Why veil the cross and other images during Passiontide?
It has been the custom of the Roman Church, at least in modern times (we mean from the 17th Century forward), to veil the crosses and the images of the saints from the 5th Sunday of Lent until Easter. This has been, and ought to continue to be, one of the defining characteristics of the season of Passiontide – a season which, if after the postconciliar liturgical reforms lost in name, need not be lost in spirit.
Still in many churches throughout the West, crosses and statues are veiled now and will remain veiled for two full weeks. The Catholic Encyclopedia describes this custom as follows: “Before Vespers of Saturday preceding Passion Sunday [i.e. the 5th Sunday of Lent] the crosses, statues, and pictures of our Lord and of the saints on the altar and throughout the church, with the sole exception of the crosses and pictures of the Way of the Cross, are to be covered with a violet veil, not translucent, nor in any way ornamented. The crosses remain covered until after the solemn denudation of the principal crucifix on Good Friday. The statues and pictures retain their covering, no matter what feast may occur, until the Gloria in Excelsis of Holy Saturday.” However, it is noted that the statue of St. Joseph may remain uncovered, if outside the sanctuary, during the month of March, which is dedicated to his honor.
Of course, this practice is no longer mandatory in the Novus Ordo, but it is certainly permitted. However, if the custom is to return to popularity, it will be necessary to come to some understanding of the meaning behind the veiling. Why does the Church veil the cross in these final days of Lent, a time when she is most intent on meditating upon the Lord's dolorous passion?

The Mystical Interpretation
Abbot Gueranger enlightens us with a mystical interpretation of the Gospel which, in former times, was read on this Sunday: As Christ hid himself from the rage of the Jewish authorities (John 8:59), so now he is hidden from the world in preparation for the mysteries of his passion.
“The presentiment of that awful hour [of our Savior’s passion] leads the afflicted mother [the Church] to veil the image of her Jesus: the cross is hidden from the eyes of the faithful. The statues of the saints, too, are covered; for it is but just that, if the glory of the Master be eclipsed, the servant should not appear.
“The interpreters of the liturgy tell us that this ceremony of veiling the crucifix during Passiontide, expresses the humiliation to which our Savior subjected Himself, of hiding Himself when the Jews threatened to stone Him, as is related in the Gospel of Passion Sunday [John 8:46-59, They took up stones therefore to cast at him. But Jesus hid himself, and went out of the temple (John 8:59)]. The Church begins this solemn rite with the Vespers of the Saturday before Passion Sunday.”


The Spiritual Interpretation
Dom Gueranger continues and directs us to acts of devotion for the Cross: “Twice during the course of the year, that is, on the feasts of its Invention and Exaltation, this sacred Wood will be offered to us that we may honour it as the trophy of our Jesus’ victory; but now, it speaks to us but of His sufferings, it brings with it no other idea but that of His humiliation.”
Considering that, in the season of our Lord’s passion, all the strength of our devotion should be directed to the Cross of Christ, we may be surprised that the images of the Cross are to be covered in these days. However, when we recognize that we now venerate the Cross not so much as an emblem of victory (as in the Triumph of the Cross) but as an instrument of humiliation and suffering, we will soon understand the spiritual realities which are conveyed through the covering of the crosses.
In his passion, our Savior’s divinity was almost totally eclipsed, so great was his suffering. Likewise, even his humanity was obscured – so much so that he could say through his prophet: I am a worm and no man (Psalm 21:7). His face and whole body were so disfigured by the blows and scourges that our Jesus was scarcely recognizable! Thus, the wounds he endured hid both is divinity and his humanity. For this reason we veil the crosses in these final days of Lent – hiding our Savior under the sad purple cloth.


The Historical Interpretation
We will reproduce here the historical study offered by Fr. Edward McNamara, professor of liturgy at the Regina Apostolorum Pontifical University (taken from Zenit):
“It probably derives from a custom, noted in Germany from the ninth century, of extending a large cloth before the altar from the beginning of Lent. This cloth, called the ‘Hungertuch’ (hunger cloth), hid the altar entirely from the faithful during Lent and was not removed until during the reading of the Passion on Holy Wednesday at the words ‘the veil of the temple was rent in two.’
“Some authors say there was a practical reason for this practice insofar as the often-illiterate faithful needed a way to know it was Lent. Others, however, maintain that it was a remnant of the ancient practice of public penance in which the penitents were ritually expelled from the church at the beginning of Lent. After the ritual of public penance fell into disuse — but the entire congregation symbolically entered the order of penitents by receiving ashes on Ash Wednesday — it was no longer possible to expel them from the church. Rather, the altar or ‘Holy of Holies’ was shielded from view until they were reconciled to God at Easter.
“For analogous motives, later on in the Middle Ages, the images of crosses and saints were also covered from the start of Lent. The rule of limiting this veiling to Passiontide came later and does not appear until the publication of the Bishops' Ceremonial of the 17th century.”


Another possibility?
We would like to propose another possibility, one which need not conflict with any of those give above. It may be possible that the Church covers the images of the Cross during these days, for the same reason that she refrains from offering the Sacrifice of the Mass on Good Friday. Namely, in this time in which we mystically enter into the historical realities of Jesus’ final days, it is not fitting to have the image, sign or sacrament of the Cross presented to the faithful.
Indeed, St. Thomas tells us that “the figure ceases on the advent of the reality. But this sacrament [i.e. the Eucharist] is a figure and a representation of our Lord's Passion, as stated above. And therefore on the day on which our Lord's Passion is recalled as it was really accomplished, this sacrament is not consecrated.” (ST III, q.83, a.2, ad 2) In an analogous way, it is fitting that, as the liturgical year recalls the events leading up to the Crucifixion, the Church should hide the effigies of the Cross from the vision of her faithful.

source: http://newtheologicalmovement.blogspot.com/2011/04/why-veil-cross-and-other-images-during.html

La velazione delle croci e delle immagini nel tempo di Passione
di Antonio Alò É stata consuetudine della Chiesa romana, almeno nei tempi moderni (s'intende dal XVII secolo in avanti), quella di velare le croci e le immagini dei Santi, dalla V Domenica di Quaresima fino alla Pasqua. Questa è stata, e deve continuare ad essere, una delle caratteristiche che definiscono il tempo di Passione – un Tempo che, se dopo la riforma liturgica postconciliare ha perso tale nome, non deve perderne lo spirito.
Ancora in molte chiese di tutto l'Occidente, croci e statue sono velate e rimangono velate per due settimane intere.
L'Enciclopedia Cattolica descrive questa usanza come segue: "nei Primi Vespri della Domenica di Passione [cioè la V Domenica di Quaresima] le croci, statue e le immagini di Nostro Signore e dei Santi sull'altare e in tutta la Chiesa, con la sola eccezione delle croci e le immagini della Via Crucis, devono essere coperte con un velo viola, non traslucido, né in alcun modo ornato. Le croci rimangono coperte fino a dopo la denudazione solenne della Croce, nella sua adorazione il Venerdì Santo. Le statue e le immagini conservano la loro copertura, non importa quale festa si può verificare nel contempo, fino a quando s'intona il Gloria in Excelsis del Sabato Santo. Tuttavia, va notato che la statua di San Giuseppe può rimanere scoperta, se è al di fuori del presbiterio, nel mese di marzo, che è dedicato al suo onore.
Naturalmente, tale pratica non è più obbligatoria nel Novus Ordo, ma certamente è permessa. Quindi, se si vuol tornare a velare le immagini, sarà necessario comprendere il significato di tale “rito”.
Perché la Chiesa vela la croce in questi ultimi giorni di Quaresima, cioè nel Tempo in cui essa è più intenta a meditare la dolorosa Passione del Signore ?


L'interpretazione mistica
L'Abate Guéranger ci illumina con una interpretazione mistica del Vangelo che veniva letto in questa Domenica: Come Cristo si nascose dalla furia delle autorità ebraiche (Giovanni 8:59), così ora è nascosto al mondo per la preparazione del mistero della sua passione. “Il presentimento di quell'ora terribile (della passione del nostro Salvatore) porta la madre afflitta (la Chiesa) a velare l'immagine del suo Gesù: la croce è nascosta agli occhi dei fedeli.
Le statue dei santi, sono coperte, perché se la gloria del Maestro è eclissata, il servo non deve apparire”.
Gli interpreti della liturgia ci dicono che questa cerimonia di velare il crocifisso durante il Tempo di Passione, esprime l'umiliazione a cui il nostro Salvatore stesso fu soggetto: di nascondersi, quando gli ebrei hanno minacciato di lapidarlo, come è scritto nel Vangelo della Domenica di Passione [Giovanni 8:46-59, Allora raccolsero pietre per scagliarle contro di Lui. Ma Gesù si nascose e uscì dal tempio (Giovanni 8:59)].


L'interpretazione spirituale
Dom Guéranger continua e ci orienta ad atti di devozione per la Croce: “Due volte durante il corso dell'anno, cioè, nelle feste di sua Invenzione e della sua Esaltazione, questo sacro legno sarà offerto a noi perché possiamo onorare il trofeo della vittoria del nostro Gesù; ora, invece, ci parla delle sue sofferenze; essa porta con sé un' altra idea, cioè quella della sua umiliazione”.
Considerando che, nel Tempo della Passione del Signore, tutte le forze della nostra devozione devono essere indirizzate alla Croce di Cristo, possiamo essere sorpresi che le immagini della Croce sono da coprire in questi giorni. Tuttavia, venerare la Croce non tanto come un emblema di vittoria (come nel Trionfo della Croce), ma come uno strumento di umiliazione e sofferenza, ci fa render presto conto delle realtà spirituali che sono rappresentate attraverso la velazione di essa.
Nella sua Passione, la divinità del Salvatore nostro è stata quasi del tutto eclissata, tanto grande era la sua sofferenza. Allo stesso modo, anche la sua umanità è stata oscurata - tanto da poter affermare attraverso il suo profeta: Io sono un verme, non uomo (Salmo 21:7).
Il suo volto e il corpo intero erano così sfigurato dai colpi dei flagelli che il nostro Gesù era appena riconoscibile! Così, le ferite subito nascondono la sua divinità e la sua umanità. Per questo motivo i veli sulle croci in questi ultimi giorni di Quaresima, stanno a nascondere il nostro Salvatore sotto il triste panno viola.


L'interpretazione storica
Riproduciamo qui lo studio storico offerto da fr. Edward McNamara, professore di liturgia presso il Pontificio Regina Apostolorum (tratto da Zenit ):
"Probabilmente deriva da una consuetudine, in uso in Germania dal IX secolo, di stendere un grande panno davanti all'altare dall'inizio della Quaresima. Questo tessuto, chiamato “Hungertuch” (stoffa della fame), nascondeva l'altare interamente ai fedeli durante la Quaresima e non veniva rimosso, se non durante la lettura della Passione il Mercoledì Santo alle parole “il velo del tempio si squarciò in due”.
Alcuni autori dicono che c'era un motivo pratico per questa prassi, in quanto i fedeli, spesso analfabeti, avevano bisogno di un modo per sapere che si era in tempo di Quaresima.
Altri, invece, sostengono che si trattava di un residuo dell'antica pratica della penitenza pubblica, a norma della quale i penitenti erano ritualmente espulsi dalla chiesa all'inizio della Quaresima.
Successivamente il rito della penitenza pubblica, cadde in disuso. [...] “Per motivi analoghi, più tardi nel Medio Evo, le immagini di croci e santi venivano velati fin dall'inizio della Quaresima. La regola di limitare tale pratica al tempo di Passione è venuta più tardi e non sembra prima della pubblicazione del Cerimoniale dei Vescovi del XVII secolo.”


Un'altra possibilità?
Vorremmo proporre un'altra possibilità, che non necessariamente entra in conflitto con una di quelle di cui sopra.
Può essere possibile che la Chiesa copra le immagini della Croce in questi giorni, per lo stesso motivo per il quale essa si astiene dall'offrire il sacrificio della Messa, nel Venerdì Santo.
Vale a dire che, in questo tempo in cui noi misticamente entriamo nella realtà storica degli ultimi giorni di Gesù , non è corretto avere il segno sacramentale o l'immagine della Croce presentati ai fedeli.
In effetti, San Tommaso ci dice che "la figurazione cessa con l'avvento della realtà. Ma questo sacramento [cioè l'Eucaristia] è una figura e una rappresentazione della Passione di Nostro Signore, come sopra indicato. E quindi il giorno in cui si ricorda la passione di nostro Signore, come fatto realmente avvenuto, questo Sacramento non viene consacrato." ( ST III, q.83, a.2, ad 2)
Allo stesso modo è bene che, quando l'anno liturgico ricorda gli eventi che portarono alla Crocifissione, la Chiesa nasconda le effigi della Croce alla visione dei suoi fedeli.
citazione: http://ecclesia-mater.blogspot.com/2011/04/la-velazione-delle-croci-e-delle.html