14-16). removes the veil of misunderstanding, in this case, that is the misunderstanding between the sacred and the divine. On Good Friday, Jesus is condemned as a deceiver of Israel and enemy of God (Dt. 21:23). Yet, on Easter, God vindicates Him with the resurrection of the Just One. The leaders and crowd condemned an innocent man (indeed the most innocent man, the all holy son of God) God, however, does not exact revenge on His Son’s murderers. Rather Father and Son offer forgiveness and mercy for “…they did not know what they were doing” because they were under the sway of the scapegoat mechanism. God takes no part in human violence. This is the true God. Violence is alien to Him.

God bless you,
Father Elias











Cari parrocchiani,

La settimana scorsa ho considerato la relazione tra la violenza e la religione alla luce di una breve sintesi di René Girard. Oggi, continuo con l'analisi della contesa del Papa: "Penso che non è giusto identificare l'Islam con la violenza. Non è giusto e non è vero. Credo che in ogni religione c'è sempre “un piccolo gruppo integralista”.

La dichiarazione è breve e non impedisce in alcun modo rappresentare un insegnamento decisivo del Magistero. È a braccio. Ma diamo un'occhiata a esso comunque. In primo luogo, il Santo Padre crea un uomo di paglia, “l'Islam = violenza”, che egli rifiuta facilmente. O se non c'è qualcuno che letteralmente equiparare l'Islam con la violenza, la maggior parte delle persone probabilmente amano semplicemente per sapere se c'è qualcosa di intrinseco al Islam come una religione - come un insieme di credenze e pratiche in materia di Dio - che rende i musulmani incline al terrorismo o alla violenza. Questo è tanto una domanda ragionevole chiedere come è chiedere se qualsiasi altra religione o, se è per questo, i vari ‘a-teiste’ religioni del mondo moderno (ideologie) e tutte le loro variazioni storiche, che forniscono un set di fede e la pratica della loro versione di 'Dio', li rendono più inclini alla violenza.

Il Papa vuole chiaramente promuovere la pace e quindi vuole evitare un linguaggio incendiario, quindi, l'affermazione altrove che non c'e 'una guerra tra religioni'. Ho troppe cose da dire sul mito della violenza religiosa (che ha plasmato il nostro mondo come una giustificazione per il potere statale) per affrontare il problema qui, ma lo farò in futuro.

Girard dimostra chiaramente nella sua vasta ricerca di un collegamento tra la violenza e la religione. L'origine di Islam come raccontata nel Corano, gli Hadith e altrove ha molti aspetti preoccupanti per quanto riguarda il problema della violenza. Ciò è in netto contrasto con la storia centrale del Vangelo in cui Gesù muore per i peccatori, letteralmente, i suoi nemici e Dio non vendicarsi della razza umana, ma piuttosto offre il perdono e la misericordia. Questo è un punto cruciale che qualsiasi dialogo interculturale onesto deve finalmente affrontare se sarà utile.

Siamo entrati in un'epoca in cui il dialogo significativo e in cerca di verità tra gli esseri umani che hanno differenti visioni di Dio - cristiani e musulmani - ha nuove possibilità e vecchi pericoli. Almeno qui in America, nonostante tutte le correnti della correttezza politica, abbiamo la possibilità di dare un contributo positivo come abbiamo fatto in altri settori. Spero e prego che avremo la possibilità di farlo.

I cristiani hanno bisogno di conoscere e capire il Vangelo in modo che possiamo capire che cosa è in gioco quando i musulmani rifiutano la Trinità, l'Incarnazione del Verbo e della morte espiatoria di Gesù 'sulla croce, che rompe il ciclo del peccato e della violenza e apre la porta alla nostra trasformazione. I cristiani hanno bisogno di capire il valore incommensurabile della libertà umana agli occhi di Dio (perché siamo fatti a sua immagine divina comunione del Padre, del Figlio e dello Spirito).

I musulmani hanno bisogno di noi di essere autentici e fedeli cristiani. Ci hanno bisogno di sfidarli sul loro comprensione di Dio, così come la dignità umana e la libertà (e al suo meglio, essi possono fare lo stesso per noi per aiutare ricordare la trascendenza e la maestà di Dio, la cui legge come Gesù ha spiegato e la Chiesa ci trasmette fedelmente, dobbiamo obbedire, nonostante le nostre opinioni labili o i pregiudizi transitori della nostra società). Può essere solo un 'piccolo gruppo integralista' come il Santo Padre dice che minacciano il mondo, ma può ancora, in questo giorno ed età, distruggere il mondo. Abbiamo molto lavoro da fare.

Corraggio! Gesù ci indica la strada. Egli è con noi, sempre.

Dio vi benedica,
Padre Elias

TWENTY-FIRST SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

Violence, terrorism and religion seem to appear almost daily in the news. Of course, violence is as old as humanity. So, what, if any, relationship, is there between violence and religion? The subject has long interested me, especially as I came into contact with the writings of the great Catholic thinker, René Girard (who died last November).

The question, “what is religion?”, has interested scholars for centuries and human beings for, well, as long as there are human beings. You see, there is no culture without cult, that is, there is no humanity without worship. Only in the modern West has the myth (in the sense of a false story) arisen that it is possible to imagine a nonreligious origin of the human race.

So, what is religion? It seems easy to define in the abstract, but in practice it is less easy. For example, is religion a set of belief and practices concerning God? But many religions are polytheistic (there is no "God") or even a-theistic (in a non-combative sense, but more in a sense that God is beyond human knowing, perhaps it is better to say a-gnostic – no knowledge). Moreover, the term, religion, itself did not fall out of Heaven. It is a term that has been evolving for the centuries. If you are interested, read more about this in the books of William T. Cavanaugh or Rodney Stark.

Girard offers a further insight. He argues that religion emerged in the human evolution to control violence; not by any rational design, but through a spontaneous and unconscious mechanism: the scapegoat. Through scapegoating, and its repetition in ritual sacrifice, the murder of the scapegoat/sacrifice (war of all against one) prevents unlimited violence (the war of all against all).

With the additions of myth (in the sense of an account about the scapegoating event in which the community is exonerated and the scapegoat is believed to truly be guilty) and prohibitions (which discourage the behaviors that lead to violence), human culture emerges for the first time, and the origin of all the major institutions that shape human society is uncovered: they all have their origins in the way in which violence (religion) controls violence (lest violence consumes us totally).

Girard further argues that Biblical religion plays a unique (if not exclusive) role in revealing this connection between violence and religion (as a control on violence). The challenge, which emerges from this KNOWLEDGE about this connection, means that scapegoating mechanism no longer works to protect us from our violence (because we now know what we are doing).

In Girard’s view this is the situation in which we find ourselves. How we got here and what it means follows next week.

God bless you,
Father Elias




Cari parrocchiani,

La violenza, il terrorismo e la religione sembrano apparire quasi quotidianamente nelle notizie. Naturalmente, la violenza è vecchia quanto l'umanità. Allora, che cosa, se c'è, il rapporto, vi è tra la violenza e la religione? L'argomento mi ha molto interessato, tanto più che sono entrato in contatto con gli scritti del grande pensatore cattolico, René Girard (scomparso lo scorso novembre).

Che cosa è la religione? Questa è una domanda che ha preoccupato gli studiosi per secoli e gli esseri umani per, ben, finché ci sono esseri umani. Vedete, non c'è la cultura di culto, cioè non vi è umanità senza culto. Solo nel moderno Occidente, il mito (nel senso di una storia falsa) è sorta in cui è stato possibile immaginare una origine non religiosa del genere umano.

Che cosa è la religione? Sembra facile da definire in astratto, ma in pratica è meno facile. Ad esempio, è la religione un insieme di credenze e di pratiche riguardo a Dio? Ma molte religioni sono politeista (non c'è un "Dio") o addirittura a-tea (in un certo senso non combattivo, ma più in un senso che Dio è al di là del sapere umano, qunidi sarebbe forse meglio dire agnostico - nessuna scienza). Inoltre, il termine, religione, stesso non è caduto dal cielo. Si tratta di un termine che è stato in continua evoluzione nel corso dei secoli. Se siete interessati, saperne di più su questo nei libri di William T. Cavanaugh o Rodney Stark.

Girard offre un ulteriore comprensione circa la natura della religione. Egli sostiene che la religione è emersa nell'evoluzione umana di controllare la violenza. non da un disegno razionale, ma attraverso un meccanismo spontaneo e inconsapevole: il capro espiatorio. Per mezzo del capro espiatorio e la sua ripetizione in sacrificio rituale, l'uccisione del capro espiatorio / sacrificio (la guerra di tutti contro uno) previene la violenza illimitata (la guerra di tutti contro tutti).

Con le aggiunte del mito (nel senso di una racconta sull'evento capro espiatorio in cui la comunità è reso innocente e il capro espiatorio si crede che sia veramente colpevole) e di divieti (che scoraggiano i comportamenti che portano alla violenza), cultura umana emerge per la prima volta e l'origine di tutte le principali istituzioni che plasmano la società umana viene scoperta; tutti hanno la loro origine nel modo in cui la violenza controlla la violenza (per paura che la violenza ci consuma totalmente).

Girard sostiene inoltre che la religione biblica gioca un ruolo unico (se non esclusivo) nel rivelare questa connessione tra la violenza e la religione (come controllo sulla violenza). La sfida, che emerge da questa SCIENZA su questo collegamento, significa che il meccanismo del capro espiatorio non funziona più per proteggerci dalla nostra violenza (perché ora sappiamo quello che facciamo).

In considerazione di Girard questa è la situazione in cui ci troviamo. Come siamo arrivati qui, e che cosa significa, segue la prossima settimana.

Dio vi benedica,
Padre Elias

TWENTIETH SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

I can hardly believe how quickly the summer is passing. School will open in just a little over three weeks after Labor Day weekend. Father Ambros is away on retreat and then goes on summer holiday. Father Gabriel and I will join him in Austria at the end of August for the Solemnity of Saint Augustine when we will be glad to witness two of our confrères profess solemn vows. If all goes as expected, we also look forward to ordinations in the autumn as well.

As of last month we have a new Novice Master in Klosterneuburg, Father Albert Maczka. A priest for over twenty years, Father Albert brings enormous and diverse experience to his new position, having worked in Poland, Austria and Norway. We are very excited about the appointment of Father Albert and expect many great innovations for our novices and juniors (seminarians). May I ask you for your prayers for his success and for vocations to our community? These will be your future priests, or at least, our future confrères. Although God has blessed with our community with priestly vocations, we would be able to do more if there were more of us!

Some of you may know Father Albert as he has visited us on several occasions. He admires greatly the work of the Canons in our parishes and school as well as the quality of our common life in the Canonry of Saint Leopold at Saint Patrick. In fact, he is sending one of our seminarians, Dom Wilhelm, to spend three weeks with us in September.

Dom Wilhelm visited us for the first time this past spring. From Iceland, Dom Wilhelm speaks many languages including English and Italian (he studies in Rome currently). We would like to give him a chance to give a talk or two in Italian. If you have any suggestions, please, let me know as soon as possible! He would like to prepare well. I know you will enjoy getting to know him better.
Father Ignatius just concluded his fourth visit to Glen Cove. He loves the Feast and really enjoys his time here. We are very happy that he feels so at home with us and look forward to his next visit. Please keep him in your prayers as he returns to work in his parish in Korneuburg, across the Danube from Klosterneuburg.

Many of you asked during the Feast if my parents were there. Thank you. It is nice to know that you enjoy their visits as much as I do. They did not come this year, but they are currently visiting in the lull afterwards. I look very much forward to celebrating with them next year their Golden Jubilee of Holy Matrimony.

And finally, speaking of travels – of a sort – this year, the Solemnity of the Assumption of Our Lady is celebrated on Monday. As such, the obligation to attend Mass is abrogated this year. Our parish celebration will be at the 7:30 am Mass as usual. If you cannot make it, please consider attending Mass elsewhere or offering the Holy Rosary to honor the Mother of God.

God bless you,
Father Elias




Cari parrocchiani,

Quasi non riesco a credere quanto velocemente l'estate passa. La scuola inizia in tre settimane dopo il weekend del Labor Day. Padre Ambros prende i suoi esercizi spirituali adesso e poi va in vacanza estiva. Padre Gabriel e io lo incontriamo in Austria alla fine di agosto per la solennità di Sant'Agostino quando ci rallegriamo di vedere due dei nostri confratelli professano i voti solenni. Se tutto va come previsto, non vediamo l'ora di ordinazioni in autunno pure.

A partire dal mese scorso abbiamo un nuovo Maestro dei Novizi a Klosterneuburg, P. Albert Maczka. Un sacerdote per oltre venti anni, P. Albert porta grande e diversificata esperienza per la sua nuova posizione, dopo aver lavorato in Polonia, Austria e Norvegia. Siamo molto soddisfatti con la nomina del P. Albert e ci aspettiamo molti grandi innovazioni per i nostri novizi e juniores (seminaristi). Posso chiedervi di pregare per il suo successo e per le vocazioni per la nostra comunità? Questi saranno i vostri futuri sacerdoti, o almeno, il nostro futuro confratelli. Anche se Dio ha benedetto la nostra comunità con vocazioni sacerdotali, potremmo fare di più, se ci fossero più di noi!

Alcuni di voi sapranno P. Alberto perché egli ci ha visitato in diverse occasioni. Egli ammira notevolmente il lavoro dei canonici nelle nostre parrocchie e nella scuola così come la qualità della nostra vita comune nella Canonica di San Leopoldo a San Patrizio. Egli infatti manda uno dei nostri seminaristi, Dom Wilhelm, per trascorrere tre settimane con noi in settembre.

Dom Wilhelm ci ha fatto visita per la prima volta la scorsa primavera. Dall'Islanda, Dom Wilhelm parla molte lingue tra cui inglese e italiano (studia a Roma al momento). Vorremmo dargli la possibilità di tenere un discorso o due in italiano. Se avete suggerimenti, per favore, me lo faccia sapere al più presto possibile! Vorrebbe preparare bene. So che potrete godere di arrivare a conoscerlo meglio.

Padre Ignazio ha concluso la sua quarta visita a Glen Cove. Egli ama la festa e davvero gode il suo tempo qui. Siamo molto contenti che egli si sente così a casa con noi e non vediamo l'ora alla sua prossima visita. Vi prego di tenerlo nelle vostre preghiere come egli torna a lavorare nella sua parrocchia in Korneuburg, attraverso il Danubio da Klosterneuburg.

Molti di voi hanno chiesto durante la festa se i miei genitori erano lì. Grazie. È bello sapere che tutti voi godere le loro visite tanto quanto me. Non sono venuti quest'anno, ma visitano attualmente nella calma dopo la festa. Non vedo molto l'ora di festeggiare con loro il prossimo anno il loro nozze d'oro.

E, infine, parlando di viaggi - di una sorta - quest'anno, la solennità dell'Assunzione della Madonna viene celebrata il Lunedi. Come tale, l'obbligo di partecipare alla Messa è abrogata quest'anno. La nostra celebrazione parrocchiale sarà presente alla Messa 7:30 come al solito. Se non è possibile di partecipare, perché non frequentate la Messa altrove o che offre il Santo Rosario per onorare la Madre di Dio.

Dio vi benedica,
Padre Elias

NINETEENTH SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners

We have now arrived in the rest, after the Feast of Saint Rocco, the month of August. Thank you to all those who made this year’s feast a success despite the uncooperative weather! In particular, I thank all the volunteers who truly exhibited the spirit of Saint Rocco – cheerful, generous, patient, forbearing and kind to all.

As always, we will review the Feast and make decisions about how to make it better for next year. One of the most important improvements must be the ongoing efforts to make everyone aware and conscious of the fact that the Feast is for the glory of God, the veneration of Saint Rocco and the benefit of the parish. Nothing hurts the Feast more than selfish or unkind conduct. Every year we must remember that every member of the Feast is a representative of Christ. The fact that so many people come to our beloved parish is a golden opportunity to invite them to belong more deeply

Therefore, conflicts among volunteers, rude behavior, unkind words and other sorts of unnecessary expressions of frustrations and anger have no place in the Feast or for that matter, in our parish. I am continually surprised by the bad behavior of parishioners towards one another, the parish staff and sometimes even me. Such behavior is totally inappropriate.

Let me reiterate: if you have a genuine concern, if there is something not working right, or you do not understand something, then first approach the person with whom you have come into conflict in a spirit of good faith – assuming the best intentions of both parties. Pray to God to maintain your cool. Nothing can destroy an attempt to resolve a problem – if there really is one and it is not merely a matter of misunderstanding or miscommunication as it usually is – than allowing the emotions – fear and anger – to override a reasonable and good-willed attempt to reconcile.

Jesus makes abundantly clear in the Gospel of Matthew (18:15-17) how we should address conflict or how we should expect others to address conflict: “If your brother sins [against you], go and tell him his fault between you and him alone. If he listens to you, you have won over your brother. 16 If he does not listen, take one or two others along with you, so that ‘every fact may be established on the testimony of two or three witnesses.’ 17 If he refuses to listen to them, tell the church. If he refuses to listen even to the church, then treat him as you would a Gentile or a tax collector.”

Note well, first, that we should seek to resolve conflict personally and privately. If that fails, then we ask others to help mediate, and finally, and only after those steps have failed, to ask the Church – namely, the pastor or a priest or deacon – to assist in the procession of reconciliation. If we can model this kind of behavior in our parish, you and I will contribute enormously to the credibility of the Gospel in Glen Cove and we will genuinely improve the situation of the world, which is wracked with division, conflict and violence. “Blessed are the peacemakers, for they will be called children of God” (Mt. 5:9). Do we not want this blessing to come among us?

As we go forward with planning for next year, let’s remember that suggestions are better than complaints, kindness better than rudeness and good faith better than bad. We can do many wonderful things together. Let’s also do it in a manner befitting of Christians. Finally, I thank you again for your efforts during the Feast and every day as you give glory to God and honor Saint Rocco whenever you love your fellow parishioners.

God bless you,
Father Elias






Cari parrocchiani,

Siamo arrivati ora nel resto dopo la festa di San Rocco, il mese di agosto. Grazie a tutti coloro che hanno reso festa di quest'anno un successo nonostante il tempo non cooperativo! Vi ringrazio tutti i volontari che veramente hanno esposto lo spirito di San Rocco - allegro, generoso, paziente, magnanimo e gentile con tutti.

Come sempre, ci sarà la revisione della festa e decideremo come migliorare l'anno prossimo. Uno dei miglioramenti più importanti devono essere gli sforzi in corso per rendere tutti consapevoli e coscienti del fatto che la festa è per la gloria di Dio, la venerazione di San Rocco e il beneficio della parrocchia. Niente danneggia la festa più che un comportamento egoistico o scortese. Ogni anno dobbiamo ricordare che ogni membro della Festa è un rappresentante di Cristo. Il fatto che alcune molte persone vengono a nostra amata parrocchia è un'occasione d'oro per invitarli ad appartenere in maniera più profonda. Pertanto, i conflitti tra i volontari, comportamento maleducato, parole scortesi e altri tipi di espressioni inutili delle frustrazioni e della rabbia non hanno posto nella festa o, se è per questo, nella nostra parrocchia. Sono continuamente sorpreso dal comportamento cattivo di parrocchiani uni verso gli altri, il personale della parrocchia e, a volte anche a me. Tale comportamento è del tutto inappropriato.

Permettetemi di ribadire: se si dispone di una preoccupazione genuina, se c'è qualcosa che non funziona bene, o non capire qualcosa, in tal caso, primo di tutto si avvicina alla persona con cui è venuto in conflitto con spirito di buona fede - assumendo le migliori intenzioni di entrambe le parti. Pregate Dio affinché si manterrà la calma. Nulla può distruggere un tentativo di risolvere un problema - se c'è davvero un problema, e non è solo una questione di incomprensione o di cattiva comunicazione, come è di solito – di permettere le emozioni - paura e rabbia - di sovrapporsi un tentativo ragionevole e di buon volontà di conciliare.

Gesù fa abbondantemente chiaro nel Vangelo di Matteo (18,15-17) come dovremmo affrontare un conflitto o come dovremmo aspettarci che gli altri per affrontare il conflitto: “15Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.”

Notate bene, in primo luogo, che dovremmo cercare di risolvere i conflitti personalmente e privatamente. Se non funziona, allora chiediamo ad altri di contribuire a mediare, e, infine, e solo dopo questi passaggi non sono riusciti, a chiedere alla Chiesa - vale a dire, il parroco o un prete o un diacono - per assistere alla processione della riconciliazione.

Se potremo modellare questo tipo di comportamento nella nostra parrocchia, contribuiremo enormemente alla credibilità del Vangelo a Glen Cove e miglioreremo davvero la situazione del mondo, che è devastata con la divisione, il conflitto e la violenza. "Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio" (Mt 5, 9). Non vogliamo questa benedizione a venire in mezzo a noi?

Mentre andiamo avanti con la pianificazione per il prossimo anno, ricordiamo che i suggerimenti sono meglio di reclami, la gentilezza meglio di maleducazione e buona fede meglio di male. Possiamo fare molte cose meravigliose insieme. Facciamolo anche in un modo che ci si addice come cristiani.

Vi ringrazio tutti ancora una volta per i vostri sforzi durante la festa e di tutti i giorni come voi glorificate Dio, venerate San Rocco ogni volta che amate i vostri compagni parrocchiani

Dio vi benedica,
Padre Elias

THIRTEENTH SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

Many priests celebrate their anniversaries of ordination in June. Bishop Murphy just ordained new priests this weekend: welcome new laborers in the Lord's Vineyard. Father Daniel just celebrated 19 years of priestly service a little over a week ago, and my brother, Father Richard Carr, just celebrated 15 years of service. Hence, this is a season of cele- brations of priestly ministry, especially tied to the devotion to the Sacred Heart of Jesus in the month of June. I am away this weekend to celebrate 40 years of priestly service of my friend, Father Aldo Tapparo.

I met Father Aldo in 1998 when I undertook a summer assignment in his parish, the Church of the Immaculate Conception, in Bicester, Oxford- shire. I subsequently served at the parish as a Deacon during Christmas, Holy Week and Easter. Finally, Father Aldo came to America for my ordination on May 15, 1999, and preached at my first Mass at the Shrine of the Immaculate Conception on May 16th. Father Aldo is one of my most important examples of priesthood. I had the opportunity to observe his priestly style by living with him. His patience and kindness to all who called upon him impresses me to this day, and I have tried to imitate his example. Father Aldo's story is truly moving.

As a boy, he and his brother decided to start to going to Mass even though his Italian father was a non-practicing Catholic and his mother was a member of the Church of England. As a young man, he entered the Hospitaller Order of St John of God, a community of brothers dedicated to the care of the sick and the needy. Brother Agnellus as he was called in those days, was trained in nursing and exhibited a strong work ethic. He quickly rose in the ranks of the leadership of the community. At a certain point, a decision was made to send him to studies for the priesthood. As an order of brothers, men were occasionally sent, as the order needed, for training as priests. During that time at the seminary, Brother Agnellus recognized a call to serve as a priest working in parishes, something he could not do as a brother. With the appropriate permissions and dispensa- tions, he transferred to the Archdiocese of Birmingham and was ordained in 1976.

When I met Father Aldo, he was already a priest for over twenty years. His wisdom and experience made him a wonderful man, a true Christian and a dedicated priest. I was very blessed to meet him at a critical moment in my own vocation. When I came to Bicester in July 1998, I had serious doubts about my vocation. My third year of theology had been disappointing in many ways and the future looked dim to me as well. I was resentful about many things, opportunities to which I thought I had a right -- I see this differently now, of course -- and about which I felt that I had been un- justly denied. This anger infected my soul and threatened to kill my voca- tion. My diaconate ordination loomed in the near future, in October 1998, and I wasn't sure whether I wished to proceed.

God in His Mercy sent me to the place I needed to go: to Father Aldo. His good cheer, love for God and His people, his love of the Sacred Liturgy and music, his love of the Catholic Church and its traditions and its treasures, his enjoyment of the pleasures of good company and friendship, stories and tales, humor and joy won me back to God. When I returned to Rome, I acknowledged to myself, thanks to the help of another great priest friend, that I had really gotten my priorities wrong. With this con- version, I was able to embrace my fourth year in Rome as a Deacon with kindness and generosity to my fellow seminarians, and joyful anticipation of my own ordination to the priesthood God works through us. If we allow Him, the good fruits of the Spirit -
- love, joy, peace, forbearance, kindness, goodness, faithful- ness, gentleness and self-control -- can be harvested by those with whom we share our lives. This is how the world changes. This is the good each one of us can do.

Finally, in closing, I want to say on behalf of the parishioners of Saint Saint Rocco, a heartfelt thank you to Matilde Zozzaro! May you enjoy your well earned retirement. Ad multos annos.

God bless you,
Father Elias











Cari parrocchiani,

Molti preti celebrano i lori anniversari di ordinazione nel mese di giugno. Il Vescovo Mons. Murphy ha ordinato appena nuovi sacerdoti questa fine settimana: Benvenuti ai nuovi operai nella vigna del Signore. Padre Daniel ha appena commemorato 19 anni di servizio sacerdotale poco più di una settimana fa, e mio fratello, Padre Richard Carr, ha appena festeggiato 15 anni di servizio. Quindi, questa è una stagione di celebrazioni del ministero sacerdotale, in particolare legata alla devozione al Sacro Cuore di Gesù nel mese di giugno. Io sono via questa fine settimana per celebrare i 40 anni di servizio sacerdotale del mio amico, padre Aldo Tapparo.

Ho incontrato padre Aldo nel 1998, quando ho intrapreso un incarico estivo nella sua parrocchia, la Chiesa dell'Immacolata Concezione, a Bicester, nell'Oxfordshire. Successivamente ho servito presso la parrocchia come diacono durante Natale, la Settimana Santa e Pasqua. Infine, padre Aldo è venuto negli Stati Uniti per la mia ordinazione il 15 maggio 1999 e ha predicato alla mia prima Messa nel Santuario dell'Immacolata Concezione il 16 maggio. Padre Aldo è uno dei miei più importanti esempi di sacerdozio. Ho avuto l'opportunità di osservare il suo stile sacerdotale, quando vivevo con lui. La sua pazienza e la sua gentilezza su tutti quelli che hanno chiamato lui mi ha impressionato fino ad oggi, Io ho cercato di imitare il suo esempio. La storia di padre Aldo è davvero commovente.

Quando era un ragazzo, lui e suo fratello hanno deciso di iniziare ad andare alla Messa, anche se il padre italiano era un cattolico non praticante e sua madre era un membro della Chiesa d'Inghilterra. Come giovane, è entrato nel Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio, una comunità di fratelli dedicati alla cura dei malati e dei bisognosi. Fratello Agnello come veniva chiamato in quei giorni, è stato addestrato in scienze infermieristiche ed ha esibito una forte etica del lavoro. Lui rapidamente ha raggiunto nei ranghi della guida della comunità. A un certo punto, una decisiona e stata presa di mandarlo agli studi per il sacerdozio. Come un ordine di fratelli, a volte gli uomini sono stati inviati, dove l'ordine aveva la necessità, per la formazione dei sacerdoti. Durante quel periodo in seminario, il fratello Agnello aveva riconosciuto una chiamata a servire come un prete per lavorare nelle parrocchie, cosa che non poteva fare come un fratello. Con le autorizzazioni appropriate e dispense necessarie, si è trasferito a dell'arcidiocesi di Birmingham ed è stato ordinato nel 1976.

Quando ho incontrato Padre Aldo, era già un sacerdote per oltre venti anni. La sua saggezza ed esperienza lo rese un uomo meraviglioso, un vero cristiano e un sacerdote dedicato. Sono stato molto fortunato di incontralo in un momento critico della mia vocazione. Quando sono arrivato a Bicester nel luglio 1998, ho avuto seri dubbi sulla mia vocazione. Il mio terzo anno di teologia era stato deludente in molti modi e il futuro mi sembrava scuro. Io ero risentito di molte cose, per le opportunità a cui io pensavo di avere un diritto - ora io vedo queste cose in modo diverso, naturalmente - e cui ho sentito che ero stato ingiustamente negato. Questa rabbia aveva infettato la mia anima e ha minacciato di uccidere la mia vocazione. La mia ordinazione diaconale incombeva in un futuro prossimo, nel mese di ottobre del 1998, e non ero sicuro se volevo procedere.

Dio nella sua misericordia mi ha mandato da Padre Aldo un luogo dove avevo bisogno di andare. Il suo buon umore, l'amore per Dio e il suo popolo, il suo amore per la Sacra Liturgia e la musica, il suo amore per la Chiesa cattolica le sue tradizioni e i suoi tesori, il suo godimento dei piaceri della buona compagnia e di amicizia, storie e racconti, umorismo e gioia mi hanno conquistato di nuovo a Dio. Quando tornai a Roma, ho riconosciuto me stesso grazie all'aiuto di un altro grande amico sacerdote, Io veramente avevo avuto le mie priorità sbagliata. Con questa conversione, Ho potuto abbracciare il mio quarto anno a Roma come diacono con gentilezza e generosità ai miei compagni seminaristi, e con anticipazione gioiosa della mia ordinazione sacerdotale.

Dio opera attraverso di noi. Se noi permettiamo a Lui, i buoni frutti dello Spririto-amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza e dominio di sé - possono essere raccolte da coloro con i quali condividiamo la nostra vita. Questo è il modo in cui il mondo cambia. Questo è il bene che ognuno di noi può fare. Infine, in chiusura, voglio dire a nome dei parrocchiani di San Rocco, un sentito ringraziamento a Matilde Zozzaro! Che tu possa godere la vostra meritata pensione. Ad multos annos.

Dio vi benedica,
Padre Elias

Twelveth SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

Happy Fathers’ Day! In comparison with Mothers’ Day, Fathers’ Day gets short shrift. It’s easy to explain on one level. School is done. Children have time in May to prepare Mother’s Day artwork or cards, but Father’s Day get forgotten because the year is come to a swift end. All Saints, for example, closes on June 21st. But there are other reasons too, deeper reasons. Fatherhood is in a state of confusion, which, of course, is a consequence of the confusion about sexuality and gender that pervades postmodern Western society.

We arrive with these issues at the heart of many of the matters, which deeply divide our country. What once seemed clear, even if it was not always fair, has, in the course of my lifetime, been turned upside down This inversion leaves – I am willing to argue – everyone disoriented. It leads to constant anxiety about how men and women should get one with each other, about how children and adults should get one with each other, and on how we treat one another. It’s a kind of background radiation that isn’t healthy for anyone.

Sadly, there is no easy way out of this situation. It will take a lot of time for us to figure out how to manage our day-to-day affairs as well as on broader social issues. But, we are not without the possibility to do something in our own little part of the world.

We begin with ourselves – as an embodied person – male or female – recognizing the gift that biology offers us as well as the deeper spiritual gifts that God gives to us as men and women. Yes, I realize that some people today do not believe this anymore. They believe that there are not only male and female but rather a seemingly limitless possibility to define oneself as one wishes without having to recognize the constraints of biology.

At any given moment in our lives, we are confronted with limitations starting with time and space. Biology also imposes limitations on what we can do and cannot do. When we seek to recognize these limitation, understand and embrace them, we might be able to transcend some of them, specifically those limits we create in our head. I think of athletes, for example, who recognize what their bodies can do, and by learning and by training, through great discipline and sacrifice, they discover they can do more than they had initially thought. But even then, there are still limits on the body, even after further manipulation and medicine.

Is this limitation bad? Some people clearly think so. But what if we accept the limitations of this life in order to obtain a life without limitation? I refer to Divine Life – the Abundant Life that God wishes to share with us. We are not yet capable of this because our hearts are too small; we are too weighed down by selfishness; and we pursue happiness in the wrong places. What if the limitations we experience – including that of being male or female – is part of our salvation and sanctification and part of the death that must come before our resurrection?

If we look at our embodied life as a positive limit on the ego – on the will to power (libido dominandi) – that characterizes our society in which all things and persons can be exploited for the pleasure of the self – we will take an enormous step forward in our spiritual journey, with dramatically positive consequences for human race and all of creation.

Men and women give gifts to each other in marriage – becoming husbands and wives, and through their intimate exchange of love and life, becoming fathers and mothers. As Christians, we propose this message to bring clarity to the confusion of our day. Happy Father’s Day!

God bless you,
Father Elias




Cari parrocchiani,

Buona festa del Padre! In confronto alla festa delle Madri, la festa del padre ottiene poca attenzione. È facile da spiegare su un unico livello: la scuola è finita. I bambini hanno il tempo a maggio per preparare opere d'arte o le carte per la mamma, ma la festa del padri è dimenticata, perché l'anno scolastico è finito. All Saints, per esempio, finisce il 21 giugno.

Ma ci sono anche altre motivi, ragioni più profonde. La paternità è in uno stato di confusione, che, naturalmente, è un’altra causa alla confusione sulla sessualità e sul genere che pervade la società occidentale postmoderna. Con questi temi noi arriviamo al centro di molte delle questioni che dividono profondamente il nostro Paese. Quello che una volta sembrava chiaro, anche se non era sempre giusta nel corso della mia vita, è stata capovolta.

Questa inversione lascia - ed io sono disposto a discutere - tutti disorientati. Essa conduce ad una costante ansia su come gli uomini e le donne dovrebbero avere uno con l'altro, su come i bambini e gli adulti dovrebbero avere uno con l'altro, e il modo in cui trattiamo l'un l'altro. Si tratta di un tipo di radiazione di fondo che non è saluta per chiunque Purtroppo, non esiste alcun modo facile per uscire da questa situazione.

Ci vorrà un sacco di tempo per noi per capire su come gestire i nostri affari quotidiani, così come le questioni sociali più ampie. Ma non siamo senza la possibilità di fare qualcosa nella nostra piccola parte del mondo. Cominciamo con noi stessi – come una persona incarnata - maschio o femmina - riconoscendo il dono che la biologia ci offre, così come i più profondi doni spirituali che Dio dà a noi come uomini e donne. Sì, mi rendo conto che molte persone oggi non lo locredono ancora. Essi credono che ci sono solo il maschio e la femmina, ma piuttosto una possibilità apparentemente illimitata di definire se stessi come si desidera, senza dover riconoscere le costrizioni della biologia.

In ogni momento della nostra vita, ci troviamo di fronte a limitazioni che iniziano con il tempo e lo spazio. Biologia impone anche dei limiti su quello che si può fare e non si può fare. Quando cerchiamo di riconoscere questi limiti, di capire e di accoglierle, potremmo superare alcuni di loro, in particolare quei limiti che creiamo nella nostra testa. Penso che degli atleti, per esempio, che riconoscono quello che i loro corpi possono fare, e con l'apprendimento e di formazione, attraverso la grande disciplina e sacrificio, scoprono che possono fare più di quello che avevano inizialmente pensato. Ma anche allora, ci sono ancora dei limiti sul corpo, anche dopo più manipolazione e la medicina.

È questa limitazione è male? Alcune persone pensano chiaramente così. Ma cosa succede se abbiamo accettato i limiti di questa vita alla fine di accogliere una vita senza limitazioni? Mi riferisco alla vita divina - la vita abbondante che Dio vuole condividere con noi. Non siamo neppure capace di questo perché i nostri cuori sono troppo piccoli; noi siamo troppo appesantiti da egoismo; e cerchiamo la felicità nei posti sbagliati. Che cosa succede se le limitazioni che sperimentiamo - tra cui quella di essere maschio o femmina – che è parte della nostra salvezza della nostra santificazione e parte della morte che deve venire prima della nostra risurrezione?

Se guardiamo la nostra vita incarnata come un limite positivo sull'ego - sulla volontà di potenza (libido dominandi) che caratterizza la nostra società in cui tutte le cose e le persone possono essere sfruttate per il piacere del sé - faremo un enorme passo avanti nel nostro cammino spirituale con conseguenze drammaticamente positive per il genere umano e tutta la creazione .

Gli uomini e le donne fanno regali a vicenda nel matrimonio – diventano mariti e mogli, e tra loro lo scambio intimo di amore e di vita, diventano padri e madri. Come cristiani, vi proponiamo questo messaggio per portare chiarezza alla confusione dei nostri giorni. Buona Festa del Padre!

Dio vi benedica,
Padre Elias

ELEVENTH SUNDAY IN ORDINAY TIME
Dear Parishioners,

On June 22, in just a couple weeks, Father Daniel and I celebrate five years in Glen Cove. Father Gabriel is just shy of four years and Father Ambros almost two. On June 22, 2011 the Canons Regular of Saint Augustine of Stift Klosterneuburg assumed pastoral care for Saint Rocco and Saint Patrick and established a dependency of Klosterneuburg under the name, “Canonry of Saint Leopold”. Despite our five years in Glen Cove, our name, our vocation and our profiles remains a mys- tery to some. Today, I hope to clarify them.

Canon, from the Greek, kanon – meaning ‘rule’ – entered Latin, and was applied to a priest who lives by a rule, hence, a canonicus. Priests, who live under the Rule of Saint Augustine, are called ‘Canons Regular of Saint Augustine’. Admittedly, its awkward in English. In German, we are called ‘Augustiner Chorherren’, namely, ‘Augustinian Canons’.

Our form of canonical life emerged in great reforms of the 11th and 12th Centuries. The reformed canonical life drew its inspira- tions from the primitive Church in Jerusalem and the example of the Apostles, who held ‘all things in common’. Thus, we are reli- gious priests, who profess vows of obedience, chastity and common property without private property. Each member contributes to the wellbeing of the whole, and whole cares for each member.

We hold all things in common as members of the Chapter, the governing body of the community. Every solemnly pro- fessed member is a Capitular. Everyone has a right to attend the chapter, to vote, to discuss matters and to hold offices in the community Our Chapter is a concrete form of democracy that has been practice for well over a millennium. At least twice a year we are called to attend the Chapter. While the business of a Chapter varies, generally, we address financial matters in November and vote on candidates for temporary and final vows in May. Extraordinary Chapters also happen, for example, last December, we when re-elected the Provost as the Superior of our community.

In Glen Cove, we also have a Superior. Our Abbot Bern- hard appointed Father Daniel to this position in 2011. We have a local superior who conducts our relationship with the Bishop of Rockville Centre. Father Daniel moderates the life of the Canonry of Saint Leopold, including making assign- ments. Of course, he does so in consultation with the Provost and with each Canon.

The Bishop of Rockville Centre appoints all the Canons to their offices here in Glen Cove. Each of us has his mandate from Bishop Murphy to serve as either pastor or parochial vicar. The Canons serve at the pleasure of the Bishop of Rockville Centre. Should the new Bishop decide he preferred to staff these parishes (and the school) with Diocesan priests or priests from another religious com- munity, he would be well within his rights, even if the details of such a transition is governed in part by an agreement between the diocese and the Canons As Canons of Klosterneuburg, we represent a noble tradi- tion of pastoral care of parishes (and schools) in Austria. We are proud to continue this work in Glen Cove.

God bless you,
Father Elias

Cari parrocchiani,

Il 22 giugno, in appena un paio di settimane, padre Daniel e io celebriamo cinque anni a Glen Cove. Padre Gabriel è qui quattro anni e padre Ambros quasi due. Il 22 giugno 2011, i Canonici Regolari di Sant'Agostino di Stift Klosterneuburg hanno assunto la cura pastorale per San Rocco e per San Patrizio e hanno stabilito una dipendenza di Klosterneuburg con il nome di "Canonica di San Leopoldo". Nonostante i nostri cinque anni a Glen Cove, il nostro nome, la nostra vocazione, e il nostro profilo rimangono un mistero per alcuni. Oggi, spero di chiarirli. Canonico, dal greco, kanon - che significa 'regola' - è entrato nella lingua latina, ed è stato applicato a un prete che vive secondo una regola, quindi, un canonicus. I sacerdoti, che vivono sotto la Regola di Sant'Agostino, si chiamano 'Canonici Regolari di Sant'Agostino'. Certo, è imbarazzante in inglese. In tedesco, siamo chiamati 'Augustiner Chorherren', vale a dire, 'Canonici Agostiniani.

La nostra forma di vita canonica emerse nelle grandi riforme dei secoli 11 ° e 12 °. La vita canonica riformata ha tratto le sue ispirazioni dalla Chiesa primitiva di Gerusalemme e l'esempio degli Apostoli, che ha tenuto 'tutte le cose in comune'. Così, siamo sacerdoti religiosi, che professano i voti di obbedienza, castità e la proprietà comune senza proprietà privata. Ogni membro contribuisce al benessere del tutto, e il tutto si prende cura di ogni membro. Noi riteniamo tutte le cose in comune, come membri del Capitolo, il corpo governativo della comunità. Ogni membro di professione solenne è un Capitolare. Ognuno ha il diritto di partecipare al capitolo, al voto, e per discutere questioni e di tenere gli uffici nella comunità. Il nostro Capitolo è una forma concreta di democrazia che è stata in pratica per oltre un millennio. Almeno due volte l'anno siamo chiamati a partecipare al Capitolo. Mentre l'attività di un capitolo varia, generalmente, affrontiamo questioni finanziarie nel mese di novembre e votiamo i candidati per i voti temporanei e finali nel mese di maggio. I capitoli straordinari anche accadono, per esempio, lo scorso dicembre, quando abbiamo ri-eletto il prevosto come il Superiore della nostra comunità.

A Glen Cove, abbiamo anche un Superiore. Il nostro abate Bernhard ha nominato padre Daniel a questa posizione nel 2011. Abbiamo un superiore locale che conduce il nostro rapporto con il vescovo di Rockville Centre. Padre Daniel modera la vita della Canonica di San Leopoldo, tra cui comprese le assegnazioni. Certo,

lui lo fa in consultazione con il prevosto e con ogni Canonico Il Vescovo di Rockville Centre nomina tutti i canonici per i lori uffici qui a Glen Cove. Ognuno di noi ha il suo mandato dal Vescovo Murphy per servire sia come pastore o vicario parrocchiale. I canonici servono al piacere del Vescovo di Rockville Centre. Se il nuovo Vescovo decide che preferisce mandare a queste parrocchie (e la scuola) sacerdoti diocesani o sacerdoti da un'altra comunità religiosa, egli farebbe bene nel suo diritto, anche se i dettagli di una tale transizione è regolata in parte da un accordo tra la diocesi e canonici. Come Canonici di Klosterneuburg, rappresentiamo una nobile tradizione di cura pastorale delle parrocchie (e scuole) in Austria. Siamo orgogliosi di continuare questo lavoro a Glen Cove entrando nel nostro sesto anno.

Dio vi benedica,
Padre Elias


The Tenth Sunday In Ordinary Time

Dear Parishioners,

Summer is certainly upon us, which means that the Feast will arrive in less than two months. There is much to prepare and as always, the parish needs everyone’s support. You will see at the Masses in the coming weeks Feast Volunteers wishing to recruit new Volunteers. You don’t need to spend six days volunteering. If you can give a couple hours on a couple days, which would already be an enormous help.

We will soon have the One Parish App, which will allow us to connect with parishioners via Smartphones and other devices. This will be a great tool to help us keep people up to date about schedules and activities. Of course, I understand, that this sort of technology is not used by many of the parishioners, which is the reason we still have other forms of communication: the bulletin, for instance, and the website.

Generally inquiries to the parish can also be made via email, saintroc cochurch@gmail.com, which goes to the office and which I review.I have also listed a personal email address, pastorstrocco@gmail.com, for those who will to contact me directly. Email is a reliable way to find me wherever I am. Email is best used for requesting meetings, so that we can meet in personal or talk over the phone.
I am happy to meet most days (except Thursdays) and am avail- able also when I am working in the school (generally, 7:30 am – 2:30 pm). Meetings are also possible on some weeknights, Saturday mornings or other times as warranted. The other priests, Deacon John and other staff have also published email address to help set up meetings.

Yes, I realize that some people don’t use email. That’s why we also keep generous hours for the parish office in which one can call and make inquiries. If you have an urgent need to contact me, pleaLast weekend I mentioned at a couple of the Masses the possibil- ity that next year we could have a Corpus Christi procession. In order to do this, we need to establish a committee to organize this major undertaking and we need someone or two people to guide the com- mittee. There are many sides to a Corpus Christi celebration and I would like to do it, provided there is enough help. If you are inter- ested, please contact me. I would like the committee to be in place by September. se call me at All Saints at the above hours, 516-676-0762. With respect to the office staff, we will see some changes. At the end of June, Matilde Zozzaro will go into retirement after many years of excellent service. She is not leaving Saint Rocco. We will con tinue to see her and enjoy her company. We have hired Connie Pedi to become the new Office Assistant. Please introduce yourself to her so she can come to know our parishioners quickly. The office staff endeavors to provide cheerful and efficient service to you, the parish- ioners. I am proud of them and their good work.

This leads me to conclude, that I am open to new ideas and new initiatives for the parish as well as better ways of conducting our mis- sion as articulated in the new Mission Statement. But I cannot do any of this alone. I want to rise up other leaders in our community. God has given each of us gifts for service to our parish. What are yours? What can you share with us? What do you imagine we can accom- plish if we trust in these gifts and put them to good use?
God bless you,
Father Elias





Cari parrocchiani,

L’estate è certamente arrivata, il che significa che la festa arriverà in meno di due mesi. C'è molto da preparare e, come sempre, la parrocchia ha bisogno di sostegno di tutti. Vedrete che nelle messe delle prossime settimane i volontari della festa, vogliono reclutare nuovi volontari. Non è necessario fare volontariato per sei giorni. Se si può dare un paio d'ore in un paio di giorni, che sarebbe già un enorme aiuto. Presto avremo la "One Parish App", che ci permetterà di connettarci con i parrocchiani tramite Smartphone e altri dispositivi. Questo sarà un grande strumento per aiutare le persone a mantenere aggornati su orari e attività.

Naturalmente, capisco che questo tipo di tecnologia non è utilizzato da molti dei parrocchiani, che è il motivo per cui abbiamo ancora altre forme di comunicazione: bollettino, per esempio, e il sito web. General mente indagini della parrocchia possono essere effettuate anche via e-mail, saintroccochurch@gmail.com, che va in ufficio e che io rivedo. Ho anche elencato un indirizzoe mail personale, pastorstrocco@gmail.com, per coloro che vogliono contattarmi direttamente. La posta elettronica è un modo affidabile per trovare me ovunque io sia. La posta elettronica è meglio utilizzata per gli incontri che richiedono, in modo che possiamo incontrarci personalmente o parlare al telefono. Io sono contento di potervi incontrare quasi tutti i giorni (tranne il giovedì) e sono disponibile anche quando sto alla scuola (in genere, 7:30- 14:30). Le riunioni sono possibili anche in alcune serate durante la settimana, il sabato mattina o altre volte è possibile. Anche gli altri sacerdoti, il diacono John e gli altri del personale hanno pubblicato l'indirizzo e-mail per aiutare a chiedere delle riunioni. Sì, mi rendo conto che alcune persone non usano la posta elettronica. È per questo che anche a mantenere orario più lungo nell’ufficio parrocchiale in cui si può chiamare e informarsi. Se avete un urgente bisogno di contatarmi, vi prego di chiamarmi ’All’ Saints nelle ore che abbiamo detto prima a questo numero, 516-676-0762.

Per quanto riguarda il personale dell'ufficio, vedremo alcuni cambiamenti. Alla fine di giugno, Matilde Zozzaro andrà in pensione dopo molti anni di servizio eccellente. Non lascia San Rocco. Noi continueremo a vederla e avere sua compagnia. Abbiamo assunto Connie Pedi a diventare la nuova Assistente nell’ Ufficio. Vi prego di presentarvi a lei in modo che possa venire a conoscere i nostri parrocchiani rapidamente. Il personale dell'ufficio cerca di fornire un servizio efficiente e allegro a voi, parrocchiani. Sono orgoglioso di loro e il loro buon lavoro. Lo scorsa fine settimana ho spiegato in un paio di messe la possibilità che il prossimo anno potremmo avere una processione del Corpus Domini. Per fare questo, abbiamo bisogno di istituire un comitato per organizzare questo importante impegno e abbiamo bisogno di qualcuno o due persone per guidare il comitato. Ci sono molti aspetti di una festa del Corpus Domini e vorrei farlo, purché ci sia abbastanza aiuto. Se siete interessati, vi prego di contattarmi. Vorrei che il comitato sia pronto in settembre.

Questo vi dice che io sono aperto a nuove idee e iniziative per la parrocchia e con migliori modi a condurre la nostra missione come articolato nella nuova dichiarazione di missione. Ma non posso fare nulla di tutto questo da solo. Io voglio far sorgere altri leader nella nostra comunità. Dio ha dato a ciascuno di noi doni per il servizio alla nostra parrocchia Quali sono le tue? Che cosa si può condividere con noi? Che cosa s’immagina che possiamo realizzare se abbiamo fiducia in questi doni e metterli a buon uso?

Dio vi benedica,
Padre Elias


SUNDAY, MAY 29, 2016: MOST HOLY BODY AND BLOOD OF CHRIST
Dear Parishioners,

We celebrate today the Solemnity of Corpus Christi, the Body of Christ -- Christ's Eucharistic Body and also His Mys- tical Body. By our baptism and our faith, we become members of Christ's Mystical Body, connecting us to God and to one another through time and space and beyond. Therefore, each one of us is called to make Christ present in the world, today.

In order to do that, Christ gives us the Sacraments, especially the Blessed Sacrament, so that we can become what we receive: we can become Christ. Last weekend we celebrated the First Holy Communions of forty children at two Sunday Masses. Every year we assess religious education to seek bet- ter ways to do that. We are now undertaking that process.

Christ not only gives us Himself, but He also gives us the Church to help us in our task to make Him present. Our parish is our Eucharistic community where we worship God and He shares His life with us.

One expression of our common life together as a parish is the parish planning process. The Committee has worked very hard analyzing the data from the surveys to shape the report. The Committee is ready to present a new parish mission state- ment that succinctly encapsulates what makes St Rocco a unique parish. I have asked them to present to the parish.

In conversation with the Finance Council, I want to inform you that we are undertaking a number of projects in the com- ing weeks and months to beautify our campus and make re- pairs now that winter is over. Also, I expect that the project to shift the altar two feet and add a platform and steps should be done before July. This will add versatility to our sanctuary and allows more possibilities for the Sacred Liturgy. The pro- ject is a gift to the parish. The same donor has also commis- sioned new pillows for the altar rail.

The Pastoral Council also recently met to discuss a variety of issues, many of them in conjunction with the Parish Plan- ning Process. One theme that emerged repeatedly is the need for us as a parish to change our parish ethos. There is just too much suspicion and bad faith that poisons the many good things we do as a parish; too much negativity and too much gossiping. We need to be better to each other, kinder, more respectful, less aggressive or easily aggrieved. I ask each one of us to find ways in which we can be a more authentic community of disciples. We need to remember that when we come together as Catholics, we should leave behind the world and its ways of abuse and exploitation and inconsideration and discourtesy. We should draw our strength from God and one another so that we can transform the world, making it more as it ought be and not allowing it to disfigure us.

God bless you,
Father Elias








Cari parrocchiani,

Celebriamo oggi la solennità del Corpus Domini, il Corpo di Cristo - Corpo eucaristico di Cristo, e anche il suo Corpo mistico. Con il nostro battesimo e la nostra fede, diventiamo membri del Corpo mistico di Cristo, che ci collega a Dio e l'un l'altro attraverso il tempo e lo spazio e oltre. Pertanto, ognuno di noi oggi, è chiamato a rendere presente Cristo nel mondo.

Per fare questo, Cristo ci dona i sacramenti, in particolare il Santissimo Sacramento, in modo che possiamo diventare ciò che riceviamo: possiamo diventare Cristo. La scorsa fine settimana abbiamo celebrato la prima Santa Comunione di quaranta bambini in due Messe domenicali. Ogni anno valutiamo l'educazione religiosa a cercare modi migliori per farlo. Intraprendiamo attualmente quel processo. Cristo non solo ci dà se stesso, ma ci dà anche la Chiesa per aiutarci nel nostro compito di renderlo presente. La nostra parrocchia è la nostra comunità eucaristica in cui adoriamo Dio ed Egli condivide la sua vita con noi.

Una espressione della nostra vita comune insieme come una parrocchia è il processo di pianificazione della parrocchia. Il Comitato ha lavorato molto duramente per analizzare i dati provenienti dai sondaggi per modellare il rapporto. Il Comitato è pronto a presentare un nuovo mandato della missione parrocchiale che racchiude sinteticamente ciò che rende San Rocco una parrocchia unica. Ho chiesto loro di presentarli alla parrocchia. Nella conversazione con il Consiglio delle Finanza, voglio informarvi che iniziamo una serie di progetti nelle prossime settimane e mesi per abbellire il nostro campus e per fare le riparazioni ora che l'inverno è finito. Inoltre, mi aspetto che il progetto di spostare l’altare due piedi ed aggiungere una piattaforma e passaggi dovrebbe essere fatto prima di luglio. Questo aggiungerà versatilità al nostro santuario e permetterà più possibilità per la Sacra Liturgia. Il progetto è stato donato alla parrocchia. Lo stesso donatore ha inoltre commissionato nuovi cuscini per la balaustra.

Il Consiglio Pastorale recentemente si sono incontrati per discutere una serie di questioni, molti dei quali in concomitanza con il processo di pianificazione parrocchiale. Un tema che è emerso più volte è la necessità per noi come una parrocchia di cambiare la nostra filosofia della parrocchia. C'è solo troppo sospetto e malafede che avvelena le molte cose buone che facciamo come una parrocchia; troppa negatività e troppo pettegolezzi.

Abbiamo bisogno di essere meglio con gli uni e gli altri, più gentili, più rispettosi, meno aggressivo o facilmente lesa. Chiedo a ognuno di noi di trovare il modo in cui possiamo essere una comunità più autentica di discepoli. Dobbiamo ricordare che quando ci riuniamo come cattolici, dobbiamo lasciare dietro il mondo ei suoi modi di abuso, sfruttamento, inconsideration e scortesia. Dobbiamo trarre la nostra forza da Dio e l'uno dall'altro, affinché possiamo trasformare il mondo e renderlo più come dovrebbe essere e non permettere il mondo a deformarci.

Dio vi benedica,
Padre Elias



SUNDAY, APRIL 10, 2016: THIRD SUNDAY OF EASTER
Dear Parishioners,

On Easter Sunday the Church lost one of her greatest living servants, Mother Angelica. Although she had been hidden from the world for more than a decade on account of her stroke, her influ- ence will live on for years to come thanks to her visionary media apostolate, which not only include the Eternal Word Television Network but also print and radio in America and through the world.

In my opinion, Mother Angelica is one of the greatest figures in the history of the Catholic Church in the United States whose amazing personal story has inspired many people including me. If she had only founded a Poor Clare monastery in Alabama in a time when there were few Catholics in the South, she would already be an extraordinary woman. But she did so much more! She trusted so confidently in God that she did truly astounding things.

I think one of her most important contributions was to let many ordinary Catholic laypeople that their understanding of the Catho- lic Faith was not wrong even if they were told it was. She com- forted many Catholics who felt very lost in the decades following the Second Vatican Council. The tumultuous period of social changes in the Sixties and Seventies left many people uncertain about the Church and her teachings on faith and morals. In those days, for example, there was no Catechism of the Catholic Church (which only appeared in 1992!). Liturgical experimentation and yes, liturgical abuse, seemed to diminish the holiness of the Mass and the Sacraments. To many, who had once seen the Church as a bedrock and foundation that helped one to make good decisions in a complicated world, it then seemed like the Church had lost her confidence and no longer knew her purpose.

Mother Angelica, it seems to me, showed particular compassion for these Catholics through her patient and humorous explanations of the faith on her television show and through the programming on EWTN. I know that my Mom very much appreciated Mother Angelica’s efforts when she returned to the practice of the Catholic faith in the late Eighties after about twenty years away from the Church.

As far as I am concerned, Mother Angelica is a saint. She was not perfect. She did not always explain things or speak in the most felicitous manner, but it was clear that her heart moved her in her intense love for God to action. She is a true daughter of the Church in her heroic efforts to spread the Gospel by the modern means and moreover, she gave a compelling witness of faith in the face of human suffering. Like the soon to be canonized Mother Teresa, who suffered much from the purification that comes in the spiritual life, and St John Paul II who maintained his human dignity in the face of illness and dying until he went to God in 2005, Mother Angelica’s own personal sanctification in the midst of suffering gives an example that invite us in the midst of suffering – spiritual, emotional and physical – to embrace the Cross for our own sancti- ficati
on and for the salvation of the world.

I hope I will be alive when Mother Angelica is canonized. If not, I hope that I will be able to meet her in Heaven and thank her for all that she has done for the Catholic Church, and through the Church, for the entire human race and then we will laugh a lot together because of God’s goodness.

God bless you,
Father Elias


Cari parrocchiani,

La Domenica di Pasqua la Chiesa ha perso uno dei suoi più grandi servitori di vita, Madre Angelica. Anche se lei era stata nascosta dal mondo per più di un decennio a causa della sua malattia, la sua influenza continuerà a vivere in noi per anni a venire grazie al suo visionario apostolato mass-media, che comprendono non solo l’Eternal Word Television Network, ma anche la stampa e la radio in America e nel mondo.

A mio parere, Madre Angelica è una delle più grandi figure della storia della Chiesa cattolica negli Stati Uniti la cui straordinaria storia personale ha ispirato molte persone me compreso. Se lei aveva fondato solo un monastero delle Clarisse in Alabama in un momento in cui ci sono stati pochi cattolici nel Sud, lei sarebbe già una donna straordinaria. Ma lei ha fatto molto di più! Aveva fiducia con tanta sicurezza in Dio, che ha fatto delle cose davvero sorprendenti.

Credo che uno dei suoi contributi più importanti sia stato quello di lasciare molti ordinari laici cattolici che la loro comprensione della fede cattolica non era male, anche se è stato detto che era. Ha confortato molti cattolici che si sono sentiti molto perso nei decenni dopo il Concilio Vaticano II. Il periodo tumultuoso di cambiamenti sociali negli anni Sessanta e Settanta ha lasciato molte persone incerte sulla Chiesa ei suoi insegnamenti sulla fede e sulla morale. In quei giorni, per esempio, non c'era nessun Catechismo della Chiesa Cattolica (che è apparso solo nel 1992!). La sperimentazione liturgica, e sì, gli abusi liturgici, sembravano diminuire la santità della Messa e dei sacramenti. A molti, che una volta aveva visto la Chiesa come una roccia e fondamento che ha contribuito a uno a prendere le decisioni giuste in un mondo complicato, poi sembrava che la Chiesa aveva perso la fiducia e non più conosceva il suo scopo.

Madre Angelica, mi sembra, ha mostrato particolare compassione per questi cattolici attraverso le sue spiegazioni pazienti e divertenti della fede per il suo programma televisivo e attraverso la programmazione su EWTN. So che la mia mamma ha molto apprezzata gli sforzi di Madre Angelica quando lei è tornata alla pratica della fede cattolica alla fine degli anni Ottanta, dopo circa venti anni di distanza dalla Chiesa.

Per quanto mi riguarda Madre Angelica è una santa. Lei non era perfetta. Non spiegava sempre le cose, o parlava nel modo più felice, ma era chiaro che il suo cuore si spostava all'azione a causa del suo intenso amore per Dio. Lei è una vera figlia della Chiesa nei suoi eroici sforzi per diffondere il Vangelo con i mezzi moderni, e per di più, ha dato una testimonianza convincente della fede di fronte alla sofferenza umana. Come presto per essere canonizzata Madre Teresa, che aveva sofferto molto a causa della purificazione che arriva nella vita spirituale, e San Giovanni Paolo II, che ha mantenuto la sua dignità umana di fronte alla malattia e morte fino a quando è andato a Dio nel 2005, la santificazione propria personale in mezzo alla sofferenza di Madre Angelica dà un esempio che ci invita nel mezzo alla sofferenza - spirituale, emozionale e corporale - ad abbracciare la croce per la nostra santificazione e per la salvezza del mondo.

Spero che vivrò a vedere che Madre Angelica è canonizzata. In caso contrario, spero che possa incontrarla in cielo e la ringrazio per tutto quello che ha fatto per la Chiesa cattolica, e attraverso la Chiesa, per l'intera razza umana, e poi rideremo molto insieme a causa della bontà di Dio.

Dio vi benedica,
Padre Elias



SECOND SUNDAY OF EASTER OR DIVINE MERCY
Dear Parishioners,

Happy Easter! We now rejoice in the fifty days of Easter culminating in the celebration of Pentecost. I invite anyone who has not communicated with the parish planning committee to please do so! Your participation is very important to us all since our future depends on all of us growing together in love and mutual support.

Low Sunday (or White Sunday) – the close of the Octave of Easter – has recently gained a new name: “Divine Mercy Sunday”. This name derives from the approved private revelations of St. Faustina. These private revelations places strong emphasis on the mercy of God in all phases of one’s spiritual life, especially when one finds him or herself far from God, for whatever reason. No matter how far we feel we are – God is always close to us. He never abandons us and he is with us right to the end of our life. There is always hope! This is the message of Divine Mercy.

As it is Jubilee Year of Mercy and Divine Mercy Sunday, it is most fitting that we have welcomed our newest statue in the church – the image of Jesus as Divine Mercy – this weekend. From His pierced heart comes water and blood – the signs of baptism which restores us to our dignity as God’s children and of the Holy Eucharist, which as St Augustine teaches us is the unique food that makes us like it – that is like God – rather that it becoming like us. As baptism starts this process of transformation, which we call our sanctification, i.e., being made holy/whole, the Holy Eucharist nourishes us so that we have the faith, hope and love to stay on this path.

Next month our parish will celebrate First Holy Communions. The children made their first confessions just before Easter and many, it should be noted, also returned to the Sacrament, sometimes after decades, in part because of Father Gabriel’s article on confession. The response has truly humbled him and indeed all of us.

These children will take their next step in their personal relationship with Jesus Christ on May 22nd, the Solemnity of the Blessed Trinity at the Masses at 10:15 am and 11:30 am. These steps – the frequent celebration of the Sacraments of Confession and Communion, not only benefit them but indeed the entire human race. How?

Whenever a Christian takes his or her call to follow Christ seriously, the world is transformed. You and I have the power – and indeed the right – to change our lives when we permit God to change us (I don’t have the right to run someone else’s life, but I do have the right and the responsibility to change mine).

God will not change us – heal us and make us whole – unless we allow Him to do so. Our freedom is too precious to God. Indeed, He values it much more it we often do. God made us free because there is only love when there is true freedom – the capacity to choose the good for the sake of the other beyond the good of one’s own. Since God is love, God is also freedom.

He made us free; this also explains His incredible patience with the human race and its failings. He wants us to awaken to our dignity and His goodness. He will willing to wait and even willing to make up for our sins through Jesus’ death on the Cross, so that when the New Creation begins, all just claims against us and our lack of love will be settled and forgiven. Mercy is never cheap! Like grace, someone pays. God has paid for us so that the entire human race might receive a new beginning.

God bless you,
Father Elias





Cari parrocchiani,

Buona Pasqua! Ora rallegriamo nei cinquanta giorni di Pasqua che culmina nella celebrazione della Pentecoste. Invito tutti coloro che non ha comunicato con il comitato di pianificazione parrocchiale, vi prego, di farlo! La vostra partecipazione è molto importante per tutti noi, perché il nostro futuro ci impone di crescere insieme nell'amore e nel sostegno reciproco. Domenica in Albis (o Domenica bianco) - la chiusura dell’ottava di Pasqua - ha recentemente acquisito un nuovo nome:

"Domenica della Divina Misericordia". Questo nome deriva dalle rivelazioni private approvate di Santa Faustina. Queste rivelazioni private pone un forte accento sulla misericordia di Dio in tutte le fasi della propria vita spirituale, soprattutto quando sia lui o lei stessa si trova lontano da Dio, per qualsiasi motivo. Non importa quanto ci sentiamo - Dio è sempre vicino a noi. Non ci abbandona mai e lui è con noi fino alla fine della nostra vita. C'è sempre speranza! Questo è il messaggio della Divina Misericordia.

Com’è l’anno Giubilare della Misericordia e la Domenica della Divina Misericordia, è più conveniente che abbiamo accolto la nostra nuova statua nella chiesa - l'immagine di Gesù come Divina Misericordia- questa fine settimana. Dal suo cuore trafitto, l'acqua e il sangue escono - i segni del battesimo, che ci restituisce alla nostra dignità di figli di Dio e della Santa Eucaristia, che, come Sant'Agostino ci insegna è l’unico cibo che ci rende simili - che è come Dio - piuttosto che diventa come noi. Come il battesimo avvia questo processo di trasformazione, che noi chiamiamo la nostra santificazione, cioè, di essere fatto santo/sano/intero, la Santa Eucaristia ci nutre in modo che abbiamo la fede, la speranza e l'amore per rimanere su questa strada.

Il mese prossimo la nostra parrocchia celebrerà la Prima Comunione. I bambini hanno già fatto le loro prime confessioni appena prima di Pasqua e molti, va notato, anche sono tornati al Sacramento, a volte dopo decenni, in parte a causa di un articolo sulla confessione di Padre Gabriel. La risposta ha veramente umiliato lui e anche tutti noi. Questi bambini prenderanno il loro prossimo passo nel loro rapporto personale con Gesù Cristo il 22 maggio, la Solennità della Santissima Trinità nelle Messe alle 10:15 e 11:30. Questi passaggi - la frequente celebrazione dei Sacramenti della Confessione e della Comunione, non solo beneficio loro, ma in realtà l'intero genere umano. Come? Ogni volta che un cristiano prende la sua chiamata a seguire seriamente Cristo, il mondo si trasforma. Tu ed io abbiamo il potere - e, in effetti, il diritto - di cambiare la nostra vita quando permettiamo a Dio di cambiare noi (non ho il diritto di eseguire la vita di qualcun altro, ma ho il diritto e la responsabilità di cambiare il mia).

Dio non cambierà noi - per guarirci e per santificarci - se non permettiamo a Lui di farlo. La nostra libertà è troppo preziosa per Dio. In effetti, ha valori molto più che facciamo spesso. Dio ci ha fatto liberi perché l'amore deve essere libero - la capacità di scegliere il bene per il bene degli altri di là del bene della propria. Perché Dio è amore, Dio è anche la libertà.

Egli ci ha fatto di essere liberi; questo spiega anche la sua incredibile pazienza con il genere umano e le sue mancanze. Egli ci vuole risvegliare la nostra dignità e la sua bontà. Egli sarà disposto ad aspettare e anche disposto a dare il massimo per i nostri peccati attraverso la morte di Gesù sulla croce, in modo che quando inizia la Nuova Creazione, tutto solo crediti nei confronti di noi e la nostra mancanza di amore saranno regolati e perdonati. La misericordia è mai a buon mercato! Come la grazia, qualcuno paga. Dio ha pagato per noi, in modo che l'intero genere umano potrebbe ricevere un nuovo inizio.

Dio vi benedica,

Padre Elias


SUNDAY, FEBRUARY 21, 2016: SECOND SUNDAY OF LENT


Dear Parishioners,

This Lent we have a very special opportunity as a parish to grow in love of God and neighbor. This is the parish planning process, which I introduced back in December as part of our observance of the Jubilee of Mercy.
Mercy is neither cheap nor easy. Often it is wrongly considered a sign of weakness. On the contrary, mercy is the sign of the greatest strength because it indicates a willingness and intention to make peace by means of forgiveness and reconciliation. It takes a deeply heroic person to make peace because this almost always requires the ugly work of dealing with anger, fear, hatred, injustices, deep wounds, trau- mas, conflict and misunderstandings. And who wants to add more of these to his or her life?

The works of mercy are many and diverse but I believe reconcilia- tion is one of the most important. Reconciliation is ultimately about peace making, removing obstacles and barriers in the circulation of love, which every human being needs, and which the Church in a pre- eminent way is called to model for the human race. Charles Taylor, a Canadian Catholic philosopher, described the Church in her essence as a “network of charity”. When we sin, we harm the network. We weaken or even break that bonds the bind us to one another and to God. Reconciliation helps to mend or restore what sin has damaged. But this is not easy to do. In his Letter to Colossians (1:20), St Paul describes Jesus’ mission of reconciliation as ‘making peace through the blood of his Cross.’ This means if we want to be merciful, if we want to share in Christ’s mission, which Paul goes on to explain is what suffering means (cf. Col. 1:24), we must ready ourselves to be uncomfortable and even to put up with unpleasant or undesirable people, situations and experi- ences so as to help transport them to reconciliation.

I see reconciliation as a vital part of our parish planning process. Our parish was born out of pain and anger from the way some Catho- lics had treated other Catholics because of cultural, linguistic and class differences. This traumatic origin still affects our parish, manifested in fear. I refer, for example, to the occasional appearance of suspicions about our relationship to Saint Patrick. Assuming the worst of others – or ‘bad faith’ as it is sometimes called – is not only an attitude foreign to the Gospel, but also a really unhappy way to be. It may be under- standable given the origins of our parish, but it not longer has any rele- vance to our parish today.

Therefore, I hope we can use the parish planning process as a way to address deep-seated fears about the parish, about its future and its finances. Right now we all have the opportunity to participate in the parish survey (which will be continue to be distributed through next weekend), which allows you to express your hopes and dreams for our parish. Furthermore, please, let the committee know who you are by filling out the first section of the survey! In a democratic society, we all have the right to express our opinions and be heard. Moreover, the commit- tee members want to make themselves available to have follow-up, personal conversation to gain a better understanding of your com- ments. I would hope that sometimes difficult and uncomfortable con- versations would be a chance to clarify – that is bring to light – those misunderstandings which block full, active and conscious participation in our the life of our parish.

The survey and the parish planning process constitute an attempt to transform our parish ethos and culture. We want everyone to feel that his or her contribution is wanted and valuable. Therefore, even when we disagree – and there are always differences in any group – we want to do so with kindness and respect. Once you have completed your survey, please return it to the box in the vestibule of the church. The surveys are available in English and Italian. Please take time to fill it out because the information is invalu- able to all of us. Your participation matters!

It is wonderful to receive mercy because it gives us the chance to start anew, but the way there can be uncomfortable, unpleasant and very hard. That’s why only one who loves greatly can show mercy. That infinite love is always available from God and has been made known to us in the suffering of Jesus, Our Savior. Next Friday evening, February 26th at 7 pm in the Madonna Room we will all have a mar- velous opportunity to delve more deeply into the Passion (suffering) of Jesus through the presentation on the Shroud of Turin. Please invite everyone you know to attend. No Stations of the Cross are scheduled in the church that evening so that everyone can come to this moving event.

God bless,
Father Elias





Cari parrocchiani,

Questa Quaresima abbiamo una speciale opportunità come parrocchia a crescere nell'amore di Dio e del prossimo. Questo è il processo di pianificazione della parrocchia, che ho presentato nel mese di dicembre come parte della nostra osservanza del Giubileo della Misericordia. La Misericordia non è né gratis né facile. Spesso è erroneamente considerata un segno di debolezza. Al contrario, la misericordia è il segno della grande forza perché indica la volontà e l'intenzione di fare la pace per mezzo di perdono e di riconciliazione. Ci vuole una persona profondamente eroica a fare la pace, perché questo richiede quasi sempre il brutto lavoro di trattare con la rabbia, la paura, l'odio, ingiustizie, ferite profonde, traumi, i conflitti e le incomprensioni. E chi vuole aggiungere più di questi per la sua vita?

Le opere di misericordia sono molte e diverse, ma credo che la riconciliazione sia una dei più importanti. La riconciliazione è nelle ultime analisi, a fare la pace, rimuovendo gli ostacoli e le barriere nella circolazione d'amore, di cui ogni essere umano ha bisogno, e che la Chiesa in maniera eminente è chiamata a manifestare per la razza umana. Charles Taylor, un filosofo cattolico canadese, ha descritto la Chiesa nella sua essenza come una "rete di carità".

Quando noi pecchiamo, noi danneggiamo la rete. Indeboliamo e anche spezziamo i legami che ci legano gli uni agli altri e a Dio. La riconciliazione aiuta a riparare o ripristinare ciò che il peccato ha danneggiato. Ma questo non è facile da fare. Nella Lettera ai Colossesi (1,20), San Paolo descrive la missione di riconciliazione di Gesù come ‘rappacificando con il sangue della sua croce’. Ciò significa che se vogliamo essere misericordiosi, se vogliamo partecipare alla missione di Cristo, che Paolo continua a spiegare ciò che è 'sofferenza' significa (cfr. Col. 1,24), che noi stessi dobbiamo essere pronti al disagio e anche sopportare le persone, situazioni ed esperienze spiacevoli e indesiderabili, in modo da aiutarli a trasportarli alla riconciliazione. Vedo la riconciliazione come una parte vitale del nostro processo di pianificazione della parrocchia. La nostra parrocchia è nata da dolore e rabbia a causa del modo in cui alcuni cattolici avevano trattato altri cattolici a causa delle differenze culturali, linguistiche e di classe. Quest’origine traumatica influisce sulla nostra parrocchia ancora, che si manifesta nella paura. Mi riferisco, per esempio, alla comparsa occasionale di sospetti sul nostro rapporto con San Patrizio. Supponendo che il peggiore degli altri – o la 'malafede' come a volte si chiama - non è solo un atteggiamento straniero al Vangelo, ma anche un modo davvero infelice di essere. Può essere comprensibile date le origini della nostra parrocchia, ma non ha più alcuna rilevanza per la nostra parrocchia oggi.

Pertanto, spero che possiamo usare il processo di pianificazione della parrocchia come un modo per affrontare le paure profonde circa la parrocchia, sul suo futuro e sulle sue finanze. In questo momento tutti noi abbiamo la possibilità di partecipare al sondaggio parrocchiale (che continueranno a essere distribuiti attraverso il prossimo fine settimana), che consente di esprimere le vostre speranze e sogni per la nostra parrocchia. Inoltre, per favore, lasciate al comitato di sapere chi siete! Potete fare questo quando si completa la prima sezione del sondaggio. In una società democratica, tutti noi abbiamo il diritto di esprimere le nostre opinioni ed essere ascoltati. Inoltre, i membri del comitato vogliono mettersi a disposizione per avere un colloquio personale per ottenere una migliore comprensione dei vostri commenti. Vorrei sperare che le conversazioni a volte difficili e scomode sarebbero la possibilità di chiarire - cioè, portare alla luce - quelle incomprensioni che impediscono la partecipazione piena, effettiva e consapevole nella nostra vita della nostra parrocchia.

Dopo aver completato il sondaggio, vi prego di consegnarlo alla casella nel vestibolo della chiesa. I sondaggi sono disponibili in inglese e in italiano. Vi prego di prendere tempo per compilarlo perché l'informazione è preziosa per tutti noi. La vostra partecipazione conta molta! È meraviglioso di ricevere misericordia perché ci dà la possibilità di iniziare di nuovo, ma la via per arrivare può essere scomoda, sgradevole e molta dura. Ecco perché solo uno che ama molto può mostrare misericordia. Quest’amore infinito è sempre disponibile da Dio ed è stato dichiarato a noi nella sofferenza di Gesù, nostro Salvatore. Il prossimo venerdì, 26 febbraio alle 19:00 nella camera della Madonna ci sarà una meravigliosa opportunità di approfondire più a fondo nella passione (sofferenza) di Gesù attraverso la presentazione sulla Sindone di Torino. Vi prego di invitare tutti quelli che conoscete a partecipare.
La Via Crucis non è in programma questa sera, affinché tutti possano facilmente partecipare a questo evento emozionante.

Dio vi benedica,
Padre Elias


SUNDAY, FEBRUARY 14, 2016: FIRST SUNDAY OF LENT
Dear Parishioners,

The entire meaning of the first part of Lent can be well summarized in the command to “repent!” Repentance not only refers to the those practices which we associate with Lent, namely, prayer, fasting and alms-giving, all of which are important and useful, but more deeply to the re- orientation of our lives. The Trappist monk, Father Tho- mas Keating describes “repentance” as Jesus’ call to “change the direction in which you are looking for happi- ness”. He adds that this implies that we are now looking in the wrong place for happiness, and will never find God in those places. Lent, therefore, is the opportunity to dis- cover the path to true happiness: dedication to the spiritual journey.

This Lent, therefore, we ought to ask ourselves hon- estly whether we are on the spiritual journey, or whether we are stuck in harmful and hurtful self-defeating cycles of poor choices and false consciousness. This Sunday’s Gospel presents Jesus’ victory over the temptations that manifest our false choices for happiness: the search for security and control, for esteem and prestige, and for pleasure and affection. Notice that none of these things in themselves are bad. We need them and we should enjoy them but in the right measure, which is not possible as long as we have not undertaken the spiritual journey.

Are we on the spiritual journey? Are we willing to rec- ognize the hidden drives for control, prestige and praise that shape our relationships and choices to detriment of all? Are we willing to humble ourselves before the truth that as long as these drives control us, we will fall into cycles of addiction and compulsive behaviors that aim but never succeed in compensating for the fact that we do not ever achieve the security, affection and esteem we desire? As these compulsions are frustrated, they inevitably and easily give rise to the capital sins (i.e., pride, avarice, lust, envy, gluttony, anger, and sloth) that poison our relationships. Lent is the privileged moment not only to ask these tough questions, but also to embrace the chance to address them.
Naturally, there are many sound ways to go on the spiritual journey and the Church offers us many possibilities. I would like to propose just one about which I have written before and wish to commend to you again:
Centering Prayer.
Since the seminar last September, a small but faithful group gathers weekly to support and encourage each other in this practice as a way of going on the spiritual journey.
The group now meets at 10 am on Saturdays in the St Theresa Room in the Convent at Saint Patrick.
My hope is to be able to sometimes pray with the group whenever my schedule permits.
Centering prayer is a classical Christian spiritual practice that emphasizes the purification of intention.
As one starts, one consents to the presence and action of the Holy Spirit, whom we have all received in Baptism and Confirmation.
Then one introduces a sacred word as a symbol and sign of one’s intention to belong completely to God.
The sacred word is not important in itself. It is merely a way of reaffirming one’s intention to consent to the presence and action of the Holy Spirit, who is healing us and making us whole/holy (which is what salvation means).
The prayer lasts from fifteen to thirty minutes depending on one’s capacity.
When one first starts, fifteen minutes will seem very long!
During the prayer, one learns not to worry about thoughts, feelings, images, etc. because this is not Eastern mediation that seeks to quiet the mind.
Whereas those forms of meditation focus on the attention whereas centering prayer – since it a prayer and not meditation per se – is focused on intention, on my intention to belong wholly to the God, who has revealed Himself in and through Jesus, His Son, and through their Spirit.
It’s Lent! It’s time for all of us to repent. Our Lord urges us to change the direction in which we are looking for happiness. Perhaps you too will find that Centering Prayer is a great way to do this.

God bless,
Father Elias





Cari parrocchiani,
L'intero significato della prima parte della Quaresima può essere ben sintetizzato nel comando a "pentirsi!" Il pentimento non si riferisce solo quelle pratiche che noi associamo con la Quaresima, vale a dire, la preghiera, il digiuno e l'elemosina, che sono tutti importanti e utili, ma più profondamente per il riorientamento della nostra vita. Il monaco trappista, Padre Thomas Keating descrive "pentimento" come la chiamata di Gesù 'di "cambiare la direzione in cui si cerca la felicità". Egli aggiunge che questo implica che non vediamo l'ora nel posto sbagliato per la felicità, e non potrà mai trovare Dio in quei luoghi. Quaresima, quindi, è l'occasione per scoprire il cammino della vera felicità: la dedizione al cammino spirituale. Questa Quaresima, dunque, dobbiamo chiederci onestamente se siamo sul cammino spirituale, o se siamo bloccati in cicli nocivi e dannosi autodistruttivi di scelte sbagliate e di falsa coscienza.

Il Vangelo di questa Domenica propone la vittoria di Gesù sopra le tentazioni che si manifestano con le nostre false scelte per la felicità: la ricerca di sicurezza e di controllo, per la stima e prestigio, e per piacere e affetto. Notate che nessuna di queste cose in se stesse sono cattive. Abbiamo bisogno di loro e dovremmo goderne, ma nella giusta misura, che non è possibile fino a quando non abbiamo intrapreso il cammino spirituale.

Siamo sul cammino spirituale? Siamo disposti a riconoscere le compulsioni nascosti per il controllo, il prestigio e la lode che plasmano i nostri rapporti e le scelte a discapito di tutti? Siamo disposti a umiliarci davanti alla verità che finché queste compulsioni ci controllano, cadremo in cicli di dipendenza e comportamenti compulsivi che mirano, ma non riusciranno mai, a compensare il fatto che non abbiamo mai raggiunto la sicurezza, affetto e stima che desideriamo? Poiché queste compulsioni sono frustrate, inevitabilmente e facilmente causano i peccati capitali (vale a dire, l'orgoglio, l'avarizia, lussuria, invidia, gola, ira e accidia) che avvelenano i rapporti umani.

La Quaresima è il momento privilegiato non solo per chiedere queste domande difficili, ma anche di abbracciare la possibilità di affrontarle. Naturalmente, ci sono molti modi sani per andare sul cammino spirituale e la Chiesa ci offre molte possibilità. Vorrei proporre una sola di cui ho scritto prima e desidero di raccomandare a voi ancora una volta: la preghiera di centratura (che si può fare senza parlare una parola d’inglese!). Da quando il seminario lo scorso settembre, un piccolo ma fedele gruppo si riunisce ogni settimana per sostenere e incoraggiare l'un l'altro in questa pratica come un modo di andare sul cammino spirituale. Il gruppo si riunisce adesso alle ore 10 di sabato nella sala di S. Teresa nel convento di San Patrizio. La mia speranza è di poter pregare a volte con il gruppo ogni volta che il mio programma lo permette.

La preghiera di centratura è una pratica spirituale cristiana classica che enfatizza la purificazione delle intenzioni. Per iniziare, acconsente alla presenza e l'azione dello Spirito Santo, che noi tutti abbiamo ricevuto nel Battesimo e nella Cresima. Avanti introduci una parola sacra come un simbolo e segno della tua intenzione di appartenere completamente a Dio. La parola sacra non è importante in sé. Si tratta semplicemente di un modo di riaffermare l'intenzione di acconsentire alla presenza e l'azione dello Spirito Santo, che ti guarisce e ti fa intero / santo (che è ciò che la salvezza significa).

La preghiera dura da quindici a trenta minuti secondo la propria capacità. Al primo avvio della pratica, un quarto d'ora può sembrare molto lungo! Durante la preghiera, si impara a non preoccuparsi di pensieri, sentimenti, immagini, ecc. perché questa non è la mediazione orientale che cerca di calmare la mente. Considerando che tali forme della meditazione mettono a fuoco attenzione, la preghiera di centratura - perché è una preghiera, e non è meditazione di per sé - è focalizzata sull’intenzione, sulla mia intenzione di appartenere totalmente al Dio, che si è rivelato in e attraverso Gesù, Suo Figlio, e attraverso il loro spirito.
È Quaresima! È il momento per tutti noi di pentirsi. Il Signore ci spinge a cambiare la direzione in cui si cerca la felicità. Forse anche voi troverete che la preghiera di centratura è un ottimo modo per fare questo.

Dio vi benedica,
Padre Elias

SUNDAY, JANUARY 17, 2016: SECOND SUNDAY IN ORDINARY TIME

SUNDAY, JANUARY 10, 2016: THE BAPTISM OF THE LORD

Dear Parishioners,
I wish you all healthy and happiness in 2016! My year started off with the flu, so I am
hoping for health and happiness too! We have a lot of exciting things coming up.
First, we started “Vatican Two (Re)views” on Tuesday eve- nings at 7:30 pm in the Parish Center.
This coming week Fa- ther Gabriel will present a summary of the history of the ses- sions of the
Council with an overview of the sixteen documents of the Council.
Next weekend, the Society of Saint Vincent de Paul will present to Saint Patrick and Saint Rocco
the possibility of start- ing anew the Conference for Glen Cove. The previous Confer-
ence ran into a number of challenges, which have been re-
solved, and now, during the Year of Mercy, it seems opportune to inquire among the faithful whether
there is an interest to care for Christ in the destitute through spiritual and corporal works of
mercy. If you are interested, you can learn more about the Society at an informational meeting on
Thursday, January 14th at 7:30 pm at the Parish Center of St Rocco. The conference leader can be
reached by email at gcsvdp@gmail.com or by leaving a telephone message at Saint Rocco or Saint
Patrick.
Also, I want to encourage you to be praying for the Parish Planning Process and look forward to the
opportunities, which the committee puts forth for your participation.
Finally, I would like to thank those who helped make the Christmas celebrations special this year.
In particular, I would like to highlight the exceptional Christmas Concert, which Maureen put
together. The program was outstanding and im- pressive. I print it here for your
consideration. I was truly moved by the scope and variety of Christmas music and look forward to
other concerts, which showcase the musical patri- mony of our Church.
Children
Light One Candle Alma Redemptoris Dormi, Dormi
The Friendly Beasts
Ding Dong
Violins
Lo, How a Rose
The Holly and the Ivy What Child is This Bring a Torch
Voices of Angels O Come, Divine Messiah
Jesu Redemptor Huron Carol Gesù Bambino
Gaudete
In the Bleak Midwinter

Cantors - Michael, Cloe, Morgan Mille Cherubini,
El Cant dels Ocells, El Noi,
Il est Ne,
La Marche des Rois, In Notte Placida,
Good King Wenceslas
Finale (everyone) – O Little Town, Boar’s Head Carol, Si- lent Night, Tu Scendi Dalle Stelle.

God bless,
Father Elias




Cari parrocchiani,
Vi auguro buona salute e felicità nel 2016! Il mio anno è iniziato con l'influenza, così anche
spero per la salute e la felicità! Abbiamo un sacco di cose interessanti in arrivo.
In primo luogo, abbiamo iniziato "Vaticano II (Re)viste" martedì sera alle 19:30 presso il Centro
Parrocchiale. La prossima settimana Padre Gabriel presenterà una sintesi della storia delle
sessioni del Consiglio con una panoramica dei sedici documenti del Consiglio.
La prossima fine settimana, la Società di San Vincenzo di Paolo presenterà a San Patrizio e
San Rocco la possibilità di iniziare di nuovo la Conferenza a Glen Cove. La conferenza
precedente ha incontrato una serie di sfide, che sono state risolte e
ora, durante l'Anno della Misericordia, mi sembra opportuno informarsi tra i fedeli se vi è un
interesse di prendersi cura di Cristo nei bisogni attraverso opere di misericordia , spirituali e
corporali. Se volete participare, potete imparare di più sulla Società alla riunione
Giovedì 14 Gennaio alle 19:30 nel centro parrocchiale di San Rocco. Vi Potete mettere in contatto
con il coordinatore della conferenza tramite una email gcsvdp@gmail.com oppure lasciando un
messaggio telefonico all’uffico parrocchiale di San Rocco o San Patrizio.
Inoltre, voglio incoraggiarvi a pregare per il Processo di Pianificazione Parrocchiale e a guardare
avanti per le opportunità che il comitato mette d’avanti per la vostra partecipazione. Infine,
vorrei ringraziare chi ha contribuito a rendere speciale la festa di Natale di quest'anno. In
particolare, vorrei sottolineare l’eccezionale Concerto di Natale, che Maureen aveva organizzato.
Il programma è stato eccezionale e impressionante.
Elenco il programma qui per la vostra considerazione. Ero veramente commosso dalla portata e la
varietà e la musica di Natale e aspettiamo per altri concerti, che mettono in risalto il
patrimonio musicale della nostra Chiesa.
Bambini
Light One Candle Alma Redemptoris Dormi, Dormi
The Friendly Beasts
Ding Dong
Violini
Lo, How a Rose
The Holly and the Ivy What Child is This Bring a Torch
Voices of Angels
O Virgin Pure
O Come, Divine Messiah
Jesu Redemptor Huron Carol Gesù Bambino Gaudete
In the Bleak Midwinter

Cantori - Michael, Cloe, Morgan Mille Cherubini,
El Cant dels Ocells, El Noi,
Il est Ne,
La Marche des Rois, In Notte Placida,
Good King Wenceslas
Finale (tutti) – O Little Town, Boar’s Head Carol, Silent
Night, Tu Scendi Dalle Stelle

Dio vi benedica,
Padre Elias


 





2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011

back to main page